Genere
Azione
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 59,90
Data di uscita
19/6/2009

Ghostbusters

Ghostbusters Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment
Sviluppatore
Terminal Reality
Genere
Azione
PEGI
12+
Distributore Italiano
ATARI Italia
Data di uscita
19/6/2009
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
4
Prezzo
€ 59,90
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Hardware

Il portfolio completo di titoli in uscita da qui alla fine dell'anno sotto l'etichetta Vivendi copre pressochè tutte le console attualmente presenti sul mercato.

Link

Speciale

Le promesse di Vivendi

Tutti i titoli del produttore francese in uscita nel corso del 2008.

di Luca Airoldi, pubblicato il

Non mancheranno inoltre fasi di guida e di volo, in cui mettere alla prova tattiche di cooperazione con il compagno: la struttura di gioco a missioni (che, per la precisione, saranno ventiquattro) si affianca infatti alla possibilità intraprendere l'avventura in compagnia di un amico in cooperativa via Internet. Ovviamente immancabile un armamentario quantitativamente impressionante in termini di varietà offerta tra armi leggere e pesanti, da acquistare guadagnando denaro durante il gioco, tramite combo e kill concatenate. L'impatto visivo pulito corrisponde infine a una resa estetica già da ora apprezzabile, benché resti da verificare l'interazione con l'ambiente che pare attualmente limitata per un titolo in cui è lecito aspettarsi di poter smantellare gran parte dei ripari a suon di piombo. 50 Cent Blood on the Sand è atteso sugli scaffali dei negozi entro la fine dell'anno in corso per Xbox 360 e PlayStation3.
Due sono invece le notizie più che positive in arrivo da Robert Ludlum's The Bourne Conspiracy: la prima riguarda il rilascio imminente di una demo del gioco, che farà la comparsa su Xbox-Live e PlayStation Network il prossimo 22 maggio (ricordiamo che il gioco è in uscita su Xbo 360 e PlayStation 3 per la fine di giugno), mentre la seconda coinvolge il reparto estetico del gioco, decisamente ripulito e perfezionato rispetto a quanto già apprezzato nel nostro hands-on approfondito tenutosi poco tempo fa a Parigi.
Resta pienamente confermato lo stampo action-cinematico che contraddistingue l'esperienza di gioco offerta dal titolo di Vivendi Games, nel quale avremo modo di rivivere in prima persona degli spezzoni tratti direttamente dalla pellicola cinematografica (The Bourne Identity) e dei flash-back utili per mettere luce sull'enigmatica esistenza di Jason Bourne.

SPYRO E CRASH BANDICOOT

Ancora più fantasy e colorato, The Legend of Spyro: Dawn of the Dragon conclude la trilogia dedicata al draghetto viola di Sierra: focus principale di questo terzo capitolo è senza dubbio il miglioramento delle abilità di Spyro (che ora può volare in qualsiasi momento) e il bilanciamento perfezionato tra le sessioni di combattimento e le fasi puramente platform.
Per quanto concerne le prime, colpisce la varietà di approcci che le nuove abilità consentono di approntare, senza dimenticare la possibilità di intraprendere in qualsiasi momento l'avventura in compagnia di un amico (che impersonerà Cyinder, il draghetto femmina amica di Spyro), benché soltanto in rete locale. Immancabili invece i classichi quick-time-event nelle fasi platform, in cui la possibilità intrinseca di spiccare il volo può però creare qualche grattacapo nelle fasi di atterraggio su zone ristrette.
Molto più interessante il risvolto tattico che il volo può apportare negli scontri con i boss di fine livello, ora ancor più "enormi" rispetto al passato: l'aumento di stazza corrisponde all'ampliamento delle arene di combattimento, in cui poter svolazzare cercando riparo o utilizzando a proprio favore le conformazioni naturali delle diverse ambientazioni.
Novità inedita è infine rappresentata dalla presenza delle armature, acquisibili pezzo per pezzo durante il gioco, per potenziare l'apparato difensivo del draghetto impertinente di Sierra. The Legend of Spyro: Dawn of the Dragon è atteso nei negozi per il mese di ottobre prossimo su Xbox 360, PlayStation 3, PlayStation 2 e Nintendo DS.
Unico titolo a essere presentato su Wii, Crash Bandicoot: Mind Over Mutant punta ancora una volta sulla possibilità di sfruttare a proprio favore le peculiarità dei nemici stessi incontrati durante l'avventura. Ecco dunque che, dopo essergli balzato sulle spalle, un mostro ghiacciato diviene utile per attraversare distese di acque altrimenti inguadabile, mentre un porcospino mastodontico rappresenta un'ottima opportunità per lanciarsi, in guisa di palla dentata, su percorsi ricchi di curve e impennate, esattamente come il caro vecchio Sonic insegna. Novità inedita è il fatto che tali nemici potranno essere "custoditi" e portati appresso per essere utilizzati nei momenti più opportuni, potendoli persino potenziare nel corso dell'avventura.