1.     Mi trovi su: Homepage #9406426
    «Gli ebrei sono una razza», le nuove teorie genetiche che fanno discutere Israele
    Cristina Tognaccini

    La storia è piena di ebrei con un’intelligenza straordinaria. Un caso? Studi di genetica, in Israele e negli Usa, affermano che la base biologica dell’ebraicità non può essere ignorata e si spingono a ipotizzare una supremazia intellettiva dovuta al Dna, sollevando però una questione “razziale” che fa venire i brividi.

    13 Gennaio 2013 - 15:50

    Oppenheimer, Einstein, Freud, Marx, Kafka, Bellow, Levi-Strauss, Allen e Dylan. Grandi personaggi dotati di un’intelligenza fuori dal comune. Tutti di origine ebraica. Un caso? Secondo alcuni ricercatori negli Stati Uniti e in Israle, no. Da anni cercano di trovare una radice comune nel Dna del popolo ebraico, e c’è addirittura chi pensa che le straordinarie doti professionali e sociali di queste personalità siano attribuibili alla biologia: chi discende da una famiglia ebraica sarebbe destinato a fare grandi cose nella vita. Un’ipotesi scientifica che, seppur rovesciata ed elogiativa, rimanda con un brivido allo spettro delle teorie razziali.

    Qualche anno fa un’analisi genomica svolta presso il Nyu Langone Medical Center di New York, affermava che i diversi gruppi di ebrei, nonostante la diaspora e l’incrocio con popoli differenti, avessero mantenuto non solo le tradizioni culturali e religiose, ma anche numerose sequenze di Dna comuni. E Secondo Harry Ostrer, genetista e professore presso l'Albert Einstein College of Medicine di New York, autore della ricerca e del libro intitolato, Eredità, storia genetica del popolo ebraico, «ricchezza, privilegi, educazione non sono sufficienti per spiegare che molti ebrei siano destinati a diventare avvocati eccezionali o fisici». Una sorta di determinismo biologico insomma.

    Gli antenati influenzano il nostro comportamento, anche se non li abbiamo mai conosciuti e non sappiamo neppure chi siano e cosa facessero. E lo fanno grazie all’eredità genetica che si tramanda di generazione in generazione. La biologia ha quindi un peso considerevole per la storia ebraica, come viene spiegato nel libro di Harry Ostrer. Tesi che ritroviamo anche in quello di Raphael Falk, uno dei genetisti più importanti di Israele, Il sionismo e la biologia degli ebrei, ma a cui egli dà un senso diverso.

    Entrambi gli studiosi hanno cercato di ricostruire la storia ebraica attraverso studi sul Dna, spinti dalla necessità di trovare un tratto comune del popolo ebraico e individuarne la diffusione attuale nel mondo. L’hanno fatto non seguendo la genetica ordinaria, per cui già dopo due generazioni è probabile che una persona non manifesti nessuno dei tratti distintivi dei suoi antenati, ma tramite l’analisi del cromosoma Y e dei ribosomi. Il cromosoma Y, che si tramanda solo dal padre al figlio maschio, è portatore di pochissimi geni, e in linea di massima, il suo unico scopo è quello di determinare il sesso di un individuo. Così le poche variazioni presenti all’interno di questo gene, possono essere usate per ricostruire la storia dei nostri antenati.

    Esaminando il Dna del cromosoma Y di un gruppo di maschi appartenenti a un gruppo etnico e confrontandolo con quello dei cromosomi Y di altre popolazioni, è possibile capire qual è il contributo delle altre etnie su quella in esame. In particolare si riesce a capire in quale proporzione il cromosoma Y, in una data popolazione, deriva da gruppi di interesse storico. Ad esempio, possiamo stabilire quanto i mercanti arabi di schiavi abbiano contributo geneticamente alle attuali popolazioni nere del Sud-Est Africa, se i cromosomi Y degli arabi contengono una particolare sequenza di Dna rara o assente altrove, ma insolitamente frequente tra gli attuali abitanti africani della Tanzania.

    L’altra eccezione, che non segue la strada dell’eredità genetica casuale, sono i ribosomi. Piccole strutture cellulari che contengono l’Rna, coinvolti nella sintesi delle proteine. Sebbene entrambi i generi ne siano provvisti, vengono ereditati solo grazie all’incorporazione nelle cellule uovo materne. I ribosomi quindi portano con sé uno stock d’informazioni genetiche materne, senza subire la contaminazione della componente paterna.

    I risultati ottenuti, sono stati però utilizzati in maniera differente dai due genetisti. Falk, infatti, considera la biologia un collante, uno strumento in grado di definire gli ebrei come un popolo, un insieme di persone legate biologicamente. «La ricerca biologica è uno strumento utile per dimostrare e confermare i legami tra gli ebrei attuali e la terra che da secoli, in modo inequivocabile, è la colla dei loro legami socio-culturali». Motivazione che rimanda, per lo scienziato, al tema tutto politico del sionismo, con la rivendicazione di un Stato nazionale.

    Ostrer, invece, parla di “orgoglio di stirpe”: «Avere 3000 anni di patrimonio genetico può essere una fonte d’identità, e di orgoglio, come lo è avere una storia condivisa, la cultura e la religione». E sebbene questa sia una teoria che suona pericolosa, i collegamenti genetici sono per Ostrer – come spiega in questo articolo su Haaretz – la prova che gli ebrei sono una razza e che la base biologica dell’ebraicità non può essere ignorata. Sempre secondo Ostrer, anche i successi professionali e intellettuali possono essere spiegati su base biologica. Sono già scritti nel loro Dna.

    Non viene però fornita alcuna evidenza scientifica sul fatto che esista un “gene della creatività” o “gene dell’intelligenza” e che le qualità intellettuali caratteristiche di molti ebrei, derivino da “geni ebraici”. Non sappiamo nulla sulle variazioni genetiche delle capacità cognitive cerebrali, che non siano legate a patologie, anche perché richiederebbero studi molto complicati. Ma non è detto che non saranno affrontati in futuro per cercare di capire perché gli ebrei abbiano un Quoziente intellettivo medio così elevato e perché, sebbene costituiscano meno del 3% della popolazione, abbiano vinto il 25% dei Premi Nobel assegnati a scienziati americani dal 1950.http://www.linkiesta.it/ostrer-falk-ebrei-geni#ixzz2HylYftUb
  2. Roma non deve essere capitale  
        Mi trovi su: Homepage #9406433
    Il fatto è che se per razza si intende bianchi, neri, gialli... beh è sbagliato. Nasciamo tutti neri (cari leghistelli hihihi) la melanina nella pelle si è schiarita per le popolazioni nordiche, ma il ceppo è unico. Per cui perché parlare ancora di razza?
    Per me non ha nemmeno senso uno studio del genere, perchè è un concetto che dà adito a strumentalizzazioni.
    Se si vuole dare un senso alla propria vita, non occorre pensare di diventare dei grandi, ma si deve partire dal fare ogni giorno un qualcosa di piccolo all'interno del proprio micromondo.
  3. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #9406463
    beppojosefIl fatto è che se per razza si intende bianchi, neri, gialli... beh è sbagliato. Nasciamo tutti neri (cari leghistelli hihihi) la melanina nella pelle si è schiarita per le popolazioni nordiche, ma il ceppo è unico. Per cui perché parlare ancora di razza?
    Per me non ha nemmeno senso uno studio del genere, perchè è un concetto che dà adito a strumentalizzazioni.
    Certo, ma europei e africani sono diversi *geneticamente* (che è il punto dell'articolo, parlare di pool genetico). Il motivo per cui il colore della pelle è diverso non è perché in Finlandia si prende meno sole ma perché gli europei hanno un gene mutato, un gene mutato peraltro che ha reso chi ha la pelle bianca più adattabile ai climi con poco sole: la differenza è a livello di DNA. Per quale motivo parlare di differenze genetiche è male? Come peraltro se un razzista esprimesse il suo odio nei confronti del DNA: un razzista non ha un livello culturale adeguato a comprendere queste cose, altrimenti appunto non sarebbe razzista...

    Perché non abbia senso uno studio genetico però mi sfugge onestamente, stiamo curando fiori di malattie e disturbi congeniti grazie allo studio del DNA...
  4.     Mi trovi su: Homepage #9406515
    scudettowebCerto, ma europei e africani sono diversi *geneticamente* (che è il punto dell'articolo, parlare di pool genetico). Il motivo per cui il colore della pelle è diverso non è perché in Finlandia si prende meno sole ma perché gli europei hanno un gene mutato, un gene mutato peraltro che ha reso chi ha la pelle bianca più adattabile ai climi con poco sole: la differenza è a livello di DNA. Per quale motivo parlare di differenze genetiche è male? Come peraltro se un razzista esprimesse il suo odio nei confronti del DNA: un razzista non ha un livello culturale adeguato a comprendere queste cose, altrimenti appunto non sarebbe razzista...

    Perché non abbia senso uno studio genetico però mi sfugge onestamente, stiamo curando fiori di malattie e disturbi congeniti grazie allo studio del DNA...
    Ma infatti il problema non è un qualsiasi studio genetico, il problema è trovare persone di questo tipo che pensano che trovare alcune sequenze simili di DNA faccia nello stesso "popolo" faccia di questo una razza che, siccome alcuni di questi sono stati grandi personaggi, allora tutti gli ebrei in generale hanno qualcosa che li rende superiori o unici...e soprattutto uniti (e quindi è giusto che abbiano uno stato proprio, come dice uno dei ricercatori). La cosa è imbarazzante e ridicola, e di uso semplicemente propagandistico, come faceva notare il giornalista, specie se usata per affermare una superiorità creativa e storica della razza ebrea (che parte dai tempi dei tempi con il concetto di "razza eletta"). Al di là del fatto che è assurda ed ERRATA la premessa iniziale (nella storia ci sono stati tanti grandi ebrei quanto di altri popoli o religioni o non religioni....e solo in Italia, piccola nazione, ce ne sono a bizzeffe che hanno cambiato il mondo, senza essere ebrei o chissaché)....
    Un conto è ritenersi un popolo unito da tradizioni e cultura da diversi anni, e in questo farsi aiutare da studi genetici, un conto è usare questo per, in qualche modo, dare ragione al sionismo e dire che i loro successi professionali e intellettuali sono spiegabili su base biologica (come se .. o gli altri non lo fossero...o i loro successi professionali o intellettuali fossero maggiori rispetto ad altri...cosa, concetto razzista (non tanto lontano da quello hitleriano) e per altro assolutamente indimostrabile, come già detto prima (c'è pieno di grandissimi personaggi per niente ebrei .. e questo al di là del fatto che ...è già è difficile dire chi è un grande e chi no....e soprattutto che nessuna percentuale sarà in grado di dimostrare la percentuale di "grandi" in un gruppo etnico o popolazione o gruppo religioso che sia (riconosciuto o meno da dna simile)

  «Gli ebrei sono una razza», le nuove teorie genetiche che fanno discutere Israele

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina