Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
ND

GDC Europe 2011

Intervista

A colloquio con Lord British (Prima parte)

Intervista a Richard Garriott dalla GDC Europe 2011.

di Andrea Maderna, pubblicato il

Nel corso della terza giornata di Game Developers Conference Europe 2011, che si intrecciava con la prima giornata di Gamescom 2011, ci è stata offerta l’opportunità di “incontrare” Richard Garriott in molteplici forme. Prima abbiamo assistito al suo keynote, in cui ha spiegato la sua visione sulle tre ere del videogioco, e che trovate raccontato a questo indirizzo. Poi l’abbiamo incontrato per una piacevole intervista, che trovate di seguito. E infine ci siamo goduti il documentario dedicato al suo viaggio nello spazio, del quale parliamo nell’appuntamento “fuori serie” di Videodrome, la nostra rubrica dedicata a cinema e videogiochi, che trovate a questo indirizzo. Non vi basta? E allora beccatevi l’appuntamento con la rubrica Time Machine dedicato alla saga di Ultima, a questo indirizzo. Una giornata tutta Garriott!

Videogame.it: Con la serie di Ultima hai sostanzialmente creato i giochi di ruolo per computer, hai anticipato i giochi in prima persona, hai realizzato il primo MMO… com‘è essere il padre di tutti i videogiochi?

Richard Garriott: (ride) Beh, mi sento molto fortunato, per il fatto di avere avuto la chance di lavorare in questo settore così a fondo e così presto. E in fondo mi sono ispirato a persone che hanno creato cose ben più grandi, come Il Signore degli Anelli, Dungeons & Dragons… è sulle spalle di queste persone, perlomeno da un punto di vista concettuale, che mi sono appoggiato per il mio lavoro e per dare vita alle versioni digitali dei giochi di ruolo. E insomma, davvero, è solo una questione di ottimo tempismo.

Videogame.it: Adesso ti stai totalmente dedicando ad altro, però, magari soprattutto qualche anno fa, c’è o c’era del rimpianto per il tuo abbandono della serie Ultima? Avevi ancora storie da raccontare?

Richard Garriott: No, beh, ma anche adesso sarei felicissimo di realizzare un nuovo Ultima! Realizzare un Ultima totalmente votato al gioco in singolo, un Ultima X, XI, XII… sarebbe fantastico! Il tipo di sfida e i margini in termini di business, però, sarebbero molto diversi rispetto a quelli legati a un MMO o a una produzione dedicata al mercato social. Mi piacerebbe realizzarlo? Assolutamente. Mi piacerebbe giocarlo? Assolutamente. Sarei in grado di trarne profitto? Uhm, forse no. Quindi potrei farne uno solo, e poi basta, sarebbe finita. Ovviamente non si prendono solo decisioni basate sul business, ma devi comunque tenere in piedi un business che funzioni, se non vuoi andare gambe all’aria. E quando il mercato diventa dieci volte più grande, beh, o riesci a crescere di pari passo o i margini di profitto diventano talmente piccoli che poi è davvero difficile andare avanti. Questo per quanto riguarda il lato commerciale. Ma poi c’è anche il discorso del voler affrontare sfide nuove e interessanti. Per quanto mi piacerebbe molto realizzare un nuovo Ultima “classico”, in certi suoi aspetti sarebbe molto più semplice realizzarlo oggi, non sarebbe una vera sfida. Trovo molto più interessante lavorare sul provare ad avvicinare un nuovo pubblico, quello appunto dell’area social, al genere di cose che facevo in passato. Come si può fare? Beh, non conosco tutte le risposte! Ovviamente ho delle idee al riguardo, ma sono tutte da mettere alla prova. Ed è in un certo senso un compito spaventoso da affrontare, ma in fondo è questo il suo bello. La maggior parte delle persone falliranno nel tentativo, ma del resto la maggior parte delle persone falliscono anche solo nel tentativo di creare buoni giochi. E se provi a fare qualcosa di completamente nuovo, beh, le probabilità di fallimento sono altine. Ma è questo a renderlo interessante. Ed è un qualcosa in cui penso di avere ottime probabilità di successo, ben più di molti altri.

Ultima IX rimarrà per sempre il capitolo finale delle avventure single player di Ultima? - Ultima IX: Ascension
Ultima IX rimarrà per sempre il capitolo finale delle avventure single player di Ultima?

Videogame.it: Quindi tu credi davvero nella possibilità di attingere a una base di utenti inedita e spingerla poi ad approfondire con tipologie di gioco più complesse? Che poi è quel che Nintendo non è riuscita a fare fino in fondo con Wii…

Richard Garriott: Assolutamente, l’obiettivo è quello. E per inciso, secondo me è tutto sommato quel che già abbiamo fatto con Ultima Online. Se provi a osservare chi gioca i vari MMO, da Everquest a World of Warcraft, puoi notare che l’audience di riferimento è piuttosto specifica. Ultima Online, al contrario, è appetibile per tipologie di persone molto diverse che, certo, includono anche l’audience di quei giochi. Ultima Online ha venduto qualcosa come dieci volte quanto totalizzato da tutti gli altri Ultima messi assieme. Tutti gli Ultima assieme, moltiplicati per dieci: questo è il numero di persone che hanno giocato Ultima Online. La maggior parte di quelle persone non aveva mai giocato un Ultima. Quasi tutte, in realtà! Il 90% di quelle persone non ha mai giocato un Ultima single player!!! Quindi sì, io credo fermamente di poter vendere un gioco, che sia un vero gioco di Lord British, a un 90% di persone che non hanno mai giocato neanche Ultima Online. Detto questo, più o meno tutti quelli che hanno giocato ai precedenti Ultima hanno poi giocato a Ultima Online. Ma stiamo parlando del 10% del mercato, una cifra insignificante. Ora, io credo di poter prendere quel 10%, rappresentato da tutti i giocatori di Ultima Online, e portarlo a giocare il mio nuovo gioco, certo. Ma, a essere onesti, sono una parte insignificante del totale del mercato, perché l’obiettivo, ora, è raggiungere il pubblico casual. Ma essendo io stesso un giocatore “tradizionale”, non realizzerò un gioco che io non vorrei giocare. Quindi penso che anche i giocatori tradizionali apprezzeranno quel che sto facendo, perché io stesso voglio realizzare qualcosa che piaccia a loro e, quindi, a me. In definitiva, comunque, raggiungere questo nuovo pubblico è certamente una sfida, ma è una sfida che penso valga la pena di affrontare e che penso di poter vincere.

Incredibile ma vero: si poteva giocare seriamente a Ultima Online senza combattere - Ultima OnLine The Second Age
Incredibile ma vero: si poteva giocare seriamente a Ultima Online senza combattere


Commenti

  1. falinovix

     
    #1
    Bellissima intervista. Non è facile tirare fuori commenti così a personaggi importanti. Giopep è il migliore giornalista di videogiochi in Italia. Bravo!
  2. blackcat73

    #2
    Io un ultima 10 glielo pagherei pure doppio so che da solo non sarei abbastanza per fargli fare profitto... ho adorato il 9 anche se buggato all'inverosimile(ho ancora appesa la mappa di britannia in camera).
  3. giopep

     
    #3
    Hahahahah, Falinovi, esagerato. :D
  4. Vladimiro

     
    #4
    Lo hai abbracciato ringraziandolo per Ultima Online? Lo hai offeso perche' non ne ha fatti altri? :D
  5. giopep

     
    #5
    A fine intervista stretta di mano convinta e dichiarazione di fanboyaggine totale. :D
  6. Bruce Campbell87

     
    #6
    grandissima intervista, complimenti, la spammo un po' in giro :D considerazioni interessanti, certo che fa un po' specie sentire che gioca solo su mobile apple, madonna. X°D
  7. giopep

     
    #7
    Eh, ma d'altra parte è comprensibile: giocare in maniera tradizionale è una cosa che comunque richiede una certa dedizione e del tempo. A estrarre il telefono e farti una partita ci vuole un attimo, dovunque tu sia. Lo vedo ben io nei periodi in cui sono poco stabilmente a casa: ci metto magari due mesi a finire un giochino Live Arcade, ma gioco tonnellate di roba col telefono. :)

    (Senza contare che col telefono ci gioco pure quando sono al cesso. :D Magari il Wii U servirà a questo)
  8. Bruce Campbell87

     
    #8
    un futuro da niubbi per l'industria sempre più mobile, argh!
  9. Dna

     
    #9
    ma a cosa sta lavorando lord british ?

    cmq eterna riconoscenza per UltimaIX e Ultima Online!!
    grandissimo il riferimento all'uccisione di ratti nelle fogne: quando uscì UO era talmente hardcore che un nuovo giocatore, doveva farsi un mese minimo di raccolta legname e uccisione ratti nelle fogne prima di provare a uscire dalle mura della città ( perchè appena uscivi venivi falciato o da pk o da mob lol!!!!)
  10. |Sole|

     
    #10
    Tch. Soldi per il gioco, soldi per giocare, milioni di bolletta per poi passare il tempo in miniera. E contenti. Oh, ma saremo scemi, a volte?
Continua sul forum (18)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!