Genere
Azione
Lingua
ND
PEGI
18+
Prezzo
ND
Data di uscita
20/9/2011

Gears of War 3

Gears of War 3 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Microsoft Game Studios
Sviluppatore
Epic Games
Genere
Azione
PEGI
18+
Data di uscita
20/9/2011
Data di uscita americana
20/9/2011
Data di uscita giapponese
22/9/2011

Lati Positivi

  • “Più grande, più bello e più cazzuto”
  • Sembrano risolti numerosi problemi del multiplayer
  • Nuove modalità ben pensate
  • Cooperativa per quattro giocatori
  • Ambito narrativo più solido e curato
  • Stilisticamente più vario e ricercato
  • Oltre dieci ore di campagna single player

Lati Negativi

  • A tratti emerge un forte déjà-vu
  • Qualche passaggio della campagna ci ha convinti poco
  • Livello di difficoltà tarato forse un po' troppo verso il basso

Hardware

Gears of War 3 è un'esclusiva Xbox 360. L'installazione facoltativa su disco fisso occupa 7.4 GB. Supportata la visualizzazione in 3D, che non abbiamo però messo alla prova.

Multiplayer

Come da tradizione della serie, sono presenti numerose modalità di multiplayer competitivo, arricchite in questo caso da un complesso sistema di statistiche e medaglie. Torna anche la possibilità di affrontare la campagna in cooperativa, questa volta addirittura in quattro giocatori, accompagnata dalla Orda 2.0 in salsa tower defence e dalla nuova modalità Bestia.

Modus Operandi

Abbiamo ricevuto il gioco in versione finale pacchettizzata da Microsoft e abbiamo impiegato poco meno di undici ore per il completamento della campagna in modalità Normale, recuperando circa un terzo dei vari segreti collezionabili. Considerando che a livello Normale il gioco è davvero una passeggiata di salute (siamo morti non più di tre o quattro volte), è chiaro che ai livelli superiori (compreso il Folle, che come da tradizione si sblocca dopo aver terminato la campagna) la durata può aumentare sensibilmente. Abbiamo poi dedicato un paio d'ore a provare altri livelli di difficoltà e diverse ore ad affrontare le modalità multiplayer.
Recensione

Le arene online di Sera

Scopriamo se Epic ha messo a frutto la fase di beta.

di Andrea Maderna, pubblicato il

Il multiplayer di Gears of War rappresenta da sempre croce e delizia della serie. Assolutamente particolare e a modo suo unico nel feeling dell'esperienza, capace di sdoganare al punto di renderle uno standard irrinunciabile modalità come l'Orda (nella sostanza non inventata da Epic, ma da loro resa tanto popolare con Gears of War 2), ma anche frustrato da un sistema di matchmaking tremendamente problematico e dall'eterno dramma dell'host power, che nei casi peggiori rendeva quasi onnipotente il “titolare” del match. Con Gears of War 3, per la prima volta nella serie, Epic ha organizzato una beta: ovviamente la speranza è che questa abbia dato buoni frutti per la realizzazione di un multiplayer finalmente convincente fino in fondo...

Fra un respawn e l'altro è sempre possibile osservare una completa mappa dell'area di gioco - Gears of War 3
Fra un respawn e l'altro è sempre possibile osservare una completa mappa dell'area di gioco

buone impressioni

È chiaro che un solo weekend di partite, oltretutto in anticipo rispetto al lancio, quindi coi server ancora ben lungi dall'essere realmente messi alla prova, può fare testo fino a un certo punto. Senza contare che i problemi veri, le piccolezze e i difetti che minano sul serio la funzionalità del sistema vengono spesso alla luce sulla distanza. Allo stato attuale, comunque, l'impressione è sorprendentemente positiva, con un sistema di matchmaking funzionale e veloce come mai si è visto nella serie e il nuovo sistema di server dedicati che sembra davvero funzionare come si deve (fra l'altro, finalmente troviamo la migrazione dell'host nel caso il “titolare” della partita si disconnetta). Tutto sembra insomma funzionare al meglio, almeno per il momento, e se le cose si manterranno su questi livelli è chiaro che il potenziato sistema di gioco potrà fiorire come si deve. Il meccanismo di livelli e crescita che racchiude Gears of War 3, del resto, si esprime ovviamente al massimo nel multiplayer, dove permette di sbloccare skin, personaggi e oggetti di vario tipo.
Per quanto riguarda il corredo di mappe e modalità, si parla di dieci diverse ambientazioni per gli scontri fra giocatori, una delle quali è una bella rielaborazione "post-Martello" della mitica Ingorgo del primo Gears of War. Tornano poi le modalità classiche del secondo episodio, potenziate da un rinnovato Deathmatch a squadre, organizzato secondo un sistema di respawn limitati e "vite" da esaurire. Alle modalità competitive, inoltre, si accompagnano le varie declinazioni della cooperativa: la già citata co-op a quattro per lo story mode, certo, e l'Orda 2.0, che introduce un sistema di accumulo di denaro (tramite uccisioni e portando a termine obiettivi specifici proposti in alcuni round) per l'acquisto di fortificazioni, torrette e altro, applicando quindi una spruzzata di tower defence al tutto. In ogni fase di pausa fra un'ondata e l'altra, ciascuno dei partecipanti può spendere i suoi soldi per rifornirsi di munizioni, cambiare arma o contribuire alla spesa comune per la fortificazione della mappa, assemblando strutture, riparandole o potenziandole con upgrade disponibili in base al livello raggiunto nell'utilizzo delle diverse classi di costruzione. Eccellente nella concezione e molto divertente nell'applicazione, che davvero aggiunge ulteriore fascino a una modalità già ottima di suo, questo sistema ha però il limite di non scalare il prezzo delle strutture sulla base del numero di giocatori, andando quindi a inficiare un po' il bilanciamento nel momento in cui un team più piccolo non può accumulare fondi a sufficienza per fortificarsi a dovere. La cosa viene stemperata dal numero di nemici che scala in accordo a quello dei giocatori, ma ogni tanto il sistema non sembra funzionare in maniera perfetta.

Nonostante le modalità Orda e Bestia si prestino abbastanza, Epic non ha voluto sperimentare con un multiplayer competitivo che divida i giocatori fra buoni e cattivi - Gears of War 3
Nonostante le modalità Orda e Bestia si prestino abbastanza, Epic non ha voluto sperimentare con un multiplayer competitivo che divida i giocatori fra buoni e cattivi
E c'è poi la nuova modalità Bestia, annunciata all'E3 2010, che ribalta la questione e mette nei panni di cinque Locuste impegnate a uccidere umani asserragliati, con tutta una serie crescente di creature che è possibile sbloccare. Il sistema funziona in maniera simile a quando si gioca nei panni dei cattivi in Dead Space 2 o in Left 4 Dead e Left 4 Dead 2: a ogni respawn è possibile scegliere che “bestia” interpretare, anche se è necessario avere accumulato soldi a sufficienza per comprarsela e, soprattutto, le creature più potenti (compreso un gradito ritorno dal primo episodio della saga) vanno sbloccate accumulando vittorie ed esperienza. Le diverse caratteristiche dei mostri regalano una buona varietà, fra creature dedite nello specifico alla demolizione delle difese, altre propense alla cura dei compagni e altre ancora impegnate solo a distruggere, ed entrano in gioco anche ulteriori elementi più o meno tattici. Per esempio la possibilità di accumulare punti non solo con le uccisioni, ma anche distruggendo le fortificazioni, o il fatto che gli eroi (Marcus e compagni) possono essere uccisi solo tramite esecuzione.

gran finale

Tirando le somme, Gears of War 3 è davvero il finale col botto che tutti si aspettavano. Non rivoluziona nulla, ma lavora di fino per migliorare numerosi aspetti e risolvere problemi storici della saga. Ripropone al meglio i punti cardine della trilogia e nel farlo, sotto molti punti di vista, emerge forse come l'episodio più riuscito, anche se paga dazio nella sensazione di già visto che inevitabilmente molte sequenze si portano in dote. Riesce però a concludere la serie in maniera convinta ed emozionante, regalando un impatto narrativo sicuramente più sentito che in passato e dando la giusta chiusura ai vari discorsi aperti. E tutto questo solo nella campagna, una faccenda dalla durata variabile attorno alla decina d'ore, dal livello di sfida come sempre molto scalabile e in grado di rendere al meglio in cooperativa. E poi ci sarebbe anche l'altra faccenda, quella del multiplayer, che recupera la natura tutta particolare dei precedenti episodi, impreziosendola con diverse novità e con un funzionamento che questa volta pare davvero solido e meritevole delle decine e decine (centinaia?) di ore che un vero appassionato è in grado di investire. Insomma, bersaglio centrato.

Voto 5 stelle su 5
Voto dei lettori
Un signor capitolo conclusivo, che si conferma sui livelli di eccellenza della serie, risolve molti problemi e si presenta al lancio con un multiplayer di spessore. Certo, se cercate grandi novità, guardate altrove.

Commenti

  1. dis-astranagant

     
    #1
    Ma sbaglio o trovo tutti più.. dimagriti? Umani?



    Un lieve cambio di character design?
  2. giopep

     
    #2
    Sì, è un'impressione che ho avuto anche io, e pensavo rientrasse tutto nel discorso del taglio narrativo un po' diverso. Però, in realtà, dando uno sguardo ai primi due episodi, non è che ci sia 'sta gran differenza. Secondo me il problema è che nel ricordo 'sti bestioni ci sembrano più grossi. :D
  3. thegreatpretender

     
    #3
    5 stelle sammontana!!!
  4. PaulVanDyk

     
    #4
    ma alla fine sta benedetta campagna dura 10 o 14 ore?
  5. DoctorGeo

     
    #5
    Non vedo l'ora. E martedì pomeriggio a casa per iniziarlo.
  6. GioB

     
    #6
    contento che ha preso 5 stelle

    speriamo che con l'online sia più stabile del predecessore,ricordo diverse patch e modifiche a gow2,a mesi dal lancio,per sistemare l'online

    confermate che è cambiato il doppiatore di marcus?si nota molto la differenza?
  7. giopep

     
    #7
    PaulVanDykma alla fine sta benedetta campagna dura 10 o 14 ore?

    A me, come ho scritto, a livello Normale è durata dieci ore e rotti. E a livello normale per morire devi veramente impegnarti. A Difficile o Folle (che però si sblocca dopo averlo finito una volta) penso le 14 si possano raggiungere senza problemi.
  8. babaz

     
    #8
    qualche maggior accenno alla componente "tecnica" del gioco??... si parla molto bene, ad esempio, del sistema di illuminazione, che ne pensi gio?
  9. PaulVanDyk

     
    #9
    giopepA me, come ho scritto, a livello Normale è durata dieci ore e rotti. E a livello normale per morire devi veramente impegnarti. A Difficile o Folle (che però si sblocca dopo averlo finito una volta) penso le 14 si possano raggiungere senza problemi.


    ah perfetto grazie, è sempre un'ottima durata, tanto lo comincerò direttamente a difficile
  10. PaulVanDyk

     
    #10
    DoctorGeoNon vedo l'ora. E martedì pomeriggio a casa per iniziarlo.


    :DD


    sei sempre il numero uno! Vedi di non fare come con resistance però eh

    :zzz: :approved:
Continua sul forum (2360)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!