1. Diventate fan della mia "Rubrica cinema"  
        Mi trovi su: Homepage #9346067
    Nell'ultimo fine settimana mi è capitato di poter constatare come la difficoltà di scegliere tra commedia e action ha colpito tante persone. Anche io sono stato preda dell'indecisione, ma alla fine mi sono affidato allo streaming.

    La scorsa settimana ha visto l'uscita nelle sale di American Pie: ancora insieme e il blockbuster Hunger Games

    che sono venuti a far compagnia alla storia dei vendicatori Marvel The Avengers.

    Tutti film forti, che spaccano insomma, cosa ovvia, che, come ho già detto, non hanno fatto che provocare indecisione nella scelta filmica. Il fatto è che tutto ciò ci colpisce nel momento in cui la nostra attenzione è presa da film per lo più commerciali, che difficilmente possono differire tra di loro per contenuto, essendo tutti finalizzati al puro intrattenimento. Per cui se ne sceglie uno tanto per gustarsi qualche pop corn tra amici, scambaire qualche chiacchiera e magari abbandonare la sala a metà film. C'è invece chi, come me, fa una sontuosa polemica su attori, oppure apprezza storia, montaggio e fotografia del tutto.


    Per cui, vediamo quali di questi tre film, che hanno catturato interesse di tanti cinefili, oltre che la critica cinepatica, hanno avuto qualcosa in più da dire:




    The Avengers: Una produzione partita nel 2010 che è diventato un kolossal Marvel, riporta in scene i protagonisti dei precedenti film, tutti uniti per battersi nella guerra contro Loki e i suoi Chitauri, intensionati a voler dominare la Terra. La storia è davvero coinvolgente per ogni particolare, dai dialoghi fummettistici agli effetti speciali all'estetica dei singoli personaggi. Il tocco che infine rende questo film un vero kolossal sta in un cast composto da attori che hanno interpretato il proprio ruolo singolarmente in altri film, per cui Robert Downey jr. con Iron Man, Chris Evans con Capitan America, Chris Hemsworth con il suo Thor, a cui si aggiungono Mark Ruffalo nel terzo rifacimento del personaggio di Hulk (anche se a mio giudizio il miglior intepretete del resta Eric Bana nel film di Ang Lee), Scarlett Johansson con la Vedova Nera e Jeremy Renner/Occhio di Falco. Il tutto rende avvincente la storia e coinvolgente le azioni, questo ancor di più perchè il tutto diventa quasi un sequel. Vediamo Robert Downey jr. nei panni di Tony Stark e viene spontaneo pensare: "Guarda Downey jr., te lo ricordi in Iron Man, chissà ora che ti combina".

    The Avengers è forse uno dei migliori film su supereroi degli ultimi 3 anni (l'ultimo che mi ha davvero impressionato di recente è stato Iron Man 2), surclassando anche Thor e X-men: l'inizio, a mio giudizio molto scadenti. Un cast stella che, in pompa magna, crea davvero qualcosa di superbo, e Stan Lee non può che esserne fiero. Adesso sono nell'attesa di un futuro film sulla Grande Alleanza con tutta la Marvel al completo.

    VOTO: 8




    American Pie 4: ...diciamo 4 se seguiamo la serie antologica, sarebbe l'ottavo film se consideriamo gli spin off, quelli direct-to-video, che comunque hanno divertito in casa al pari della saga originale. In effetti bisogna anche "dare a Cesare quel che è di Cesare", per cui dare al seguito ufficiale il merito di essere tornato alle risate della commedia americana che il "primo assaggio della torta" ci aveva dato, e che adesso ritorna con il gruppo solito capeggiato da Jason Biggs e Sean William Scott. Ambientato 10 anni dopo gli anni del liceo, ora i protagonisti vivono una vita alquanto incrinata, da Jim Levenstein, con un matrimonio che sta cedendo, Stifler, ormai messo sotto pressione dal suo capo, rimanendo sempre il solito immaturo, e Oz, l'unico diventato una celebrità. E' un ritorno ai bei ricordi del primo film, ricco di comicità demenziale, hot e stuzzicante. Può sembrare ripetitivo per storia, ma le gag cercano sempre di portare qualcosa di nuovo, così come le battute immancabili.

    VOTO: 8.5




    Hunger Games: Corteggiato dagli States in virtù del successo dell'omonimo bestseller, è un film che non mi stupisce tantissimo, nè per trama nè per originalità. Certo Jennifer Lawrence è un'attrice con tanta bravura è abile nei salti di qualità, passando dai drammi familiari di Un gelido inverno all'interpretazione di un'eroina in questo film. Il mio giudizio sarà sicuramente contrastante con molti, ma dal mio punto di vista l'idea di un reality show con giochi mortali ambientato in un universo distopico è una trovata molto fragile e poco creativa che poco mi stupisce, se lo confrontiamo con film di fantascienza geniali come Matrix, District 9 e il recentissimo (e indipendentissimo) Monsters di Gareth Edwards, qualitativamente superiore. Hunger Games resta un buon film commerciale, con alle spalle il successo di un libro che, come Twilight, potrà impressionare solo i ragazzini.

    VOTO: 7





    In conclusione resta un fine settimana con tanti vincitori al botteghino, ma solo due a quello della critica (almeno la mia) :D. Che possa essere un fine settimana piacevole per tutti, ricco di cinema e videogiochi.


    E per oggi si chiude la mia rubrica, vedremo in seguito di presentare qualcosa di più interessante su autori, attori, film action, commedie, drammatici, ma anche horror, noir, thriller e film d'autore.
    :E.t.R:

  2.     Mi trovi su: Homepage #9346185
    Come fa American Pie a prendere più di Avengers? :lol:
    Io a quasi tutti i capitoli di American Pie gli darei un 6/7 per la loro comicità, ma non sono così fantastici. L'ultimo gia dopo un pò cominciava ad abbasarsi al livello dell'intrattenimento e il finale è deludente. 8,5 per un film così è troppo.

  Rubrica cinema: tra American Pie, the Avengers e Hunger Games

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina