Genere
Gestionale
Lingua
inglese
PEGI
ND
Prezzo
2,99 €
Data di uscita
29/6/2011

Pocket Academy

Pocket Academy Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Sviluppatore
Kairosoft
Genere
Gestionale
Distributore Italiano
App Store
Data di uscita
29/6/2011
Data di uscita americana
29/6/2011
Lingua
inglese
Importanza della lingua
alta
Giocatori
1
Prezzo
2,99 €

Lati Positivi

  • Impegnativo e appassionante
  • Pixel art piacevole
  • Un gran numero di elementi da gestire
  • Ottimo senso di progressione

Lati Negativi

  • Guadagni faticosi e budget risicato
  • Il gioco dispensa poche informazioni, si procede per tentativi

Hardware

Pocket Academy è disponibile per dispositivi iOs: iPod Touch, iPhone, iPad. Per giocarlo è necessario parecchio tempo libero, molta pazienza e un minimo di esperienza pregressa con gli altri titoli di Kairosoft.

Multiplayer

Pocket Academy non supporta Alcuna modalità multiplayer.

Modus Operandi

Abbiamo acquistato Pocket Academy sull'App Store e abbiamo affrontato innumerevoli anni di gioco, cercando di mantenere in piedi (non senza difficoltà) "la baracca". Come per gli altri giochi di Kairosoft, anche Pocket Academy istiga al gioco senza sosta, per ore e ore di divertimento.

Link

Recensione

Pocket Academy

Tornare a scuola… non è mai stato tanto faticoso!

di Lorenzo Antonelli, pubblicato il

Pocket Academy è, in ordine cronologico, l'ultimo prodotto miniaturizzato di Kairosoft. In quanto tale, prende tutto il meglio di Game Dev Stoy, quindi aggiunge le dinamiche "edilizie" di Hot Spings Story e qualche deliziosa novità. Finisce così per risultare ancora una volta assai piacevole e stuzzicante, eppure decisamente più arzigogolato e impegnativo rispetto ai suoi predecessori. Infatti, sebbene il gioco supporti la modalità landoscope (come Hot Springs Story, col telefonino in orizzontale, per una visuale sensibilmente più ampia), è pur vero che per gestire al meglio il proprio "impero" si è chiamati a operare innumerevoli zoom-in e zoom-out sull'area di gioco (ora più vasta), oltre a spossanti tap di precisione tra i menu (ora più complessi). E allora, perché non realizzarne una più generosa versione per iPad?

La notevole dimensione di alcune mappe di gioco (cinque in totale) richiederà un'attenta perlustrazione e frequenti zoom - Pocket Academy
La notevole dimensione di alcune mappe di gioco (cinque in totale) richiederà un'attenta perlustrazione e frequenti zoom

PRESIDE INDAFFARATO

Pocket Academy è, in due parole, un manageriale scolastico, che implica la complessa e difficoltosa gestione dell'istituto, l'assunzione e gli stipendi dei professori, l'apprendimento delle materie in classe e le relazioni sociali tra studenti, oltre a tutto un vasto campionario di attività extrascolastiche. Il giocatore amministra il patrimonio a disposizione, costruendo nuove aule, sale per i professori, librerie o distributori automatici di bibite, promuovendo attività e concorsi, accogliendo nuovi studenti oppure agghindando l'area di gioco con vegetazione, recinti per animali (conigli, galline, maialini) e orpelli che dispensano bonus. Come se non bastasse, bisogna anche impartire lezioni agli studenti, spendendo denaro in corsi accelerati e mirati (i challenge, possibili solo due volte al mese) o sottoponendoli a ripetute lezioni e quiz, utilizzando i cosiddetti "punti materia" (inglese, spagnolo, matematica, scienze, sociologia). Il numero dei parametri da monitorare e quello dei menu da gestire, insomma, sono di gran lunga superiori rispetto ai precedenti titoli di Kairosoft.

I ragazzi socializzano, s'innamorano e formano adorabili e inseparabili coppiette - Pocket Academy
I ragazzi socializzano, s'innamorano e formano adorabili e inseparabili coppiette

I FONDI DELL'ISTRUZIONE

Il vero problema di Pocket Academy, comunque sia, consiste nella difficoltà iniziale che si incontra nell'amministrare il risicato budget a propria disposizione, cercando di capire a tentoni quali operazioni compiere per guadagnare denaro utile, senza andare in bancarotta nell'ordine di pochi mesi di gioco. A differenza di Hot Springs Story, infatti, Pocket Academy non si "gioca da solo" e non lascia spazio a errori di sorta o leggerezze di alcun tipo: un acquisto errato, un boost mancato e un paio di challenge falliti mandano inevitabilmente in rosso le ristrette finanze del giocatore. A questi non resta che giocare per prove e tentativi, razionando la disponibilità economica fino all'ultimo spicciolo e operando dolorosi tagli al personale. Più che un simulatore di scuola giapponese, in buona sostanza, si direbbe che Pocket Academy sia la più accurata e fedele trasposizione videoludica della scuola italiana: sempre sull'orlo del fallimento. Per quel che riguarda il comparto visivo, invece, il titolo di Kairosoft mantiene fede alla tradizione degli altri giochi prima di lui: pixel art pregevole alla vista, coloratissima e sempre piacevole. Lo stesso non si può dire per la colonna sonora, da disattivare già durante la prima ora di gioco per sfinimento acustico.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Se credete che la complessa gestione di una scuola e dei suoi studenti sia la vostra missione, Pocket Academy è il gioco che fa al caso vostro: ancor più difficile, vasto, lungo e appagante dei suoi predecessori. E sempre irresistibile.

Commenti

  1. Altered Beast

     
    #1
    Pura droga. Davvero, ho passato sessione di 3-4 ore senza accorgermene e l'ho finito due volte passandoci credo un totale di 30 ore almeno. Per un mese non giocavo ad altro, non accendevo neanche la 360 solo per sviluppare il nuovo gioco musicale o il seguito di un Otello. XD
    E poi ci si fa troppo ridere quando dai i nomi ai videogiochi...il mio videogioco che ha fatto più successo è stato un rhythm game intitolato Britani Lance. XD
  2. giopep

     
    #2
    I nomi che do alle mie aziende e ai miei prodotti non sono pubblicabili. Diciamo che la Cesso che si vede nelle immagini della recensione di Hot Springs Story è forse la più presentabile. :D

    Comunque tutti questi giochi di Kairosoft sono dopanti, all'inizio magari fatichi un po' a ricominciare da capo, ma quando prendi l'abbrivio non te ne stacchi più...
  3. alexbi

     
    #3
    Uhm... grand prix story mi incuriosisce... forse perchè è l'unica Android e quindi l'unica che non posso provare.. :) (comunque il mio telefono è più figo del tuo...)
  4. giopep

     
    #4
    Più che altro mi chiedo se rimarranno esclusivi per sempre o prima o poi li convertiranno (mi riferisco anche a Pocket Academy che c'è solo iOS).
    Anche perché in Giappone sono usciti Department Store Story su iOS e Soccer Club Story su Android (quest'utlimo si trova, in giapponese, anche sullo store occidentale) e sembra quasi che vogliano mettere i gestionali "commerciali" tutti su iOS e quelli sportivi su Android...
  5. alexbi

     
    #5
    Ho preso Game Dev Story... Molto carino. Ovviamente è affascinante ANCHE perchè parla di Videogiochi e della storia degli ultimi 30 anni :D
    Abbastanza facile: all'epoca del SuperIES ho 40 milioni di dollari in banca e, di fatto, non ho ancora licenziato lo staff originale.. I miei giochi hanno vinto un po' tutti i premi tranne quello di "gioco dell'anno". Addirittura c'era un gioco che ha avuto problemi prima dell'uscita e gli è crollato il fattore "fun" (e infatti l'ho chiamato "giocodimerda") ed ha comunque vinto l'award come miglior colonna sonora (ed era un gioco da tavolo basato su Reversi!!! ).

    Comunque se bastasse dire "voglio spendere punti esperienza per fare un gioco divertente" anche nella realtà sarebbe eccezionale eh... Il sogno di Moulineaux
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!