1.     Mi trovi su: Homepage #9432708
    Da amante dell'animazione giapponese Time and Eternity mi solletica molto. Anche se a livello di RPG purtroppo spesso buona parte del gioco si traduce in infiniti dialoghi spesso inutili che finisco per skippare impaziente di tornare all'azione. Adesso devo ancora affrontare Ni No Kuni e quindi ne parliamo fra un bel po' di tempo (quando il prezzo sarà popolare). Qualcuno è interessato e ha opinioni?

    PS: le prime recensioni l'hanno massacrato! :(


  2.     Mi trovi su: Homepage #9432784
    Io ero incuriosito molto dallo stile grafico particolare: questa unione di 2D e 3D. Il sistema di combattimento di questi giochi non si può mai capire del tutto attraverso i filmati. Io devo ancora recuperare l'ultimo Atelier (Ayesha, mi sembra) quindi Time & Eternity salta fino a quando non sarà ad un prezzaccio. Per di più con un anno così pieno e con l'arrivo di Ps4 devo far saltare anche giochi di maggior calibro, quindi non è nei miei pensieri sul breve termine.
    Mi piacerebbe vedere una rece qui sul sito, visto che sulla rivista non c'è spazio per un titoli di nicchia di questo calibro e al massimo avrebbe tre righe di commento di nessuna utilità.

    Se la storia non è nulla di che e se quel tanto decantato stile anime del gioco non è poi così particolare e godibile non credo che farò carte false per averlo. Sul gameplay non so cosa dire visto che non si capisce che sia.
    I miei romanzi: L'ineluttabile Fine (genere drammatico-romantico);

    Io e Yoko - La volontà del mare (esclusiva Amazon kindle);

  3. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #9432821
    Nox Lucis CaelumIo ero incuriosito molto dallo stile grafico particolare: questa unione di 2D e 3D. Il sistema di combattimento di questi giochi non si può mai capire del tutto attraverso i filmati. Io devo ancora recuperare l'ultimo Atelier (Ayesha, mi sembra) quindi Time & Eternity salta fino a quando non sarà ad un prezzaccio. Per di più con un anno così pieno e con l'arrivo di Ps4 devo far saltare anche giochi di maggior calibro, quindi non è nei miei pensieri sul breve termine.
    Mi piacerebbe vedere una rece qui sul sito, visto che sulla rivista non c'è spazio per un titoli di nicchia di questo calibro e al massimo avrebbe tre righe di commento di nessuna utilità.

    Se la storia non è nulla di che e se quel tanto decantato stile anime del gioco non è poi così particolare e godibile non credo che farò carte false per averlo. Sul gameplay non so cosa dire visto che non si capisce che sia.
    Eh, mi dovete scusare ma l'assenza della rece sul sito è colpa mia. Me l'ero preso perchè i giochi di palta mi divertono, poi alla fine non ho avuto un secondo per scrivere il pezzo. Giuro che inizio settimana prossima provvedo. In ritardissimo, ma provvedo.

    Nel frattempo, casomai aveste il dubbio, passate tranquillamente oltre, a meno che non lo compriate a 15 euro per tenerlo cellofanato a scopo collezionistico (cosa che prima o poi farò anch'io :D). Trattasi di vero ciarpame. Apprezzo anche in una certa misura che roba del genere arrivi in Occidente, ma onestamente preferirei che Namco impegnasse le sue forze in cause più nobili.

    BTW: la particolarità grafica del gioco rende bene SOLO negli screen. In movimento è un dramma. E comunque è la cosa migliore del gioco. Sistema di combattimento, caratterizzazione (DIO MIO), storia, grafica e quant'altro sono IL DRAMMA. Non dico gli ultimi Tales, ma persino la serie Atelier è fuori parametro a confronto.

    Solo un'ultima cosa, riguardo all'accusa di trascurare "i giochi di nicchia". Onestamente mi pare ingiusto. Credo invece che ci sia troppo spesso la tendenza, nel settore, a concentrarsi sul titolo di terzo piano esaltandolo per spacciarlo per una "perla da intenditori", con il fine più o meno dichiarato di accattivarsi un certo tipo di pubblico. Il fatto stesso che, nonostante il disinteresse del grande pubblico, si cerchi di sottolineare la creatività e la qualità dei titoli indie, dovrebbe dirti cosa pensiamo dei "giochi di nicchia". Ma da qui a promuovere tout court tutto, ci passa un abisso.

    Per quanto mi riguarda, far passare il discorso che Atelier o Resonance of Fate siano sullo stesso piano di Tales, Persona o di un qualsiasi GdR occidentale appena decente (butto lì solo perchè ho ripreso la rece da poco: Alpha Protocol) è un disservizio verso i fan e verso tutti i giocatori dotati di spirito critico, oltre che un falso palese.

    Al riguardo, mi permetto di dire che essere fan di un genere non dovrebbe rendere più tolleranti verso i
    difetti, imho. Al contrario, dovrebbe rendere più capaci di esaminare nel dettaglio i
    giochi. Continuo a pensare che recensioni di 5 pagine di una porcheria siano fatte più per chi le scrive che per chi le legge.

    Per inciso, di T&E trovi due pagine di rece sul 94, complice anche il periodo estivo un po' "scarico".
  4.     Mi trovi su: Homepage #9432835
    Chiedo subito scusa non per ciò che ho detto, ma per come mi sono espresso: non sono stato chiaro.
    Con "giochi di nicchia" intendo titoli di merda. Scusate il francesismo.
    Assolutamente non ritengo i titoli indie "di nicchia" e sono ben contento che la rivista ne tratti, anche per questo continuo ad acquistarla.
    Intendevo dire che sono consapevole che concedere una intera pagina (mai oserei immaginare 2 pagine o più) su una rivista per un titolo come T&E non ha particolarmente senso, e infatti leggo che sono stato smentito alla grande.

    Per quanto riguarda il fattore "fan", questo tratto non mi contraddistingue visto che, al contrario, mi basta un nulla per abbandonare un jrpg: esempio facile, ho mollato Lost Odyssey poichè mi costringeva a fare tre miniboss di fila con un limite temporale, cosa che ritengo inaccettabile in un gioco di ruolo a turni classici.
    I miei romanzi: L'ineluttabile Fine (genere drammatico-romantico);

    Io e Yoko - La volontà del mare (esclusiva Amazon kindle);

  5.     Mi trovi su: Homepage #9432843
    Bene, mi fido del Duff e aspetto altri prodotti simili, mi sembra che a breve debbano uscire altri titoli interessanti un po' diversi dallo standard. Tipo qualcosa della Nippon Ichi sicuro. E cmq come ho detto devo ancora togliere dal cellophane Ni No Kuni, quindi sto tranquillo ancora per un bel po'.

    Edit: mi riferivo a The Witch and the hundred knights, che uscirà adesso in giappone ma molto più avanti da noi. :(


  6. Utente non attivo.  
        Mi trovi su: Homepage #9432854
    Nox Lucis CaelumChiedo subito scusa non per ciò che ho detto, ma per come mi sono espresso: non sono stato chiaro.
    Con "giochi di nicchia" intendo titoli di merda. Scusate il francesismo.
    Beh, in Giappone è stato presto gabellato come Kusoge, che quello vuol dire ^___^'


    Assolutamente non ritengo i titoli indie "di nicchia" e sono ben
    contento che la rivista ne tratti, anche per questo continuo ad
    acquistarla.
    Intendevo dire che sono consapevole che concedere una intera pagina (mai
    oserei immaginare 2 pagine o più) su una rivista per un titolo come
    T&E non ha particolarmente senso, e infatti leggo che sono stato
    smentito alla grande.


    Ah, pardon, c'era il malinteso. Ma come dicevo, il discorso è puramente di buon senso e linea editoriale. Se di norma in sede di recensione preferiamo evitare di sbrodolarci per più di quattro pagine nella convinzione che la sintesi sia cosa buona e giusta, è dura giustificare paginate di roba per spiegare che quel titolo di terza fascia che sembra una fetenzia e se ne parla come una fetenzia... è effettivamente una fetenzia. Se uscisse fuori che è un capolavoro, ancora ancora avrebbe senso.

    Per quanto riguarda il fattore "fan", questo tratto non mi
    contraddistingue visto che, al contrario, mi basta un nulla per
    abbandonare un jrpg: esempio facile, ho mollato Lost Odyssey poichè mi
    costringeva a fare tre miniboss di fila con un limite temporale, cosa
    che ritengo inaccettabile in un gioco di ruolo a turni classici.

    E parliamo comunque di un gioiello di JRPG, nell'ottica di una generazione - almeno parlando di console home - che il genere l'ha pressochè seppellito.

  Time and Eternity

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina