Genere
Azione
Lingua
Sottotitoli in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
49,90 Euro
Data di uscita
21/10/2005

Genji

Genji Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment Europe
Genere
Azione
Distributore Italiano
Sony Computer Entertainment Italia
Data di uscita
21/10/2005
Lingua
Sottotitoli in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
49,90 Euro

Hardware

Genji: Days of the Blade è un'esclusiva PlayStation 3 così come Genji è stato un'esclusiva PlayStation 2.

Multiplayer

Genji: Days of the Blade non prevede modalità multigiocatore.

Link

Intervista

Spadate e sorrisi

Quattro chiacchiere con il creatore di Genji e relativo seguito.

di Sebastiano Pupillo, pubblicato il

Nextgame.it: Quali sono state le principali fonti di ispirazione per i due capitoli di Genji?

Yoshiki Okamoto: Per quanto riguarda la trama, com'è noto, ci siamo basati su fatti storici e leggende del Giappone feudale; tutto ruota intorno alla celebre lotta tra i clan Taira e Minamoto che ha avuto luogo nel dodicesimo secolo ed è stata raccontata molto bene nei romanzi storici di Eiji Yoshikawa come New Tale of the Heike. Da un punto di vista visuale non ci siamo ispirati ad altri giochi, ma piuttosto a un film recente che mi ha molto colpito per l'uso dei colori, ovvero Hero di Zhang Yimou [che però è un film cinese, NdR].

Nextgame.it: Avete in programma di realizzare una versione PSP del primo Genji, o di utilizzare comunque questa ambientazione per un gioco portatile?

Yoshiki Okamoto: Tendenzialmente no perché portare Genji su PSP richiederebbe molto tempo, che sarebbe certo speso meglio nella realizzazione di un altro gioco completamente nuovo. Comunque Sony era interessata alla questione e ci ha chiesto se fosse possibile, ma per adesso non abbiamo nulla in programma.

Nextgame.it: Hai mai pensato di supportare l'Eye Toy nei tuoi giochi o di creare titoli interamente basati sull'uso di questa periferica?

Yoshiki Okamoto: Allo stato attuale non abbiamo in cantiere giochi che supportino Eye Toy, ma è un dispositivo che mi è sempre piaciuto moltissimo. Non appena avremo l'idea giusta correremo da Sony a chiedere di farcela sviluppare!

Nextgame.it: Che tipo di sinergia e collaborazione si sono stabilite tra i team di Game Republic al lavoro sui giochi da tavolo e quelli impegnati sui videogiochi? Pensate di creare qualcosa insieme, in futuro?

Yoshiki Okamoto: A me piacciono allo stesso modo entrambe le tipologie di gioco, ma non credo che si sarà mai una collaborazione effettiva tra i due team perché il tipo di sviluppo è troppo diverso.

Nextgame.it: Abbiamo letto sul tuo blog che l'anno scorso stavi valutando la possibilità di realizzare un MMORPG per PC. Cosa ne è stato di quell'idea?

Yoshiki Okamoto: Di quel gioco in particolare non se n'è fatto nulla. Non che non mi piaccia il genere, anzi, mi piace molto, ma c'è tutto l'aspetto economico riguardante gli scambi di denaro che non mi convince per niente [probabilmente si riferisce al fenomeno del Real Money Trading, che viene spesso osteggiato dai produttori di MMORPG, ma che in certi casi è invece parte integrante del gameplay. NdR].
Certo, se in futuro dovessimo ricevere richieste specifiche per lo sviluppo di un MMORPG le valuteremo attentamente.

Nextgame.it: Dal momento che hai appena realizzato il seguito di un gioco per PS2, che opinione hai nei confronti della serializzazione nei videogiochi? Pensi che Game Republic si focalizzerà sullo sviluppo di di giochi in un solo capitolo o procederà sulla strada della serializzazione?

Yoshiki Okamoto: Sono abbastanza favorevole al concetto di serializzazione, tant'è che quando sviluppo un gioco penso sempre a un eventuale seguito o a un miglioramento di alcuni aspetti del gioco originale. Questo non vuol dire che, come Game Republic, intendiamo fossilizzarci sullo sviluppo di sequel, ma è naturale pensare a una storia in più capitoli. D'altro canto, tutto dipende da come un gioco viene recepito dal mercato e dai piani del produttore (ovvero da Sony, in questo caso).