Genere
Piattaforme
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
65,90
Data di uscita
28/6/2003

Futurama

Futurama Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
SCi Games
Genere
Piattaforme
Distributore Italiano
Take2
Data di uscita
28/6/2003
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
0
Prezzo
65,90

Lati Positivi

  • Ironico e divertente proprio come la serie animata
  • Controlli semplici e livello di difficoltà medio basso
  • Ottimo doppiaggio in italiano

Lati Negativi

  • Grafica troppo poco curata
  • Gameplay poco originale
  • Qualche problema con le inquadrature

Hardware

Futurama richiede per funzionare una console Xbox Pal e una copia originale del gioco. Supportata la modalità PAL60, attivabile su televisori compatibili.

Multiplayer

Futurama non prevede alcuna modalità di gioco multiplayer.
Recensione

Futurama

Dovete spedire un regalo alla vostra vecchia zia venusiana, ma nessuna compagnia offre soluzioni rapide ed economiche di consegna interplanetaria? Da oggi tutti i vostri problemi sono terminati! Fry, Leela e Bender, affidabili fattorini della Planet Express, saranno felici di portare i vostri pacchetti in giro per le galassie! Formula soddisfatti o (probabilmente) rimborsati!

di Cinzia Ungaro, pubblicato il

Considerata sotto molti punti di vista l'erede legittima de I Simpson, nata negli USA e da qualche anno divenuta una vera e propria serie di culto anche nel nostro paese, Futurama nasce nel 1999 dalla mente sarcastica e sottile di Matt Groening, già "papà" della sopra citata famiglia più irriverente d'America. Il protagonista è Philip J. Fry, giovane e decisamente maldestro fattorino di una pizzeria che effettua consegne a domicilio. Caduto per errore in una capsula di ibernazione, viene risvegliato nel 31° secolo e finisce per essere assunto (neanche a dirlo come fattorino) dalla Planet Express, una società che si occupa di consegne intergalattiche. Condito dallo stesso mix di ironia e satira che già avevano determinato l'ottimo esito de I Simpson, Futurama sembrava dunque già dal principio destinato a scalare le vette delle classifiche di gradimento del pubblico. E come spesso accade in situazioni di questo genere ecco fare la sua comparsa sul mercato la versione videoludica delle avventure di Fry e colleghi.

PROPRIO COME IN TV!

Contrariamente a quanto è avvenuto in molti casi di videogame direttamente ispirati a famose serie TV, il tentativo di mantenere inalterato lo spirito del gioco rispetto a quello della serie animata è stato uno dei primi problemi che i produttori della Fox Interactive si sono posti. Il risultato di questa graditissima strategia è stata una trama scritta da uno dei maggiori autori della saga nonché la presenza dello stesso Matt Groening in qualità di supervisore dell'intero lavoro. Grazie a queste preziose collaborazioni dunque il gioco di Futurama si sviluppa rispettando a tal punto le caratteristiche tanto apprezzate dai fan da sembrare una lunga e inedita puntata.
La trama nel complesso si presenta abbastanza semplice: la cattiva di turno è Mom, la ricchissima ed energica proprietaria della più grande megacorporazione costruttrice di robot, che ha creato un letale esercito noto come Hover-Bot Death Troopers con l'intento di conquistare la Terra. Il pericolo che si profila all'orizzonte è grande e la missione di sventare i piani della rampante vecchietta è delicatissima, oltre che di vitale importanza. Chi chiamare allora? La polizia intergalattica? Le forze speciali addestrate per scongiurare le più terribili catastrofi? Perché scomodare truppe tanto selezionate quando si dispone dello sgangheratissimo team della Planet Express, disposto a rischiare la vita per pochi, anzi pochissimi soldi e qualche lattina di Slurm ghiacciato?

TRE IMPROBABILI EROI

Come molti dei fan più fedeli di questa serie già avranno sicuramente intuito, Futurama è sostanzialmente incentrato sulle tre figure più carismatiche della serie Tv e cioè Fry, Bender e Leela. Questo affidabilissimo trio si spartisce più o meno equamente i livelli che compongono il gioco costituendo di volta il personaggio di cui il giocatore ha il controllo. Accomunati naturalmente solo da comandi come correre, saltare e aggrapparsi alle sporgenze, si differenziano principalmente per la tipologia di combattimento. Il primo della lista è naturalmente Fry che, armato "solamente" di martello e svariati tipi di pistole e fucili laser, dovrà farsi strada fra mostri mutanti, strani individui armati di lanciafiamme e cinghiali esplosivi attraverso i primi sei livelli raccogliendo denaro e cercando i pezzi per riparare la nave spaziale della Planet Express. Al termine della sua missione Fry lascia il posto al ben più coriaceo e lucente Bender che procede principalmente affrontando gli avversari corpo a corpo.
Questo comporterà un mutamento radicale nello stile di gioco, ma la buona serie di colpi (due attacchi rotanti, uno normale e una special a cariche limitate, una carica e una "sederata") permetterà di avere facilmente ragione degli scagnozzi di Mom e delle altre creature che popolano il desertico pianeta che lo vede protagonista. Infine, è il turno di Leela che, al pari di Bender, avanza a colpi di arti marziali. Come accennato in precedenza i protagonisti effettivi del gioco non sono solamente tre, ma quattro, anche se al dott. Zoidberg non è riservata un'intera serie di livelli come ai personaggi precedenti, ma solamente una breve sequenza del gioco.

UN'AVVENTURA (QUASI) COME TANTE ALTRE...

Cosa differenzia il gioco di Futurama da centinaia di altri titoli di struttura pressoché identica? In pratica, se si esclude la licenza decisamente prestigiosa, solo pochissime cose e purtroppo neanche di radicale importanza. Infatti, la sostanza dell'intera avventura si riduce, come nella gran parte dei platform game tridimensionali, ad un'accurata esplorazione delle aree di gioco alla ricerca di oggetti bonus da raccogliere, di Mordicchi da salvare e di nemici da eliminare. Un gameplay dunque non proprio originale che si pone quasi in antitesi con le grandi possibilità che il mix di ambientazione, personaggi e carattere goliardico della serie era in grado di offrire. A risollevare un po' la situazione ci sono, per coloro che sono capaci di coglierle (e cioè, patiti della serie animata ma anche amanti della fantascienza e del cinema in generale), molte citazioni, che spaziano da Guerre Stellari ad Alien, senza tralasciare qualche "frecciatina" al mondo dei videogame, che divertono e talvolta distraggono l'utente, impedendogli di dare troppo peso a quelle carenze tecniche che altrimenti renderebbero meno coinvolgente l'avventura.
Molto buona invece la longevità qualora si decida di completare i livelli al 100% per "sbloccare" tutti i filmati e le immagini bonus del gioco. Infatti, dal momento che gli oggetti da raccogliere sono generalmente in numero elevato e che, man mano che si prosegue nell'avventura, sono sempre più difficili da scovare o da raggiungere, sarà necessario ripetere più e più volte (non senza una buona dose di frustrazione) alcune sequenze prima di riuscirci.

TECNICHE (POCO) FUTURISTICHE

Se cercate un videogame in grado di mostrare le reali capacità grafiche di Xbox Futurama non è proprio quello che fa per voi. Infatti, se dal punto di vista del gameplay pecca solo di una cronica mancanza di innovazione, da quello tecnico i problemi si fanno più numerosi e più evidenti. E sicuramente il primo grande difetto che balza agli occhi (purtroppo anche dei meno esperti) è la sovrabbondanza di "scalettature" (provate a guardare Bender per credere!), probabilmente frutto di un'approssimativa conversione dalla versione per PlayStation 2. Poi la scelta, sebbene interessante e ottimamente realizzata, di utilizzare il cel shading per i personaggi che in alcuni scenari non si fonde benissimo con le texture che rivestono i fondali, dando origine ad un effetto tutt'altro che gradevole. Inoltre molti elementi dell'ambiente, nonostante le potenzialità della console, risultano molto più "spigolosi" del necessario. Come se non bastasse, la fluidità non è sempre pienamente soddisfacente e talvolta le collisioni fra i personaggi e gli elementi dell'ambiente sono poco precise. E questo è più che sufficiente per descrivere una situazione al limite dell'accettabile. Ma Futurama fortunatamente non è solo caratterizzato da aspetti negativi e a risollevare il giudizio complessivo si fa largo un eccellente doppiaggio tutto in italiano, realizzato dagli stessi doppiatori della serie tv, e una valida colonna sonora accompagnata da buoni effetti. In conclusione, se siete dei VERI appassionati di Futurama, non siete alla ricerca di un vero capolavoro delle arti grafiche e siete certi di non annoiarvi giocando l'ennesimo platform game tridimensionale che non ha quasi nulla di nuovo rispetto alle decine che giacciono abbandonati sugli scaffali della vostra camera allora acquistatelo pure con tranquillità e... buon divertimento!

Voto 2 stelle su 5
Voto dei lettori
La licenza ottima e alcune valide idee purtroppo non bastano da sole a fare di Futurama un gioco capace di conquistare il pubblico. L'azione offre ben poco di nuovo agli appassionati del genere che potranno trovare solo nella vena umoristica il motivo che non faccia loro rimpiangere di aver acquistato un titolo sotto molti aspetti deludente. I soli utenti a cui il gioco è veramente consigliato sono i grandi appassionati della serie di Matt Groening che saranno sicuramente felici di poter vestire i panni dei loro beniamini e di ritrovare in un videogame tutte quelle atmosfere che tanto avevano amato nella serie animata.