1.     Mi trovi su: Homepage #9199756
    Parte.1:


    come ovviamente è popolare fare quando si inizia un thread, per attirare più gente, si posta la spiegazione del soggetto della discussione, così da avvicinare e far capire anche chi non conosce il programma ma è interessato a farlo (e indovinate un po' la fonte?) :

    Criminal Minds è una serie televisiva statunitense di genere poliziesco, ideata da Jeff Davis e prodotta dal 2005.

    La serie, che racconta il lavoro di un gruppo di psicocriminologi dell'FBI, è stata scritta con l'ausilio di un ex agente dell'agenzia, ispirandosi al ricco archivio compilato in 35 anni dai "profilatori" americani. Questo aspetto è chiaro fin dalla sigla iniziale della serie, dove compaiono alcuni tra i serial killer statunitensi più famosi (come Charles Manson, Richard Ramirez, David Berkowitz e John Wayne Gacy).

    Negli Stati Uniti la serie è trasmessa da CBS. In Italia viene trasmessa in prima visione satellitare da Fox Crime, ed in chiaro da Rai 2.

    Trama

    L'Unità di Analisi Comportamentale (BAU, Behavioral Analysis Unit) è una squadra speciale di psicocriminologi dell'FBI incaricati di elaborare un profilo psicologico e comportamentale degli assassini seriali, chiamati S.I. (Unsub - Soggetto Ignoto). Gli esperti di profili criminali sono principalmente psicologi, psichiatri e criminologi. La sede centrale della BAU si trova semisepolta nel terreno all'accademia dell'FBI di Quantico, in Virginia.

    In genere, ogni episodio inizia con il crimine (nel cui atto il colpevole viene per lo più tenuto nascosto e non svelato) e segue con la richiesta di aiuto da parte, per esempio, degli agenti di polizia locali che si stanno occupando di quel caso d'omicidio, di stupro o di rapimento, al BAU. Questa sezione dell'FBI, infatti, non si occupa di tutti i casi d'omicidio, ma solo di quelli più intricati e, specialmente, di quelli seriali.

    Difatti per fermare un serial killer spesso è necessario anticiparlo e capire quale sarà la sua prossima vittima. Per fare ciò è necessario stilare un preciso profilo dell'assassino, osservandone i comportamenti. La squadra di Gideon e Hotchner viene spesso chiamata da ogni parte del paese, e i "profilatori" arrivano nei luoghi del crimine con il loro jet privato. Durante il viaggio i protagonisti iniziano a discutere sul profilo dell'assassino e a farsene un'idea, ma ci vogliono molti elementi per arrivare ad un profilo completo. A volte questi elementi mancanti sono dati da altri omicidi che avvengono mentre la squadra sta indagando. All'inizio e alla fine di ogni episodio, fuori campo ma anche a volte durante i dialoghi, c'è sempre una citazione di un personaggio più o meno famoso riguardante il caso di cui si occupano in quel determinato episodio. In genere è Gideon a pronunciarle, ma ci sono numerose eccezioni.

    Sul campo gli agenti si dividono il lavoro: mentre JJ si occupa di parlare con gli agenti di polizia, con le famiglie delle vittime e con i mass media, Morgan si immedesima nell'assassino, cercando di capire il perché del suo comportamento. Gideon e Reid in genere invece si occupano della parte meno d'azione. Reid in particolare è necessario per la sua conoscenza vasta e riesce, riflettendo, a individuare particolari che nessun altro riesce a vedere. Garcia, da Quantico, segue le indagini e scava a fondo nelle vite di vittime, parenti, possibili S.I., testimoni e chiunque altro s'intrometta nelle indagini. Andando per esclusione e talvolta aiutandosi con il potere dei media (alcuni S.I. amano far sapere a tutti i motivi delle loro azioni e perciò contattano gli agenti dell'FBI per mezzo di numeri d'emergenza resi pubblici dai telegiornali sotto consiglio di JJ), i profiler riescono dapprima a stilare un profilo completo dell'S.I. e poi a trovarlo e ad arrestarlo. La conclusione è spesso caratterizzata dal loro aereo in volo, che rientra a Quantico e dalla voce di uno di loro, pronunciante l'aforisma della conclusione.

    Personaggi

    Agente Speciale Supervisore Aaron Hotchner (stagioni 1-in corso), interpretato da Thomas Gibson, doppiato da Vittorio Guerrieri.
    È il capo della squadra. Si è laureato in giurisprudenza e ha lavorato per molto tempo come avvocato. Successivamente ha lavorato negli SWAT, la squadra di polizia statunitense che si occupa delle irruzioni. Poi è entrato all'FBI, diventando un profiler del BAU. È supervisore della squadra insieme a Rossi. Ha un carattere molto duro e gli altri agenti lo considerano senza senso dell'umorismo. In realtà è molto concentrato nel suo lavoro, che non è dei più facili e spesso i casi da lui seguiti lo hanno toccato profondamente. Proprio per questo è sempre molto serio e cerca di stabilire sempre l'ordine tra i suoi sottoposti. Nell'episodio 1x06 L'uomo nel mirino, ha aiutato Spencer a passare l'esame di tiro con la pistola, che gli avrebbe consentito di poterne portare una con sé. Nell'episodio 1x08 Assassino nato, nell'ultimo dialogo con l'assassino, che da ragazzo è stato maltrattato violentemente dal padre, Hotch dice all'assassino: "Quando si cresce in un ambiente simile, in un'atmosfera violenta, brutale, non è strano che qualcuno da adulto diventi un assassino". "Qualcuno?". "Che cosa?". "Hai detto che qualcuno finisce per diventare un assassino?". E Hotch termina: "E... qualcuno finisce per dargli la caccia". Questo dialogo può far pensare che anche Hotch, da ragazzo, abbia subito violenza in famiglia[1].Tiene molto ai suoi uomini ed è stimato da loro. Non ama molto gli spazi angusti. Ha una moglie di nome Haley, interpretata dall'attrice Meredith Monroe, un figlio appena nato di nome Jack e un fratello di nome Sean, che però non riesce a frequentare regolarmente a causa dei numerosi impegni di lavoro. Sua moglie Haley lo lascerà e chiederà il divorzio nella terza stagione poiché a causa del suo lavoro trascorreva poco tempo con lei e con suo figlio Jack. Nel corso della quarta stagione, ritorna a studiare un vecchio caso di 20 anni prima, il Mietitore, scoprendo che il serial killer è ancora in libertà. Nel finale della stessa stagione, viene aggredito nel suo appartamento dal Mietitore, riuscendo a sopravvivere. Nella nona puntata della quinta stagione, riesce a uccidere il Mietitore, ma ad un caro prezzo: la vita della sua amata Haley.

    Agente Speciale Supervisore Jason Gideon (stagioni 1-3), interpretato da Mandy Patinkin, doppiato da Stefano De Sando.
    È il profiler più esperto del gruppo. Durante il tentativo di arresto, a Boston, di un dinamitardo (Adrian Bale), un suo grave errore di valutazione ha portato alla morte di sei agenti di polizia ed un ostaggio, nonostante la cattura del criminale. Dopo questo avvenimento, gli è stato imposto un periodo di riposo, in quanto i suoi superiori credevano che non avrebbe potuto continuare, almeno per ora, il suo impegnativo lavoro da profiler nell'unità B.A.U. dell'FBI. Nel primo episodio della prima serie, gli uomini della sua squadra gli comunicano che è giunto il momento di tornare a lavorare sul campo. È separato ed ha un figlio, di nome Stephen, che non vede molto spesso. Passa molto del suo tempo libero al lavoro, non ha una vita sociale molto attiva, nonostante si abbia notizia di alcune amiche "intime"; è comunque un esperto ornitologo e si capisce che non disdegna affatto, anzi apprezza la musica jazz. È molto bravo a giocare a scacchi e spesso sfida il "genietto" Spencer, che perde regolarmente (infatti L' agente Reid ha vinto una sola volta: nel quarto episodio della prima stagione) . Ha un buon rapporto con tutti gli altri agenti. Nell'ultimo episodio della seconda stagione un S.I. entrerà a casa sua e ucciderà una sua vecchia compagna di college che era passata da lui a trovarlo. Gideon, in preda alla disperazione, è costretto a scappare per paura che venga accusato di omicidio, ma alla fine la sua squadra riuscirà a trovare il killer, una vecchia conoscenza degli agenti della B.A.U. All'inizio della terza stagione Gideon torna a lavorare ma capisce che gli è impossibile proseguire nel suo lavoro: di fronte ad una nuova vittima, ogni volta rivede il viso della sua amica brutalmente uccisa. Per questo al primo episodio della terza serie deciderà di lasciare l'FBI, per ritirarsi e ricominciare una nuova vita. Lascerà una lettera di spiegazioni a Reid. Il suo posto verrà preso dall'agente David Rossi.

    Agente Speciale Supervisore Derek Morgan (stagioni 1-in corso), interpretato da Shemar Moore, doppiato da Simone Mori.
    È nato e vissuto a Chicago, dove vivono sua madre e le sue due sorelle. È un uomo affascinante, che piace molto alle donne; sua madre è bianca mentre il padre, nero, è morto durante una sparatoria per sventare una rapina, quando Morgan aveva 10 anni. Molto del suo passato si scopre nell'episodio 2x12 "Il profilo del profiler": è stato un bulletto da giovanissimo, in seguito alla morte del padre. In realtà era stato attirato da una brutta compagnia di amici, dalla quale riuscì a uscire grazie all'intervento del centro giovanile attivo nel suo quartiere. In questo episodio si scopre che il dirigente del centro lo aveva violentato e in cambio del suo silenzio aveva fatto in modo che i documenti che provavano che Derek avesse avuto dei precedenti di micro-criminalità sparissero. Grazie a questo, infatti, Derek poté entrare in polizia e da lì arrivare fino all'FBI. Inoltre ha lavorato per qualche tempo per gli artificieri ed è cintura nera in Jūdō. Ha un rapporto particolare con Penelope Garcia,che definisce in più occasioni la sua "bambolina", la quale probabilmente è attratta da lui, anche se lei nella terza stagione si fidanza con un altro informatico dell'FBI. È esperto in crimini ossessivi. Nella quinta stagione prende il posto di Hotch, temporaneamente, come capo del team.
  2.     Mi trovi su: Homepage #9199757
    Parte.2:

    Agente Speciale Spencer Reid (stagioni 1-in corso), interpretato da Matthew Gray Gubler, doppiato da Emiliano Coltorti.
    Nella prima stagione ha solo 24 anni ed è un giovane genio.
    Ha un QI di 187, una memoria eidetica e può leggere 20.000 parole al minuto.
    Si è diplomato a soli 12 anni e ha preso tre lauree.
    Non ha una precisa specializzazione, poiché è esperto in praticamente tutto.
    La sua eccessiva intelligenza spesso infastidisce l'Agente Morgan, con il quale però continua ad avere un buon rapporto.
    La sua vita sociale è piuttosto limitata.
    Nell'ultimo episodio della prima serie scopriamo avere una madre affetta da schizofrenia che attualmente risiede in una clinica di Las Vegas. Di suo padre invece sappiamo solo che ha abbandonato lui e sua madre quando aveva 10 anni.
    Nell'episodio 1x06 "L'uomo nel mirino", passa l'esame di tiro e da quel momento gli è consentito usare una pistola, anche se non è obbligatoria per i profiler.
    Reid, per la sua immensa cultura, sembra essere un uomo maturo e di grande esperienza.
    In realtà, in alcuni suoi comportamenti ritroviamo la sua vera natura di adolescente cresciuto troppo in fretta: nel primo episodio, per esempio, è seduto su una sedia girevole e continua a rotearsi a sinistra e destra, proprio come farebbe un bambino, mentre i suoi colleghi sono seduti attorno al tavolo discutendo seriamente sul caso; altre volte lo vediamo salutare amichevolmente con la mano, anziché con la stretta di mano.
    Essendo così giovane è un po' considerato il 'piccolo' del gruppo e tutti si mostrano molto protettivi verso di lui, anche per via della sua scarsa forza fisica.
    In molti casi è stata necessaria la sua deduttività, che gli ha fatto notare anche i particolari più nascosti.
    Ha un buon rapporto in particolare con l'agente Gideon, con il quale gioca spesso a scacchi.
    Negli episodi "Raphael" (I e II), viene preso in ostaggio da un S.I. , il quale lo droga e lo stordisce più volte.
    Quando decide di ucciderlo, Reid riesce a disarmarlo e a sparargli.
    Spencer rimarrà scioccato da questa esperienza fino al punto da diventare per un periodo dipendente da uno stupefacente derivato dall'eroina, ma infine tornerà a concentrarsi sul lavoro anche grazie ai consigli dei suoi colleghi.
    Della sua vita privata si sa ben poco: oltre a sapere che ha una madre schizofrenica ricoverata in Nevada, sappiamo anche (grazie all'episodio nella II stagione intitolato "Jones") che ha un amico di studi, molto importante, il quale durante il primo giorno all'interno dell'FBI ha rinunciato per darsi al jazz a New Orleans.
    Nell'episodio 4x08 si scopre che ha un dottorato in chimica, uno in matematica e uno in ingegneria, oltre a possedere una laurea in psicologia e una in sociologia.
    Sta cercando di laurearsi anche in filosofia.
    Nella quarta stagione, scopre che il padre si è allontanato dalla famiglia per proteggere il piccolo Spencer da un pedofilo, già accusato della morte di un altro bambino, e i rapporti tra i due Reid, padre e figlio, si chiariscono.

    Agente Speciale Jennifer "JJ" Jareau (stagioni 1-5, 7-in corso), interpretata da A. J. Cook, doppiata da Federica De Bortoli.
    Jennifer Jareau (detta "JJ") non è un profiler, ma un agente dell'FBI esperto in comunicazioni e burocrazia. È lei a convocare gli agenti della squadra per un nuovo caso, poiché fa da intermediario con gli agenti di polizia che chiedono un consulto al B.A.U. e da portavoce con la stampa. Allo stesso modo è lei a indire conferenze stampa e a parlare con le famiglie delle vittime.In un episodio scopriamo che quando era piccola sua sorella si è tolta la vita tagliandosi le vene in una vasca da bagno ma prima del tragico gesto le ha regalato la collana che lei porta al collo in tutta la serie. In un altro episodio scopriamo che da piccola collezionava farfalle rare, ed in un altro ancora che ha una grande fobia per i cani di grossa taglia. Ha un legame di amicizia con l'agente Reid, infatti lei è l'unica a chiamarlo "Spence". Si è diplomata all'East Allegheny High School, vicino Pittsburgh, dove invece ha frequentato il college. Era capitano della squadra di calcio femminile del suo liceo, poiché giocava per aver una borsa di studio per Pittsburgh. Dalla terza serie il personaggio viene legato sentimentalmente a La Montaigne, un poliziotto che collaborò con la squadra nella seconda serie. Tale legame si è reso necessario in quanto l'attrice è in attesa di un figlio, e il personaggio non era sposato né si aveva notizia di sue frequentazioni. Il bambino di JJ, di cui si parlerà spesso nelle varie puntate ma che si vedrà poco, verrà chiamato Henry. All'inizio della sesta stagione (episodio intitolato "JJ") viene forzatamente trasferita al Pentagono come responsabile delle comunicazioni con il pubblico. Ritorna nella squadra all'inizio della settima stagione.

    Agente Speciale Elle Greenaway (stagioni 1-2), interpretata da Lola Glaudini, doppiata da Eleonora De Angelis.
    Inizia a far parte della squadra dal primo episodio della prima serie, durante il quale chiede a Hotchner di poter far parte del BAU. È per metà cubana e parla molto bene lo spagnolo. È esperta in crimini sessuali. Nell'ultimo episodio della prima stagione viene ferita da un S.I.. All'inizio della seconda stagione viene ricoverata d'urgenza all'ospedale e salvata dai medici. Proprio all'interno di questo episodio ("Il re pescatore - seconda parte") veniamo a conoscenza che Elle ha perso il padre poliziotto a 9 anni e che ancora vive nel suo ricordo e riconoscenza. Torna al lavoro dopo 4 mesi di riposo ma, durante le indagini sui crimini di uno stupratore seriale, perde il controllo e, scoperto il colpevole, lo uccide a sangue freddo. Il suo omicidio venne considerato da legittima difesa e, essendo avvenuto in un posto isolato, nessuno scopre la verità. Elle decide comunque di lasciare il BAU (al sesto episodio della seconda serie) e ricominciare una nuova vita. Verrà sostituita dall'agente Emily Prentiss.
    Tecnico informatico Penelope Garcia (stagioni 1-in corso), interpretata da Kirsten Vangsness, doppiata da Francesca Guadagno.
    È l'esperta di informatica della squadra. Il suo luogo di lavoro è, come lo chiama Gideon, la stanza dei monitor. Garcia è infatti circondata da computer e collabora alle indagini dando informazioni in tempo reale alla squadra, che invece è spesso in giro per il paese. Dal look stravagante, è una giocherellona e spesso scherza definendosi come "La fonte del sapere" o chiamando l'agente Morgan il suo "zuccherino". Gioca spesso online e nell'ultimo episodio della prima serie ha messo in pericolo le vite dei suoi compagni di squadra, poiché un hacker, passando attraverso il portatile di Garcia, che era connesso wireless con quelli del suo ufficio, ha raccolto informazioni necessarie per sapere tutto su di loro e per sfidarli a trovare la ragazza che teneva prigioniera. In questa vicenda viene ferita gravemente l'agente Greenaway. Molto raramente la troviamo fuori dal suo ufficio del BAU. Parla correntemente il francese. Questo personaggio è nato come secondario, difatti nei primissimi episodi non compariva neanche nella sigla. Successivamente la troviamo allo stesso livello dei suoi colleghi: nella seconda stagione lavorerà con la squadra fuori dal suo laboratorio di Quantico e nella terza stagione ci saranno addirittura un paio di episodi con lei protagonista. Nella sesta stagione sostituisce JJ oltre a svolgere le sue normali mansioni di informatica.

    Agente Speciale Emily Prentiss (stagioni 2-in corso), interpretata da Paget Brewster, doppiata da Tiziana Avarista.
    Entra nel BAU in sostituzione dell'agente Greenaway a partire dal nono episodio della seconda serie. Sulle vicende personali della profiler non si sa molto, sappiamo però che conosce molte lingue fra le quali l'arabo, essendo vissuta per un periodo in Medio oriente. Tuttavia nell'episodio "Il codice dei ladri" della seconda serie, si scopre che la madre di Prentiss è un'ambasciatrice (per molto tempo in Russia, ma attualmente senza destinazione). È la prima a manifestare chiaramente e davanti ai colleghi i problemi di dipendenza di cui soffre Reid in seguito al rapimento dell'S.I. Raphael. Gli altri agenti le fanno tuttavia notare che, da bravi profiler, se ne erano già resi conto e che spetta a Reid chiedere aiuto. Si scoprirà più avanti, nella puntata "Demonologia" della quarta stagione, che all'età di 15 anni ha dovuto abortire. Durante la sesta stagione viene perseguitata da un fuggitivo di una prigione coreana (Doyle) che cerca lei e tutti coloro che hanno partecipato alla sua cattura per vendicarsi. Alla fine della sesta stagione viene creduta morta dall'intero team ed invece, sopravvissuta allo scontro finale con Doyle (terrorista irlandese di cui si è innamorata anni addietro nel corso di un'operazione sotto copertura che ha portato al suo arresto),fugge lontano grazie alla complicità di JJ e Hotch che apparentemente sembrano essere gli unici a conoscenza della verità. Ritorna nella squadra all'inizio della settima stagione.
  3.     Mi trovi su: Homepage #9199758
    Parte.3:

    Agente Speciale Supervisore David Rossi (stagioni 3-in corso), interpretato da Joe Mantegna, doppiato da Luigi La Monica.
    Di origini italiane, Rossi è stato uno dei fondatori dell'Unità di Analisi Comportamentale e ha condotto studi pioneristici sui profili criminali. Ha interrogato decine di serial killer tra cui Ted Bundy e Charles Manson. Laureato in Diritto criminale, rientra in servizio dopo il congedo nell'episodio 3x06 come sostituto di Gideon. Nell'episodio 3x14 si scoprirà che il suo rientro è dovuto ad un caso mai risolto vent'anni prima ad Indianapolis: un duplice omicidio dove furono assassinati a colpi di ascia un uomo e una donna di fronte ai loro tre bambini. Questa indagine era divenuta la sua ossessione tanto da portarsi appresso tre medagliette con i nomi dei piccoli testimoni. Ha scritto decine di libri e tiene conferenze e consulenze in varie parti del paese sui serial killer e la psicopatologia criminale. È nato a Long Island, ma lasciò la sua casa natale per arruolarsi ne Marine e, una volta congedato, entrare nell'FBI.

    Agente Speciale Ashley Seaver (stagione 6), interpretata da Rachel Nichols.
    Seaver (in origine Beauchamp) è un cadetto dell'FBI che al momento sta teminando il suo addestramento nella BAU. Ashley è la figlia di Charles Beauchamp, un serial killer del Dakota del Nord conosciuto come Redmond Ripper, che fu stato catturato da Aaron Hotchner e David Rossi quando Ashley aveva diciotto anni. Ora lui è in prigione e a volte manda lettere a sua figlia; nonostante Ashley non le abbia mai lette, le conserva. Durante il suo addestramento all'FBI, Ashley viene avvicinata da Rossi, che le chiede assistenza in un caso. Lei accetta la richiesta di Rossi e finisce per incontrare la squadra della BAU. Non si vergogna ad ammettere che suo padre, Charles Beauchamp, era Redmond Ripper, un fatto che scuote la squadra. Successivamente diventa un membro temporaneo della BAU, come parte del suo programma di addestramento.

    _________________________

    attualmente viene trasmessa su FOX CRIME dalle 19:15 la sesta stagione (replica verso le 23)

    ______________________________

    ora può iniziare la discussione: personaggio preferito, episodio preferito, citazione prefferita ecc ecc
  4. Superstite di Playgeneration  
        Mi trovi su: Homepage #9199759
    mrk-kobe94Parte.3:

    Agente Speciale Supervisore David Rossi (stagioni 3-in corso), interpretato da Joe Mantegna, doppiato da Luigi La Monica.
    Di origini italiane, Rossi è stato uno dei fondatori dell'Unità di Analisi Comportamentale e ha condotto studi pioneristici sui profili criminali. Ha interrogato decine di serial killer tra cui Ted Bundy e Charles Manson. Laureato in Diritto criminale, rientra in servizio dopo il congedo nell'episodio 3x06 come sostituto di Gideon. Nell'episodio 3x14 si scoprirà che il suo rientro è dovuto ad un caso mai risolto vent'anni prima ad Indianapolis: un duplice omicidio dove furono assassinati a colpi di ascia un uomo e una donna di fronte ai loro tre bambini. Questa indagine era divenuta la sua ossessione tanto da portarsi appresso tre medagliette con i nomi dei piccoli testimoni. Ha scritto decine di libri e tiene conferenze e consulenze in varie parti del paese sui serial killer e la psicopatologia criminale. È nato a Long Island, ma lasciò la sua casa natale per arruolarsi ne Marine e, una volta congedato, entrare nell'FBI.

    Agente Speciale Ashley Seaver (stagione 6), interpretata da Rachel Nichols.
    Seaver (in origine Beauchamp) è un cadetto dell'FBI che al momento sta teminando il suo addestramento nella BAU. Ashley è la figlia di Charles Beauchamp, un serial killer del Dakota del Nord conosciuto come Redmond Ripper, che fu stato catturato da Aaron Hotchner e David Rossi quando Ashley aveva diciotto anni. Ora lui è in prigione e a volte manda lettere a sua figlia; nonostante Ashley non le abbia mai lette, le conserva. Durante il suo addestramento all'FBI, Ashley viene avvicinata da Rossi, che le chiede assistenza in un caso. Lei accetta la richiesta di Rossi e finisce per incontrare la squadra della BAU. Non si vergogna ad ammettere che suo padre, Charles Beauchamp, era Redmond Ripper, un fatto che scuote la squadra. Successivamente diventa un membro temporaneo della BAU, come parte del suo programma di addestramento.

    _________________________

    attualmente viene trasmessa su FOX CRIME dalle 19:15 la sesta stagione (replica verso le 23)

    ______________________________

    ora può iniziare la discussione: personaggio preferito, episodio preferito, citazione prefferita ecc ecc


    il mio personaggio preferito è david rossi
    il mio episodio preferito è stato il 1 della 6 stagione
    p.s gli episodi si fanno alle 21:00 e non alle 19:15

    KRONA THANK YOU

    ID PSN : g1ammy987

    DETTO DA fifa.peppe98 : Giammy Ti nomino Ufficialmente il maniaco dei soldi

    DETTO DA C.Shepard : Sei un mito!

    DETTO DA manuelrallydirt : eccolo e ritornato giammy il diavoletto del forum

    DETTO DA diablos1996 : Signore e signori, un applauso per lui, il solo e unico Capitan Ovvio

    DETTO DA diablos1996 : Ci sono due nuovi sceriffi in città: Diablos e Giammy

  Criminal Minds

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina