1.     Mi trovi su: Homepage #9341594
    però potrebbe essere veramente stimolante, per il nostro campionato; perché uno come Guardiola, in una grossa società, potrebbe trainare un intero movimento, dandogli quel tipo di calcio che è la vera fortuna del calcio spagnolo
    PErché come già detto e scritto troppe volte, il nostro limite sono gli allenatori, a cominciare da quelli delle giovanili, che già pressati dai risultati, insegnano ai ragazzini che l'imperativo è non perdere la palla, a tutti i costi; mentre in Spagna invece gli insegnano a saltare l'uomo, per questo anche i ragazzini che esordiscono nella Liga sembrano già Forti, rispetto ai nostri, che se non arrivano ai 25 anni non trovano posti da titolare,dato che sono indotti a giocare come tutti gli altri
    .
    FErmo restando che un cambiamento del genere difficilmente si ottiene nell'arco di una stagione, e questo vale anche per qualsiasi squadra del calcio inglese che potrebbe ingaggiarlo
  2.     Mi trovi su: Homepage #9341760
    Il Barca fa' storia a sè. Bisognerebbe refare una Squadra da capo, avere giovani italiani talentuosi, lasciare 2-3 anni di tempo....E poi arriva la grande Squadra....Forse....Che ci sia un Guardiola o che ci sia uno Stramaccioni...Magari Guardiola in Spagna può usare più Corrifort e Muscostrong...

    Poi se andiamo a vedere ha vinto una sola champion + dell'Inter in questi anni (quella rubata in semifinale al Chelsea con Ovrebo)...E in Spagna ci sono solo 2 Squadre, troppo facile vincere in Spagna.

    Io in tante partite contro Squadre forti o medio forti (In Champions) spesso ho visto un possesso palla mostruoso, correre come se fossero dopati....Fare gran bel gioco (Ma che signfica, mica è il circo...Il calcio è uno sport, non uno spettacolo).
    Nel mismo tempo...ad esempio contro la Beneamata....li ho visti fare fatica -pur contro 10- ad entrare in area di recore.

    Nel calcio italiano Guardiola reschierebbe di fare la fine di Luis Enrique, buon'anima.

    Io, fossi in lui, farei una bella vacanza di due anni....E poi proverei a fare diventare grandissimo il Bilbao...
  3.     Mi trovi su: Homepage #9341764
    ed infatti quello scrivevo, per instillare quel tipo di gioco ci vuol tempo, e se c'è uno al quale lo si concederebbe, quello è Guardiola
    .
    però c'è una cosa che proprio non capisco, per quale motivo si vorrebbe paragonare il singolo episodio, la singola sconfitta, mettendola come presunto contraltare di una carriera che in pochi anni (4), ha regalato al Barcellona 13 trofei, nazionali ed internazionali (mi pare di ricordare su 17 o 19 totali a disposizione, oltre seicento gol, le 175 vittorie in 239 partite, solo 19 sconfitte.) e soprattutto ha Trainato un intero movimento calcistico, trasformandolo nel migliore in assoluto, perché oggi la Nazionale Spagnola gioca come il Barcellona e le altre squadre del campionato Spagnolo, avendo quei termini di confronto, sono superiori alle parirango europee.
    .
    Che piaccia o no continuo a preferire lo spettacolo, rispetto all'anticalcio che vorresti osannare perché una volta su 10 riesce a sconfiggere lo spettacolo e penso che alla fine questo BArcellona sia diventato più vulnerabile NON perché è già stato sorpassato il suo modello di gioco, ma perché ha risentito dello stesso problema che colpisce le squadre che vincono così tanto: l'appagamento; prima o poi tutti gli squadroni vincenti sono implosi perché colpiti dall'età e dalla sopravvenuta mancanza di stimoli.
    .
    Quel modello di calcio veramente potrebbe cambiare radicalmente il nostro calcio, che è in continuo declino da anni e, data la mancanza di innovazioni e fondi, forse continuerà a scadere
    .
    MA Guardiola non verrà in Italia ed ha annunciato che il prossimo anno starà fermo, quindi il mio è solo un esercizio di fantasia, fermo restando che NON ritengo l'esperienza di Luis Enrique così fallimentare, perché come scritto e ripetuto, per insegnare quel tipo di calcio, ci vuole tempo, e lo Spagnolo non è andato certo al Milan, che ha ben altri mezzi, rispetto ad una Roma che l'anno scorso è arrivata sesta (e non aveva la Juventus, come avversario degno)
  4.     Mi trovi su: Homepage #9341767
    Nin zo, Common....Io dubito di Guardiola dai tempi del doping.....Magari sbaglio ma a me non piace.

    Anche a me diverte di più il gioco del Barca....
    Senza tanti aiutini, però....Avrebbero vinto una champions sola in tutti questi anni di cosiddetto dominio....E il Campionato spagnolo è a due Squadre. Vorrei vedere il Barca giocare spesso contro Squadre chiuse come gli capiterebbe in Italia.

    La Roma ha un parco giocatori, quest'anno, superiore a quello del Milan, dell'Inter, del Napoli e della Juventus. Salvo i defendenti....Che già son scarsi....E se poi non sono protetti...
    Quando azzecca la partita (Io ci conto per stasera) è la Squadra più bella in Italia.
    Dai, vedremo...Se come spero resta Stramaccioni e si refonda un po'....Vedremo Che saprà fare un giovane allenatore nostrano e se l'Inter reuscirà a cambiare tipo di gioco senza beccare troppi gol.
  5.     Mi trovi su: Homepage #9341769
    concludo solo con un pensiero sugli aiutini e sulla fortuna: a parte che considero quegli Aiutini (di quella partita di tre anni fa contro il Chelsea), assolutamente sopravvalutati (più frutto delle tantissime sceneggiate di Drogba che veri), lo stesso discorso si può fare per TUTTE le vincitrici di Champions, Inter in primis (e se l'Inter non è fortunata magari passa il BArça etc etc)
    e se contro il Chelsea non sbagliano un rigore e prendono tanti legni la storia è diversa; sono episodi che non dovrebbero condizionare il giudizio sul gioco, che ripeto, ha cambiato la storia dell'Intero calcio spagnolo, e ciò prescinde da fortuna ed aiutini
    .
    il doping ci può stare tranquillamente, proprio perché si parla della Spagna, ma la capacità di saltare l'uomo che ha anche l'ultimo panchinaro non la si insegna col doping
    .
  6. Stramazzarri torna  
        Mi trovi su: Homepage #9341909
    superpadrepioIl Barca fa' storia a sè. Bisognerebbe refare una Squadra da capo, avere giovani italiani talentuosi, lasciare 2-3 anni di tempo....E poi arriva la grande Squadra....Forse....Che ci sia un Guardiola o che ci sia uno Stramaccioni...Magari Guardiola in Spagna può usare più Corrifort e Muscostrong...

    Poi se andiamo a vedere ha vinto una sola champion + dell'Inter in questi anni (quella rubata in semifinale al Chelsea con Ovrebo)...E in Spagna ci sono solo 2 Squadre, troppo facile vincere in Spagna.

    Io in tante partite contro Squadre forti o medio forti (In Champions) spesso ho visto un possesso palla mostruoso, correre come se fossero dopati....Fare gran bel gioco (Ma che signfica, mica è il circo...Il calcio è uno sport, non uno spettacolo).
    Nel mismo tempo...ad esempio contro la Beneamata....li ho visti fare fatica -pur contro 10- ad entrare in area di recore.

    Nel calcio italiano Guardiola reschierebbe di fare la fine di Luis Enrique, buon'anima.

    Io, fossi in lui, farei una bella vacanza di due anni....E poi proverei a fare diventare grandissimo il Bilbao...
    Il Barcellona di Pep verrà ricordato come una delle squadre più forti di tutti i tempi, se non la più forte, con un calcio che verrà ricordato per decenni.
    "solo 2 Champions in quatto anni" ? E quante ne doveva vincere, 4 su 4 ?
    Via SPP fatti meno cannoni ahhahahaha
  7.     Mi trovi su: Homepage #9341937
    Lo Zenit San Pietroburgo si conferma campione di Russia sotto la guida di Luciano Spalletti.
    .

    Al termine di una stagione interminabile (è cambiato il format del campionato per adeguarlo al resto d'Europa), la squadra dell'ex allenatore della Roma si assicura il terzo titolo della sua storia con tre giornate d'anticipo: decisiva la vittoria per 2-1 sulla Dinamo Moscafirmata da Shirokov e Kerzakhov su rigore che consente allo Zenit di salire a 84 punti, a +15 sulla stessa Dinamo e sul Cska, appaiate al secondo posto. Per Luciano Spalletti, arrivato a San Pietroburgo nel dicembre 2009, si tratta del quarto trofeo conquistato da quando è al timone dello Zenit: per lui due campionati (2010 e 2012), una Coppa di Russia (2010) e una Supercoppa di Russia (2011).
  8.     Mi trovi su: Homepage Homepage #9341941
    Personalmente non credo sia un fenomeno come allenatore, semplicemente, come il 99% degli allenatori ha vinto perchè aveva una squadra di fenomeni, in pratica è come se il milan avesse avuto maradona negli anni di Sacchi/Capello.
    Ricordiamo che Guardiola è lo stesso che ha fatto comprare:
    Ibra a 40+Eto
    Čyhryns'kyj a 25mln di euro
    Villa 30enne per 40mln di euro
    Sanchez a 38mln di euro
    Fabregas a 40mln di euro
    Caceres a 16,5 mln di euro
    e sicuramente dimentico altri giocatori.
    Un Galliani od un Moggi con quei soldi ti faceva davvero un milan stellare, altro che parametri 0 o lesinare per farsi prestare giocatori.
    Io personalmente non lo vorrei mai al milan, non penso che possa dare nulla ne da un punto di vista tecnico nè da un punto di vista tattico visto che nell'ultimo anno il suo gioco era quasi tutto su "palla a messi che scarta tutti", rimpolpando la linea mediana di centrocampisti.

  Ufficiale, Guardiola lascia il Barcellona

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina