Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

Gamescom 2010

Speciale

[GC 2010] EA apre in Europa

Tutto sulla conferenza Electronic Arts.

di Jacopo Mauri, pubblicato il

L'ultimo a presenziare tra gli sparatutto era Bulletstorm, presentato da Adrian Chmielarz, executive producer di People Can Fly, e Tanya Jessen, producer di Epic. I due hanno parlato dei quattro personaggi che affiancheranno il protagonista del gioco, soffermandosi in particolare su una donna, Trishka Novak, di cui hanno mostrato le gesta con una sequenza giocata da Chmielarz. Ambientato verso metà dell'avventura, il livello vedeva i due fare a pezzi in maniera sempre più stilosa orde di Burnout, nemici dalle fattezze animalesche, facendosi largo all'interno di un ambiente urbano. La scena, già di per sé di grande impatto grazie a una mole poligonale, a una quantità di dettagli e a una palette cromatica sopra le media delle produzioni basate sull'Unreal Engine 3.0, diventava ancora più spettacolare per via dei frequenti sconquassamenti che ridefinivano il profilo della città, la cui fonte è stata svelata alla fine della dimostrazione: l'Hekaton, il boss dei boss del gioco, una creatura davvero enorme, la cui devastante apparizione è stata accolta, giustamente, da applausi calorosi.

Ancora in fuga dalla polizia

La voglia di velocità torna a confrontarsi con il braccio violento della legge nel nuovo Need for Speed: Hot Pursuit. Il gioco di corse firmato da EA è apparso sul palco sfoggiando le nuove caratteristiche che pretendono di scatenare adrenalina a più non posso nelle vene di tutti i piloti e appassionati: inseguimenti e gare all'ultimo respiro sono gestite dal nuovo sistema chiamato “Autolog”, e in grado di fungere da punto di raccordo per tutte le operazioni dirette al comparto online.
Grazie ad esso è dunque possibile restare in contatto con i propri amici, organizzare sfide e competizioni di ogni genere, così come di condividere gli scatti più emozionanti pescati dalle gare portate a termine. Per rendere ancora più emozionanti gli inseguimenti, il lavoro degli sviluppatori si è concentrato sulle “minacce” in grado di scatenarsi lungo il tracciato: strisce chiodate si alternano dunque a posti di blocco, senza contare l'intervento di mezzi volanti in grado di dare del filo da torcere anche al più scaltro dei fuorilegge. Velocità ed emozioni sembrano insomma dominare questi frenetici sprint sulla pista, anche se a dirla tutta non si sono registrati apprezzabili miglioramenti rispetto a quanto la saga è già stata in grado di mostrare. Eccezion fatta, ovviamente, per il lato tecnico, assolutamente al passo coi tempi.
Need for Speed: Hot Pursuit arriverà anche in un'edizione limitata: i contenuti speciali, svelati oggi alla conferenza, constano di due automobili esclusive (Alfa Romeo 8C Competizione e Ford Shelby GT500 ), più altre quattro immediatamente disponibili, che non necessiteranno dunque di giocare la modalità carriera per poter essere utilizzate: Audi TT RS Coupé, Chevrolet Camaro SS, Porsche Cayman S e Dodge Challenger SRT8.

LARGO AGLI SPECIALISTI DI RUOLO

All'appello non poteva di certo mancare BioWare, fiore all'occhiello della produzione GdR di EA, rappresentata da Ray Muzyka, general manager del BioWare RPG/MMO Group di EA, che tra il tripudio generale ha parlato a proposito di tre suoi franchise. Il primo è Star Wars: The Old Republic, il gioco più grande a cui lo studio abbia mai lavorato, di cui sono state svelate finalmente le sequenze di combattimento nello spazio, attraverso brevi spezzoni filmati. Per un approfondimento, non possiamo che attendere di provarle personalmente nei prossimi giorni di fiera. Il secondo annuncio riguardava Mass Effect. Con un nuovo trailer del secondo capitolo è stato annunciato che il gioco arriverà su PlayStation 3, nel gennaio del 2011. La mossa a sorpresa è stata accolta in sala con grande approvazione.
Ultimo Dragon Age II, a proposito del quale Muzyka ha ceduto il testimone a Mike Laidlaw, lead designer del gioco,. Laidlaw ha spiegato che per il seguito hanno puntato su un nuovo stile, più riconoscibile e unico, coadiuvato da un motore grafico più performante. In secondo luogo si punterà su una storia più coinvolgente e incalzante, che si dipanerà lungo 10 anni, che cambieranno una volta per tutte l'universo di gioco. Il lead designer, infine, a proposito delle novità più importanti ha nominato il sistema di combattimento, che sarà più reattivo: "vogliamo che il giocatore pensi come un generale e agisca come uno spadaccino". A seguito di tali dichiarazioni, il gioco ha finalmente fatto mostra di sé con il primo roboante trailer in computer grafica.

Peter Moore sale sul palco

Non sono mancate, infine, novità dal lato EA Sports, con il presidente Peter Moore sul palco a presentarle in prima persona. Dopo il successo milionario di EA Sports Active, ne arriverà il prossimo 19 novembre un seguito, che avrà la particolarità di essere multiformato: sfruttando di volta in volta le caratteristiche peculiari della console di destinazione (wiimote, move e kinect), il nuovo gioco di EA punta a offrire divertimento e forma fisica ai giocatori appassionati di sport. Siamo sicuri che, in questo senso, la presenza di Beckam come testimonial non potrà certo nuocere alla campagna promozionale...
Ed è proprio parlando di calcio che è stato introdotto FIFA 11, nuovo episodio della serie sportiva in grado, negli ultimi anni, di dominare in maniera incontrastata il genere dei giochi calcistici. Il senior producer David Rutter ha spiegato che molte energie sono state spese nel recepire in maniera produttiva il feedback dei fan, specialmente in relazione al sistema di passaggio. Il replay theatre si pone poi come opzione particolarmente utile a chi volesse rivedere e studiare nel dettaglio le partite portate a termine, mentre la possibilità di intervenire sulla colonna sonora farà la gioia dei giocatori più esigenti in fatto di musica.
Al di là poi di animazioni migliorate, specialmente in relazione alle espressioni facciali, e di una grafica generalmente ritoccata per risultare più spettacolare, importante si configura anche la presenza di una modalità carriera (in grado di dare vita ad una esperienza manageriale in piena regola), ma anche il “fight system” che permette di lottare fino all'ultimo nel contendersi il controllo di una palla. Opzione, questa, tanto più importante se si considera che FIFA 11 porterà con sé la possibilità di organizzare partite multigiocatore fino ad un massimo di 22 partecipanti, con un rinnovato controllo del portiere che potrà essere impostato su assistito, semi-assistito o completamente manuale. Il calcio targato EA promette davvero di fare faville quando, il prossimo primo ottobre, arriverà nei negozi. Una versione dimostrativa farà comunque la sua comparsa il 16 settembre, così da permettere a tutti di fare un “giro di prova” in vista del potenziale acquisto.


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!