1. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #9331302
    1650
    Nord del Giappone

    La luna osservava silente lo spettacolo, dall'alto della sua maestosa indifferenza. In quel luogo sacro, epicentro mistico di millenarie culture, si stavano affrontando due ragazzi armati di katana. Non lottavano per l'onore, ne' per la gloria, il loro scopo era solo uno : salvare il futuro dell'umanita'. Un obiettivo nobile, due modi per perseguirlo diametralmente opposti.

    Il tempio di Shion, costruzione piramidale creata appositamente per la resa dei conti, era splendente quasi quanto una stella, illuminato dalla luna, inondato dal sangue. In cima due ragazzi si affrontavano senza sosta da quasi un'ora, i loro colpi si susseguivano veementi, entrambi avevano raggiunto il limite. Ma la posta in gioco era troppo alta per mollare.

    Soujin : " Siamo stati scelti per questa notte ancor prima di nascere, ogni singolo giorno passato sulla terra è stato solo di preparazione alla nostra battaglia, come uccelli in attesa di spiccare il loro primo volo. Il primo e ultimo volo. Sapevo cosa mi attendeva, eppure... "

    Le due katane si scontrarono, provocando una scintilla rossa.

    Katsuo : " Eppure cosa ? "

    Sorrise lievemente prima di rispondere.

    Soujin : " Eppure non pensavo di provare tanto rispetto per il mio avversario. Tu sei un combattente eccezionale. "

    Un'altra scintilla squarcio' il buio.

    Katsuo : " Stavo pensando la stessa cosa. Noi siamo i rappresentanti delle maggiori famiglie del Giappone, dobbiamo portare a termine cio' per cui siamo nati, anche se potrebbe condurci alla morte. Un uccello decide comunque di volare, consapevole che prima o poi cadra' al suolo. Noi almeno possiamo decidere come cadere.... "

    La spalla di Soujin venne trafitta da un colpo preciso, il dolore lancinante lo costrinse a un urlo rivolto verso il cielo. La katana volo' via, il combattimento era giunto al termine.

    Katsuo : " A quanto pare saremo noi a prenderci cura della ragazza. Ti sono grato per avermi fatto provare una cosi' forte emozione. Ho assaporato il gusto della vera lotta per la prima volta, grazie a te ho finalmente compreso perchè sono nato, perchè esisto, perchè respiro. Tutto per questo momento. "

    Soujin chiuse gli occhi, chissa' come mai adesso che era arrivata la sua ora gli venne in mente il mare. Aveva sempre amato il mare....

    Soujin : " E sia.... "

    Alzo' la katana nella notte, solo un sospiro di vento provo' a mettersi tra lui e il destino, senza riuscirci. Il torace di Soujin venne trafitto, altro sangue che si mescolava a quello dei valorosi uomini che lo avevano scortato fin li. Adesso li avrebbe raggiunti, un comandante non lascia mai da sola la sua truppa.

    Katsuo diede le spalle al cadavere. Scese lentamente la piramide sacra, attento a non calpestare i resti dei suoi uomini, o degli avversari. Chi perde la vita combattendo per un ideale merita rispetto, indipendentemente dalla fazione. Giunto ai piedi della piramide la vide : il corpo addormentato di una ragazza dai lunghi capelli neri, lisci come seta, adagiato soave su un piedistallo di bronzo. Il viso leggermente allungato, i lineamenti di una dolcezza quasi irreale.

    Katsuo : " Cosi' ha deciso il fato, cosi' sara'. "

    Finalmente aveva raggiunto lo scopo della sua vita, solo in quella notte i poteri dell'angelica creatura sarebbero emersi dalle profondita' del suo inconscio, messi al servizio di una causa maggiore : la causa della famiglia, la causa della nazione, la causa del mondo intero.

    Katsuo : " Andiamo a casa ... "

    Poco prima di prenderla in braccio senti' un calore insopportabile all'addome, come se un fuoco stesse divorando la sua anima, polverizzandola. Quando abbasso' lo sguardo vide la katana, il suo corpo trapassato da una parte all'altra.
    Si volto'....
    Il viso del suo assalitore a pochi centimetri....
    Con le residue forze rimaste bisbiglio' tre parole.

    " Perchè proprio tu ? "

    2012
    Fox guardava il cielo, anche oggi il sole non voleva saperne di sparire. 35 gradi, troppi anche per un amante del caldo come lui, voleva solo un po' di dannato fresco. Prima di abbassare lo sguardo osservo' quelle due rondini volare fianco a fianco, sembravano felici, quanto avrebbe voluto essere un uccello....

  FF - Mondo nuovo

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina