1.     Mi trovi su: Homepage #9258140
    Ditemi cosa ne pensate :lol:

    Capitolo 0-Prologo

    James era seduto alla sua scrivania. Sorseggiava una tazza di caffè. Il più amaro che avesse mai assaggiato. Intorno a lui, una nebbia bluastra vagava nella stanza. Sospirò, poi si alzò. Fisso il cadavere del suo collega, straziato e con il volto deturpato. Gli occhi spalancati sembravano fissarlo. James distolse lo sguardo. Si diresse verso la grande finestra che dava sulla città. Continuando a sorseggiare il caffè, scrutò con attenzione Memory City. Gli unici abitanti della città erano cadaveri, sparsi un po’ ovunque. Guardò il cielo, divenuto di una tintura violacea. Improvvisamente James sentì un dolore al petto e si ricordo che quello che aveva appena fatto era proibito. Guardare il cielo, quel colore tanto soave quanto disturbante. Dopo essersi ripreso, tornò con la mente al suo lavoro. Al motivo per cui era lì. Lasciò cadere la tazza di caffè per terra. Si ruppe, ed emise un gemito, che subito divenne un urlo straziante. Dalla pozza che si era formata sul pavimento si formò un occhio. Prese a parlare, in una lingua incomprensibile.

    “Sporco umano! Osi trattare il tuo padrone in questo modo! Crepa, verme!” disse, continuando a parlare in quel linguaggio.

    James sembrava capirlo. Cominciò a dialogare con lui, nella stessa lingua, ma con tono di voce diverso, meno potente e grottesco.

    “Zitto. Sei soltanto una tazza di caffè.” Disse contorcendo il volto in un’ espressione che doveva essere qualcosa di simile ad un sorriso.

    “E tu sei soltanto un umano, Ludwig!”

    James si fece serio. Il suo volto emanava rabbia, e gli occhi erano divenuti gonfi.

    “Ancora con questa storia, boss? Ludwig è morto, mettitelo in testa!”

    Dopo queste parole, James schiacciò furiosamente con la scarpa l’occhio parlante,poi toccò la vetrata di fronte a lui. Si formò una grande crepa, poi esplose.

    Si lanciò nel vuoto, poi atterrò sul tetto di un palazzo vicino.

    “Theodore, vieni fuori. So che sei qui.”, disse.

    James sentì una delle finestre del palazzo dove si trovava rompersi, poi lo vide. Un essere informe si stava arrampicando goffamente dal ciglio del palazzo. Era simile ad un essere umano, ma ricordava forse di più un verme.

    “Sai perché sono qui, vero, Theody?”

    L’essere non rispose.

    James rimase immobile, attendendo una risposta, ma dopo qualche secondo corse verso Theodore, e gli mise una mano sul volto.

    “Mi dispiace, Theody. Mi dispiace di essermi sempre dimenticato di regalarti ciò che volevi per il tuo compleanno. A proposito, come si chiamava, quel giocattolo?”

    Il mostro emise un rantolo, poi disse qualcosa di simile a: “ Il tuo sangue, James, dammi il tuo sangue!”

    “Giusto, il mio sangue”, rispose James.

    Poi premette con forza sulle tempie del mostro. La sua testa esplose. Il voltò di James cominciò a rigarsi di lacrime.

    Il mondo intorno a lui si dissolse, e si ritrovò nuovamente nel suo ufficio. Premeva il palmo della mano destra sulla fronte di Derek, il suo collega. Derek spalancò gli occhi che fino ad ora aveva tenuto chiusi. James ritrasse la mano.

    “Ho finito, Derek. Theodore non ti perseguiterà più.”, disse dondolandosi sulla sedia.

    “Non paragonare quel mostro a mio figlio.”

    “Scusa. Dopotutto…” prima di finire la frase, James si accorse che Derek aveva un sguardo strano.

    Farfugliò qualcosa, poi svenne. James prese il collega per le braccia, lo tirò su e lo mise a sedere. Poi tirò fuori il coltello svizzero che aveva in tasca. Gli recise la gola. Sangue nero eruttava dalla ferita. Quando si fermò, Derek emise l’ultimo respiro, poi si dissolse. Il sangue divenne vapore, e si insinuò nel corpo di James. “James, mi dispiace. Ma questo smoking è il più elegante che abbia mai visto. E quel cilindro, oh, si adatta perfettamente a me. Ed è talmente largo da ricoprirmi tutta la testa.”, disse sorridendo. Poi cambiò espressione, e si fece improvvisamente serio.

    James si rimise in tasca il coltello, poi sentì una voce dietro di lui. Veniva dalla tazza. Un occhio lo fissava nel nero caffè.

    “Ludwig, la freddezza con cui uccidi mi eccita. Stai diventando sempre più simile a me, lurido cane!” disse l’occhio, parlando nella stessa lingua di poco prima.

    James si appoggiò con la schiena all’armadio che ricopriva gran parte della parete, poi accese una sigaretta e se la portò alla bocca.

    “I sintomi della Preveggenza si fanno sempre più forti. Tra poco ci ritroveremo a dover rischiare la nostra stessa vita, e quella degli abitanti di Elder Woods. Sei pronto ad accompagnarmi nella mia ultima guerra, Damon?”

    L’occhio nella tazza sembrò gonfiarsi.

    “Certo che sì, Ludwig! Mostreremo a quel bastardo di cosa siamo capaci, e diverremo degli Dei!” disse.

    James sorrise in cagnesco, poi gettò a terra la sigaretta e la spense con la scarpa.

    “Ottimo. Faremo la nostra mossa prima del nostro nemico.”, disse stirando le braccia. “Dirigiamoci ad Elder Woods”.
  2.     Mi trovi su: Homepage #9258141
    Fratellino!
    Dovevo commentare per prima :D

    Per prima cosa troppe frasi spezzate; le prime righe, per esempio, potevano essere riassunte in un periodo usando connettivi e punti e virgola.
    Testo diviso troppo nettamente in dialogo e descrizione/ narrazione; meglio che siano più mixate insieme ^^

    Per il resto trama interessante (per queste poche informazioni ^^), dialoghi vivi e decisi, good :D
    The moment man devoured the fruit of knowledge, he sealed his fate... Entrusting his future to the cards, man clings to a dim hope. Yet, the Arcana is the means by which all is revealed. Beyond the beaten path lies the absolute end. It matters not who you are... Death awaits you.
  3.     Mi trovi su: Homepage #9258142
    KronaFratellino!
    Dovevo commentare per prima :D

    Per prima cosa troppe frasi spezzate; le prime righe, per esempio, potevano essere riassunte in un periodo usando connettivi e punti e virgola.
    Testo diviso troppo nettamente in dialogo e descrizione/ narrazione; meglio che siano più mixate insieme ^^

    Per il resto trama interessante (per queste poche informazioni ^^), dialoghi vivi e decisi, good :D


    Grazie del commento e dei consigli :laugh:

    La trama verrà chiarita più avanti, anche se qualche cosa verrà rivelata verso la fine :sisi:

  King Scar Productions - Dark Coffee

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina