Genere
ND
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
FS Falcon 24,99 Euro
Tornado! 24,99 Euro
Data di uscita
2/8/2003

FS Falcon & Tornado!

FS Falcon & Tornado! Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
LAGO
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
2/8/2003
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
FS Falcon 24,99 Euro
Tornado! 24,99 Euro

Lati Positivi

  • Ottimo modello di volo
  • Splendido dettaglio grafico nelle ricostruzioni
  • Aerei accattivanti

Lati Negativi

  • Manca la possibilità di utilizzare l'imponente aramamento dei velivoli
  • Limitazioni intrinseche a Flight Simulator 2002 e Combat Flight Simulator 3

Hardware

Entrambi i titoli prevedono una configurazione minima che contempla un Pentium II a 500 MHz (decisamente consigliabile almeno un 800 MHz), 128 MB di RAM, 40 MB di spazio su hard disk, ed una scheda video con almeno 16 MB di RAM (32 MB sono caldamente consgliati). Sono ovviamente indispensabili Flight Simulator 2002 (Standard o Professional) oppure Combat Flight Simulator 3.

Link

Recensione

FS Falcon & Tornado!

Due add-on per Flight Simulator 2002 e Combat Flight Simulator 3, portano sugli schermi degli appassionati di simulazione due aerei da guerra tra i più famosi e potenti della storia dell'aviazione: l'F-16 ed il Tornado. Lago ha prodotto due modelli di volo realistici che si aggiungono alle flotte aeree di molti giocatori.

di Marco Nicolò Perinelli, pubblicato il

La simulazione del team Lago comprende le texture di molte unità operative europee (una decina), tra cui figurano anche due dell'Aviazione Militare Italiana. La cabina di controllo di questo aereo è complessa, ma il team Lago l'ha simulata in modo tale che la maggior parte dei sistemi utilizzabili si trovino nella visione frontale, in modo che i giocatori possano controllarli senza doversi distrarre a lungo dalla navigazione. Le caratteristiche di un caccia militare sono diverse da quelle di un velivolo civile ed i comandi sono tanti e tali che non è stato possibile simularli tutti a causa dei limiti che il motore di Flight Simulator impone, ma la maggior parte delle caratteristiche tecniche sono state riprodotte per garantire il maggior livello di realismo possibile.
Il Tornado è un caccia-bombardiere multiruolo a due posti ed in questo add-on è stata simulata solo la postazione del pilota, mentre quella dell'addetto alle armi non è stata ricostruita per i limiti del gioco, che non prevedono - come già accennato - le funzioni ed i comandi di cui è dotato questo aereo militare. Anche nell'aereo prodotto dalla Panavia tutte le informazioni di volo sono visualizzate nell'HUD, ma la collocazione di tutta la strumentazione nella plancia centrale consente di focalizzarli immediatamente in caso di guasto. Anche in questo aereo, come nell'F-16, i pannelli di controllo sono tanti e di non immediata lettura, ma gli utenti più pignoli proveranno molta soddisfazione nell'imparare a gestirli tutti in volo. La sensazione al decollo è quella di un pilotare un camion: all'inizio il Tornado sembra lento e pesante, ma appena in volo si comincia a capire come sfruttare il suo potente motore.
L'assetto delle ali inizialmente è su 25° per garantire la maggior manovrabilità possibile e una volta presa quota (dove è possibile raggiungere velocità maggiori), esse si chiudono sempre di più, fino 67°, per poter così raggiungere velocità superiori a Mach 2,2. Sfrecciare nei cieli a questa velocità è emozionante e qualsiasi pilota civile vorrebbe provare questa sensazione almeno una volta nella vita, purché abbia uno stomaco forte!
Mettete una mano fuori dal finestrino della vostra auto in corsa e tenetela aperta, con le dita tese attaccate le une alle altre per creare un'ala rudimentale in posizione orizzontale ed accelerate fino a mach 2.2, a questo punto sollevate la mano verso l'alto e sentirete la forza dell'aria che si oppone al vostro palmo, moltiplicate per 15.000 ed avrete un'idea della forza della pressione dell'aria che questi aerei devono sopportare e dello stress fisico che un pilota deve subire. Questo modello in volo è eccezionale: rende pienamente l'idea di come si deve comportare uno di questi bestioni in aria e poterlo pilotare è un'esperienza unica. Per la realizzazione grafica viene utilizzato al meglio il motore sviluppato da Microsoft, e le animazione del velivolo sono tante, a partire proprio dal posizionamento delle ali, fino ai dettagli come la visiera dei piloti. L'aspetto sonoro riproduce fedelmente i suoni del vero aereo militare, di cui sono stati campionati i rumori in volo ed il rombo dei motori è molto convincente.
Nonostante i limiti che Combat Flight Simulator 3 impone ai velivoli, Tornado! è comunque un prodotto interessante anche per coloro che preferiscono Combat Flight Simulator 3 al più tranquillo Flight Simulator 2002.

STILI A CONFRONTO

Pilotare questi due velivoli offre sensazioni molto diverse. I due prodotti Lago presentano entrambi ottimi modelli, molto probabilmente i migliori di questo genere per Flight Simulator 2002 e poterli confrontare l'uno con l'altro permette di apprezzarne pienamente le qualità. Il primo, FS Falcon, offre la possibilità di pilotare un caccia agile, veloce e potente. In volo si comporta come una Ferrari su un circuito di F1: permette di effettuare virate strette ad alte velocità, sfrecciare tra i canaloni a bassa velocità e poi uscirne con una spinta enorme fino a raggiungere velocità elevatissime. Le sue caratteristiche principali sono riprodotte quanto più fedelmente sia possibile con il motore di Flight Simulator 2002 e si può ottenere quanto ci si aspetterebbe dal vero F-16. Tornado! invece porta i piloti a manovrare un aereo che ha partecipato alle ultime campagne militari ed ha dimostrato tutta la sua efficacia nei sui anni di servizio. Lo stile di volo è molto differente rispetto a quello di un caccia leggero e potente come il Falcon, ma i suoi due motori e la sua configurazione alare variabile, lo rendono un avversario temibile in ogni scontro, ma soprattutto un mezzo divertente da pilotare. Il modello è a prima vista semplice da usare, ma uno studio approfondito di tutti comandi consente di apprezzarne in pieno le qualità: passare da mach 2 a poco più di 80 nodi, invertendo la spinta e poi usare tutta la potenza per tornare ad accelerare non può lasciare indifferenti e poter volare a bassissima quota regala tutta l'emozione del volo libero. Purtroppo in Flight Simulator 2002 non è possibile utilizzare le armi, poiché lo scopo del gioco è quello di riproporre sugli schermi la pura emozione del volo, mentre in Combat Flight Simulator 3 l'uso degli strumenti bellici è limitato, ma vista la destinazione di questi due titoli, i modelli appagano pienamente le aspettative.
La complessità dei veri aerei da guerra ha impedito ai programmatori di riprodurre moltissimi sistemi di controllo e buona parte di una strumentazione, di cui alcune funzioni rimangono tutt'ora coperte da segreto militare, ma per i piloti virtuali rappresenta già una sfida interessante riuscire ad ottenere il massimo da questa simulazione. L'unica novità ai piani di volo che si possono realizzare con Flight Simulator 2002 è la possibilità di effettuare, con entrambi i velivoli, il rifornimento in volo. E' un'operazione complicatissima e solo dopo molti tentativi si riuscirà a rendere praticamente illimitata la propria autonomia di volo. La prima fase di questa operazione è il livellamento e l'avvicinamento, poi si deve essere così vicini tanto da far collimare il bocchettone del carburante del nostro aereo e quindi agganciarsi, pareggiare la velocità, ed aspettare che il carico sia completo. Tutta l'operazione sembra facile, ma una volta che si ha in mano quella cloche, diventa davvero complicatissimo. L'acquisto di uno solo di questi prodotti è sicuramente sufficiente a chi ama volare con Flight Simulator 2002, ma averli entrambi permette di gustarne appieno la complessità e la profondità.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Tornado! e FS Falcon sono add-on di giochi già pienamente affermati sul mercato e ne sfruttano al meglio le caratteristiche. Il modello di volo è molto realistico, l'aspetto grafico è molto curato e l'impianto sonoro d'effetto. La longevità di questi titoli è limitata al fatto che in effetti essi presentano solo due nuovi modelli di volo e quindi non aggiungono molto per chi non ama questi giochi, ma saranno sicuramente una piacevole sorpresa per coloro che sono appassionati di simulatori di volo. Si tratta, in entrambi i casi, di modelli ben riusciti e realizzati con cura, che indubbiamente soddisferanno chi vuole provare l'emozione di pilotare questi aerei, ma con tutti i limiti che i motori di Flight Simulator 2002 e Combat Flight Simulator 3 impongono. Due prodotti da non perdere, dunque, per chi ama questi simulatori!