1.     Mi trovi su: Homepage #9465791


    GRUPPO A

    CLASSIFICA

    BRASILE 7
    MESSICO 7
    CROAZIA 3
    CAMERUN 0


    12 giu 22:00 Brasile-Croazia 3-1 (11' Marcelo (aut.) [C], 29' Neymar [BR], 71' Neymar (rig.)[BR], 91' Oscar[BR])
    13 giu 18:00 Camerun-Messico 0-1 (61' Peralta)

    17 giu 21:00 Brasile-Messico 0-0
    18 giu 00:00 Camerun-Croazia 0-4 (11′ Olic, 48′ Perisic, 62′ e 73′ Mandzukic)

    23 giu 22:00 Brasile-Camerun 4-1 (17' Neymar [BR], 26' Matip [C], 35' Neymar [BR], 49' Fred [BR], 84' Fernandinho [BR])
    23 giu 22:00 Messico-Croazia 3-1 (72' Marquez [M], 75' Guardado [M], 82' Hernandez [M], 87' Perisic [C]))


    --------------------------------------------------------------------------------

    GRUPPO B

    CLASSIFICA

    OLANDA 9
    CILE 6
    SPAGNA 3
    AUSTRALIA 0


    13 giu 21:00 Spagna-Olanda 1-5 (27' Xabi Alonso (rig.) [S], 44' Van Persie [O], 53' Robben [O], 64' De Vrij [O], 72' Van Persie [O], 80' Robben [O])
    13 giu 00:00 Cile-Australia 3-1 (12' Sanchez [C], 14' Valdivia [C], 35' Cahill [A], Beausejour [C])

    18 giu 18:00 Australia-Olanda 2-3 (20' Robben [O], 21' Cahill [A], 54' Jedinak [A], 58' Van Persie [O], 68' Depay [O])
    18 giu 21:00 Spagna-Cile 0-2
    (20' Vargas, 43' Aranguiz)

    23 giu 18:00 Spagna-Australia 3-0 (36' Villa, 69' Torres, 82' Mata)
    23 giu 18:00 Cile-Olanda 0-2 (77' Fer, 92' Depay)


    --------------------------------------------------------------------------------

    GRUPPO C

    CLASSIFICA

    COLOMBIA 9
    GRECIA 4
    COSTA D'AVORIO 3
    GIAPPONE 1


    14 giu 18:00 Colombia-Grecia 3-0 (5' Armero, 58' Gutierrez, 93' J. Rodriguez)
    14 giu 03:00 Costa d'Avorio-Giappone 2-1 (15' Honda [G], 64' Bony [C], 66' Gervinho [C])

    19 giu 18:00 Colombia-Costa d'Avorio 2-1 (64' J. Rodriguez [COL], 70'Quintero [COL], 73' Gervinho [C])
    19 giu 00:00 Giappone-Grecia 0-0

    24 giu 22:00 Colombia-Giappone 4-1 (17' Cuadrado (Rig.) [C], 45' Okazaki [G], 55' e 82' J. Martinez [C], 89' J. Rodriguez [C])
    24 giu 22:00 Costa d'Avorio-Grecia 1-2 (42' Samaris [G], 74' Bony [C], 94' Samaras (Rig.) [G])

    --------------------------------------------------------------------------------

    GRUPPO D

    CLASSIFICA

    COSTA RICA 7
    URUGUAY 6
    ITALIA 3
    INGHILTERRA 1


    14 giu 21:00 Uruguay-Costa Rica 1-3 (24' Cavani (rig.) [U], 54' Campbell [C], 57' Duarte [C], 84' Urena [C])
    14 giu 00:00 Italia-Inghilterra 2-1 (35' Marchisio [IT], 37' Sturridge [IN], 50' Balotelli [IT])

    19 giu 21:00 Uruguay-Inghilterra 2-1 (39' Suarez [U], 75' Rooney[I], 85' Suarez [U])
    20 giu 18:00 Italia-Costa Rica 0-1 (44' Ruiz)

    24 giu 18:00 Italia-Uruguay 0-1 (81' Godin)
    24 giu 18:00 Costa Rica-Inghilterra 0-0

    --------------------------------------------------------------------------------

    GRUPPO E

    CLASSIFICA

    FRANCIA 7
    SVIZZERA 6
    ECUADOR 4
    HONDURAS 0


    15 giu 18:00 Svizzera-Ecuador 2-1 (E. Valencia [E], 48' Mehmedi [S], 93' Seferovic [S])
    15 giu 21:00 Honduras-Francia 0-3 (45' Benzema, 49' Valladares (aut.), 73' Benzema)

    20 giu 21:00 Svizzera-Francia 2-5 (17' Giroud [F], 18' Matuidi [F], 40' Valbuena [F], 67' Benzema [F], 73' Sissoko [F], 81' Dzemaili [S], 87' Xhaka [S])
    20 giu 00:00 Ecuador-Honduras 2-1 (31' Costly [H], 34' e 65' E. Valencia [E])

    25 giu 22:00 Svizzera-Honduras 3-0 (6', 31' e 71' Shaqiri)
    25 giu 22:00 Ecuador-Francia 0-0


    --------------------------------------------------------------------------------

    GRUPPO F

    CLASSIFICA

    ARGENTINA 9
    NIGERIA 4
    BOSNIA 3
    IRAN 1


    15 giu 00:00 Argentina-Bosnia 2-1 (3' Kolasinac (aut.)[A], 65' Messi [A], 85' Ibisevic [BO])
    16 giu 21:00 Nigeria-Iran 0-0

    21 giu 18:00 Argentina-Iran 1-0 (91' Messi)
    21 giu 00:00 Nigeria-Bosnia 1-0 (29' Odemwingie)

    25 giu 18:00 Argentina-Nigeria 3-2 (3' Messi [A], 4' Musa [N], 46' Messi [A], 47' Musa [N], 50' Rojo [A])
    25 giu 18:00 Iran-Bosnia 1-3 (23' Dzeko [BO], 59' Pjanic [BO], 82' Reza [I], 83' Vrsajevic [BO])


    --------------------------------------------------------------------------------

    GRUPPO G

    CLASSIFICA

    GERMANIA 7
    STATI UNITI 4
    PORTOGALLO 4
    GHANA 1


    16 giu 18:00 Germania-Portogallo 4-0 (12' Muller (rig.), 32' Hummels, 46' e 78' Muller)
    16 giu 00:00 Ghana-Stati Uniti 1-2 (1' Dempsey [S], A. Ayew [G], 86' Brooks [S])

    21 giu 21:00 Germania-Ghana 2-2 (51' Gotze [GE], A. Ayew [GH], 54' G. Asamoah [GH], 71' Klose [GE])
    22 giu 00:00 Stati Uniti-Portogallo 2-2 (5' Nani [P], 64' Jones [S], 81' Dempsey [S], 95' Varela [P])

    26 giu 18:00 Germania-Stati Uniti 1-0 (55' Muller)
    26 giu 18:00 Ghana-Portogallo 1-2 (30' Boye (aut.) [P], 57' G. Asamoah [G], 80' C. Ronaldo [P])

    --------------------------------------------------------------------------------

    GRUPPO H

    CLASSIFICA

    BELGIO 9
    ALGERIA 4
    RUSSIA 2
    COREA DEL SUD 1


    17 giu 18:00 Belgio-Algeria 2-1 (25' Feghouli (rig.) [A], 71' Fellaini [BE], 79' Mertens [BE])
    17 giu 00:00 Corea del Sud-Russia 1-1 (69' Lee Chongyong [C], 75' Kerzhakov [R])

    22 giu 18:00 Belgio-Russia 1-0 (88' Origi)
    22 giu 21:00 Algeria-Corea del Sud 4-2 (26' Slimani [A], 28' Halliche [A], 38' Djabou [A], 50' Son Heung Min [C], 62' Brahimi [A], 72' Koo Jacheol [C])

    26 giu 22:00 Belgio-Corea del Sud 1-0 (77' Vertonghen)
    26 giu 22:00 Algeria-Russia 1-1 (6' Kokorin [R], 60' Slimani [A])

    --------------------------------------------------------------------------------


    OTTAVI DI FINALE
    28 giu 18:00 Brasile-Cile 4-3 d.c.r (1-1) (18' David Luiz [BR], 32' Sanchez [C])
    28 giu 22:00 Colombia-Uruguay 2-0 (28' e 50' J. Rodriguez)

    29 giu 18:00 Olanda-Messico 2-1 (48' G. Dos Santos [M], 88' Sneijder [O], 94' Huntelaar (rig.) [O])
    29 giu 22:00 Costa Rica-Grecia 6-4 d.c.r. (1-1) (52' Ruiz [C], 91' Sokratis [G])

    30 giu 18:00 Francia-Nigeria 2-0 (79' Pogba, 91' Yobo (aut.) )
    30 giu 22:00 Germania-Algeria 2-1 d.t.s. (92' Schurrle [G], 119' Ozil [G], 121' Djabou[A])

    01 lug 18:00 Argentina-Svizzera 1-0 d.t.s. (118' Di Maria)
    01 lug 22:00 Belgio-Stati Uniti 2-1 d.t.s. (93' De Bruyne [BE], 105' Lukaku [BE], 107' Green [S])

    QUARTI DI FINALE
    04 lug 18:00 Francia-Germania 0-1 (13' Hummels)
    04 lug 22:00 Brasile-Colombia 2-1 (7' Thiago Silva [BR], 69' David Luiz [BR], 80' J. Rodriguez (rig.) [C])

    05 lug 18:00 Argentina-Belgio 1-0 (8' Higuain)
    05 lug 22:00 Olanda-Costa Rica

    SEMIFINALI

    08 lug 22:00 Brasile-Germania 1-7 (11' Muller [G], 23' Klose [G], 24' e 26' Kroos [G], 29' Khedira [G], 69' e 79' Schurrle [G], 90' Oscar [BR])
    09 lug 22:00 Olanda-Argentina 2-4 d.c.r. (0-0)

    FINALI

    12 lug 22:00 3° posto Brasile-Olanda 0-3 (3' Van Persie (rig.), 17' Blind, 91' Wijnaldum)
    13 lug 21:00 1° posto GERMANIA-ARGENTINA 1-0 d.t.s. (113' Gotze)


    Germania, campione del mondo 2014


    CLASSIFICA MARCATORI
    6 Reti
    J. Rodriguez (Colombia)
    5 Reti Muller (Germania)
    4 Reti Neymar (Brasile), Messi (Argentina), Van Persie (Olanda)
    3 Reti
    Robben (Olanda), Benzema (Francia), E. Valencia (Ecuador), Shaqiri (Svizzera), Schurrle (Germania)
    2 Reti Cahill (Australia), Mandzukic (Croazia), Gervinho (Costa d'Avorio), Suarez (Uruguay), A. Ayew (Ghana), Dempsey (Stati Uniti), Depay (Olanda), Perisic (Croazia), J. Martinez (Colombia), Bony (Costa d'Avorio), Musa (Nigeria), G. Asamoah (Ghana), Slimani (Algeria), Sanchez (Cile), Ruiz (Costa Rica), Djabou (Algeria), Hummels (Germania), David Luiz (Brasile), Klose (Germania), Kroos (Germania), Gotze (Germania)
    1 Rete Oscar (Brasile), Fred (Brasile), Fernandinho (Brasile), Thiago Silva (Brasile), Peralta (Messico), Marquez (Messico), Guardado (Messico), Hernandez (Messico), G. Dos Santos (Messico), Olic (Croazia), Matip (Camerun), De Vrij (Olanda), Fer (Olanda), Sneijder (Olanda), Huntelaar (Olanda), Blind (Olanda), Wijnaldum (Olanda), Valdivia (Cile), Beausejour (Cile), Vargas (Cile), Aranguiz (Cile), Xabi Alonso (Spagna), Villa (Spagna), Torres (Spagna), Mata (Spagna), Jedinak (Australia), Armero (Colombia), Gutierrez (Colombia), Quintero (Colombia), Cuadrado (Colombia), Samaris (Grecia) Samaras (Grecia), Sokratis (Grecia), Honda (Giappone), Okazaki (Giappone), Campbell (Costa Rica), Duarte (Costa Rica), Urena (Costa Rica), Cavani (Uruguay), Godin (Uruguay), Marchisio (Italia), Balotelli (Italia), Sturridge (Inghilterra), Rooney (Inghilterra), Di Maria (Argentina), Higuain (Argentina), Odemwingie (Nigeria), Ibisevic (Bosnia), Dzeko (Bosnia), Pjanic (Bosnia), Vrsajevic (Bosnia), Reza (Iran), Giroud (Francia), Matuidi (Francia), Valbuena (Francia), Sissoko (Francia), Pogba (Francia), Mehmedi (Svizzera), Seferovic (Svizzera), Dzemaili (Svizzera), Xhaka (Svizzera), Costly (Honduras), Ozil (Germania), Khedira (Germania), Brooks (Stati Uniti), Jones (Stati Uniti), Nani (Portogallo), Varela (Portogallo), C. Ronaldo (Portogallo), Fellaini (Belgio), Mertens (Belgio), Origi (Belgio), Vertonghen (Belgio), De Bruyne (Belgio), Lukaku (Belgio), Feghouli (Algeria), Halliche (Algeria), Brahimi (Algeria), Kerzhakov (Russia), Kokorin (Russia), Lee Chongyong (Corea del Sud), Son Heung Min (Corea del Sud), Koo Jacheol (Corea del Sud)


    ALBO D'ORO
    http://scudettowebblog.altervista.org/albo-doro-2/
  2.     Mi trovi su: Homepage #9465792
    Tutto sul gruppo A (Brasile, Camerun, Messico, Croazia)

    BRASILE


    Partecipazioni campionato del mondo
    : 20 (esordio 1920)
    Miglior risultato: vincitori 1958, 1962, 1970, 1994, 2002
    Classifica Fifa: 3° posto

    Non può che essere l'anno del Brasile. L'aver ottenuto i Mondiali in casa ha obbligato il paese a tutta una serie di sacrifici per arrivare in tempo all'inizio, e le polemiche soprattutto per la costruzione degli stadi continueranno anche durante le partite, tanto che alcuni gruppi di brasiliani boicotteranno la manifestazione in segno di protesta per le condizioni in cui versa una parte della nazione. Anche per questo gli uomini scelti da Luiz Felipe Scolari dovranno vincere per la sesta volta nella propria storia, in modo da ridare slancio a un paese diviso a metà. Lasciati a casa alcuni giocatori storici delle passate edizioni (Kaká e Ronaldinho, giusto per citare i due più importanti) Felipão ha scelto un gruppo piuttosto giovane, alla pari di un anno fa, guidato da quello che potrebbe essere la stella del torneo, Neymar, fulcro del gioco nel 4-2-3-1 con cui il Brasile assalterà il mondo. Terminale offensivo, come in Confederations Cup, sarà Fred, supportato dall'asso del Barcellona, da Hulk e da uno tra Oscar e Willian, compagni di squadra al Chelsea e ora rivali per un posto nell'undici titolare. In mezzo al campo la qualità è di gran lunga migliorata rispetto alla Copa América del 2011, dove Lucas Leiva e Ramires avevano fatto una pessima figura, l'infortunio alla caviglia delle ultime ore di Paulinho tiene aperto qualche spiraglio per la titolarità dell'interista Hernanes. Dietro spazio ai volti noti, con i vari Júlio César, Dani Alves e David Luiz pronti a un'altra grande chance per aumentare il proprio palmarès. Nel 2006 e nel 2010, così come nel 2002 nonostante la gloria finale, il Brasile non sembrava così solido in tutti i reparti come quest'anno, il
    Maracanã è pronto per vendicare l'onta del 1950, vincere davanti al proprio pubblico avrebbe un sapore particolare per una marea di motivi.


    I CONVOCATI

    Portieri: Diego Cavalieri (Fluminense), Jefferson (Botafogo), Júlio César (Toronto FC);
    Difensori: Dani Alves (Barcellona), Dante (Bayern Monaco), David Luiz (Chelsea), Henrique (Napoli), Marcelo (Real Madrid), Maicon (Roma) Maxwell (Paris Saint-Germain), Thiago Silva (Paris Saint-Germain);
    Centrocampisti: Bernard (Shakhtar Donetsk), Fernandinho (Manchester City), Hernanes (Inter), Luiz Gustavo (Wolfsburg), Oscar (Chelsea), Paulinho (Tottenham), Ramires (Chelsea), Willian (Chelsea);
    Attaccanti: Fred (Fluminense), Hulk (Zenit), Jô (Atlético Mineiro), Neymar (Barcellona).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1):
    Julio Cesar; Dani Alves, David Luiz, Thiago Silva, Marcelo; Paulinho, Luiz Gustavo; Hulk, Oscar, Neymar; Fred

    -----------------------------------------------------------------------------

    CAMERUN

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 7 (esordio 1982)
    Miglior risultato: quarti di finale 1990
    Classifica Fifa: 56° posto

    Di "indomabile", nel Camerun attuale, forse non è rimasto tantissimo, ma la spinta che la nazionale avrà come tutti gli anni dai suoi sostenitori garantirà un incentivo in più per stupire ancora. Sono lontanissimi i tempi di Roger Milla e dei suoi balletti sulla bandierina del calcio d'angolo che avevano divertito il mondo nelle Notti magiche di Italia '90, adesso la nazionale è una pentola a pressione pronta a esplodere e il rischio di un fallimento è oggettivamente assai concreto, soprattutto visti gli avversari e il fatto di dover affrontare il
    Brasile nell'ultima gara del girone. Il 4-1 alla Tunisia nei play-off ha garantito quel posto tra le trentadue finaliste che nel 2005 sfumò a causa di un rigore sbagliato dall'ex di Inter e Roma Pierre Wome, in quell'occasione dal dischetto si sarebbe dovuto presentare Samuel Eto'o, giunto alla quarta convocazione ai Mondiali e capace ancora di fare grandi cose nonostante l'età cominci a farsi sentire (ma meglio non farglielo notare come ha fatto José Mourinho, al quale ha dedicato più volte un'esultanza polemica...). L'altro uomo di maggiore carisma è il
    centrocampista del Barcellona Alexandre Song, in uscita dalla Spagna, che dovrebbe guidare il centrocampo con Jean II Makoun e l'eroe del Siviglia in Europa League Stéphane Mbia, un posto sicuro in difesa o a centrocampo ce l'avrà anche Joël Matip dello Schalke 04, jolly per tutte le occasioni che forse servirà di più
    dietro visto che la retroguardia è tutt'altro che imperforabile e il portiere Charles Itandje non garantisce affidabilità, in attacco il partner di Eto'o sarà Eric Maxim Choupo-Moting, in scadenza di contratto col Mainz. Allena un tedesco, Volker Finke, famoso per aver guidato il Friburgo ininterrottamente dal 1991 al 2007.


    I CONVOCATI

    Portieri: Loïc Feudjou (Coton Sport), Charles Itandje (Konyaspor), Sammy N'Djock (Fethiyespor);
    Difensori: Benoît Assou-Ekotto (Queens Park Rangers), Henri Bedimo (Lione), Aurélien Chedjou (Galatasaray), Cédric Djeugoué (Coton Sport), Nicolas N'Koulou (Marsiglia), Dany Nounkeu (Galatasaray),
    Allan Nyom (Granada);
    Centrocampisti: Eyong Enoh (Antalyaspor), Jean II Makoun (Rennes), Joël Matip (Schalke 04), Stéphane Mbia (Siviglia), Landry N'Guémo (Bordeaux), Edgar Salli (Lens), Alexandre Song Bilong (Barcellona);
    Attaccanti: Vincent Aboubakar (Lorient), Eric Maxim Choupo-Moting (Mainz), Samuel Eto'o (Chelsea), Benjamin Moukandjo (Nancy), Fabrice Olinga (Zulte Waregem), Pierre Webó (Fenerbahçe).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-3-1-2):
    Itandje; Nyom, Chedjou, N'Koulou, Assou Ekotto; Song, Matip, Makoun; Enoh; Choupo-Moting, Eto'o

    -----------------------------------------------------------------------------

    MESSICO

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 15 (esordio 1930)
    Miglior risultato: quarti di finale 1970, 1986
    Classifica Fifa: 20° posto

    Le tappe di avvicinamento del Tri alla fase finale dei Mondiali sono state a dir poco travagliate, e fino
    agli ultimi istanti del girone conclusivo del raggruppamento CONCACAF i messicani erano fuori da tutto. La sconfitta per 2-1 in Costa Rica nell'ultima giornata sembrava una condanna definitiva perché nel frattempo Panama stava battendo con lo stesso punteggio gli Stati Uniti (già qualificati e primi), poi in pieno recupero è arrivato il pareggio americano (seguito subito dopo dal 2-3) e il Messico è rientrato in corsa, superando gli spareggi con tanti gol rifilati alla Nuova Zelanda (vittorie per 5-1 e 4-2). La qualificazione in extremis ha di fatto
    salvato la panchina al CT Miguel Herrera, uno dei numerosi allenatori che si sono susseguiti negli ultimi anni, e in Brasile si cercherà di fare una figura migliore rispetto alle precedenti. Le principali speranze di successo sono riposte in Javier Hernández, l'attaccante del Manchester United guiderà l'attacco Tricolor e avrà sicuramente più spazio in questo mese che in tutta la stagione, quattro anni fa fu una grossa sorpresa per quasi tutti (ma non Sir Alex Ferguson, che l'aveva comprato qualche mese prima) con due gol in quattro partite, adesso è il leader assieme alla promessa mai totalmente mantenuta Giovani dos Santos e al veterano Rafa Márquez, tornato in patria dopo aver vinto tutto col Barcellona. In porta ballottaggio fra Jesús Corona e Guillermo Ochoa, davanti Oribe Peralta proverà a far piangere di nuovo il Brasile come alle Olimpiadi del
    2012. Qualche nome poco conosciuto che potrebbe rivelarsi come Chicharito in Sud Africa? Il difensore del Porto Diego Reyes, il centrocampista del León Carlos Peña (soprannominato El Gullit per via delle treccine) e l'attaccante del Tigres Alan Pulido sembrano i più indicati.


    I CONVOCATI

    Portieri: José de Jesús Corona (Cruz Azul), Guillermo Ochoa (Ajaccio), Alfredo Talavera (Toluca);
    Difensori: Paul Aguilar (Club América), Miguel Arturo Layún Prado (Club América), Rafael Márquez (León), Héctor Moreno (Espanyol), Diego Reyes (Porto), Francisco Rodríguez (Club América), Carlos Salcido (Tigres);
    Centrocampisti: Javier Aquino (Villarreal), Isaac Brizuela (Toluca), Marco Fabián (Cruz Azul), Andrés Guardado (Bayer Leverkusen), Héctor Herrera (Porto), Juan Carlos Medina (Club América), Carlos Peña (León), José Juan Vázquez (León);
    Attaccanti: Giovani dos Santos (Villarreal), Javier Hernández (Manchester United), Raúl Jiménez (Club América), Oribe Peralta (Santos Laguna), Alan Pulido (Tigres).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-3-1-2):
    Ochoa; Aguilar, Rodriguez, Marquez, Moreno; Guardado, Layun, Vasquez; Herrera; Dos Santos, Peralta.

    -----------------------------------------------------------------------------

    CROAZIA


    Partecipazioni campionato del mondo: 4 (esordio 1998)
    Miglior risultato: terzo posto 1998
    Classifica Fifa: 18° posto

    Assieme a Belgio e Colombia la formazione dei Balcani è ritenuta tra le più interessanti nel gruppo di nazioni di seconda fascia che aspirano a un posto nella storia. Sotto la guida di Niko Kovac i croati hanno dovuto lasciare spazio al Belgio nel girone di qualificazione, arrivando secondi e perdendo lo scontro diretto in casa,
    superando poi l'Islanda nei play-off per staccare il biglietto per il Brasile. La squadra è leggermente sotto al favoloso roster della prima partecipazione ai Mondiali nel 1998, quando i vari Boban, Prosinecki e Šuker guidarono la Croazia a un clamoroso terzo posto, da lì in poi la nazionale dell'ex Jugoslavia si è sempre qualificata ai grandi appuntamenti fatta eccezione per gli Europei del 2000 e i Mondiali del 2010. Ora le stelle sono Luka Modric, fresco vincitore della Champions League con il Real Madrid, Mario Mandžukic, centravanti del Bayern Monaco che cercherà in Brasile di attirare su di sé gli occhi dei grandi club visto l'arrivo in Baviera di Lewandowski, il campione dell'Europa League Ivan Rakitic del Siviglia e l'esperto terzino destro Darijo Srna dello Shakhtar Donetsk, uno dei migliori del suo ruolo. Accanto a questi quattro leader stanno salendo alla ribalta anche diversi giovani, su tutti il centrocampista dell'Inter Mateo Kovacic, che in nazionale gode di una fiducia di gran lunga superiore rispetto a quella ricevuta per larghi tratti della stagione da Walter Mazzarri, e il centrale difensivo Dejan Lovren, reduce da un'ottima annata con il Southampton in Premier League. Passare il girone, nonostante l'esordio con il Brasile, potrebbe dare uno slancio notevole a una squadra ricca di qualità che punta ad aprire un nuovo ciclo.


    I CONVOCATI

    Portieri: Stipe Pletikosa (Rostov), Danijel Subašic (Monaco), Oliver Zelenika (Lokomotiva);
    Difensori: Vedran Corluka (Lokomotiv Mosca), Dejan Lovren (Southampton), Danijel Pranjic (Panathinaikos), Gordon Schildenfeld (Panathinaikos), Darijo Srna (Shakhtar Donetsk), Domagoj Vida (Dinamo Kiev), Šime Vrsaljko (Genoa);
    Centrocampisti: Marcelo Brozovic (Dinamo Zagabria), Mateo Kovacic (Inter), Ivan Mocinic (Rijeka), Luka Modric (Real Madrid), Ivan Perišic (Wolfsburg), Ivan Rakitic (Siviglia), Sammir (Getafe), Ognjen Vukojevic (Dinamo Kiev);
    Attaccanti: Eduardo da Silva (Shakhtar Donetsk), Nikica Jelavic (Hull City), Mario Mandžukic (Bayern Monaco), Ivica Olic (Wolfsburg), Ante Rebic (Fiorentina).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1):
    Pletikosa, Srna, Corluka, Lovren, Vrsaljko; Modric, Kovacic; Perisic, Rakitic, Olic; Mandzukic.
  3.     Mi trovi su: Homepage #9465793
    Tutto sul gruppo B (Spagna, Australia, Cile, Olanda)

    SPAGNA


    Partecipazioni campionato del mondo
    : 14 (esordio 1934)
    Miglior risultato: vincitori 2010
    Classifica Fifa: 1° posto

    Arrivano da campioni del mondo uscenti e da due vittorie agli Europei, tuttavia non sembrano essere nel miglior periodo della loro storia recente, sia per il senso di appagamento sia per la stagione molto dispendiosa per i
    reduci di Real Madrid ed Atlético che hanno giocato a fine maggio anche la finale di Champions League. Sarà compito di Del Bosque motivare al meglio i suoi e riuscire ad unire verso un unico obbiettivo i tre “clan” presenti (Barcellona, Real e Atlético). Tra i pali ci sarà il capitano Iker Casillas, fresco vincitore della Décima, che sarà protetto centralmente dall'ormai solida coppia Ramos-Piqué e dai lati da Juanfran e Jordi Alba. Il reparto più forte del solito 4-3-3 è sicuramente il centrocampo dove i titolari saranno i blaugrana Xavi ed Iniesta, con vertice basso il madridista Xabi Alonso. In avanti l'unico punto fermo sarà Diego Costa che sarà anche la novità tattica della roja per questo Mondiale, infatti, si abbandonerà la soluzione del falso nueve per una vera prima punta. Il centravanti, che dopo essere stato costretto ad uscire nella finale di Champions League sembra
    completamente ristabilito, vorrà anche prendersi una rivincita sulla federazione brasiliana; ai suoi lati i favoriti sono David Silva e Pedro. Se dovesse vincere il titolo la Spagna sarebbe la terza nazione a vincere il Mondiale per due edizioni consecutive, agganciando l'Italia (1934, 1938) ed il Brasile (1958, 1962).


    I CONVOCATI

    Portieri: Pepe Reina (Napoli), David de Gea (Manchester United), Iker Casillas (Real Madrid);
    Difensori: Raúl Albiol (Napoli), César Azpilicueta (Chelsea), Gerard Piqué (Barcellona), Jordi Alba (Barcellona), Juanfran (Atlético Madrid), Javi Martínez (Bayern Monaco), Sergio Ramos (Real Madrid);
    Centrocampisti: Koke (Atlético Madrid), Juan Mata (Manchester United), Santi Cazorla (Arsenal), David Silva (Manchester City), Xavi Hernández (Barcelona), Cesc Fàbregas (Barcellona), Sergio Busquets (Barcellona), Andrés Iniesta (Barcellona), Xabi Alonso (Real Madrid);
    Attaccanti: Pedro Rodríguez (Barcellona), Fernando Torres (Chelsea), Diego Costa (Atlético Madrid), David Villa (Atlético Madrid).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3):
    Casillas; Juanfran, Piquè, Ramos, Jordi Alba; Fabregas, Busquets, Xavi; Pedro, Diego Costa, Iniesta.

    -----------------------------------------------------------------------------

    AUSTRALIA

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 4 (esordio 1974)
    Miglior risultato: ottavi di finale 2006
    Classifica Fifa: 62° posto

    Alla quarta partecipazione ad un Mondiale (la terza consecutiva) l'Australia si è qualificata giocando nella zona asiatica e non in quella oceanica come seconda nel girone B dominato dal Giappone di Zaccheroni. La nazionale dei canguri, però, sembra meno dotata tecnicamente rispetto alle ultime edizioni, infatti è mancato un ricambio generazionale, tanto da costringere il tecnico Postecoglou a puntare sull'ormai non più giovanissimo Cahill come punta nel 4-2-3-1. L'altro elemento di qualità è Bresciano, ex Palermo ora in forza all'Al Gharafa, che sarà utilizzato come trequartista. A fare scudo davanti alla difesa ci sarà un altro “europeo”: Jedinak, mediano che ha giocato nel Crystal Palace quest'anno. La loro forza saranno soprattutto i calci piazzati dove potranno far valere la grande prestanza fisica, inoltre, sono abbastanza ordinati in fase difensiva.


    I CONVOCATI

    Portieri: Mathew Ryan (Club Brugge), Mitchell Langerak (Borussia Dortmund), Eugene Galekovic (Adelaide United);
    Difensori: Ivan Franjic (Brisbane Roar), Matthew Špiranovic (Western Sidney Wanderers), Bailey Wright (Preston North End), Jason Davidson (Heracles), Alex Wilkinson (Jeonbuk Motors), Ryan McGowan (Shandong Luneng);
    Centrocampisti: Mile Jedinak (Crystal Palace), Mark Milligan (Melbourne Victory), James Holland (Austria Vienna), Massimo Luongo (Swindon Town), Oliver Bozanic (Lucerna), Matt McKay (Brisbane Roar), Mark Bresciano (Al-Gharafa);
    Attaccanti: Tim Cahill (New York Red Bulls), Dario Vidošic (Sion), Thomas Oar (Utrecht), James Troisi (Melbourne Victory), Ben Halloran (Fortuna Düsseldorf), Adam Taggart (Newcastle Jets), Mathew Leckie (FSV Francoforte).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1):
    Ryan; Wilkinson, Franjic, McGowan, Davidson; Jedinak, Milligan; Vidosic, Cahill, Oar; Leckie.

    -----------------------------------------------------------------------------

    CILE

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 9 (esordio 1930)
    Miglior risultato: terzo posto 1962
    Classifica Fifa: 14° posto

    Può essere una delle outsider, ma il ct Sampaoli dovrà cercare di trovare le contromisure giuste per rendere più efficace la fase difensiva dei suoi, anche se il suo maestro è stato Marcelo Bielsa, non proprio un cultore del calcio difensivo, infatti, il tecnico del Cile punterà in questo Mondiale sia sul 3-3-1-3 sia sul più ordinario 4-3-3. I punti cardini dell'atteggiamento non cambieranno: pressing alto, difesa a centrocampo e gioco offensivo basato soprattutto sugli esterni. I cileni hanno comunque fatto bene nel girone di qualificazione, classificandosi al 3° posto, alle spalle soltanto di Argentina e della possibile sorpresa Colombia. Nella selezione ci sono due giocatori della Juventus, Isla che sarà il titolare sull'out di destra e Vidal, il vero leader della squadra che, tuttavia, non è al meglio dopo l'operazione al ginocchio, tanto che il dottore che l'ha operato, Ramón Cugat ne ha fortemente sconsigliato l'utilizzo. In difesa sarà abbassato Gary Medel, centrocampista in forza al Cardiff, invece in avanti si punterà sull'imprevedibilità e sulla rapidità di Eduardo Vargas e dell'altra stella Sánchez.


    I CONVOCATI

    Portieri: Claudio Bravo (Real Sociedad), Johnny Herrera (Universidad de Chile), Cristopher Toselli (Universidad Católica);
    Difensori: Gary Medel (Cardiff City), Gonzalo Jara (Nottingham Forest), Mauricio Isla (Juventus), Miiko Albornoz (Malmö), Eugenio Mena (Santos), José Rojas (Universidad de Chile);
    Centrocampisti: Arturo Vidal (Juventus), Marcelo Díaz (Basilea), Francisco Silva (Osasuna), Felipe Gutiérrez (Twente), Carlos Carmona (Atalanta), Jean Beausejour (Wigan), Charles Aránguiz (Internacional), Jorge Valdivia (Palmeiras), José Pedro Fuenzalida (Colo-Colo);
    Attaccanti: Alexis Sánchez (Barcelona), Eduardo Vargas (Valencia), Fabián Orellana (Celta Vigo), Mauricio Pinilla (Cagliari), Esteban Paredes (Colo-Colo).

    PROBABILE FORMAZIONE (3-4-1-2):
    Bravo; Jara, Medel, Albornoz; Isla, Diaz, Vidal, Mena; Valdivia; Sanchez, Vargas.

    -----------------------------------------------------------------------------

    OLANDA


    Partecipazioni campionato del mondo: 10 (esordio 1934)
    Miglior risultato: secondo posto 1974, 1978, 2010
    Classifica Fifa: 15° posto

    Sembrano essere anche loro in fase discendente rispetto al precedente Mondiale dove avevano potuto contare su uno straordinario organico, la qualità offensiva è rimasta alta, ma la difesa è composta da giocatori alla
    prima esperienza in una competizione così importante. A cercare di compensare questa carenza ci sarà Louis van Gaal, che non ha mai avuto timore nel lanciare i giovani, per questo motivo in porta ci sarà Jasper Cillessen, venticinquenne portiere in forza all'Ajax, davanti a lui ben tre giocatori del Feyenoord: Janmaat, Martins Indi e de Vrij che saranno guidati dall'esperto Vlaar. In avanti a fare da chioccia al giovane Depay ci saranno Sneijder (cinque reti in Sudafrica), Robben e naturalmente Robin van Persie. Per l'allenatore olandese questo Mondiale è l'occasione per far dimenticare la pessima figura fatta negli Europei 2012, quando gli oranje furono eliminati nel girone con tre sconfitte in altrettante partite, e per presentarsi al meglio alla nuova avventura sulla panchina del Manchester United.



    I CONVOCATI

    Portieri: Jasper Cillessen (Ajax), Tim Krul (Newcastle), Michel Vorm (Swansea);
    Difensori: Daley Blind (Ajax), Daryl Janmaat (Feyenoord), Terence Kongolo (Feyenoord), Bruno Martins Indi
    (Feyenoord), Joël Veltman (Ajax), Paul Verhaegh (Augsburg), Ron Vlaar (Aston Villa), Stefan de Vrij (Feyenoord);
    Centrocampisti: Jordy Clasie (Feyenoord), Leroy Fer (Norwich), Jonathan de Guzmán (Swansea), Nigel de Jong (Milan), Wesley Sneijder (Galatasaray), Georginio Wijnaldum (PSV);
    Attaccanti: Memphis Depay (PSV), Klaas-Jan Huntelaar (Schalke 04), Dirk Kuyt (Fenerbahce), Jeremain Lens (Dynamo Kiev), Robin van Persie (Manchester United), Arjen Robben (Bayern Monaco).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1):
    Cillesen; Jaanmat, Vlaar, Martins Indi, Blind; De Jong, Clasie; Robben, Sneijder, Lens; Van Persie.
  4.     Mi trovi su: Homepage #9465794
    Tutto sul gruppo C (Colombia, Costa d'Avorio, Giappone, Grecia)

    COLOMBIA


    Partecipazioni campionato del mondo
    : 5 (esordio 1962)
    Miglior risultato: ottavi di finale 1990
    Classifica Fifa: 8° posto

    Insieme al Belgio la nazionale che può sorprendere maggiormente in questo Mondiale, i sudamericani si sono qualificati come secondi dietro l'Argentina, ma con la miglior difesa. Mancherà la grande stella Falcao che non è riuscito a recuperare una forma ottimale nonostante i tanti sforzi e il giocatore dell'Udinese Muriel escluso nella lista definitiva, ma il tecnico Pekerman ha ottime alternative in avanti, con una coppia d'attacco che dovrebbe essere Martínez-Bacca, supportati dalla fantasia a centrocampo degli “italiani” Guarín e Cuadrado, dell'ex Pescara Quintero e dal talento James Rodríguez. In porta ci sarà Ospina, che sarà protetto da una difesa quasi del tutto “europea” che avrà nell'ex milanista Yepes il leader. Alla quinta partecipazione alla rassegna mondiale la Colombia proverà a migliorare gli ottavi di finale raggiunti ad Italia '90, quando furono eliminati dal Camerun.


    I CONVOCATI

    Portieri: David Ospina (Nizza), Faryd Mondragón (Deportivo Cali), Camilo Vargas (Santa Fe);
    Difensori: Pablo Armero (West Ham), Eder Balanta (River Plate), Mario Yepes (Atalanta), Carlos Valdés (San Lorenzo), Cristian Zapata (Milan), Camilo Zúñiga (Napoli), Santiago Arias (PSV Eindhoven);
    Centrocampisti: Alex Mejía (Atletico Nacional), Aldo Leao Ramírez (Morelia), Abel Aguilar (Tolosa), Carlos Sánchez (Elche), Fredy Guarín (Inter), James Rodríguez (Monaco), Juan Cuadrado (Fiorentina), Juan Quintero (Porto);
    Attaccanti: Carlos Bacca (Siviglia), Teofilo Gutiérrez (River Plate), Victor Ibarbo (Cagliari), Jackson Martínez (Porto), Adrian Ramos (Borussia Dortmund).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-4-2):
    Ospina; Arias, Zapata, Yepes, Armero; Cuadrado, Aguilar, Guarin, J.Rodriguez; Bacca, Gutierrez.

    -----------------------------------------------------------------------------

    COSTA D'AVORIO

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 3 (esordio 2006)
    Miglior risultato: primo turno 2006, 2010
    Classifica Fifa: 62° posto

    A differenza delle altre africane il tecnico Lamouchi ha una grande quantità di giocatori dotati tecnicamente, anche se ormai alcuni hanno superato da qualche tempo l'apice della propria carriera. L'uomo chiave sarà sicuramente Yaya Touré che arriva a questo Mondiale dopo un anno con il Manchester City che l'ha consacrato
    come uno dei migliori, se non il migliore, centrocampista di Europa. In avanti spazio all'eterno Drogba, che dovrebbe relegare in panchina Bony, nonostante le venticinque reti stagionali del centravanti dello Swansea. Ci sarà anche il romanista Gervinho, mentre in difesa si punterà sulla coppia d'esperienza Touré-Zokora con l'interessante Aurier come terzino. L'allenatore dovrà anche cercare di riscattare la brutta prestazione in Coppa d'Africa dell'anno scorso che vide “gli elefanti” essere eliminati nei quarti di finale dalla Nigeria.


    I CONVOCATI

    Portieri: Boubacar Barry (Lokeren), Mande Sayouba (Stabaek), Sylvain Gbohouo (San-Pedro);
    Difensori: Serge Aurier (Tolosa), Souleyman Bamba (Trabzonspor), Constant Djakpa (Eintracht Francoforte), Artur Boka (Stoccarda), Didier Zokora (Trabzonspor) , Kolo Touré (Liverpool), Ousmane Viera (Rizespor), Akpa-Akpro (Tolosa);
    Centrocampisti: Yaya Touré (Manchester City), Serey Die (Basilea), Chieck Tioté (Newcastle), Ismael Diomandé (Saint-Etienne), Didier Ya Konan (Hannover), Max Gradel (Saint-Etienne);
    Attaccanti: Didier Drogba (Galatasaray), Giovanni Sio (Basilea), Wilfried Bony (Swansea), Salomon Kalou (Lille), Gervinho (Roma), Mathis Bolly (Fortuna Dusseldorf).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1):
    Barry; Aurier, K.Tourè, Bamba, Boka; Tiotè, Zokora; Gervinho, Y.Tourè, Kalou; Drogba.

    -----------------------------------------------------------------------------

    GIAPPONE

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 5 (esordio 1998)
    Miglior risultato: ottavi di finale 2002, 2010
    Classifica Fifa: 46° posto

    Sicuramente una delle nazionali cresciute maggiormente negli ultimi anni, anche grazie all'arrivo in panchina di Alberto Zaccheroni il 30 agosto 2010. Arrivano da campioni d'Asia in carica grazie al titolo conquistato in Qatar nel 2011 e l'obbiettivo è quello di migliorare gli ottavi di finale raggiunti nel 2002 e nel 2010. Il gruppo
    è quasi lo stesso del 2011 ed è ulteriormente migliorato grazie all'esperienza dei samurai arrivati in Europa. Ci saranno anche i due “milanesi” Nagatomo e Honda, l'interista giocherà come terzino sinistro, invece il milanista come trequartista centrale del 4-2-3-1. L'altra stella è certamente Shinji Kagawa del Manchester United che dovrebbe essere posizionato esterno sinistro d'attacco. I punti deboli della squadra sono decisamente la coppia di mediani Endo-Hasebe e la mancanza di un vero killer dell'area di rigore al posto di Kakitani, centravanti che gioca ancora in patria.


    I CONVOCATI

    Portieri: Eiji Kawashima (Standard Liegi), Shusaku Nishikawa (Urawa Reds), Shuichi Gonda (FC Tokyo);
    Difensori: Masahiko Inoha (Jubilo Iwata), Yasuyuki Konno (Gamba Osaka), Yuto Nagatomo (Inter), Masato Morishige (FC Tokyo), Atsuto Uchida (Schalke 04), Maya Yoshida (Southampton), Hiroki Sakai (Hannover), Gotoku Sakai (Stoccarda);
    Centrocampisti: Yasuhito Endo (Gamba Osaka), Makoto Hasebe (Norimberga), Toshihiro Aoyama (Sanfrecce Hiroshima), Hotaru Yamaguchi (Cerezo Osaka);
    Attaccanti: Keisuke Honda (Milan), Yoshito Okubo (Kawasaki Frontale), Shinji Okazaki (Magonza), Shinji Kagawa (Manchester United), Hiroshi Kiyotake (Norimberga), Yoichiro Kakitani (Cerezo Osaka), Manabu Saito (Yokohama F Marinos), Yuya Osako (Monaco 1860).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1):
    Kawashima; Uchida, Yoshida, Konno, Nagatomo; Hasebe, Endo; Kiyotake, Honda, Kagawa; Okazaki.

    -----------------------------------------------------------------------------

    GRECIA


    Partecipazioni campionato del mondo: 3 (esordio 1994)
    Miglior risultato: primo turno 1994, 2010
    Classifica Fifa: 12° posto

    Non sembra avere le qualità per ripetere un miracolo come quello del 2004 all'Europeo, ma sarà una squadra difficile da affrontare per tutte le altre grazie alla ottima fase difensiva che esercitano. La squadra sarà un mix di vecchie glorie e qualche giovane promessa, come il portiere Kapino ed il difensore Holebas, al centro ci sarà un esperto come Papastathopoulos con Moras, ora in forza all'Hellas Verona, che dovrebbe partire dalla panchina per lasciare spazio a Manolas. A centrocampo da segnalare la presenza dell'eterno ex Inter Giorgos Karagounis che cercherà di azionare i due giocatori di maggior classe: Samaras e la rivelazione Mitroglou
    che sembra aver recuperato perfettamente dall'infortunio che gli ha impedito di dare una mano al Fulham in Premier League. Sarà compito del tecnico Fernando Santos e del suo 4-3-3 cercare di ripercorrere le imprese di Otto Rehhagel e, quindi, di superare per la prima volta nella storia il girone eliminatorio.


    I CONVOCATI

    Portieri: Orestis Karnezis (Granada), Panaglotis Glykos (PAOK), Stefanos Kapino (Panathinaikos);
    Difensori: Kostas Manolas (Olympiakos), Giannis Maniatis (Olympiakos), Jose Holebas (Olympiakos), Sokratis
    Papastathopoulos (Borussia Dortmund), Giorgios Tzavellas (PAOK), Loukas Vyntra (Levante), Vasilis Torosidis (Roma), Vangelis Moras (Hellas Verona);
    Centrocampisti: Alexandros Tziolis (Kayserispor), Andreas Samaris (Olympiakos), Kostas Katsouranis (PAOK), Giorgos Karagounis (Fulham), Panagiotis Tachtsidis (Torino), Ioannis Fetfatzidis (Genoa), Lazaros Christodoulopoulos (Bologna), Panagiotis Kone (Bologna);
    Attaccanti: Dimitris Salpingidis (PAOK), Giorgios Samaras (Celtic), Konstantinos Mitroglou (Fulham), Theofanis Gekas (Konyaspor).


    PROBABILE FORMAZIONE (4-5-1):
    Karnezis; Torosidis, Sokratis, Manolas, Holebas; Salpingidis, Maniatis, Karagounis, Tziolis, Samaras; Mitroglou.
  5.     Mi trovi su: Homepage #9465795
    Tutto sul gruppo D (Uruguay, Italia, Costa Rica, Inghilterra)

    URUGUAY

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 12 (esordio 1930)
    Miglior risultato: campioni 1930, 1950
    Classifica Fifa: 7° posto


    I CONVOCATI

    Portieri: Fernando Muslera (Galatasaray), Martin Silva (Vasco Da Gama), Rodrigo Munoz (Libertad).
    Difensori: Diego Lugano (West Bromwich Albion), Diego Godin (Atletico Madrid), José Maria Gimenez (Atletico Madrid), Martin Caceres (Juventus), Maximiliano Pereira (Benfica), Jorge Fucile (Porto), Sebastian Coates (Nacional).
    Centrocampisti: Egidio Arevalo Rios (Morelia), Walter Gargano (Parma), Diego Perez (Bologna), Alvaro Gonzalez (Lazio), Alvaro Pereira (San Paolo), Cristian Rodriguez (Atletico Madrid), Gaston Ramirez (Southampton), Nicolas Lodeiro (Botafogo).
    Attaccanti: Luis Suarez (Liverpool), Edinson Cavani (PSG), Diego Forlan (Cerezo Osaka), Cristian Stuani (Espanyol), Abel Hernandez (Palermo).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-4-2):
    Muslera; M.Pereira, Godin, Lugano, Caceres; Ramirez, Gargano, Rios, C.Rodriguez; Suarez, Cavani.

    -----------------------------------------------------------------------------

    ITALIA

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 18 (esordio 1934)
    Miglior risultato: campioni 1934, 1938, 1982, 2006
    Classifica Fifa: 9° posto


    I CONVOCATI

    Portieri: 1 Buffon (Juventus), 13 Perin (Genoa), 12 Sirigu (Paris St. Germain);
    Difensori: 7 Abate (Milan), 15 Barzagli (Juventus), 19 Bonucci (Juventus), 3 Chiellini (Juventus), 4 Darmian (Torino), 2 De Sciglio (Milan), 20 Paletta (Parma);
    Centrocampisti: 14 Aquilani (Fiorentina), 6 Candreva (Lazio), 16 De Rossi (Roma), 8 Marchisio (Juventus), 5 Thiago Motta (Paris St. Germain), 18 Parolo (Parma), 21 Pirlo (Juventus), 23 Verratti (Paris St. Germain);
    Attaccanti: 9 Balotelli (Milan), 10 Cassano (Parma), 11 Cerci (Torino), 17 Immobile (Torino), 22 Insigne (Napoli).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-3-2-1):
    Buffon; Darmian, Barzagli, Chiellini, De Sciglio; De Rossi, Pirlo, Verratti; Candreva, Marchisio; Balotelli.

    -----------------------------------------------------------------------------

    COSTA RICA

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 4 (esordio 1990)
    Miglior risultato: ottavi di finale 1990
    Classifica Fifa: 28° posto


    I CONVOCATI

    Portieri: Keylor Navas (Levante), Patrick Pemberton (Alajuelense) e Daniel Cambronero (Herediano).
    Difensori: Giancarlo Gonzalez (Columbus Crew), Johnny Acosta (Alajuelense), Michael Umana (Saprissa), Roy Miller (Red Bulls), Junior Diaz (Main 05), Christian Gamboa (Rosenborg), Oscar Duarte (Bruges-Belgio), Waylon Francis (Columbus Crew-), Heiner Mora (Saprissa).
    Centrocampisti: Michael Barrantes (Aalesunds), Jose’ Miguel Cubero (Herediano), Yeltsin Tejeda (Saprissa), Celso Borges (AIK), Esteban Granados (Herediano), Christian Bolanos (Copenhagen).
    Attaccanti: Joel Campbell (Olympiakos), Bryan Ruiz (PSV), Randall Brenes (Cartagine’s), Diego Calvo (Valerenga), Marco Urena (Kuban Krasnodar).

    PROBABILE FORMAZIONE (5-4-1):
    Navas; Gamboa, Acosta, G.Gonzalez, Umana, Diaz; Ruiz, Borges, Tejeda, Bolanos; Campbell.

    -----------------------------------------------------------------------------

    INGHILTERRA


    Partecipazioni campionato del mondo: 14 (esordio 1950)
    Miglior risultato: campioni 1966
    Classifica Fifa: 10° posto


    I CONVOCATI

    Portieri: Hart (Manchester City), Forster (Celtic), Foster (WBA)
    Difensori: Johnson (Liverpool), Cahill (Chelsea), Smalling (Manchester Utd), Jones (Manchester Utd), Jagielka (Everton), Baines (Everton), Shaw (Southampton).
    Centrocampisti: Gerrard (Liverpool), Lampard (Chelsea), Henderson (Liverpool), Milner (Manchester City), Wilshere (Arsenal), Lallana (Southampton), Sterling (Liverpool), Oxlade-Chamberlain (Arsenal), Barkley (Everton).
    Attaccanti: Rooney (Manchester Utd), Welbeck (Manchester Utd), Sturridge (Liverpool), Lambert (Southampton).


    PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3):
    Hart; G.Johnson, Cahill, Jagielka, Baines; Gerrard, Henderson, Lampard; Sturridge, Rooney, Welbeck.
  6.     Mi trovi su: Homepage #9465796
    Tutto sul gruppo E (Svizzera, Ecuador, Honduras, Francia)

    SVIZZERA


    Partecipazioni campionato del mondo
    : 10 (esordio 1934)
    Miglior risultato: quarti di finale 1934, 1938, 1954
    Classifica Fifa: 6° posto

    Ritenuta la formazione meno importante tre le otto teste di serie del sorteggio la nazionale elvetica si prepara alla terza partecipazione di fila ai Mondiali, e sia nel 2006 sia nel 2010 ha dimostrato un'ottima tenuta difensiva, uscendo in Germania con la porta imbattuta (eliminazione ai rigori contro l'Ucraina dopo lo 0-0 dei 120') e in Sud Africa subendo solamente un gol (del cileno Mark González), con una storica vittoria sulla Spagna poi diventata campione un mese più tardi. Per tutti questi motivi anche stavolta la Svizzera sarà un osso duro da superare, guidata per l'ultima volta dal tedesco Ottmar Hitzfeld, che dopo i Mondiali lascerà l'incarico a Vladimir Petkovic, i rossocrociati hanno chiuso la fase di qualificazione con un percorso netto, rimanendo imbattuti nelle dieci partite giocate e portando la striscia positiva in gare ufficiali a quasi tre anni (ultima sconfitta nell'ottobre del
    2011). Si tratta di una squadra piuttosto giovane, con soli tre giocatori arrivati a compiere trent'anni (il portiere Diego Benaglio, lo juventino Stephan Lichtsteiner e l'ex del Palermo Steve von Bergen), a centrocampo c'è il gruppo formato dai tre giocatori del Napoli (Valon Behrami, Blerim Džemaili e Gökhan Inler) e gran parte della rosa, come accaduto nelle rappresentative giovanili, è di origine straniera. In attacco il punto di riferimento sarà Josip Drmic, autore di diciassette gol nell'ultima Bundesliga, con lui l'ex della Fiorentina Haris Seferovic, mentre a inventare ci sarà Xherdan Shaqiri, il più dotato tecnicamente. Attenzione ad altri due giovani: il terzino sinistro del Wolfsburg Ricardo Rodríguez e il centrocampista Granit Xhaka, cercato dall'Inter. Fare bene in Brasile permetterebbe agli ellenici di dimostrare come la loro presenza nelle teste di serie non fosse poi
    così sbagliata.


    I CONVOCATI

    Portieri: Diego Benaglio (Wolfsburg), Roman Bürki (Grasshoppers), Yann Sommer (Basilea);
    Difensori: Johan Djourou (Amburgo), Michael Lang (Grasshoppers), Stephan Lichtsteiner (Juventus), Ricardo Rodríguez (Wolfsburg), Fabian Schär (Basilea), Philippe Senderos (Valencia), Steve von Bergen (Young Boys), Reto Ziegler (Sassuolo);
    Centrocampisti: Tranquillo Barnetta (Eintracht Francoforte), Valon Behrami (Napoli), Blerim Džemaili (Napoli), Gelson Fernandes (Friburgo), Gökhan Inler (Napoli), Xherdan Shaqiri (Bayern Monaco), Valentin Stocker (Hertha Berlino), Granit Xhaka (Borussia Mönchengladbach);
    Attaccanti: Josip Drmic (Norimberga), Mario Gavranovic (Zurigo), Admir Mehmedi (Friburgo), Haris Seferovic (Real Sociedad).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1): Benaglio; Lichtsteiner, Djourou, Von Bergen, R.Rodriguez; Behrami, Inler; Shaqiri, Xhaka, Stocker; Drmic.

    -----------------------------------------------------------------------------

    ECUADOR

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 3 (esordio 2002)
    Miglior risultato: ottavi di finale 2006
    Classifica Fifa: 26° posto

    Grande sorpresa nel raggruppamento sudamericano, l'Ecuador ha ottenuto la qualificazione diretta ai danni dell'Uruguay, "rimandato" ai play-off grazie a una vittoria negli ultimi turni. La Tri ha sfruttato al meglio il fatto di giocare le partite casalinghe ai quasi tremila metri di Quito, dove per molte squadre è problematico giocare, e infatti in casa non perde in gare ufficiali dal 2009. Il Brasile però è molto diverso dall'Ecuador, e quindi il commissario tecnico colombiano Reinaldo Rueda dovrà cercare nuove idee per passare il turno come successo nel 2006. Di certo non mancheranno le motivazioni, perché tutti i giocatori vorranno onorare al meglio la memoria di Christian Benítez, prematuramente scomparso a causa di un attacco cardiaco l'anno scorso. Chucho era un'icona in patria, anche più dell'esterno del Manchester United Luis Antonio Valencia, il giocatore più conosciuto invece a livello internazionale, la sua morte è stato uno choc per tutto il paese e la sua maglia storica, la numero undici, ai Mondiali verrà indossata da Felipe Caicedo, bomber giramondo con un passato in varie squadre, tra cui il Manchester City, ora in forza all'Al-Jazira. Non è una squadra straordinaria ma
    molti giocatori hanno grande esperienza estera (Segundo Castillo, Édison Méndez e Christian Noboa
    su tutti), cercherà di contendere a Francia e Svizzera uno dei due posti per gli ottavi, magari puntando sulla simpatia del pubblico brasiliano a causa della presenza in rosa di Fidel Martínez (ottimo giocatore di proprietà dei messicani del Club Tijuana), meglio conosciuto come El Neymar Ecuatoriano per via della sua somiglianza con l'asso verde-oro.


    I CONVOCATI

    Portieri: Máximo Banguera (Barcelona Guayaquil), Adrián Bone (El Nacional), Alexander Domínguez (LDU Quito);
    Difensori: Gabriel Achilier (Emelec), Óscar Bagüí (Emelec), Frickson Erazo (Flamengo), Jorge Guagua (Emelec), Juan Carlos Paredes (Barcelona Guayaquil);
    Centrocampisti: Walter Ayoví (Pachuca), Segundo Castillo (Al-Hilal), Carlos Gruezo (Stoccarda), Renato Ibarra (Vitesse), Fidel Martínez (Club Tijuana), Édison Méndez (Independiente Santa Fe), Christian Noboa (Dinamo Mosca), Luis Saritama (Barcelona Guayaquil), Luis Antonio Valencia (Manchester United);
    Attaccanti: Michael Arroyo (Atlante), Jaime Ayoví (Club Tijuana), Felipe Caicedo (Al-Jazira), Jefferson Montero (Morelia), Joao Rojas (Morelia), Enner Valencia (Pachuca).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-4-2):
    Dominguez; Paredes, Erazo, Guagua, Ayovì; A.Valencia, Noboa, Gruezo, Montero; E.Valencia, Caicedo.

    -----------------------------------------------------------------------------

    HONDURAS

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 3 (esordio 1982)
    Miglior risultato: primo turno 1982, 2010
    Classifica Fifa: 33° posto

    Una delle più piccole realtà delle trentadue formazioni presenti ai Mondiali, l'Honduras si ripresenta alla fase finale dopo l'impresa storica del 2010, seconda qualificazione dopo quella del 1982 e arrivata grazie a un
    regalo incredibile da parte degli Stati Uniti nell'ultimo minuto dell'ultima giornata del raggruppamento CONCACAF. Stavolta il percorso è stato più tranquillo, in quanto il Messico ha avuto grandi difficoltà, e il terzo posto dietro a Costa Rica e Stati Uniti nel girone finale è stato utile per andare direttamente ai Mondiali evitando i play-off. Non c'è più l'ex di Cagliari e Inter David Suazo, ritiratosi l'anno scorso e ora osservatore per il club rossoblù, il velocissimo attaccante con un lungo trascorso in Italia è stato per anni il punto di riferimento degli
    honduregni fuori dai confini nazionali e questo ruolo al momento l'ha preso Emilio Izaguirre, terzino del Celtic Glasgow dall'ottimo rendimento. Squadra piuttosto esperta, con Luis Fernando Suárez in panchina, che può contare sull'apporto di Maynor Figueroa (da anni in Inghilterra e noto per un gol da centrocampo realizzato nel 2009 in Premier League) e Wilson Palacios (stavolta con lui c'è solo uno dei fratelli, Jerry, a differenza del
    2010 dove c'era pure Johnny per un curioso record familiare), le speranze di tornare a fare gol nei Mondiali dopo trentadue anni sono soprattutto sulle spalle di Jerry Bengtson e Carlo Costly (rispettivamente otto e sei reti nelle qualificazioni), mentre l'esterno classe 1993 Andy Najar potrà confermare ciò che di buono si dice sul suo conto, dopo un ottimo anno e mezzo nelle file dell'Anderlecht. Nella sua storia manca ancora una vittoria ai Mondiali, chissà che non sia questo l'anno buono, ma per passare il turno ci vorrà un miracolo.


    I CONVOCATI

    Portieri: Donis Escober (CD Olimpia), Luis López (Real España), Noel Valladares (CD Olimpia);
    Difensori: Brayan Beckeles (CD Olimpia), Víctor Bernárdez (San Jose Earthquakes), Osman Chávez (Qingdao Jonoon), Maynor Figueroa (Hull City), Juan Carlos García (Wigan), Emilio Izaguirre (Celtic), Juan Pablo Montes (Motagua);
    Centrocampisti: Marvin Chávez (Chivas USA), Jorge Claros (Motagua), Roger Espinoza (Wigan), Oscar Boniek García (Houston Dynamo), Luis Garrido (CD Olimpia), Mario Roberto Martínez (Real España), Andy Najar (Anderlecht), Wilson Palacios (Stoke City), Arnold Peralta (Glasgow Rangers);
    Attaccanti: Jerry Bengtson (New England Revolution), Carlo Costly (Real España), Rony Martínez (CD Real Sociedad), Jerry Palacios (Alajuelense).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-4-2):
    Valladares; Beckeles, Bernardez, Figueroa, Izaguirre; B.Garcia, W.Palacios, Garrido, Espinoza; Costly, Bengtson.

    -----------------------------------------------------------------------------

    FRANCIA


    Partecipazioni campionato del mondo: 14 (esordio 1930)
    Miglior risultato: vincitori 1998
    Classifica Fifa: 17° posto

    Tralasciando la "fortuna" al sorteggio già citata è altrettanto fuori discussione che quest'anno i transalpini si presentino in Brasile con aspettative di gran lunga superiori rispetto alla fallimentare esperienza in Sud Africa, chiusa non soltanto con l'eliminazione al primo turno quanto con una sorta di ammutinamento nei confronti dell'attuale CT Raymond Domenech, licenziato poco dopo la fine del torneo. Il nuovo corso voluto da Laurent Blanc ha portato alla ribalta diversi componenti della generazione di giocatori nati dopo il 1990, che presumibilmente hanno iniziato a interessarsi al calcio grazie al trionfo del 1998 firmato Zinédine Zidane: il difensore del Real Madrid Raphaël Varane, il centrocampista della Juventus Paul Pogba e l'attaccante della Real Sociedad Antoine Griezmann sono i tre che hanno più possibilità di essere scelti da Didier Deschamps nell'undici titolare, e affiancherebbero elementi di maggiore esperienza come Patrice Evra, Olivier Giroud e Bacary Sagna. Accanto al centravanti dell'Arsenal ci sarà senza dubbio Karim Benzema, autore di uno dei tre gol che hanno permesso a Les Bleus di ribaltare la sconfitta in Ucraina nei play-off vincendo per 3-0 al ritorno, le altre due reti furono propiziate da Mamadou Sakho (la seconda fu un autogol) con degli inserimenti sui calci piazzati, arma che presumibilmente i francesi cercheranno di sfruttare anche ai Mondiali. Il grande problema degli infortuni, comune a molte squadre nelle ultime ore, ha pesantemente colpito la Francia, che dovrà
    rinunciare a Clement Grenier e soprattutto Franck Ribéry: al posto del centrocampista del Lione e del leader del Bayern Monaco ci saranno Rémy Cabella e Morgan Schneiderlin (ancora escluso Samir Nasri), buoni giocatori ma di certo non la stessa cosa. In ogni caso la Francia si candida come una delle possibili rivelazioni dal gruppo di seconda fascia.


    I CONVOCATI

    Portieri: Hugo Lloris (Tottenham), Mickaël Landreau (Bastia), Stéphane Ruffier (Saint-Étienne);
    Difensori: Mathieu Debuchy (Newcastle United), Lucas Digne (Paris Saint-Germain), Patrice Evra (Manchester United), Laurent Koscielny (Arsenal), Eliaquim Mangala (Porto), Bacary Sagna (Arsenal), Mamadou Sakho (Liverpool), Raphaël Varane (Real Madrid);
    Centrocampisti: Yohan Cabaye (Paris Saint-Germain), Rémy Cabella (Montpellier), Morgan Schneiderlin (Southampton), Blaise Matuidi (Paris Saint-Germain), Rio Mavuba (Lille), Paul Pogba (Juventus), Moussa Sissoko (Newcastle United), Mathieu Valbuena (Marsiglia);
    Attaccanti: Karim Benzema (Real Madrid), Olivier Giroud (Arsenal), Antoine Griezmann (Real Sociead), Loïc Rémy (Newcastle United).


    PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3):
    Lloris; Debuchy, Varane, Sakho, Evra; Matuidi, Pogba, Cabaye; Griezmann, Benzema, Valbuena.
  7.     Mi trovi su: Homepage #9465797
    Tutto sul gruppo F (Argentina, Nigeria, Iran, Bosnia)

    ARGENTINA


    Partecipazioni campionato del mondo
    : 16 (esordio 1930)
    Miglior risultato: vincitori 1978, 1986
    Classifica Fifa: 5° posto

    Sono ventuno anni, dalla Copa América del 1993, che l'Argentina non vince un titolo a livello di nazionale maggiore. Tanto, anzi troppo, per una delle squadre più importanti del panorama calcistico internazionale, e perciò l'appuntamento in casa dei grandi rivali di sempre del Brasile non può che essere atteso con grandi aspettative dal popolo argentino, che vive di calcio ventiquattro ore su ventiquattro. Il girone di qualificazione,
    complice l'assenza dei verde-oro, è stato vinto senza troppi problemi con sole due sconfitte, di cui una in casa dell'Uruguay all'ultima giornata quando ormai contava poco e niente. La Selección si affiderà al suo uomo di punta, il miglior giocatore del mondo, Lionel Messi, al suo terzo Mondiale e obbligato a cancellare lo zero nella casella dei gol segnati in Sud Africa: qualcuno dice che Leo si è preservato per arrivare al meglio in Brasile saltando alcune partite in stagione con il Barcellona, di certo servirà averlo in gran forma per vincere.
    Accanto alla Pulga agiranno due assoluti fenomeni come Sergio Agüero e Gonzalo Higuaín, con altrettanti ricambi di lusso rappresentati da Ezequiel Lavezzi e Rodrigo Palacio (questi cinque nomi fanno capire che la scelta di non portare Carlos Tévez, seppur discutibile, non sia stata così scriteriata). Si tratta di una delle formazioni dal maggior tasso tecnico, anche perché a centrocampo può contare su uno che non sbaglia una partita da anni, Ángel Di María, e per equilibrare tutto questo talento Alejandro Sabella ha rimesso davanti alla difesa Javier Mascherano, usato al Barça quasi soltanto da difensore centrale. L'unico vero punto
    debole può essere in porta, perché dei tre convocati nessuno sembra dare troppe garanzie (partirà titolare Sergio Romero, riserva al Monaco), forse sarebbe stato meglio puntare su Caballero del Málaga o Marchesín del Lanús. Dovesse trionfare al Maracanã il 13 luglio entrerebbe di diritto nella leggenda del calcio argentino, e se la finale fosse contro il Brasile i fuochi d'artificio sarebbero scontati...


    I CONVOCATI

    Portieri: Mariano Andújar (Catania), Agustín Orión (Boca Juniors), Sergio Romero (Monaco);
    Difensori: José María Basanta (Monterrey), Hugo Armando Campagnaro (Inter), Martín Demichelis (Manchester City), Federico Fernández (Napoli), Ezequiel Garay (Benfica), Marcos Rojo (Sporting Lisbona), Pablo Zabaleta (Manchester City);
    Centrocampisti: Ricardo Álvarez (Inter), Lucas Biglia (Lazio), Ángel Di María (Real Madrid), Augusto Fernández (Celta Vigo), Fernando Gago (Boca Juniors), Javier Mascherano (Barcellona), Enzo Pérez (Benfica), Maxi Rodríguez (Newell's Old Boys);
    Attaccanti: Sergio Agüero (Manchester City), Gonzalo Higuaín (Napoli), Ezequiel Lavezzi (Paris Saint-Germain), Lionel Messi (Barcellona), Rodrigo Palacio (Inter).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1): Romero; Zabaleta, Fernandez, Garay, Rojo; Mascherano, Gago; Aguero, Messi, Di Maria; Higuain.

    -----------------------------------------------------------------------------

    NIGERIA

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 5 (esordio 1994)
    Miglior risultato: ottavi di finale 1994, 1998
    Classifica Fifa: 44° posto

    Le Super Eagles tornano in Brasile un anno dopo la Confederations Cup alla quale hanno partecipato per aver vinto la Coppa d'Africa del 2013. Passare il girone era proibitivo, vista la presenza di Spagna e Uruguay, e infatti sono arrivati solamente i tre punti "obbligati" contro Tahiti (subendo peraltro un gol nel 6-1 finale). L'esperienza comunque è servita per prendere confidenza con l'ambiente brasiliano, e quindi gli africani potrebbero sfruttare quanto già sperimentato dodici mesi fa per fare meglio e rendere le cose difficili alla Bosnia (dando l'Argentina
    praticamente certa del passaggio del turno). Non c'è l'ex interista Obafemi Martins, la cui carriera ha preso una piega discendente tanto da lasciarlo nuovamente fuori dal gruppo di giocatori convocati da Stephen Keshi, che ha invece puntato sull'attaccante del Newcastle United Shola Ameobi, inglese naturalizzato nigeriano due anni fa. Sono molti i giocatori che militano nel campionato inglese, da John Obi Mikel a Victor Moses passando per Joseph Yobo, tornato in nazionale dopo oltre un anno di assenza alla pari di Peter Odemwingie (anche lui proveniente dalla Premier League). I gol dovrebbero essere garantiti soprattutto da Emmanuel Emenike e Ahmed Musa, mentre del gruppo di quattro giocatori "italiani" ha resistito solamente il laziale Ogenyi Eddy Onazi, perché Joel Obi, Victor Obinna e Nnamdi Oduamadi sono stati tutti tagliati dopo l'inserimento nei pre-convocati. Il portiere Vincent Enyeama (più volte a segno dal dischetto in carriera) quattro anni fa fu superlativo contro Messi, proverà a ripetersi anche il 25 giugno, consapevole però che non sarà facile e che potrebbe non bastare.


    I CONVOCATI

    Portieri: Chigozie Agbim (Enugu Rangers), Austin Ejide (Hapoel Be'er Sheva), Vincent Enyeama (Lille);
    Difensori: Efe Ambrose (Celtic), Elderson Echiéjilé (Monaco), Azubuike Egwuekwe (Warri Wolves), Godfrey Oboabona (Çaykur Rizespor), Kunle Odunlami (Sunshine Stars), Kenneth Omeruo (Middlesbrough), Juwon Oshaniwa (Ashdod), Joseph Yobo (Norwich);
    Centrocampisti: Ramón Azeez (Almería), Reuben Gabriel (Kilmarnock), Victor Moses (Liverpool), John Obi Mikel (Chelsea), Ogenyi Eddy Onazi (Lazio), Michael Uchebo (Cercle Bruges);
    Attaccanti: Shola Ameobi (Newcastle United), Michel Babatunde (Volyn), Emmanuel Emenike (Fenerbahçe), Ahmed Musa (CSKA Mosca), Uche Nwofor (Heerenveen), Peter Odemwingie (Stoke City).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1):
    Enyeama; Omeruo, Ambrose, Oboabona, Elderson; Onazi, Mikel; Musa, Moses, Odemwingie; Emenike.

    -----------------------------------------------------------------------------

    IRAN

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 4 (esordio 1978)
    Miglior risultato: primo turno 1978, 1998, 2006
    Classifica Fifa: 43° posto

    È una delle nazionali meno note tra le qualificate, e questo spiega perché siano in pochissimi a credere realmente al fatto che gli iraniani possano ottenere per la prima volta il passaggio del turno, dopo che nelle tre
    precedenti partecipazioni l'ostacolo del girone iniziale non è mai stato superato. Al fischio finale della partita contro la Corea del Sud, quando l'accesso ai Mondiali è diventato ufficiale, la reazione della panchina, incluso il commissario tecnico portoghese Carlos Queiroz, è stata eccessivamente aggressiva nei confronti degli avversari, frutto di una critica da parte dei coreani nella gara di andata su una presunta mancanza di ospitalità, la rete di Reza Ghoochannejhad ha mandato nuovamente in visibilio un paese che per il calcio aveva già
    esultato nel 1998, in occasione della storica (anche per motivi extra-calcistici) vittoria per 2-1 sugli Stati Uniti. La punta del Charlton è uno dei giocatori che l'allenatore portoghese, ex vice di Sir Alex Ferguson al Manchester United, ha voluto portare in nazionale pur non giocando in patria e non avendo tante presenze, lo stesso è accaduto con il portiere Daniel Davari e il talentuoso ma incostante Ashkan Dejagah, retrocesso con il Fulham nonostante alcuni gol di pregevole fattura sul finire di stagione. In mezzo al campo i veterani Javad Nekounam e Andranik Teymourian garantiranno grande esperienza (sono tra i pochi reduci di Germania 2006), dietro invece il leader è il trentaduenne Jalal Hosseini. L'altro nome di rilievo è Masoud Shojaei,
    in Spagna dal 2008, per il resto non c'è molto altro e per questo gli asiatici è presumibile che fatichino enormemente nelle tre gare del girone.


    I CONVOCATI

    Portieri: Rahman Ahmadi (Sepahan), Daniel Davari (Grasshoppers), Alireza Haghighi (Sporting Covilhã);
    Difensori: Ahmad Alenemeh (Naft Teheran), Hashem Beikzadeh (Esteghlal), Steven Beitashour (Vancouver Whitecaps), Jalal Hosseini (Persepolis), Hossein Mahini (Persepolis), Pejman Montazeri (Umm-Salal), Mehrdad Pooladi (Persepolis), Amir Hossein Sadeqi (Esteghlal);
    Centrocampisti: Ghasem Hadadifar (Zob Ahan Isfahan), Reza Haghighi (Persepolis), Ehsan Hajsafi (Sepahan), Javad Nekounam (Al-Kuwait), Bakhtiar Rahmani (Foolad), Masoud Shojaei (Las Palmas), Andranik Teymourian (Esteghlal);
    Attaccanti: Karim Ansarifard (Tractor Sazi), Ashkan Dejagah (Fulham), Reza Ghoochannejhad (Charlton), Khosro Heydari (Esteghlal), Alireza Jahanbakhsh (NEC).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1):
    Ahmadi; Heydari, Hosseini, Montazeri, Pooladi; Teymourian, Haghihi; Dejagah, Nakounam, Shojaei; Ghoochannejhad.

    -----------------------------------------------------------------------------

    BOSNIA


    Partecipazioni campionato del mondo: 1 (esordio 2014)
    Miglior risultato:
    Classifica Fifa: 21° posto

    Per la prima volta partecipa alla fase finale dei Mondiali, un risultato storico per una nazione piuttosto giovane in quanto uscita dalla terribile Guerra dei Balcani di inizio anni '90. I bosniaci proveranno a sorprendere il mondo come fece la Croazia nel 1998, altra debuttante proveniente dallo sgretolamento dei paesi dell'ex Jugoslavia, e a dirla tutta proprio come i croati in Francia la Bosnia sembra avere diverse carte in regola per andare avanti nella competizione (considerato anche un eventuale incrocio non irresistibile in caso di passaggio agli ottavi). La
    vittoria per 1-0 in Lituania dello scorso 15 ottobre ha mandato in festa un paese intero, più volte arrivato vicino alla qualificazione negli ultimi anni ma sempre stoppato dal Portogallo ai play-off, sia per i Mondiali del 2010 sia per gli Europei del 2012, l'anno scorso è stata la Grecia a mettere in grossa difficoltà la nazionale di Safet Sušic, prima solo per una migliore differenza reti. Il centravanti totale Edin Džeko, campione in Premier League con il Manchester City e decisivo nel finale di stagione con diversi gol importanti, guiderà un gruppo ricco di nomi importanti, a innescare l'ex Wolfsburg ci sarà Miralem Pjanic, autore di un campionato strepitoso con la Roma, e non bisogna dimenticare un cecchino infallibile sui calci piazzati come Sejad Salihovic (undici gol in Bundesliga con l'Hoffenheim) e Vedad Ibiševic, autore della rete decisiva in Lituania. Il reparto meno forte è la difesa, dove spiccano il centrale del Bayer Leverkusen Emir Spahic (capitano) e l'interessante Sead Kolašinac dello Schalke 04, se dietro la retroguardia non sarà infallibile potrebbe comunque metterci una pezza Asmir Begovic, portiere di ottimo valore autore di un incredibile gol dalla propria area con la maglia dello Stoke City quest'anno. Debutto da sogno in arrivo?


    I CONVOCATI

    Portieri: Asmir Begovic (Stoke City), Jasmin Fejzic (Aalen), Asmir Avdukic (Borac Banja Luka);
    Difensori: Muhamed Bešic (Ferencváros), Ermin Bicakcic (Hoffenheim), Sead Kolašinac (Schalke 04), Mensur Mujdža (Friburgo), Emir Spahic (Bayer Leverkusen), Toni Šunjic (Zorja), Ognjen Vranješ (Elazigspor);
    Centrocampisti: Anel Hadžic (Sturm Graz), Izet Hajrovic (Galatasaray), Senijad Ibricic (Erciyesspor), Senad Lulic (Lazio), Haris Medunjanin (Gaziantepspor), Zvjezdan Misimovic (Guizhou Renhe), Miralem Pjanic (Roma), Sejad Salihovic (Hoffenheim), Tino-Sven Sušic (Hajduk Spalato), Avdija Vršajevic (Hajduk Spalato);
    Attaccanti: Edin Džeko (Manchester City), Vedad Ibiševic (Stoccarda), Edin Višca (Istanbul BB).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-4-2):
    Begovic; Vrsajevic, Bicakcic, Spahic, Salihovic; Medunjanin; Pjanic, Misimovic, Lulic; Ibisevic, Dzeko.
  8.     Mi trovi su: Homepage #9465798
    Tutto sul gruppo G (Germania, Ghana, Stati Uniti, Portogallo)

    GERMANIA


    Partecipazioni campionato del mondo
    : 18 (esordio 1934)
    Miglior risultato: vincitori 1954, 1974, 1990
    Classifica Fifa: 2° posto

    Perdita decisamente significativa quella Marco Reus, uno che sarebbe certamente stato protagonista di questo Mondiale, ma Löw può comunque contare su una rosa di livello altissimo che può arrivare in fondo. Il gioco non è tipicamente tedesco, infatti si è parlato anche di falso nueve con Klose relegato in panchina (dopo aver superato Gerd Müller come miglior marcatore di tutti i tempi con la maglia della Germania cercherà di battere anche il record di reti totali nei Mondiali, infatti, attualmente è al secondo posto a -1 da Ronaldo che ne ha siglate 15) per fare spazio a Mario Götze. In porta ci sarà Neuer con davanti una difesa solidissima guidata dal capitano Lahm e da Hummels, in mediana Schweinsteiger e davanti ci sarà l'imbarazzo della scelta con Müller, Özil e Schürrle favoriti. L'obbiettivo è vincere, anche perché nelle ultime tre rassegne la Germania è sempre arrivata sul podio (un secondo posto e due terzi posti), ma manca il bersaglio grosso da Italia '90, quando si chiamava ancora Germania Ovest e sconfisse in finale l'Argentina grazie ad un rigore dell'ex interista Brehme.


    I CONVOCATI

    Portieri: Manuel Neuer (Bayern Monaco), Roman Weidenfeller (Borussia Dortmund), Ron-Robert Zieler (Hannover 96);
    Difensori: Jérôme Boateng (Bayern Monaco), Erik Durm (Borussia Dortmund), Kevin Großkreutz (Borussia Dortmund), Benedikt Höwedes (Schalke 04), Mats Hummels (Borussia Dortmund), Philipp Lahm (Bayern Monaco), Per Mertesacker (Arsenal), Shkodran Mustafi (Sampdoria);
    Centrocampisti: Julian Draxler (Schalke 04), Matthias Ginter (Friburgo), Sami Khedira (Real Madrid), Toni Kroos (Bayern Monaco), Christoph Kramer (Borussia Monchengladbach), Mesut Özil (Arsenal), Bastian Schweinsteiger (Bayern Monaco);
    Attaccanti: Lukas Podolski (Arsenal), André Schürrle (Chelsea), Thomas Müller (Bayern Monaco), Mario Götze (Bayern Monaco), Miroslav Klose (Lazio).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1): Neuer; Boateng, Hummels, Mertesacker, Lahm; Schweinsteiger, Kroos; Muller, Ozil, Schurrle; Goetze.

    -----------------------------------------------------------------------------

    GHANA

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 3 (esordio 2006)
    Miglior risultato: quarti di finale 2010
    Classifica Fifa: 37° posto

    In Sudafrica sfiorarono l'impresa di centrare la semifinale e furono fermati soltanto dal clamoroso errore di Gyan Asamoah dagli undici metri dopo la parata di Suárez nell'ultimo minuto dei tempi supplementari. Migliorarsi sembra un'impresa perché la squadra di Appiah non ha avuto un ricambio generazionale e gran parte della rosa è la stessa di quattro anni fa. Molti gli “italiani” presenti, soprattutto per il Milan che ha contribuito con Muntari ed Essien, oltre all'ex rossonero Boateng che sarà il trequartista del 4-2-3-1. In avanti spazio al miglior marcatore nella storie delle Black Stars, Asamoah Gyan, appoggiato da André Ayew. Nell'ultima Coppa d'Africa sono arrivati fino alla semifinale per essere poi eliminati dalla cenerentola Burkina Faso.


    I CONVOCATI

    Portieri: Adam Kwarasey (Stroemsgodset), Steven Adams (Aduana Stars), Richard Kingson (Balikesirspor);
    Difensori: Samuel Inkoom (Platania), Harrison Afful (Espérance), John Boye (Rennes), Jonathan Mensah (Evian), Daniel Opare (Standard Liegi), Jerry Akaminko (Eskisehirspor), David Addy (Vitória Guimaraes);
    Centrocampisti: Sulley Muntari (Milan), Kwadwo Asamoah (Juventus), Michael Essien (Milan), Emmanuel Agyemang-Badu (Udinese), André Ayew (Marsiglia), Christian Atsu (Vitesse), Wakaso Mubarak (Rubin
    Kazan), Albert Adomah (Middlesbrough), Kevin-Prince Boateng (Schalke 04);
    Attaccanti: Asamoah Gyan (Al-Ain), Majeed Waris (Valenciennes), Prince Tagoe (Kelantan), Jordan Ayew (Sochaux).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3):
    Kwarasey; Opare, Mensah, Sumaila, Inkoom; Boateng, Muntari, Asamoah; Waris, A.Gyan, A.Ayew.

    -----------------------------------------------------------------------------

    STATI UNITI

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 10 (esordio 1930)
    Miglior risultato: terzo posto 1930
    Classifica Fifa: 13° posto

    La nazionale di Klinsmann sarà un mix di esperienza e giovinezza, nel tentativo di migliorare i quarti di finale raggiunti nel Mondiale di Corea e Giappone. In porta ci sarà la certezza Howard, protetto dal talento Brooks dell'Herta Berlino e dall'esperto Beasley. Il centrocampo sarà guidato dall'ex Chievo e Roma Michael Bradley e da Jermaine Jones in forza al Besiktas, escluso Landon Donovan, miglior marcatore nella storia della nazionale, per fare spazio all'astro nascente Green. In avanti spazio al capitano Dempsey ed a Jozy Altidore,
    che dovrà essere il leader tecnico della squadra. Gli statunitensi arrivano alla manifestazione dopo la vittoria della Gold Cup ottenuta il 23 luglio 2013 contro il Panamá.


    I CONVOCATI

    Portieri: Brad Guzan (Aston Villa), Tim Howard (Everton), Nick Rimando (Real Salt Lake);
    Difensori: DaMarcus Beasley (Puebla), Matt Besler (Sporting Kansas City), John Brooks (Hertha Berlin), Geoff Cameron (Stoke City), Timmy Chandler (Nuremberg), Omar Gonzalez (LA Galaxy), Fabian Johnson (Borussia Monchengladbach), DeAndre Yedlin (Seattle Sounders FC);
    Centrocampisti: Kyle Beckerman (Real Salt Lake), Alejandro Bedoya (Nantes), Michael Bradley (Toronto FC), Brad Davis (Houston Dynamo), Mix Diskerud (Rosenborg), Julian Green (Bayern Munich), Jermaine Jones (Besiktas), Graham Zusi (Sporting Kansas City);
    Attaccanti: Jozy Altidore (Sunderland), Clint Dempsey (Seattle Sounders FC), Aron Johannsson (AZ Alkmaar), Chris Wondolowski (San Jose Earthquakes).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1):
    Howard; F.Johnson, O.Gonzalez, Besler, Beasley; J.Jones, Bradley; Bedoya, Dempsey, Zusi; Altidore.

    -----------------------------------------------------------------------------

    PORTOGALLO


    Partecipazioni campionato del mondo: 6 (esordio 1966)
    Miglior risultato: terzo posto 1966
    Classifica Fifa: 4° posto

    Belli da vedere, ma poco cinici e sbagliano spesso nei momenti topici. Questa è la definizione che cercheranno di sfatare i portoghesi in questo Mondiale, anche grazie al proprio tecnico Paulo Bento che ha preso l'incarico nel settembre del 2010 e che ha portato la squadra fino alla semifinale nello scorso Europeo. Molte delle
    possibilità dipenderanno dalla forma di Cristiano Ronaldo, ancora alle prese con un problema che non gli permetterà di essere al massimo nelle prime partite. Il madridista sarà fondamentale per cercare di migliorare il miglior piazzamento fatto registrare in un Mondiale: un terzo posto risalente al 1966 in terra inglese. Anche difesa e centrocampo sono di ottimo livello, dietro si punterà sull'asse del Real Pepe-Coentrão, invece in mediana su Moutinho che sarà protetto da Meireles e dal talento dello Sporting Lisbona William Carvalho. L'attacco è un rebus, se Ronaldo non riuscisse a farcela la stella sarebbe Nani, reduce da una stagione deludente con il Manchester United con sole undici presenze, il terminale offensivo sarà Hugo Almeida punta del Besiktas.


    I CONVOCATI

    Portieri: Beto (Siviglia), Eduardo (Braga) e Rui Patrício (Sporting);
    Difensori: André Almeida (Benfica), Bruno Alves (Fenerbahçe), Fábio Coentrão (Real Madrid), João Pereira (Valencia), Neto (Zenit), Pepe (Real Madrid), Ricardo Costa (Valencia);
    Centrocampisti: João Moutinho (Monaco), Miguel Veloso (Dinamo Kiev), Raul Meireles (Fenerbahçe), Rúben Amorim (Benfica) e William Carvalho (Sporting), Rafa Silva (Braga);
    Attaccanti: Cristiano Ronaldo (Real Madrid), Éder (SC Braga), Hélder Postiga (Lazio), Hugo Almeida (Besiktas), Nani (Manchester United), Varela (Porto) e Vieirinha (Wolfsburg)

    PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3):
    Rui Patricio; J.Pereira, Neto, Bruno Alves, Coentrao; Meireles, Veloso, Moutinho; Nani, Hugo Almeida, Cristiano Ronaldo.
  9.     Mi trovi su: Homepage #9465799
    Tutto sul gruppo H (Belgio, Algeria, Corea del Sud, Russia)


    BELGIO


    Partecipazioni campionato del mondo
    : 12 (esordio 1930)
    Miglior risultato: quarto posto 1986
    Classifica Fifa: 11° posto

    Mancava dal 2002 e con otto vittorie e due pareggi il Belgio di Marc Wilmots ha dominato il suo girone di qualificazione, tornando fra i grandi e ottenendo addirittura lo slot di testa di serie al sorteggio di Mata de São João. La stella è sicuramente Eden Hazard, uomo-chiave della stagione del Chelsea di José Mourinho, aldilà di
    tutte le aspettative, e oggetto delle lusinghe del Paris Saint Germain, che ha lasciato partire per lui un'offerta, tuttavia rispedita al mittente, di “soli” cento milioni di euro. Ma, soprattutto a centrocampo, non mancano le stelle ai Diables Rouges che si sono anche potuti permettere il lusso di non convocare un protagonista della nostra Serie A come Radja Nainggolan. Witsel dello Zenit e De Bruyne del Wolfsburg si candidano ad assoluti protagonisti del Mondiale, così come Dries Mertens e Romelu Lukaku, che con Hazard completano il tridente d'attacco. Per chiudere, a difendere i pali sarà Thibaut Courtois, campione di Spagna e a soli due minuti dal portare a casa la Champions League con l'Atlético Madrid.


    I CONVOCATI

    Portieri: Sammy Bossut (Zulte Waregem), Thibaut Courtois (Atlético Madrid), Simon Mignolet (Liverpool);
    Difensori: Toby Alderweireld (Atlético Madrid), Laurent Ciman (Standard Liegi), Vincent Kompany (Manchester City), Nicolas Lombaerts (Zenit), Daniel Van Buyten (Bayern Monaco), Anthony Vanden Borre (Anderlecht), Thomas Vermaelen (Arsenal), Jan Vertonghen (Tottenham);
    Centrocampisti: Nacer Chadli (Tottenham), Kevin De Bruyne (Wolfsburg), Steven Defour (Porto), Moussa
    Dembélé (Tottenham), Marouane Fellaini (Manchester United), Eden Hazard (Chelsea), Adnan Januzaj (Manchester United), Axel Witsel (Zenit);
    Attaccanti: Romelu Lukaku (Everton), Dries Mertens (Napoli), Kevin Mirallas (Everton), Divock Origi (Lille).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1):
    Courtois; Alderweireld, Kompany, Vermaelen, Vertonghen; Witsel, Fellaini; Mertens, De Bruyne, Hazard; Lukaku.

    -----------------------------------------------------------------------------

    ALGERIA

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 4 (esordio 1982)
    Miglior risultato: primo turno 1982, 1986, 2010
    Classifica Fifa: 22° posto

    Al suo quarto mondiale, la squadra algerina sembra, per la prima volta, arrivata con una squadra che potrebbe dare fastidio alle due big del girone. Tanti sono i giocatori che militano in squadre di rango europee, come Ghoulam del Napoli, Feghouli del Valencia e Bentaleb del Tottenham. Ma sembra quello avanzato il reparto migliore, con Ghilas del Porto e Slimani dello Sporting Lisboa che, partiti in sordina, si sono presi con pieno
    merito le maglie da titolari nella parte decisiva della stagione di Primeira Liga, senza contare Soudani, che con la maglia della nazionale conta già 22 presenze e 11 goal. Grande assente invece Belfodil, che con la sua deludente stagione tra Inter e Livorno ha dovuto dire addio al suo sogno mondiale.


    I CONVOCATI

    Portieri: Raïs M'Bohli (CSKA Sofia), Cédric Si Mohamed (CS Constantine), Mohamed Zemmamouche (USM Alger);
    Difensori: Essaïd Belkalem (Watford), Madjid Bougherra (Lekhwiya), Liassine Cadamuro (Mallorca), Faouzi Ghoulam (Napoli), Rafik Halliche (Académica Coimbra), Aïssa Mandi (Reims), Carl Medjani (Valenciennes), Djamel Mesbah (Livorno), Mehdi Mostefa (Ajaccio);
    Centrocampisti: Nabil Bentaleb (Tottenham), Yacine Brahimi (Granada), Abdelmoumene Djabou (Club
    Africain), Sofiane Feghouli (Valencia), Mehdi Lacen (Getafe), Riyad Mahrez (Leicester City), Saphir Taïder (Inter), Hassan Yebda (Udinese);
    Attaccanti: Nabil Ghilas (Porto), Islam Slimani (Sporting Lisbona), El Arbi Hilel Soudani (Dinamo Zagabria).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1):
    M'bolhi; Mandi, Bougherra, Medjani, Ghoulam; Mostefa, Taider; Feghouli, Brahimi, Soudani; Slimani.

    -----------------------------------------------------------------------------

    COREA DEL SUD

    Partecipazioni campionato del mondo
    : 9 (esordio 1954)
    Miglior risultato: quarto posto 2002
    Classifica Fifa: 57° posto

    La squadra di Hong Myung Bo, capitano dello storico quarto posto del 2002 e oggi commissario tecnico, sembra delle quattro la meno accreditata ad arrivare agli ottavi, ma tra i suoi ventritré ha numerosi giocatori dei
    campionati europei. Su tutti Son Heung Ming del Bayer Leverkusen qualificato in Champions League, ma anche Park Chu Young dell'Arsenal, anche se in stagione si è visto poco anche quando era al Watford in prestito, e Ji Dong Wong, esterno d'attacco che con le sue recenti ottime prestazioni tra Sunderland e Augsburg si è guadagnato la maglia del Borussia Dortmund per la prossima stagione.


    I CONVOCATI

    Portieri: Lee Beom-Young (Busan I'Park), Kim Seung-Gyu (Ulsan Hyundai), Jung Sung-Ryong (Suwon Bluewings);
    Difensori: Kim Chang-Soo (Kashiwa Reysol), Hong Jeong-Ho (Augsburg), Park Joo-Ho (Augsburg), Hwang Seok-Ho (Sanfrecce Hiroshima), Yun Suk-Young (Queens Park Rangers), Kwak Tae-Hwi (Al-Hilal), Lee Yong (Ulsan Hyundai), Kim Young-Gwon (Guangzhou Evergrande);
    Centrocampisti: Kim Bo-Kyung (Cardiff City), Lee Chung-Yong (Bolton), Ha Dae-Sung (Beijing Guoan),
    Son Heung-Min (Bayer Leverkusen), Han Kook-Young (Kashiwa Reysol), Park Jong-Woo (Guangzhou R&F), Ki Sung-Yueng (Sunderland);
    Attaccanti: Park Chu-Young (Watford), Ji Dong-Won (Augsburg), Lee Keun-Ho (Sangju Sangmu), Koo Ja-Cheol (Mainz), Kim Shin-Wook (Ulsan Hyundai).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1):
    Sung Ryong Jung, Yong Lee, Jeong Ho Hong, Young Gwan Kim, Yoon Suk-Young; Sung Yong Ki, Kook Young Han; Chung Yong Lee, Ja Cheol Koo, Heung Min Son; Chu Young Park.

    -----------------------------------------------------------------------------

    RUSSIA

    Partecipazioni campionato del mondo: 3 (esordio 1994)
    Miglior risultato: primo turno 1994, 2002
    Classifica Fifa: 19° posto

    L'esperienza di Fabio Capello sembra essere il punto di forza della squadra russa. Senza l'infortunato Shirokov, che garantiva piedi buoni e qualche goal, il tecnico friulano si porta in Brasile solo giocatori che provengono
    dalla Russian Premier League. Akinfeev tra i pali e il capitano Ignasevich in difesa garantiscono presenze e dimestichezza con i grandi palcoscenici del calcio. A centrocampo spazio alla grinta di Denisov, alla corsa di Fayzulin e all'estro di Dzagoev, mentre davanti il centravanti Kerzhakov si candida al ruolo di bomber del Mondiale.


    I CONVOCATI

    Portieri: Igor Akinfeev (CSKA Mosca), Yuriy Lodygin (Zenit), Sergey Ryzhikov (Rubin Kazan);
    Difensori: Vasiliy Berezutskiy (CSKA Mosca), Andrej Eshchenko (Anzhi), Vladimir Granat (Dinamo Mosca),
    Sergei Ignashevich (CSKA Mosca), Dmitriy Kombarov (Spartak Mosca), Aleksei Kozlov (Dinamo Mosca), Andrej Semënov (Terek Grozny), Georgiy Shchennikov (CSKA Mosca);
    Centrocampisti: Igor Denisov (Dinamo Mosca), Alan Dzagoev (CSKA Mosca), Viktor Fayzulin (Zenit), Denis Glushakov (Lokomotiv Mosca), Pavel Mogilevets (Rubin Kazan), Oleg Shatov (Zenit), Yuriy Zhirkov (Dinamo Mosca);
    Attaccanti: Aleksei Ionov (Dinamo Mosca), Maksim Kanunnikov (Amkar Perm), Aleksandr Kerzhakov (Zenit), Aleksandr Kokorin (Dinamo Mosca), Aleksandr Samedov (Lokomotiv Mosca).

    PROBABILE FORMAZIONE (4-3-3):
    Akinfeev; Kozlov, Ignaschevich, V.Berezutski, Kombarov; Faizulin, Denisov, Glushakov; Samedov, Kerzakhov, Kokorin.
  10.     Mi trovi su: Homepage #9466202
    Tutti gli stadi del Mondiale: 12 super impianti costati 2,8 miliardi. Ecco dove giocherà l'Italia

    Gli stadi che ospiteranno le gare del Mondiale sono stati uno dei principali fattori di rischio per il Brasile che si avvicina all'inizio del torneo. Gli impianti sono costati 2,8 miliardi di euro ed alcuni sono ancora del tutto completati, con operai che lavoreranno fino a ridosso del fischio di inizio delle partite. Una spesa così ingente è dovuta al fatto che gran parte degli stadi è stata costruita ex novo e dal fatto che mai in un'edizione del Mondiale erano state coinvolte ben 12 città. Impianti tutti extralarge da almeno 40.000 posti. Il più capiente è ovviamente il Maracana con oltre 76.000 spettatori.

    L'impianto in assoluto più costoso è stato il Mané Garrincha, costruito da zero e capace di ospitare oltre 70.000 spettatori. Lo stadio dopo il Mondiale verrà destinato anche ad altre attività, dato che il calcio non è molto popolare nella capitale brasiliana. Per dare un'idea del maxi investimento sulla struttura capitolina basti pensare
    che stadi all'avanguardia come l'Allianz Arena di Monaco di Baviera o l'Emirates di Londra sono costati rispettivamente 350 e 480 milioni.



    Stadio Maracana - Rio de Janeiro - Spettatori 76.804 - Costo 395 milioni di euro

    Il mitico Maracana, conosciuto anche con il nome di O Dromo, ospiterà la finale del 13 luglio, oltre ad un ottavo e un quarto. Curiosamente il Brasile non potrebbe giocare alcuna gara nello stadio simbolo del Mondiale. Un impianto che in parte ha perso parte del proprio fascino, diminuendo negli anni la propria capienza dai quasi 200.000 spettatori agli attuali 76.804.



    Estadio Nacional Mané Garrincha - Brasilia - Spettatori 70.064 - Costo 526 milioni di euro

    Lo stadio intitolato a Garrincha, mitica ala destra che vinse due Mondiali con Pelé, è stato demolito e poi ricostruito. Il più caro dell'intera edizione ospiterà l'ultima gara del girone dei padroni di casa, oltre ad un ottavo, un quarto e alla finale per il 3° posto. L'impianto è stato già utilizzato nel corso della Confederations Cup del
    2013.



    Mineirao - Belo Horizonte - Spettatori 62.547 - Costo 228 milioni di euro

    È la casa del Cruzeiro e dell'Atletico Mineiro e anch'esso, proprio come il Maracana, ha negli anni ridotto la capienza. Qui si giocheranno un ottavo e una semifinale.



    Castelao - Fortaleza - Spettatori 64.846 - Costo 170 milioni di euro

    Il Castelao può vantarsi di essere stato il primo impianto consegnato alla Fifa per Brasile 2014. Lo stadio aveva già ospitato alcune gare della Confederations Cup 2013. Per conformarsi agli standard richiesti è stata costruita una copertura più grande. Qui si giocherà Brasile-Messico, un ottavo e un quarto di finale. La struttura sarà utilizzata anche nel corso delle Olimpiadi del 2016.



    Estadio Beira-Rio - Porto Alegre - Spettatori 48.849 - Costo 108 milioni di euro

    È lo stadio che ha visto protagonisti Falcao, Dunga e Taffarel con la maglia dell'Internacional. Inaugurato nel 1969 si temeva, all'epoca, che non venisse mai ultimato. Ristrutturato poi nel 2013 ospiterà un ottavo di finale.



    Stadio Corinthians - San Paolo - Spettatori 65.807 - Costo 329 milioni di euro

    Per costruirlo hanno perso la vita tre operai coinvolti nel crollo di una gru e di una parte delle gradinate. Lo stadio è stato edificato ex novo e diventerà la casa del Corinthians. Sarà la sede della gara inaugurale tra Brasile e Croazia, oltre ad Uruguay-Inghilterra, un ottavo e una semifinale.



    Arena Pantanal - Cuiabà - Spettatori 42.986 - Costo 187 milioni di euro

    Sorge sulle macerie del vecchio "Verdao" di cui ha preso il posto. A Cuaiabà non gioca alcuna squadra professionista e quindi dopo la fine del Mondiale la capienza sarà portata a 28.000 spettatori. Stadio multifunzionale che verrà utilizzato anche e soprattutto per attività extracalcistiche. Qui si giocheranno quattro gare dei gironi eliminatori.



    Stadio Joaquim Americo Guimaraes - Curitiba - Spettatori 41.456 - Costo 108 milioni di euro

    Rimasto a lungo in bilico per il ritardo dei lavori alla fine anche lo stadio di Curitiba sarà uno dei palcoscenici del Mondiale. La ristrutturazione è terminata poche settimane fa ed ha permesso di rendere ancora più ospitale e moderno un impianto già di per sé molto apprezzato. L'Americo Guimaraes sarà sede di quattro gare dei gironi ed è anche conosciuto col nome di Arena Baixada.



    Itaipava Arena Fonte Nova - Salvador - Spettatori 48.747 - Costo 226 milioni di euro

    Edificato sulle ceneri del vecchio "Fonte Nova", lo stadio è stato inaugurato il 7 aprile 2013 in occasione di una gara del campionato statale di Bahia. Dopo appena un mese, però, una parte del tetto è collassata per le copiose piogge. Ospiterà un ottavo e un quarto di finale.



    Arena Amazonia - Manaus - Spettatori 42.347 - Costo 220 milioni di euro

    Ecco lo stadio dove l'Italia giocherà la sua prima gara mondiale contro l'Inghilterra. Sorge a ridosso della Foresta amazzonica e in onore ad essa l'architetto ha voluto dargli la forma di una cesta indigena. È uno dei tanti impianti costruiti da zero.



    Itaipava Arena Pernambuco - Recife - Spettatori 44.248 - Costo 175 milioni di euro

    Anch'esso sorto dal nulla, lo stadio diventerà polifunzionale dopo la fine del Mondiale, anche perché la squadra che vi gioca milita attualmente in Serie B e in ogni caso non fa parte delle big del calcio brasiliano. L'Italia affronterà qui la Costa Rica nella sua seconda gara del girone.



    Arena das Dunas - Natal - Spettatori 42.086 - Costo 139 milioni di euro

    L'Italia chiuderà qui il suo girone con il match contro l'Uruguay. Anche questo stadio è stato costruito appositamente per il Mondiale ed ha avuto una gestazione molto meno tribolata di tutti gli altri, venendo anche lodato dallo stessa Fifa. Ospiterà quattro gare dei gironi eliminatori.
  11.     Mi trovi su: Homepage #9466203
    Iniziano i Mondiali: oggi la cerimonia d'apertura e il match inaugurale

    Il giorno tanto atteso è finalmente arrivato: iniziano oggi i Mondiali di calcio 2014 con una grande cerimonia di apertura (ore 20:30 italiane) e la prima partita della competizione, Brasile - Croazia (ore 22 italiane)


  12. È tutto pronto per l'inizio dei Mondiali 2014, l'evento sportivo più atteso dagli amanti dello sport del calcio e non solo. Il Brasile è pronto a dare il via oggi alla competizione calcistica con una grande cerimonia d'apertura; dopodiché la nazionale brasiliana aprirà le danze con il match inaugurale della competizione, Brasile – Croazia, sotto gli occhi dei 62.600 spettatori presenti allo stadio nonché di tutti coloro che staranno incollati alla televisione per non perdersi neanche un minuti di questi Mondiali.

    In Italia, per chi non avesse Sky (che ha comprato i diritti dell'intera competizione), sarà possibile vedere lo spettacolo di oggi seguito dal match inaugurale sulla Rai; questa inoltre permetterà agli italiani di vedere tutte le partite della nazionale azzurra
    (la cui prima si terrà sabato intorno alla mezzanotte italiana), nonché
    semifinali, finale e un incontro al giorno della fase a gironi, per un totale di 25 incontri su 64.

    La cerimonia
    Alle ore 15:30 locali (20:30 italiane) si darà il via alla cerimonia di inaugurazione dei Mondiali di calcio 2014 all'interno dello stadio Arena Corinthians di San Paolo. Diretto dalla belga Daphne Cornez, lo spettacolo vedrà la partecipazione di circa 600 artisti e sarà trasmesso in diretta televisiva in 200 Paesi. I protagonisti della cerimonia saranno i rappresentanti delle varie nazionali, ma “sarà un tributo al Brasile e ai suoi tesori: natura, gente e calcio”, spiega la coordinatrice. A fare da protagonista sulla scena, un grande pallone con 90mila luci led che attirerà gli sguardi di tutto il mondo.
    Non ci saranno gli interventi di Dilma Rousseff, presidente del Brasile, e Joseph Blatter, dirigente della Fifa, memori dei sonori fischi ricevuti solo un anno fa in occasione dell'apertura della Confederations Cup.
    Jennifer Lopez ha invece dichiarato attraverso i Social che oggi sarà presente sul palco, insieme a Pitbull e Claudia Leitte, per cantare insieme al pubblico l'inno ufficiale di questi Mondiali, “We are one – Ole Ola”. Smentita quindi la notizia, largamente diffusa in questi giorni, che voleva un suo forfait alla cerimonia di apertura.

    Lo spettacolo durerà 25 minuti; alle 17:00 locali (le 22 italiane) sentiremo invece il fischio di inizio di Brasile – Croazia, partita inaugurale dei Mondiali 2014.

    Lo sciopero
    La grande cerimonia sarà però messa a dura prova dallo sciopero indetto questa mattina, a partire dalla mezzanotte locale (le nostre 5:00 del mattino) dai lavoratori di tre aeroporti di Rio de Janeiro. Gli addetti ai lavori agli scali Galeao, Santos Dumont e Jacarepaguà hanno infatti deciso di incrociare le braccia per 24 ore a causa del mancato rinnovo del contratto collettivo di lavoro. Da diversi mesi, inoltre, i lavoratori degli aeroporti chiedono un aumento dei salari del 5,6% e bonus speciali legati ai Mondiali, invano.

    Lo sciopero potrebbe creare numerosi problemi, essendo Rio scalo mondiale per giungere in Brasile da ogni angolo del mondo. Ma l’agenzia brasiliana per l’aviazione civile (Anac) ha dichiarato di star “monitorando la situazione e gli eventuali impatti sulle operazioni”, precisando che le compagnie aeree “potranno avvalersi di piani d’emergenza elaborati per i Mondiali di calcio”.

    A San Paolo invece i lavoratori della metropolitana hanno fortunatamente deciso di non riprendere lo sciopero dei mezzi di trasporto, interrotto martedì dopo 5 giorni di astensione dal lavoro che avevano letteralmente messo in ginocchio la città.
  13.     Mi trovi su: Homepage #9466205
    MONDIALI, SI PARTE! Brasile-Croazia: le probabili formazioni

    Tutto pronto per l'inizio dei Mondiali di calcio. Stasera, dopo la cerimonia di apertura (dalle 19.30, ora italiana), si fa subito sul serio con Brasile-Croazia, in programma alle 22 (ora italiana) allo stadio San Paolo. E' la partita inaugurale dell'edizione numero 20 con i padroni di casa come al solito protagonisti della prima sfida. In un girone che comprende anche Messico e Camerun che si affronteranno venerdì alle 18.

    Un popolo intero spinge la Selecao verso il sesto titolo mondiale, anche se le tensioni per gli aumenti dei prezzi ancora non si placano e si teme il riacutizzarsi delle proteste durante il mese di competizione.

    Quanto alle formazioni, il tecnico verdeoro Felipe Scolari potrebbe optare per un collaudato 4-2-3-1: Julio Cesar in porta; Dani Alves, David Luiz, Thiago Silva, Marcelo a comporre la linea difensiva; Paulinho, Luiz Gustavo; Hulk, Oscar, Neymar; Fred. Identico schieramento tattico è atteso dalla Crozia di Nico Kovac: Pletikosa; Vrsaljko, Corluka, Lovren, Srna; Modric, Rakitic; Olic, Kovacic, Perisic; Eduardo. Arbitra il giapponese Nishimura.

    In particolare, riflettori puntati sulla stella Neymar: 17 sono i suoi gol in 28 partite con la maglia della Selecao. Si tratta del miglior realizzatore della squadra di Scolari. Le reti con la maglia del Santos sono invece 129 in 212 gare. Infine, sono 3 i trofei con la maglia del Brasile: una Confederarions, un argento olimpico e un Sudamericano Under 20. Fra le stelle della Croazia ci sono Mateo Kovacic, giovane talentuoso centrocampista che gioca in Italia con la maglia dell'Inter e Mario Mandzukic, attaccante del Bayern Monaco che potrebbe cambiare maglia al termine della massima rassegna per nazionali.

    La Nazionale ospitante non ha mai perso la gara d’esordio ai Mondiali – nelle 20 precedenti occasioni ci sono state 14 vittorie e 6 pareggi all’esordio nella competizione per chi ha giocato in casa.

    Nell’unico Mondiale giocato in casa, il Brasile vinse 4-0 la gara d’esordio contro il Messico (1950).

    Otto delle ultime 12 partite inaugurale dei Mondiali non hanno prodotto più di un gol. Si tratta del 20° Mondiale per il Brasile, unica nazionale ad avere sempre preso parte alla competizione.

    La Seleção ha vinto 67 partite e segnato 210 gol ai Mondiali – più di ogni altra squadra.

    Otto vittorie e un pareggio per il Brasile nelle ultime nove partite giocate nella fase a gironi dei Mondiali. L’ultima sconfitta è arrivata nel 1998 contro la Norvegia (2-1).

    Solo 11 i gol subiti dalla Croazia nelle 13 partite giocate ai Mondiali finora (0.85 a partita). È la media migliore tra le 32 squadre che prenderanno parte a questo Mondiale.

    Le ultime nove partite della Croazia ai Mondiali hanno prodotto in totale sei espulsioni.

    Il Brasile ha vinto l’unico precedente ufficiale contro la Croazia: 1-0 ai Mondiali del 2006 con gol partita di Kaká quel giorno a Berlino.

    BRASILE-CROAZIA

    BRASILE (4-2-3-1): Julio Cesar; Dani Alves, David Luiz, Thiago Silva, Marcelo; Paulinho, Luiz Gustavo; Hulk, Oscar, Neymar; Fred. All. Scolari

    CROAZIA (4-2-3-1): Pletikosa; Vrsaljko, Corluka, Lovren, Srna; Modric, Rakitic; Olic, Kovacic, Perisic; Eduardo. All: Kovac.

    ARBITRO: Nishimura (Giappone)

  Speciale Mondiali Brasile 2014

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!

         

Online

Ci sono 0 ospiti e 0 utenti online su questa pagina