1.     Mi trovi su: Homepage #9446706
    10.11.2013 13.38 di Luca Esposito articolo letto 7190 volte
    © foto di Dario Fico/TuttoNocerina.com

    None
    Con quaranta minuti di ritardo la partita Salernitana-Nocerina ha avuto inizio. In un primo momento sembrava che i molossi avessero deciso di non presentarsi sul terreno di gioco a causa delle minacce ricevute da alcuni tifosi, ma sarebbe stato decisivo l'intervento del questore. Dopo 2 minuti Fusco, tecnico in seconda della Nocerina, ha sostituito tre giocatori (forse una provocazione), ma nei 17' successivi altri cinque calciatori hanno lamentato infortunio, l'ultimo dei quali è Lepore, e sono usciti, così che i molossi sono rimasti in 6.

    L'arbitro Juan Luca Sacchi ha sospeso la partita definitivamente, mentre i tifosi di casa sono inferociti con la Nocerina. Per reciproche scorrettezze espulsi anche Ficarrotta della Nocerina e Iannarilli della Salernitana.

    --------------------

    Il campionato non è falsato !!!
  2.     Mi trovi su: Homepage #9446761
    http://video.repubblica.it/sport/salerno-le-immagini-della-farsa/146119/144639

    Le immagini dal campo della sfida tra Salernitana e Nocerina di Lega Pro. La partita è cominciata in ritardo, gli ospiti hanno effettuato tre sostituzioni e, dopo cinque infortuni, a 20 minuti dall'inizio, l'arbitro ha fischiato la fine. Prima dell'arrivo allo stadio Arechi di Salerno gli ultras della Nocerina avevano minacciato i propri beniamini colpevoli a loro dire di giocare nonostante il divieto di accesso allo stadio per i tifosi ospiti. Si va verso il 3-0 a tavolino per i padroni di casa, mentre i giocatori della Nocerina rischiano l'illecito sportivo

    E gli ultras delinquenti della Nocerina cosa rischiano ?
  3. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #9446814
    LaLLo-E dai non fare così Beppone...non è da te ;)
    Purtroppo sai meglio di me che la "farsa" l'ha fatta da padrone in settori ben più delicati ed importanti ( e continua a farlo) di un campo di pallone
    C'è però una notevole differenza fra situazione amministrativa e situazione sociale. La situazione amministrativa è sicuramente diffusa ovunque: comuni, regioni, governo nazionale sono tutti malfunzionanti, senza particolari differenze. Ci sono sicuramente esempi virtuosi ma il punto è che sono distribuiti e il punto è che sono al di fuori del controllo diretto dei cittadini: Lega Nord, PD, M5S, PdL, ecc. hanno tutti dimostrato una notevole capacità di non capire un corno.

    Le situazioni sociali sono un altro discorso. Le situazioni sociali sono quasi unicamente responsabilità dei cittadini. All'interno di una comunità sociale sana non nasce un nutrito gruppo di delinquenti. Quando lo Stato va in certi quartieri e quando cerca di arrestare dei delinquenti si trova il comitato di quartiere che difende i suddetti delinquenti, cosa dobbiamo dire? Che è colpa dello Stato? Che è colpa di pochi delinquenti? No, è la società. E non importa dove capita geograficamente: anche a Milano si sono viste scene di difesa popolare dei delinquenti.

    Però quando abbiamo statistiche che ci dicono che in certe regioni, per esempio, c'è un picco di frodi allo Stato, sarebbe il caso di dirlo. Invece in nome del politicamente corretto facciamo finta di niente, è razzista dire che ci sono aree in cui c'è più frode, più delinquenza, più malasanità, ecc. Ok, facciamo finta che sia razzismo, però non facciamo un favore a quelle aree, in cui ci sono oggettivi problemi sociali (cioè la gente non si comporta come dovrebbe) e in cui saranno sempre peggio perché invece di affrontare il problema diciamo che tutto sommato la malasanità c'è anche in Lombardia. Sicuramente la malasanità c'è anche in Lombardia, ma è come dire che la mortalità infantile c'è anche in India, non solo in Italia, e non bisogna fare paragoni. Sarà, ma io preferisco il 3 per mille dell'Italia al 46 per mille dell'India. In più, mortifichiamo l'orgoglio positivo: ormai sembra un delitto dire "qui non siamo così però", quando *oggettivamente* "qui", ovunque "qui" sia all'interno di un'analisi statistica, le cose sono diverse.

    Vogliamo fare un discorso politicamente corretto ma pragmatico? Salerno è un esempio di raccolta differenziata virtuosa, secondo le statistiche. Se un cittadino di Salerno vede un servizio in TV in cui si vede che a Verona la differenziata è un disastro (dico una città del nord a caso), fa benissimo a direi "qui non siamo così però", perché non è un caso se lì non sono così, lì non sono così perché sono più civili/organizzati/quello che è. Bene essere orgogliosi di avere una società positiva, bene storcere il naso quando si vede una società disgregata. I progressi sociali non sono frutto del caso o del fato, sono frutto dei cittadini.
  4.     Mi trovi su: Homepage #9446823
    scudettowebC'è però una notevole differenza fra situazione amministrativa e situazione sociale. La situazione amministrativa è sicuramente diffusa ovunque: comuni, regioni, governo nazionale sono tutti malfunzionanti, senza particolari differenze. Ci sono sicuramente esempi virtuosi ma il punto è che sono distribuiti e il punto è che sono al di fuori del controllo diretto dei cittadini: Lega Nord, PD, M5S, PdL, ecc. hanno tutti dimostrato una notevole capacità di non capire un corno.

    Le situazioni sociali sono un altro discorso. Le situazioni sociali sono quasi unicamente responsabilità dei cittadini. All'interno di una comunità sociale sana non nasce un nutrito gruppo di delinquenti. Quando lo Stato va in certi quartieri e quando cerca di arrestare dei delinquenti si trova il comitato di quartiere che difende i suddetti delinquenti, cosa dobbiamo dire? Che è colpa dello Stato? Che è colpa di pochi delinquenti? No, è la società. E non importa dove capita geograficamente: anche a Milano si sono viste scene di difesa popolare dei delinquenti.

    Però quando abbiamo statistiche che ci dicono che in certe regioni, per esempio, c'è un picco di frodi allo Stato, sarebbe il caso di dirlo. Invece in nome del politicamente corretto facciamo finta di niente, è razzista dire che ci sono aree in cui c'è più frode, più delinquenza, più malasanità, ecc. Ok, facciamo finta che sia razzismo, però non facciamo un favore a quelle aree, in cui ci sono oggettivi problemi sociali (cioè la gente non si comporta come dovrebbe) e in cui saranno sempre peggio perché invece di affrontare il problema diciamo che tutto sommato la malasanità c'è anche in Lombardia. Sicuramente la malasanità c'è anche in Lombardia, ma è come dire che la mortalità infantile c'è anche in India, non solo in Italia, e non bisogna fare paragoni. Sarà, ma io preferisco il 3 per mille dell'Italia al 46 per mille dell'India. In più, mortifichiamo l'orgoglio positivo: ormai sembra un delitto dire "qui non siamo così però", quando *oggettivamente* "qui", ovunque "qui" sia all'interno di un'analisi statistica, le cose sono diverse.

    Vogliamo fare un discorso politicamente corretto ma pragmatico? Salerno è un esempio di raccolta differenziata virtuosa, secondo le statistiche. Se un cittadino di Salerno vede un servizio in TV in cui si vede che a Verona la differenziata è un disastro (dico una città del nord a caso), fa benissimo a direi "qui non siamo così però", perché non è un caso se lì non sono così, lì non sono così perché sono più civili/organizzati/quello che è. Bene essere orgogliosi di avere una società positiva, bene storcere il naso quando si vede una società disgregata. I progressi sociali non sono frutto del caso o del fato, sono frutto dei cittadini.
    discorso peloso .. perché dici solo una MEZZA verità (credo e spero involontariamente)
    in alcuni ambiti la situazione al Sud è anche peggiore, ma SE mi scrivi di Stato che in alcuni quartieri del Sud trova anche dei comitati che difendono il delinquente o il mafioso di turno, mi diresti che differenza vedi tra quelle cose (che ci sono) e quando la LEga faceva i picchetti davanti alle zone industriali per impedire alla GdF di arrivare a sorpresa ??? IN alcuni o tantissimi casi NON sapevano di difendere Imprese che evadono il fisco ? (domanda retorica: certo che si)
    .
    e secondo me l'ultimo tuo esempio su Salerno contraddice quello che hai scritto prima, a Salerno c'è molta più attenzione alla differenziata perché una classe politica si è comportata in maniera corretta e virtuosa; è da li che scende tutto a cascata; in via più generale, l'ITalia è corrotta, ignorante ed indolente perché c'è chi dall'alto, avendo i mezzi per farlo, aveva interesse a corromperla e renderla più possibile ignorante.
    .
    a me pare che con questo discorso tu voglia ripetere lo slogan della Lorenzin (e di quell'altro ministraccio della Salute che l'ha preceduta, o ancora peggio, di Mario Adinolfi), che a proposito della Campania avvelenata dai rifiuti interrati dalla camorra (soprattutto da chi l'ha pagata per farlo, quei criminali nessuno li nomina), ha risposto che è un problema di stile di vita, noi campani siamo evidentemente avvezzi a spalleggiare le mafie e quindi ce la siamo tirata
    .
    Poi magari si va a cercare un po' meglio e si scopre che nel 1997 il pentito Carmine Schiavone parlava proprio di come e dove i Casalesi avvelenavano i sottosuoli e che sotto il Ministro degli interni dell'epoca, tale Giorgio NApolitano(sacrilegio), si è deciso di Segretare quella testimonianza, facendo continuare tranquillamente lo scempio e l'omicidio di massa di innumerevoli persone che già si sono ammalate e sono morte di tumori di vario genere o che si ammaleranno e moriranno in futuro
    .
    La colpa è della gente (me compreso, che ad esempio ne parlavo in questo forum una decina di anni fa, deriso da Giovanni) che non ha reagito ? Con un po' di impegno potrei fare decine di esempi di frodi o crimini vari per i quali a nord o sud nessuno ha pensato o pensa di reagire, ed anche quando si tenta di reagire in genere ci si deve scontrare prima con La polizia e poi con la gente traviata attraverso i media, ma se non reagisci non puoi anche prenderti la colpa dei veri farabutti.
    ---------------------------------------------------------------------------
    a tuo sostegno va la considerazione che anche quando i tifosi ricattarono squadra e società a GEnova, ti indignasti molto, ma perché pensi che stavolta l'origine del male sia diversa ? Non sono casi simili ?
  5. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #9446834
    common1) discorso peloso .. perché dici solo una MEZZA verità (credo e spero involontariamente)
    in alcuni ambiti la situazione al Sud è anche peggiore, ma SE mi scrivi di Stato che in alcuni quartieri del Sud trova anche dei comitati che difendono il delinquente o il mafioso di turno, mi diresti che differenza vedi tra quelle cose (che ci sono) e quando la LEga faceva i picchetti davanti alle zone industriali per impedire alla GdF di arrivare a sorpresa ??? IN alcuni o tantissimi casi NON sapevano di difendere Imprese che evadono il fisco ? (domanda retorica: certo che si)
    .
    2) e secondo me l'ultimo tuo esempio su Salerno contraddice quello che hai scritto prima, a Salerno c'è molta più attenzione alla differenziata perché una classe politica si è comportata in maniera corretta e virtuosa; è da li che scende tutto a cascata; in via più generale, l'ITalia è corrotta, ignorante ed indolente perché c'è chi dall'alto, avendo i mezzi per farlo, aveva interesse a corromperla e renderla più possibile ignorante.
    .
    3) a me pare che con questo discorso tu voglia ripetere lo slogan della Lorenzin (e di quell'altro ministraccio della Salute che l'ha preceduta), che a proposito della Campania avvelenata dai rifiuti interrati dalla camorra (soprattutto da chi l'ha pagata per farlo, quei criminali nessuno li nomina), ha risposto che è un problema di stile di vita, noi campani siamo evidentemente avvezzi a spalleggiare le mafie e quindi ce la siamo tirata
    .
    Poi magari si va a cercare un po' meglio e si scopre che nel 1997 il pentito Carmine Schiavone parlava proprio di come e dove i Casalesi avvelenavano i sottosuoli e che sotto il Ministro degli interni dell'epoca, tale Giorgio NApolitano(sacrilegio), si è deciso di Segretare quella testimonianza, facendo continuare tranquillamente lo scempio e l'omicidio di massa di innumerevoli persone che già si sono ammalate e sono morte di tumori di vario genere o che si ammaleranno e moriranno in futuro
    .
    La colpa è della gente (me compreso, che ad esempio ne parlavo in questo forum una decina di anni fa, deriso da Giovanni) che non ha reagito ? Con un po' di impegno potrei fare decine di esempi di frodi o crimini vari per i quali a nord o sud nessuno ha pensato o pensa di reagire, ed anche quando si tenta di reagire in genere ci si deve scontrare prima con La polizia e poi con la gente traviata attraverso i media, ma se non reagisci non puoi anche prenderti la colpa dei veri farabutti.
    ---------------------------------------------------------------------------
    siamo apparentemente off topic riguardo al calcio, ma francamente me ne infischio
    1) Devo dire che non so/sapevo di questi picchetti ma francamente non mi sembra abbiano nulla a che vedere con il quartiere che tutela il criminale. La resistenza sociale a pignoramenti, sfratti, controlli, ecc. è un fenomeno diverso dalla contiguità con la delinquenza sociale. Non è che i ragazzi che fanno resistenza alla polizia che sgombera un palazzo irregolarmente occupato sono un sintomo di delinquenza o degrado sociale, anche se stanno occupando illegalmente un'area. Non condivido questa forma di resistenza sociale in ogni caso, però non considero quei ragazzi delinquenti che sfasciano la società.
    2) I politici sono l'espressione popolare e senza cittadini che seguono le leggi hai voglia a farne.
    3) Io credo che dire che la colpa della mafia è tutta della società è sbagliato tanto quanto dire che la colpa della mafia non è per niente della società. Lo Stato ha lasciato buone fette della società al loro destino (se io fossi un negoziante a cui viene chiesto il pizzo non so con che voglia pagherei le tasse, per capirsi) ma senza una componente di accettazione sociale la mafia non esiste. Da cui i quartieri che difendono i mafiosi. Il che non significa che "i campani se la sono tirata" (che mi sembra una cosa agghiacciante da dire) ma significa che la mafia sopravvive quando ciò che la mafia offre è accettato in cambio di un disinteresse generale, anche solo da una parte della società. Se tu parli e lotti contro questa mentalità, è evidente che non fai parte di quell'accettazione.

    Il mio discorso comunque voleva essere una "sveglia" a smettere di ignorare le problematiche in nome del politicamente corretto, un comportamento che finisce per causare danni peggiori. Alla fine, chi vive in aree virtuose (o relativamente virtuose) è perché se le è costruite, ha votato politici che le hanno rese virtuose, ha contributo a mantenerle virtuose, ecc. Non importa quante volte diciamo "sì ma guardati in casa tua": le zone non virtuose rimarranno non virtuose, ed è un problema di quelle zone, non di quelle virtuose.

    Per capirsi, a me viene l'orticaria quando si fanno paragoni con Stati più funzionanti dell'Italia e sento gli italiani dire "guardatevi in casa vostra", perché globalmente come Stato rimaniamo sempre la solita Italia, se non capiamo che quegli Stati funzionano meglio e si può prendere esempio.
  6.     Mi trovi su: Homepage #9446838
    ripeto l'ultimo trafiletto aggiunto nell'altro post:
    .
    a tuo sostegno va la considerazione che anche quando i tifosi ricattarono squadra e società a GEnova, ti indignasti molto, ma perché pensi che stavolta l'origine del male sia diversa ? Non sono casi simili? Il Genoa non scese a patti con gli Ultras per paure personali di alcuni o temendo disordini ?
    -----------------------------------------------------------------------------
    .
    e aggiungo che quello che ho scritto io è l'esatto contrario del Guardatevi in casa vostra (anche il paragone con Genova), secondo me è l'Italia (OVVIO CHE NON E' TUTTA) che è ridotta così; con uno STato che in alcune zone Intenzionalmente si nasconde o convive (come dimostravo con l'esempio di quel grand'uomo di NApolitano ... grand'uomo di ...)
    .
    forse è proprio pensare che alcuni problemi siano solo di una parte del territorio il vero errore, perché è tutto collegato, ad esempio da dove pensi arrivassero gran parte dei veleni interrati in Campania ? Quei personaggi non hanno accettato come braccio armato la Mafia, ci hanno convissuto e fatto affari ? E magari quei personaggi che hanno pagato i casalesi per quello scempio, vivono in zone che tu pensi virtuose, che loro stessi ti dicono essere virtuose ...
    .
    perché i picchetti leghisti (in Veneto sistematici ...) contro la GDF sarebbero diversi dal quartiere che spalleggia il mafiosello di turno ? -- In entrambi i casi c'è un discorso di contrapposizione allo Stato in difesa di illegali interessi personali o locali (niente di più lontano da chi occupa un edificio ABBANDONATO, azione disinteressata ed in reazione ad uno Stato che preferisce lasciare quel bene pubblico in stato di abbandono).
    In quei territori non c'è un contesto Sociale che imbeccato adeguatamente pensa che pagare le tasse sia da stupidi ed evaderle sia giusto ? Non dovrebbero sapere che in gran parte è proprio grazie alla massiccia evasione che le tasse sono così alte ?
    .
    La differenza è quasi sempre solo nell'apparenza esteriore.
  7. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage #9446864
    non voglio entrare troppo nell'argomento sociale e della contrapposizione stato-criminalità perchè diventa un discorso enorme e porta sempre alle stesse diatribe dialettiche.

    sottolineo che non sono affatto d'accordo con l'analisi di Scudettoweb, in quanto per me la correlazione fra azione dello stato e degrado di un determinato territorio è molto stretta e ...il campo + fertile per le organizzazioni criminali è proprio laddove c'è un abbandono dalle forze di controllo o connivenza.










    detto questo riguardo ai fatti nello specifico voglio capire in base a cosa si sta parlando di mafia-camorra?


    1) per prima cosa bisogna capire di quale realtà stiamo parlando: Nocera Inferiore un piccolo comune nel salernitano.


    2) di cosa stiamo parlando: un gruppo di ultras, che definirei + delinquenti, stimati in 200 elementi che hanno minacciato calciatori e società.






    io non ci vedo mafia-camorra, inteso nel senso stretto del termine...ci vedo una criminalità, estesa in tutta italia. questi gruppi di delinquenti organizzati, che si definiscono ultras, hanno assunto e stanno assumendo un potere decisionale nei confronti delle società di calcio, riescono a far "sospendere" pene e sanzioni per cori razzisti(vedi torino e milano), riescono a far fermare partite inventandosi bimbi morti( vedi roma) e in una realtà + piccola riescono addirittura a far fare quanto accaduto a salerno.






    la verità è che una minaccia fatta a Nocera è teoricamente molto + attuabile che a milano, semplicemente perchè in un piccolo paese magari il calciatore incontra quell'ultras quando esce per cenare e il controllo dello stato a livello territoriale è molto inferiore rispetto ad una grande metropoli.
    Il calciatore, non sentendosi tutelato se la fa sotto...ed io vorrei vedere Beppo in quella situazione cosa avrebbe fatto.







    le sceneggiate degli infortuni sono ridicole...ma prima di criminalizzare i calciatori bisognerebbe mettersi nei loro panni...perchè è spesso troppo facile parlare di gesti eroici seduti sulla sedia nel proprio ufficio.
    allo stesso modo prima di parlare di mafia-camorra, bisogna analizzare bene il problema per non ricadere nei falsi pregiudizi basati sulla collocazione geografica di un accadimento.








    fosse capitato nel varesino di cosa si stava parlando? di camorra o di delinquenza?
    Superlega Serie A :cool:
    Campione Champions Superleague Apertura 2013/14 :cool:
    Campione Supercoppa Superleague Apertura 2013/14 :cool:

    di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a versare lacrime sulla propria situazione.Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose
  8. Staff ScudettoWeb  
        Mi trovi su: Homepage #9446889
    commonripeto l'ultimo trafiletto aggiunto nell'altro post:
    .
    1) a tuo sostegno va la considerazione che anche quando i tifosi ricattarono squadra e società a GEnova, ti indignasti molto, ma perché pensi che stavolta l'origine del male sia diversa ? Non sono casi simili? Il Genoa non scese a patti con gli Ultras per paure personali di alcuni o temendo disordini ?
    -----------------------------------------------------------------------------
    .
    e aggiungo che quello che ho scritto io è l'esatto contrariodel Guardatevi in casa vostra (anche il paragone con Genova), secondo me è l'Italia (OVVIO CHE NON E' TUTTA) che è ridotta così; con uno STato che in alcune zone Intenzionalmente si nasconde o convive (come dimostravo con l'esempio di quel grand'uomo di NApolitano ... grand'uomo di ...)
    .
    2) forse è proprio pensare che alcuni problemi siano solo di una parte del territorio il vero errore, perché è tutto collegato, ad esempio da dove pensi arrivassero gran parte dei veleni interrati in Campania ? Quei personaggi non hanno accettato come braccio armato la Mafia, ci hanno convissuto e fatto affari ? E magari quei personaggi che hanno pagato i casalesi per quello scempio, vivono in zone che tu pensi virtuose, che loro stessi ti dicono essere virtuose ...
    .
    3) perché i picchetti leghisti (in Veneto sistematici ...) contro la GDF sarebbero diversi dal quartiere che spalleggia il mafiosello di turno ? -- In entrambi i casi c'è un discorso di contrapposizione allo Stato in difesa di illegali interessi personali o locali (niente di più lontano da chi occupa un edificio ABBANDONATO, azione disinteressata ed in reazione ad uno Stato che preferisce lasciare quel bene pubblico in stato di abbandono).
    In quei territori non c'è un contesto Sociale che imbeccato adeguatamente pensa che pagare le tasse sia da stupidi ed evaderle sia giusto ? Non dovrebbero sapere che in gran parte è proprio grazie alla massiccia evasione che le tasse sono così alte ?
    .
    La differenza è quasi sempre solo nell'apparenza esteriore.

    1) No, non penso sia diverso, penso sia esattamente sempre la solita cosa: pensiamo che la colpa sia di 20/30 delinquenti isolati (che siano tifosi, mafiosetti, teppisti o quant'altro cambia relativamente poco), quando in realtà c'è un problema di silenzio assenso, se non di sostegno, sociale. La curva razzista non sono 20 tifosi che urlano, sono 20 tifosi che urlano e 10.000 tifosi che gli stanno volentieri di fianco senza dire nulla. E, naturalmente, con uno Stato che o non dà gli strumenti per evitare tutto ciò o non applica misure corrette per incentivare che le società se ne occupino. Lo Stato non fa il suo lavoro, una bella fetta della società acconsente o sostiene. Genova, Milano, Torino, Napoli per la violenza nel calcio cambia poco o nulla. Secondo me però il caso della Nocerina ha ramificazioni nella società generale perché in una cittadina di 45.000 abitanti è più facile che ci sia un contatto diretto fra la popolazione e i delinquenti che in una città di 600.000 persone. Però se parliamo di contesto del tifo, che differenza c'è? Nessuna: i tifosi delinquono anche perché operano indisturbati da società civile e Stato. Il giorno in cui a vedere Milan-Fiorentina vanno solo le 5.000 persone che in curva insultano e quelle lì vicino a cui sta bene sentire solo espressioni incivili, magari la società Milan dovrà fare due conti e capire se vale la pena o meno avere i delinquenti allo stadio (sostituire Milan con qualsiasi altra società, a parte poche in Italia).
    2) Io questo però è un discorso che non ho mai capito. I rifiuti seppelliti in Campania arrivano dalla Lombardia (dico per seguire il tuo discorso). Ma il problema è della Campania, che deve sorbirsi questa miseria, non del mafioso del nord che fa sparire i rifiuti. Intendiamoci, sempre illegale è, e non sono certo qui a dire che non ci sono mafiosi e gangster al nord, ci mancherebbe altro. Però io parlo dell'aspetto sociale, cioè nella fattispecie l'inquinamento del territorio. È chiaro che c'è un flusso criminale, ma a pagarne le conseguenze sono i cittadini campani, in termini di impatto sociale.
    3) Devo dire la verità ripeto che è la prima volta che sento questa cosa dei picchetti e su Google non trovo nulla. Mi dai qualche dato in più per informarmi in modo che so di cosa stiamo discutendo? Però resta il fatto che no, è una cosa diversa dalla società che difende il mafioso. Anzi, sai cosa ti dico? Posso arrivare a dirti che in fondo è la stessa cosa: entrambi i gruppi di persone difendono un elemento di comodo. Da una parte, se è come dici tu, i Leghisti difendono l'azienda che produce posti di lavoro e indotto, dall'altra il quartiere protegge il mafioso che, evidentemente, qualcosa alla società dà. Continuo a pensare che le due cose siano profondamente diverse (anche perché non vedo molta differenza morale fra accettare che in certe regioni i controlli siano ridicoli, parola di pezzi grossi della GdF, non mia, e fare resistenza a quelli in altre), ma se le vuoi vedere allo stesso modo, uno è un elemento che ha un aspetto illegale e un aspetto produttivo e utile, l'altro non ha che aspetti illegali ma, evidentemente, parte di quegli aspetti illegali sono utili alla comunità che lo protegge. Per capirsi, l'azienda che assume 1.000 dipendenti ed evade un tot di tasse è ben diversa dal mafioso che con la delinquenza dà del lavoro a n persone. Se anche vogliamo accettare il fatto che ci siano questi picchetti e che siano fatti per difendere un evasore, non ho proprio la moralità adatta per pensare che un'entità che paga 1.000 stipendi ma che evade sia vagamente paragonabile a un'entità che uccide, minaccia e ruba e, ovviamente, di tasse sempre che non ne paga. Se per te sono la stessa cosa, non sono convinto che potremo mai arrivare a concordare sul fatto che alcune zone non si tireranno mai fuori dalla situazione in cui sono e che gli aiuti esterni servono fino a un certo punto.
  9.     Mi trovi su: Homepage #9446911
    Modesto, ci vogliono anche soldi per far volare un aereo sullo stadio con lo striscione di "Avvertimento".
    Mafia o no, mafia nocerina o mafia varesotta...Dovunque e In ogni caso...E' una minaccia grave e non vedo perchè condannare dei ragazzi che se la sono fatta sotto ed hanno escogitato un modo perfino divertente di risolvere la situazione...
    nessuno li ha tutelati, si sono tutelati da soli. In maniera originale.
  10. Scudetto-Mod  
        Mi trovi su: Homepage #9446913
    superpadrepioModesto, ci vogliono anche soldi per far volare un aereo sullo stadio con lo striscione di "Avvertimento".
    Mafia o no, mafia nocerina o mafia varesotta...Dovunque e In ogni caso...E' una minaccia grave e non vedo perchè condannare dei ragazzi che se la sono fatta sotto ed hanno escogitato un modo perfino divertente di risolvere la situazione...
    nessuno li ha tutelati, si sono tutelati da soli. In maniera originale.
    beh ci vogliono soldi...ma niente che una piccola colletta non può fare...mica girava il jet del presidente.


    se leggi bene sono l'unico che non condanna i calciatori a quanto pare...se non per il ridicolo gesto dell'infortunio...ma secondo me non sono da biasimare.


    questa non è la camorra...non facciamo confusione...questi sono delinquenti...magari anche gruppi organizzati...ma sono delinquenti che vanno condannati e sono presenti in quasi tutti i settori di uno stadio in italia...da nord a sud.
    Superlega Serie A :cool:
    Campione Champions Superleague Apertura 2013/14 :cool:
    Campione Supercoppa Superleague Apertura 2013/14 :cool:

    di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente: si limitano a versare lacrime sulla propria situazione.Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose

  Sospesa Salernitana-Nocerina: gli ospiti erano rimasti in sei

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina