1.     Mi trovi su: Homepage Homepage #9346251
    superpadrepioNe cassate giustamente 15 a pezzi (Ma il problemino sarà trovane 8-10 buoni)....Tenete il Frillino....Muntarone è il centrocampista migliore che vi resta...Io dico peggio, e s'è visto nei derby...con Inter concentrata e vogliosa. :D
    siete fortissimi, vincere tutto l'anno prossimo :)
  2.     Mi trovi su: Homepage #9346279
    abbiamo capito, tra i due litiganti, se continuerà a giocare con la intensità che ha profuso in questo campionato (calcio Inglese style), vincerà di nuovo la Juventus; cosa che non mi dispiacerebbe nemmeno (se proprio devo scegliere tra quelle tre), perché a prescindere dalla squallida dirigenza, ha squadra e gioco che meritano.
  3. Roma non deve essere capitale  
        Mi trovi su: Homepage #9346455
    Per i dirigenti Juve se ci leggono: vi faccio qualche nomignolo: Leali del Brescia perchè Buffon non è eterno,
    Christian Eriksen dell'Ajax, Romelu Lukaku del Chelsea e Verratti del Pescara che però pare che abbiate già messo le mani sopra.
    Se si vuole dare un senso alla propria vita, non occorre pensare di diventare dei grandi, ma si deve partire dal fare ogni giorno un qualcosa di piccolo all'interno del proprio micromondo.
  4.     Mi trovi su: Homepage #9346553
    Valzer di panchine in A

    Fonte: TuttoMercatoWeb.com

    L'ordine d'obbligo è quello di classifica. Dall'alto verso il basso, per chi sarà ancora in Serie A. Progetti, idee, pensieri. Chiari, chiarissimi, quelli della Juventus: ancora con Antonio Conte, punto, senza altre parole da aggiungere. Idem il Milan, con Massimiliano Allegri confermato in rossonero da Berlusconi prima e da Galliani poi. A Udine, nonostante qualche sbadiglio, resta Francesco Guidolin. In casa Lazio c'è sempre il futuro di Edy Reja a tener banco: dietro l'angolo, balla sempre il nome di Gianfranco Zola. A Napoli, De Laurentiis dovrà chiarire una volta per tutte il rapporto con Walter Mazzarri, cosa che invece ha fatto Moratti con Andrea Stramaccioni. Dopo l'era Luis Enrique, si aprirà invece quella bis di Vincenzo Montella in casa Roma, mentre il Parma proseguirà con Roberto Donadoni, autore di un vero miracolo stagionale. A Bologna sono riusciti a trattenere Stefano Pioli, resta da capire quel che sarà di Domenico Di Carlo al Chievo: piace proprio al Catania, che però pensa anche a Pasquale Marino. L'Atalanta andrà avanti con Stefano Colantuono, la Fiorentina è divisa tra Claudio Ranieri, inviso alla piazza, ed il sogno Zdenek Zeman. Il dopo Beppe Sannino, che andrà a Palermo, è un rebus a Siena, mentre a Cagliari tutto dipenderà dall'incontro tra Massimo Cellino e Massimo Ficcadenti. A Genoa non c'è una certezza, figuriamoci a Novara e Cesena, mentre a Lecce potrebbe essere confermato Serse Cosmi.
  5. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage Homepage #9346714
  6.     Mi trovi su: Homepage #9346875
    Milan, pazza idea: Thiago Silva per arrivare a Balotelli

    Un big rossonero verra' sacrificato. Il brasiliano puo' andare da Mancini per 'SuperMario' e 10 milioni.

    MILANO - Pazze idee di fine maggio. Il campionato è appena terminato e già si inizia a parlare seriamente di mercato, un mercato che sembra aprirsi già con i botti. Secondo il 'Corriere dello Sport' infatti il Milan ed il Manchester City potrebbero intavolare una clamorosa trattativa in estate: Thiago Silva in Inghilterra e Mario Balotelli di nuovo a Milano, sponda rossonera. La sensazione è che il Milan, nonostante le smentite di Galliani e Allegri, possa sacrificare un big la prossima stagione, per fare cassa e rifondare gran parte della squadra. E l'unico dal quale si può ricavare un preziosissimo bottino è proprio il brasiliano. Anche Barcellona e Psg lo corteggiano ma Mancini ha la carta vincente: 'SuperMario'. Ecco allora che finalmente il matrimonio tanto atteso potrebbe compiersi, anche se gli inglesi dovrebbero mettere in tavola una gruzzolo ulteriore visto che Thiago è valutato 30 milioni circa. Raiola e lo stesso Balotelli hanno espresso la volontà di non muoversi da Manchester, ora che è arrivata anche la Premier. Pre-tattica?

    TEVEZ SEMPRE DI MODA - Poi occhio a Carlos Tevez, un nome che non scade mai per il Milan. Anche perchè Ci sarà da accontentare Ibra e Galliani lo sa, con un partner d'attacco di primo livello e se dovesse arrivare anche l'argentino allora il mal di pancia dello svedese potrebbe scomparire. Lui però ha giurato che resterà ma mai dire mai. Non dimentichiamoci che in tutto questo intrigo un ruolo fondamentale sarà giocato, come sempre, da Mino Raiola, agente sia di Ibra che di 'SuperMario' che ha dimostrato più volte di saper ribaltare le sorti del mercato e accontentare le esigenze dei propri assistiti in un modo o nell'altro.
  7.     Mi trovi su: Homepage #9346964
    Napoli, parte l'assalto a Palacio: avviati i contatti

    Fuori Lavezzi dentro un altro argentino. De Laurentiis ha gia' trovato l'obiettivo per rimpiazzare il 'Pocho'. Ma si fanno anche altri nomi

    CALCIOMERCATO NAPOLI, OBIETTIVO PALACIO / NAPOLI - Fuori Lavezzi dentro Palacio. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis si è mostrato molto tranquillo riguardo la situazione del 'Pocho', sempre più vicino all'addio, e forse sotto sotto c'è un perchè. I partenopei infatti come riportato dal 'Corriere dello Sport' avrebbero individuato in Rodrigo Palacio il prossimo obiettivo di mercato per l'attacco, soprattutto se dovesse davvero partire il numero 22 azzurro, direzione Inter o Psg. E a pensarci bene Palacio rispecchia proprio il tipo di giocatore ideale alla causa napoletana. Il patron ha sempre avuto un debole per i giocatori di qualità e quest'anno l'attaccante rossoblu si è dimostrato anche un grande bomber, trovando quella continuità di reti che forse era l'unica cosa che gli mancava. Mazzarri inoltre lo accoglierebbe a braccia aperte. I primi colloqui con Preziosi sembrano già essere stati avviati. Un 'pourparler', tanto per mettere una puce nell'orecchio e vedere se la cosa si può davvero fare. Il presidente genoano deve rifondare e riscattare una stagione pessima così davanti ad una succosa offerta difficilmente potrà dire di no.

    VALIDE ALTERNATIVE - Le alternative non mancano di certo e sono tutte di prima qualità. Si va dal sogno Giovinco e dal giovane spagnolo Muniain, che tanto bene ha fatto con l'Athletic Bilbao fino a Douglas Costa, passando per Insigne, che prima o poi arriverà a Napoli: resta solo da capire quando fargli fare il grande salto ma ormai, visto quello che ha fatto col Pescara e con l'Under 21, sembra pronto e soprattutto voglioso.

    ------------------------------------------------------------

    Ogni anno si parla di giocatori del Genoa, ma con Preziosi non abbiamo mai portato a termine una trattativa. Comunque Palacio non sarebbe male, ha caratteristiche diverse da Lavezzi....ma è senz'altro un buon giocatore e cosa più importante la mette dentro a differenza del pocho. Avendo già 30 anni non dovrebbe nemmeno costare molto.
  8. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage #9346977
    Pezzotto
    Ogni anno si parla di giocatori del Genoa, ma con Preziosi non abbiamo mai portato a termine una trattativa. Comunque Palacio non sarebbe male, ha caratteristiche diverse da Lavezzi....ma è senz'altro un buon giocatore e cosa più importante la mette dentro a differenza del pocho. Avendo già 30 anni non dovrebbe nemmeno costare molto.
    la mette dentro....quest'anno, dove ha fatto spesso la punta centrale. Negli altri anni la media realizzativa è simile a quella del pocho. Lavezzi è sicuramente + esplosivo e fa + assist, mentre palacio è + egoista ma + preciso sotto porta.

    io avevo letto che l'interesse per palacio era riferito nell'ipotesi di non conferma di Pandev( vedi se lavezzi va al psg e l'inter si impunta o per problemi di ingaggio). per caratteristiche, per età e anche a livello di prezzo lo vedo molto + vicino a pandev che a lavezzi. Secondo me l'idea del napoli e di avere una chioccia che dia garanzie( pandev o palacio o simile) e di scommettere su vargas o su insigne, nel caso partisse lavezzi...ma il sostituto di lavezzi sarebbe uno di questi 2 giovani, anche se preferirei un ulteriore acquisto nel ruolo.

    vediamo che combina Dela.
    Superlega Serie A :cool:
    Campione Champions Superleague Apertura 2013/14 :cool:
    Campione Supercoppa Superleague Apertura 2013/14 :cool:

    di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a versare lacrime sulla propria situazione.Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose
  9.     Mi trovi su: Homepage #9346980
    L'Inter fa sul serio per Destro

    Incontro col Genoa: trattativa avviata

    L'Inter vuole Destro. I nerazzurri, che si sono lasciati scappare il giovane attaccante, sono pronti a riprenderselo e a trattare con il Genoa su cifre importanti. La punta, che in questa stagione ha giocato a Siena, sarà riscattata dalla società rossoblù per poi essere venduta a Milano. L'affare è già avviato: Branca e Preziosi hanno avuto un primo summit. L'Inter è pronta a sborsare 8-9 milioni di euro, più la metà di Kucka e il prestito di Longo.

    Un affare importante che sarà chiuso perché c'è la volontà di tutti di mandarlo in porto. Il giocatore vuole l'Inter e viceversa, mentre il Grifone è pronto a monetizzare.

    Il presidente genoano Preziosi valuta l'attaccante 20 milioni di euro, mentre Moratti si ferma a 15 milioni di euro. Ma non sarà difficile trovare il punto d'incontro: 8-9 milioni di euro cash più la metà di Kucka, il prestito di Longo, già in compropietà tra i due club. Proprio lo slovacco che, non più tardi di qualche mese fa, fu pagato dai nerazzurri 7 milioni di euro per il 50%. Per Longo, invece, si prospetta un prestito al Grifone. L'attaccante della Primavera nerazzurra, che ha esordito in campionato a Roma contro la Lazio, potrebbe essere mandato a fare esperienza sotto la Lanterna. Si parla di prestito perché questa volta l'Inter non ha voglia di perdere un suo gioiello per poi essere "costretta" a riprenderselo sborsando molti soldi. Destro insegna...

    Un ulteriore conferma arriva dalle parole dell'agente dell'attaccante, Renzo Contratto: "Destro è un giocatore giovane, che ha bisogno della consacrazione definitiva in un grande club. E' un predestinato, ha segnato tantissimo in tutte le categorie, e il lavoro di Sannino ha accresciuto la sua personalità. Neanche lui si rende conto di quanto è forte - prosegue il procuratore intervenuto a Radio Sportiva -. I il primo step è la soluzione della comproprietà tra Genoa e Siena, da lì partirà tutto il resto, visto che su di lui ci sono i maggiori club italiani. E' scontato che non sarà né il Genoa né il Siena".
  10.     Mi trovi su: Homepage #9346981
    marcomixla mette dentro....quest'anno, dove ha fatto spesso la punta centrale. Negli altri anni la media realizzativa è simile a quella del pocho. Lavezzi è sicuramente + esplosivo e fa + assist, mentre palacio è + egoista ma + preciso sotto porta.

    io avevo letto che l'interesse per palacio era riferito nell'ipotesi di non conferma di Pandev( vedi se lavezzi va al psg e l'inter si impunta o per problemi di ingaggio). per caratteristiche, per età e anche a livello di prezzo lo vedo molto + vicino a pandev che a lavezzi. Secondo me l'idea del napoli e di avere una chioccia che dia garanzie( pandev o palacio o simile) e di scommettere su vargas o su insigne, nel caso partisse lavezzi...ma il sostituto di lavezzi sarebbe uno di questi 2 giovani, anche se preferirei un ulteriore acquisto nel ruolo.

    vediamo che combina Dela.
    Negli utlimi giorni sta venendo fuori un'altra volta il nome di G.Rossi. Potrebbe essere un affare dato che sia l'infortunio che la retrocessione del Villareal potrebbero far calare di non poco il prezzo di partenza.

    Tu punteresti su di lui sapendo che dovrebbe rientrare a febbraio? Magari prendi Rossi e in attesa fai alternare Pandev e Vargas per poi cedere quest'ultimo in prestito a gennaio.
  11.     Mi trovi su: Homepage #9346998
    CATANIA, a ore l'addio a Montella. La lista dei successori si allunga e spunta un secondo ex

    E’ oggi in programma una riunione fra Catania e Vincenzo Montella: a quanto pare, la strada percorribile potrebbe essere quella della rescissione consensuale del contratto, ma solo a fronte di qualche ‘favore’ da parte della Roma la società lascerà partire l’attuale allenatore. Diversi i nomi dei tecnici che si contendono un posto sulla panchina rossoazzurra. Si sono abbassate le quotazioni dell’ex Pasquale Marino che nelle ultime ore sarebbe stato scavalcato dall’ex rosanero Delio Rossi e da Edy Reja, nel caso in cui l’allenatore laziale lasciasse Lotito. Ma dal cilindro di Pulvirenti potrebbe uscire un nome sorprendente. Infatti secondo le ultime indiscrezioni, l’ex secondo di Sinisa Mihajlovic, Dario Marcolin, contattato dal presidente degli etnei, avrebbe già dato la propria disponibilità al trasferimento. Da monitorare anche l’ipotesi Di Carlo, che in caso di un addio da Verona potrebbe ‘balzare’ in cima alla lista dei favoriti.

    -------------------------------------------------------------------------------------

    Totti chiama Montella "allenatore da Roma, ha carattere"

    Roma, 16 mag. - Sulle parole di Daniele De Rossi, che ha invitato la proprieta' americana a grandi investimenti, Francesco Totti e' lapidario: "Io sono anni che lo dico ma mi dite sempre che sono matto...". Il capitano della Roma, tra i commensali di un pranzo d'addio con Luis Enrique in noto ristorante a Santa Severa, sul litorale capitolino, saluta il tecnico spagnolo che, dopo un anno a Trigoria, ha scelto di porre fine alla sua avventura sulla panchina giallorossa: "Ho sempre detto che se fosse rimasto non tutti saremmo stati contenti. Ha preso questa decisione, rispettabilissima e dobbiamo cambiare". "L'umanita' ed il rapporto con tutti i giocatori e' stato il suo maggiore insegnamento - ha detto Totti -. E questa e' la cosa piu' grande che un allenatore possa portare in una squadra cosi' importante". La stagione appena terminata puo' considerarsi fallimentare: "Adesso penso alle vacanze, purtroppo e' andata cosi'. Ricominceremo una nuova avventura sperando di fare molto bene". Il dopo Luis Enrique sembra ormai avere le fattezze di Vincenzo Montella, che dunque tornerebbe nella 'sua' Roma. E guai a pensare che l'Aeroplanino sarebbe troppo amico con lo spogliatoio, in virtu' dell'anagrafe e del passato di calciatore piuttosto recente: "Nei quattro mesi che e' stato qui ha gia' dimostrato di essere un allenatore da Roma. Non guarda in faccia a nessuno, appena e' arrivato mi ha messo fuori... Lo conosco, ha un bel carattere". Una battuta, infine, sul pranzo: "Chi paghera' stavolta il conto? Gli americani...".
    .
  12. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage #9347006
    PezzottoNegli utlimi giorni sta venendo fuori un'altra volta il nome di G.Rossi. Potrebbe essere un affare dato che sia l'infortunio che la retrocessione del Villareal potrebbero far calare di non poco il prezzo di partenza.

    Tu punteresti su di lui sapendo che dovrebbe rientrare a febbraio? Magari prendi Rossi e in attesa fai alternare Pandev e Vargas per poi cedere quest'ultimo in prestito a gennaio.
    in caso di partenza di lavezzi, di sicuro ci serve un giocatore affidabile in quel ruolo, un pandev/palacio o simile serve. dei 2 giovani terrei solo uno fra vargas e insigne( + il primo perchè insigne sta facendo una ottima crescita ed è stupido rovinarla) poi si può pensare se rischiare su un Rossi o se virare su un ramirez o simili. io lo farei pure...bisogna vedere chi ci mette i soldi o li riceve cosa ne pensa :asd: . Nel caso di Rossi mi informerei seriamente sulla situazione fisica, una cosa è dire rientra a febbraio, un'altra e capire come rientra, cioè se gli infortuni avuti possono incidere sulla carriera del giocatore.
    Superlega Serie A :cool:
    Campione Champions Superleague Apertura 2013/14 :cool:
    Campione Supercoppa Superleague Apertura 2013/14 :cool:

    di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a versare lacrime sulla propria situazione.Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose
  13.     Mi trovi su: Homepage #9347088
    Pulvirenti: «Con Montella parlerò del suo futuro»

    Il presidente del Catania: «Il suo addio non è scontato, ma non è una questione personale perché ho buoni rapporti con i dirigenti della Roma»

    ROMA - "Non è scontato che Montella vada via. La questione allenatore non è una nostra priorità". Il presidente del Catania Antonino Pulvirenti non dà per già fatto l'addio dell'Aeroplanino alla panchina della squadra siciliana, anzi. "Io parto dal presupposto che Montella è il nostro allenatore anche la prossima stagione. Poi - aggiunge Pulvirenti ai microfoni di Tele Radio Stereo - ci sarà un momento in cui parlerò con lui, ora non posso prevedere di cosa parleremo. Non so se mi chiederà di andare via, valuterei tutto solo se mi dicesse una cosa del genere. Di sicuro mi deluderebbe, perchè a gennaio per esempio abbiamo studiato una strategia di mercato legata anche alla prossima stagione, e se volesse andarsene ancora una volta dovremmo ricominciare da capo, con un nuovo allenatore. Ma prima di valutare ogni cosa dovrò parlarci, ora la priorità è ufficializzare la nuova struttura societaria, con il nuovo Amministratore delegato". "E sia chiaro che non ne faccio una questione personale - continua Pulvirenti - Ho buoni rapporti con i dirigenti della Roma. Però ovviamente penso al mio Catania, devo fare gli interessi del mio club. Ora penso all'assetto societario. Partendo dal presupposto che Montella sarà l'allenatore del Catania anche l'anno prossimo".

  ► Speciale Calciomercato 2012

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina