1.     Mi trovi su: Homepage #9126368
    Didier Drogba: Didier Yves Drogba Tébily (Abidjan, 11 marzo 1978) è un calciatore ivoriano, attaccante del Chelsea e della Nazionale ivoriana.
    Ha vinto il premio di Calciatore africano dell'anno nel 2005 e nel 2009, mentre nelle stagioni 2006-2007 e 2009-2010 è stato capocannoniere della FA Premier League, realizzando 20 e 29 reti rispettivamente. Con la sua Nazionale ha ottenuto la prima storica qualificazione al campionato mondiale nel 2006: nell'occasione ha anche realizzato la prima rete per il suo Paese nella competizione. Detiene il record di gol segnati con la Nazionale ivoriana (45).Fuori dai campi è noto anche per il suo legame con la beneficenza: è diventato ambasciatore del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo nel gennaio 2007.Ha tre figli con la moglie maliana Lalla.Attaccante forte fisicamente, è dotato di un innato fiuto per il gol e di un ottimo tiro dalla distanza.Negli ultimi anni è migliorato molto nei calci piazzati.L'11 marzo 2010 la Confédération Africaine de Football gli conferisce per la seconda volta il premio di Calciatore africano dell'anno; nella graduatoria, riferita all'anno solare 2009, l'ivoriano va a precedere Samuel Eto'o e Michael Essien.Il 10-10-2010 nella dodicesima giornata di Premier League gioca tutti i 90 minuti contro il Fulham (partita vinta poi per 1 a 0 col gol del compagno Michael Essien)benché egli sia probabilmente ammalato di malaria. Il 12 aprile 2011 segna un gran gol nel ritorno dei quarti di finale di Cahampions League all'Old Treafford contro il Manchester United però inutile visto che i Red Devils riusciranno a ottenere la qualificazione vincendo 2-1.

    Garrincha:Manoel Francisco dos Santos, meglio noto con lo pseudonimo Garrincha o Mané Garrincha (Pau Grande, 28 ottobre 1933– Rio de Janeiro, 20 gennaio 1983), è stato un calciatore brasiliano, ala destra ricordata specialmente per la sua militanza col Botafogo e la Selezione nazionale del suo Paese. Partecipò a tre edizioni dei Campionati mondiali di calcio: Svezia 1958, Cile 1962 e Inghilterra 1966, vincendo le prime due. È considerato il più grande dribblatore della storia del calcio e, da molti, anche come il miglior interprete nel suo ruolo. Occupa la 8a posizione nella speciale classifica dei migliori calciatori del XX secolo pubblicata da IFFHS e la 20a in quella pubblicata dalla rivista World Soccer. Spesso visto come il miglior calciatore brasiliano dopo Pelé, è il terzo maggior cannoniere della storia del Botafogo.La seconda parte della sua carriera, che convenzionalmente può dirsi iniziata nel 1966, anno in cui lasciò il Botafogo, fu costellata da continui cambi di squadra e da partecipazioni occasionali con diversi club, professionistici e non.
    Garrincha fu afflitto da diversi difetti congeniti: un leggero strabismo, la spina dorsale deformata, uno sbilanciamento del bacino, sei centimetri di differenza in lunghezza tra le gambe; il ginocchio destro fu affetto da varismo mentre il sinistro da valgismo, nonostante un intervento chirurgico correttivo. Per via di tale malformazione — secondo altre fonti dovuta alla poliomielite o alla malnutrizione — i medici lo dichiararono invalido e gli sconsigliarono di praticare il calcio.
    Il soprannome "Garrincha" gli fu attribuito da una sorella perché il suo aspetto minuto le ricordava quello di un'omonima specie di uccelli che egli era solito cacciare da bambino. Quando Garrincha cominciò a praticare il calcio il soprannome avrebbe mutato accezione, ben attagliandosi alla particolare andatura dovuta all'handicap fisico che veniva evidenziata durante le corse effettuate sul campo da gioco, simile a quella di un uccellino che saltella. Fu anche noto come L'angelo dalle gambe storte, Il Chaplin del calcio e Alegria do Povo (Gioia del Popolo).Oltre che dai successi sportivi, la sua vita fu scandita dalla distruttiva passione per gli alcolici e per le donne. Morì prematuramente all'età di quarantanove anni, per le conseguenze di una cirrosi epatica e di un edema polmonare, in condizioni di indigenza e degrado.

    Sandro Mazzola:Alessandro Mazzola detto Sandro (Torino, 8 novembre 1942) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante. Campione europeo nel 1968 e vice-campione mondiale nel 1970 con la Nazionale italiana.Noto per il suo buon dribbling, è figlio di Valentino Mazzola, giocatore del Grande Torino scomparso nella tragedia di Superga e fratello di Ferruccio, anch'egli calciatore. È considerato uno dei più grandi calciatori italiani di tutti i tempi.Scoperto da Giuseppe Meazza nel settore giovanile, Sandro Mazzola giocò come mezzala offensiva nell'Inter allenata da Helenio Herrera e qui trascorse l'intera carriera. Il suo esordio nella Serie A avvenne in una circostanza curiosa, il 10 giugno 1961 contro la Juventus: in questa occasione il presidente Angelo Moratti fece mettere in campo per protesta la squadra Primavera, che perse 9-1, con gol proprio di Mazzola su calcio di rigore.Con i neroazzurri vinse quattro scudetti (1962-63, 1964-65, 1965-66 e 1970-71), due Coppe dei Campioni (1963-64 e 1964-65) e due Coppe Intercontinentali (1964 e 1965). Capocannoniere del campionato nel 1964-65, giocò in Serie A 417 gare segnando 116 gol. In totale vestì la maglia dell'Inter in 564 incontri segnando 160 reti.Nel 1967 la FIFA lo onorò della convocazione nella selezione del Resto del Mondo nella partita giocata contro la Spagna per festeggiare i 65 anni di Ricardo Zamora. Il Resto del Mondo, in cui figuravano anche Gianni Rivera e Mario Corso, vinse per 3-0 e Mazzola segnò una rete.
    Nel 1971 arrivò al secondo posto nella classifica del Pallone d'oro, dietro l'olandese Johan Cruijff.In Nazionale fece parte della selezione che vinse nel 1968 il Campionato europeo. Contrapposto più dalla critica giornalistica che da sostanziali antipatie personali al capitano del Milan Gianni Rivera, fu vicecampione del mondo nel 1970, torneo che vide la cosiddetta staffetta tra i due campioni, espediente escogitato dal Commissario Tecnico azzurro Ferruccio Valcareggi che in tre partite schierò inizialmente l'interista per poi fargli subentrare nel secondo tempo il milanista.
    Vanta in totale 70 presenze in nazionale e 22 gol. Al momento del suo ritiro era al secondo posto per numero di presenze (dietro Giacinto Facchetti) ed al quinto posto per numero di reti

    Julio Cesar:Júlio César Soares Espíndola, noto più semplicemente come Júlio César (Rio de Janeiro, 3 settembre 1979), è un calciatore brasiliano, portiere dell'Inter e della Nazionale brasiliana.
    È stato inserito da tutte le più grandi agenzie di statistica e dagli organi ufficiali del calcio nella top 3 dei portieri più forti al mondo nel biennio 2009-2010.Inizia la carriera professionistica giocando per otto stagioni nel Flamengo (dal 1997 al 2005). Entra nel 2003 nel giro della Nazionale brasiliana. Nel gennaio 2005 viene acquistato dall'Inter, che, avendo già raggiunto il limite di extracomunitari in rosa, decide di cederlo in prestito al Chievo Verona.Tornato all'Inter la stagione successiva (2005-2006), che si apre con la vittoria in Supercoppa Italiana, si guadagna il posto da titolare a spese di Francesco Toldo, suo successivo sostituto. Nel corso della stessa stagione alterna il posto in squadra con il collega, vincendo la Coppa Italia.

    Nella stagione 2006-2007, dopo alcune iniziali incertezze,[senza fonte] conquista definitivamente il posto da titolare. Capace di parare due rigori consecutivamente contro l'Ascoli e contro il Siena, è fonte di sicurezza per la squadra nel corso dell'intera stagione, che vede l'Inter conquistare il quindicesimo scudetto.La stagione 2007-2008 inizia con una espulsione alla prima giornata di campionato, ma mantiene comunque il posto da titolare, vincendo il suo secondo scudetto da quando è in Italia, il sedicesimo per l'Inter. Il 25 agosto 2008 vince la Supercoppa italiana contro la Roma: la partita finisce 8-7 dopo i tiri di rigore, durante i quali il brasiliano para un calcio di rigore al compagno di Nazionale Juan, risultando decisivo ai fini del risultato. Nella stagione 2008-2009 vince il quarto scudetto consecutivo con la maglia nerazzurra.
    Nel 2009 viene inserito nella lista dei 30 candidati al Pallone d'oro. Nella stagione 2009-2010 vince la Coppa Italia, il quinto scudetto consecutivo con la maglia nerazzurra e contribuisce a riportare la Champions League all'Inter 45 anni dopo l'ultimo trionfo. All'inizio della stagione 2010/2011 prende il numero 1, lasciato libero da Francesco Toldo e passa il 12 al nuovo arrivato Luca Castellazzi. Il 21 agosto 2010 vince la Supercoppa Italiana contro la Roma mentre il 18 dicembre conquista il Mondiale per club, venendo anche premiato come miglior portiere della competizione.Nel 2003 diventa il secondo portiere, dopo Dida. Pur non giocando nessuna partita, è infatti tra i convocati per la Confederations Cup 2003, dove il Brasile non va oltre i gironi.In assenza di Dida, nel 2004 gioca da titolare tutte le partite della Copa América, finale compresa, vincendo con la squadra il torneo ai rigori e parandone due. È convocato anche per i Mondiali di Germania 2006, dove il Brasile si ferma ai quarti, come terzo portiere alle spalle di Dida e Rogerio Ceni.
    Diventato il portiere titolare della sua Nazionale con l'avvento di Dunga come commissario tecnico, il 15 ottobre 2008, al termine della partita Brasile-Colombia (0-0), stabilisce il record di imbattibilità per un portiere della Nazionale brasiliana con 492 minuti senza subire gol
    My collectionIl torneo per decidere chi è il miglior calciatore al mondo

    Quote:





    Originally Posted by Kurosaki_Ichigo


    Ok, sei il re delle immagini Onizukiane...





    Quote:





    Originally Posted by Crash_pgl


    Era il perfetto connubio tra uno stupratore e un prof.
    Lo chiamavano...
    LO STUPROF





    Quote:





    Originally Posted by Dragon90


    già tu sei il professore onnipresente, con la f*ga sempre in mente .-.





    Quote:





    Originally Posted by K2Andreas


    Ti nomino primo padre fondatore degli stupratori




  2.     Mi trovi su: Homepage #9126370
    Mi dispiace per gli altri ma il mio voto va a Garrincha :closedeyes:
    My collectionIl torneo per decidere chi è il miglior calciatore al mondo

    Quote:





    Originally Posted by Kurosaki_Ichigo


    Ok, sei il re delle immagini Onizukiane...





    Quote:





    Originally Posted by Crash_pgl


    Era il perfetto connubio tra uno stupratore e un prof.
    Lo chiamavano...
    LO STUPROF





    Quote:





    Originally Posted by Dragon90


    già tu sei il professore onnipresente, con la f*ga sempre in mente .-.





    Quote:





    Originally Posted by K2Andreas


    Ti nomino primo padre fondatore degli stupratori




  3.     Mi trovi su: Homepage #9126372
    Tutta la vita Drogba del Chelsea... :bonk::bonk:


    ... Designed by Krona ...

    Sei un nuovo utente? Clicca qui per leggere il regolamento del forum e qui per leggere la nuova guida del forum

    Vuoi un avatar o una firma personalizzata come quella sopra? Clicca qui per richiederne subito una!

    Non sai che videogioco acquistare? Clicca qui per fare la tua domanda e ottenere subito una risposta dettagliata!

    ID PSN: Diminetor
  4.     Mi trovi su: Homepage #9126381
    rossocorsa95Didier Drogba!


    E Garrincha? :crying: :lol:
    My collectionIl torneo per decidere chi è il miglior calciatore al mondo

    Quote:





    Originally Posted by Kurosaki_Ichigo


    Ok, sei il re delle immagini Onizukiane...





    Quote:





    Originally Posted by Crash_pgl


    Era il perfetto connubio tra uno stupratore e un prof.
    Lo chiamavano...
    LO STUPROF





    Quote:





    Originally Posted by Dragon90


    già tu sei il professore onnipresente, con la f*ga sempre in mente .-.





    Quote:





    Originally Posted by K2Andreas


    Ti nomino primo padre fondatore degli stupratori




  Il miglior calciatore al mondo[Girone 10]

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina