Genere
Sparatutto
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 64,99
Data di uscita
7/11/2008

Gears of War 2

Gears of War 2 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Microsoft Game Studios
Sviluppatore
Epic Games
Genere
Sparatutto
PEGI
18+
Distributore Italiano
Microsoft
Data di uscita
7/11/2008
Lingua
Tutto in Italiano
Prezzo
€ 64,99

Hardware

Gears of War 2 è esclusiva Xbox 360 e pertanto può essere giocato solo da chi è in possesso di una console Microsoft e di almeno un joypad. Il gioco supporta risoluzioni video HD 720p, 1080i e 1080p ed è compatibile, in bassa definizione, solo con televisori a 60 Hz. 10 MB su Memory Unit o HD sono necessari per i salvataggi.

Multiplayer

Gears of War 2 offre una moltitudine di modalità multigiocatore, cooperative e competitive. Per queste ultime è anche disponibile l'opzione "Campi di addestramento" che consente di allenarsi prima di lanciarsi nelle competizioni online. In cooperativa è possibile giocare sia via Internet che in split screen; in competitiva le modalità sono: Zona di Guerra, Guardiano, Compagno, Capitolazione, Esecuzione, Annessione, Re della Collina e Orda.

Link

Recensione

Azioni vecchie e nuove...

Qualche novità operativa in un contesto collaudato.

di Simone Soletta, pubblicato il

Dal punto di vista delle abilità dei nostri commilitoni, non è cambiato molto rispetto a Gears of War: Marcus, Dominic e compagni sono sempre gli stessi, carri armati fatti di sangue e muscoli armati fino ai denti e capaci di trarre il meglio da qualsiasi arma si trovino per le mani. In tal senso è ancora una volta apprezzabile la semplificazione con cui Epic Games ha nuovamente affrontato il "problema" delle munizioni: visto il gran numero di armi presenti, tra quelle umane e quelle liberamente sottraibili alle locuste passate a miglior vita, proporre un'eccessiva diversificazione avrebbe dato al giocatore la sensazione di trovarsi di fronte a un "inventario", e il ritmo del gioco ne avrebbe di certo sofferto.
In Gears of War 2, invece, proprio come nel suo predecessore, c'è davvero poco di cui preoccuparsi: i proiettili talvolta sono di tipo comune tra le due razze (pistole, fucili d'assalto), cosa che semplifica molto le cose. In più non mancano mai i rifornimenti in giro per i livelli, posti in modo spesso incoerente con quanto sta avvenendo sullo schermo, ma teso a tenere alto il ritmo con il quale vomitiamo piombo - e granate - sui nostri avversari. Non stupitevi, insomma, se in un angolo che prima era vuoto improvvisamente trovate una manciata di granate: Epic Games ve le fornisce per un motivo, raccoglietele e preparatevi a usarle, senza troppe domande.

un tasto per tutto

È stato raffinato l'utilizzo del tasto A, al solito deputato alle azioni di copertura e alla corsa: quest'ultima è sostanzialmente invariata, anche se in alcuni casi la sensazione è che sia un filo meno rigida, mentre la gestione delle coperture è meno caotica e, anche se permane qualche problema qua e là, in linea generale gli "incastri involontari" provati nel titolo precedente avvengono molto più di rado. Resta secondo noi eccessivamente macchinosa l'azione necessaria per scavalcare un muretto (A per accucciarsi, poi "Su + A" per scavalcarlo), ma è una cosa che non causa grossi imbarazzi, mentre è molto bella da vedere la nuova azione che fa letteralmente "scivolare" Marcus attorno a una copertura.
Sempre apprezzabile, poi, è l'intelligenza artificiale di compagni e avversari, al punto che i primi possono talvolta essere lasciati da soli a gestire compiti anche molto pericolosi, e che ai secondi bisogna necessariamente fare attenzione, capaci come sono di sottrarsi al nostro fuoco per cercare migliori coperture da cui colpirci. Certo, il gioco propone anche una buona quota di "carne da cannone" che non vede l'ora di finire sotto al nostro mirino e permangono alcuni casi di nemici convinti di essere al sicuro noostante li si stia crivellando di colpi... ma proprio quando si avverte un senso di rilassata onnipotenza può capitare la sorpresa, l'attacco inatteso, la tattica imprevista.
Questo, ovviamente, dipende anche dal livello di difficoltà scelto per il gioco, di cui parleremo in sede di conclusione.

abbracciare una - yuck! - locusta ed essere felici

Tra le nuove azioni disponibili per i nostri protagonisti ne troviamo alcune legate alle locuste, che ora, esattamente come i Gears, possono restare ferite a terra dopo essere state colpite. Questo consente loro di essere curate dalle compagne, esattamente come avviene nella nostra fazione, e quindi attenzione a lasciarle troppo in giro durante una battaglia. Se però capita di trovarsene di fronte una feruta, si potrà decidere di utilizzarla come scudo premendo, al solito, l'onnipresente tasto A.
In questa modalità potremo utilizzare solo armi a mano singola (le pistole, umane o nemiche), potendo però contare su una protezione più che apprezzabile e abbastanza duratura nel tempo. I movimenti si fanno più lenti, ma il vantaggio è comunque considerevole e, comunque, quando il "nuovo alleato" non è più utile, basta premere il tasto X per liberarsene. Lo stesso tasto elimina definitivamente una locusta agonizzante senza spreco di proiettili, e quando ci si sente davvero cattivi ci si può sfogare utilizzando invece il tasto Y.
Quello delle coperture mobili è un concetto che ritroviamo anche in altre situazioni, visto che alcune delle locuste più grandi portano con sé un pesantissimo scudo. Una volta eliminato il portatore, è possibile utilizzarlo esattamente come descritto in precedenza: movimenti più lenti a causa del peso dello stesso, solo le pistole disponibili per attaccare. In alcuni casi lo scudo è davvero un alleato prezioso, perché consente di aggirare il nemico senza mettersi in balia delle sue raffiche.

un arsenale per tutte le stagioni

Tra le armi disponibili (nel giusto numero, né troppo né troppo poche) si nota per lunghi tratti d'avventura un'assenza abbastanza eclatante. Il Martello dell'Alba, l'arma potentissima e semidefinitiva che bramavamo in Gears of War, ci accompagna solamente nei momenti finali dell'avventura... e visto che i nemici più grossi sono ora parte dell'esercito che dovremo costantemente combattere, ciò significa che dovremo gestire anche gli avversari più mastodontici senza poter utilizzare il comodissimo attacco satellitare.
Gli strumenti per farlo, però, non mancano: a livello di difficoltà normale, si può abbattere praticamente qualsiasi cosa utilizzando il Lancer e una buona dotazione di proiettili, a parte qualche boss che richiede azioni specifiche per rendere l'anima al creatore delle locuste. Le cose si fanno ovviamente più impegnative impostando difficoltà più elevate, che però sembrano in effetti rendere più fragile Marcus piuttosto che agire sugli "HP Point" dei nemici.
Ovviamente, non c'è solo il Lancer in Gears of War 2, e infatti potremo contare su alcune succose novità: a parte la pistola Gorgon, capace di sparare potenti raffiche di quattro colpi (lentissima a ricaricarsi, però!), troviamo tre armi "pesanti" che potremo aggiungere al nostro arsenale predefinito (due armi d'assalto a piacere, granate, pistola) e scarrozzare in giro per i livelli a nostro piacimento, a scapito della velocità di movimento.
Il Mulcher è una mitragliatrice di grosso calibro che può essere usata sia in movimento (a scapito della precisione) sia da posizione più stabile (premendo LT la si posa a terra o la si colloca sulla copertura che stiamo utilizzando). È un vero e proprio delirio di piombo capace di spazzare in un attimo anche il più coriaceo dei nemici. Il Mortaio è invece fantastico per gli attacchi da distanza in spazi aperti, visto che si può collocare a terra in sicurezza, impostare direzione e distanza della gittata e rilasciare sui crani delle malcapitate locuste una pioggia di esplosivi davvero devastante. Infine, molto coreografico (ma non utilissimo a nostro avviso) è lo Scorcher, un lanciafiamme capace di abbrustolire ogni preda ma dalla gittata forse un po' troppo limitata. Infine, citiamo - anche se l'abbiamo usata pochissimo - una nuova granata, capace di rilasciare un gas velenoso che, persistendo nell'area dell'esplosione, impone un danno più prolungato ai nemici che si trovano nel suo raggio d'azione.


Commenti

  1. |Sole|

     
    #1
    Thread ufficiale di discussione:

    http://community.videogame.it/forum/t/312192/
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!