Genere
ND
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
8/11/2006

GeForce 8800

GeForce 8800 Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
NVIDIA
Data di uscita
8/11/2006

Hardware

Le schede GeForce 8800 GTX, con GPU funzionante a 575 MHz, Shader Core a 1350 MHz e 768 MB di memoria GDDR3 a 900 MHz, richiedono oltre ad un canonico slot PCI un alimentatore sufficientemente corposo (450 W con linea a 12V da almeno 30A) da rifornire le due connessioni di alimentazione aggiuntive a 6 pin. Per la GeForce 8800 GTS, di fatto una GTX con un blocco per "sezione" disattivato (per motivi di rese presumibilmente), invece la GPU è impostata a 500 MHz, gli Shader Core a 1200 MHz e i 680 MB di memoria GDDR3 a 800 MHz e le richieste di corrente sono di conseguenza un po' più moderate, con una sola presa di alimentazione esterna e per la quale viene raccomandato un alimentatore da 400 W con linea da 12V di almeno 26A.
Eyes On

GeForce 8800

NVIDIA si prepara a DirectX 10 portando le prestazioni all'estremo

di Antonino Tumeo, pubblicato il

È stato riveduto anche il filtraggio anisotropo, che grazie anche alle migliorate potenzialità di texture fetching della GPU permette la gestione, senza significativi rallentamenti, del filtraggio indipendentemente dall'angolazione delle texture (che comporta l'utilizzo di più campioni per ogni possibile angolazione). Questo è possibile anche perchè nella GeForce 8800 GTX le 32 unità di texture addressing e le 64 unità di texture filtering consentono di ottenere 32 pixel per ciclo di clock filtrati bilineramente o in anisotropo 2X e 16 in formato Floating Point a 16 bit. Non può certo mancare il supporto ad PureVideo, anche per i filmati di tipo HD, che a quanto pare ha subito miglioramenti tali da riportare NVIDIA avanti rispetto a AVIVO nei test HQV.

UNO SGUARDO D'INSIEME

Non poteva chiaramente mancare il supporto a SLI, con i connettori sulla scheda che diventano due, ma dei quali solo uno è attualmente sfruttato nei driver, probabilmente per permettere traferimenti bidirezionali e consentire in un prossimo futuro il supporto a configurazioni con più di due schede (tipo Quad SLI) che al momento non è fornito. L'output è garantito da un chip di I/O esterno che effettua la transcodifica digitale o analogica sfruttando un range di 10 bit per componente (come già sulle Radeon della famiglia X1000, ma non sulle GeForce 7 rimaste ancorate all'output a 8 bit) e fornisce la piena compatibilità con HDCP per le due porte DVI Dual Link integrate sulla scheda. É chiaro che un chip grafico così grande e potente richieda anche un discreto quantitativo di energia e utilizzi una scheda piuttosto complessa (e di conseguenza lunga). E difatti per garantire gli oltre 200 Watt richiesti dalla GeForce 8800 GTX è stato necessario integrare ben due connettori a 6 pin (in grado di fornire ciascuno fino a 75 W oltre ai 75 già forniti dal PCI-E) e utilizzare una scheda lunga più di 20 cm. Il sistema di raffreddamento dual slot scelto non è comunque a liquido, come si era inizialmente creduto da alcune foto circolate in precedenza.
D'altra parte, la richiesta energetica è un piccolo prezzo da pagare in quella che si configura da oggi come la scheda grafica più potente attualmente disponibile, in grado di fornire, soprattutto alle alte e altissime (2560 x 1600) risoluzioni prestazioni in grado di doppiare sia la Radeon X1900 XTX che la GeForce 7900 GTX, e superare quelle delle configurazioni GeForce 7950 GX2 e GeForce 7900 GTX SLI. Tutto ciò nelle applicazioni DirectX 9.0, ma senza dimenticare il pieno supporto a Direct3D 10 e allo Shader Model 4.0, con tutto ciò che concerne la nuova pipeline grafica "unificata", le maggiori risorse a disposizione dei programmatori, la gestione degli output e input degli stream in memoria (con le funzionalità di "memexport"), i Geometry Shader e la gestione virtualizzata della memoria video.
Senza dubbio, insomma, l'arrivo di GeForce 8800 segna l'inizio dell'ennesima, nuova era della grafica, in anticipo non solo sul diretto concorrente R600 della nuova AMD - ATI, che avrà eventualmente possibilità di spodestarla solo all'inizio del 2007, ma persino su Microsoft e il suo Windows Vista. E dunque, si dia nuovamente inizio alle danze!