Genere
Azione
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 64,90
Data di uscita
19/3/2010

God of War III

God of War III Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment
Sviluppatore
Sony Computer Entertainment
Genere
Azione
PEGI
18+
Distributore Italiano
Sony Computer Entertainment Italia
Data di uscita
19/3/2010
Data di uscita americana
16/3/2010
Data di uscita giapponese
25/3/2010
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 64,90
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Lati Positivi

  • Graficamente mostruoso
  • Gameplay collaudato e divertente
  • Grande cura per ambienti e personaggi
  • Impegnativo dall'inizio

Lati Negativi

  • Novità ai minimi termini
  • Qualche lieve rallentamento

Hardware

Trattandosi di un'esclusiva per la console Sony, per giocare God of War III è richiesta una console PlayStation 3 e un controller compatibile. Non è invece necessaria l'installazione iniziale su disco fisso.

Multiplayer

God of War III, come i precedenti episodi, offre unicamente la campagna per giocatore singolo dedicata all'odissea dello spartano Kratos.

Link

Recensione

Il primo spartano in HD

Kratos torna in cima all'Olimpo degli action game.

di Alessandro Martini, pubblicato il

Le fasi iniziali di God of War III, una serie di battaglie lunga quasi un'ora, entreranno sicuramente nella storia dei videogame come già aveva fatto la mitica sequenza dell'Idra nel primo episodio per PlayStation 2. In questa serie di combattimenti (nota per essere apparsa nelle demo fieristiche e nei trailer pre-lancio) vediamo Kratos e alcuni Titani impegnati a scalare il monte Olimpo per completare la loro vendetta verso Zeus, in un tripudio di effetti speciali e inquadrature "avveniristiche" che farebbero impallidire perfino Peter Jackson. Il resto del gioco, purtroppo o per fortuna, è invece molto più tradizionale...

la caduta degli dei, atto terzo

A livello di ambientazione, gameplay e struttura dei livelli, God of War III riprende alla lettera quanto visto nei primi due capitoli PS2 e nella versione per PSP, offrendo la classica struttura da "action game fantasy" basata su scontri ravvicinati, fasi a piattaforme e qualche piccolo enigma. A unire i tre elementi base c'è come sempre una trama molto approfondita nei dettagli e nel numero di personaggi, ma parzialmente rovinata da dialoghi (e voci in italiano) non sempre all'altezza. I riferimenti alla mitologia greca sono infatti dettagliati e quasi sempre corretti, ma le conversazioni tra i personaggi sono fin troppo "holllywoodiane" per dare vero spessore alla sceneggiatura. Parliamo comunque di un gioco d'azione e non di un'avventura, quindi tale aspetto ha rilevanza limitata nei confronti dei comandi e del sistema di combattimento, che è lo stesso (ultra collaudato) visto nei primi episodi.
Sintetizzando, abbiamo un tasto per l'attacco semplice, uno per quello forte, un altro delegato alle prese e infine i comandi necessari all'attivazione delle magie o delle armi secondarie. Esistono naturalmente le combo, vecchie e nuove, che arricchiscono l'arsenale di Kratos con nuovi attacchi a mezz'aria e mosse speciali in grado di fare piazza pulita dello schermo (e dei nemici) in pochi secondi. Nonostante l'alto numero di attacchi a disposizione, i combattimenti sono tutt'altro che scontati e, in pieno stile God of War, differenziati tra le varie creature che si incontrano. I Minotauri, per esempio, vanno tenuti a distanza per non finire sballottati dalle loro corna, mentre i soldati comuni soffrono soprattutto gli attacchi ravvicinati e molto cruenti.

la formula vincente che non cambia mai

Come dicevamo in precedenza, le dinamiche di gioco sono quelle introdotte nella vecchia generazione e successivamente copiate da quasi tutti i giochi della stessa categoria. Kratos, inquadrato in terza persona, si muove attraverso livelli che riproducono le ambientazioni mitologiche più care alla storia greca (più qualcuna di fantasia...) facendo a pezzi tutto ciò che incontra, soprattutto se minaccioso nei suoi confronti. L'alto tasso di violenza, viste anche altre uscite recenti, non fa più notizia ma bisogna ricordare che mutilazioni, teste decapitate svolazzanti ed ettolitri di sangue sono all'ordine del giorno anche in questo capitolo. A intervallare squartamenti e battaglie, ci sono i classici puzzle di stampo arcade basati sull'attivazione di interruttori o lo spostamento di oggetti chiave nascosti abilmente nello scenario. Benché si tratti di un elemento originale quanto la scritta "game over" va premiata la scelta (degli sviluppatori) di non offrire indizi su come superare queste fasi, se non semplici "scintille" che illuminano gli oggetti da attivare. Capita infatti di spendere anche diversi minuti nel risolvere un enigma o comprendere il funzionamento di un dato meccanismo, una pausa più che benvenuta tra una furiosa battaglia e l'altra.
Naturalmente non può mancare il sistema di potenziamento delle armi, che ritroviamo nella classica versione basata sul recupero di sfere lasciate da nemici e oggetti distrutti.
Una volta raccolte in gran numero, possono essere "investite" nel menu di pausa per migliorare le armi in nostro possesso e dare a Kratos una serie di attacchi più potenti. Tornano infine i Quick Time Event già dall'introduzione: sequenze animate in cui va premuta la giusta serie di tasti (indicata a schermo) per completare un'animazione e, di solito, massacrare in modo "splatter" il nostro avversario.

una grafica di qualità quasi divina

Non c'è niente che può raggiungere God of War III per la sola grafica tra i gli action game su console HD e, forse, perfino tra i videogame in generale. Sebbene il gioco non mantenga i livelli dell'incredibile (è il caso di dirlo) prima fase attorno all'Olimpo, complessivamente si posiziona almeno due spanne sopra qualsiasi titolo uscito nell'ultimo periodo. Messa da parte una fluidità talvolta ridotta (ma parliamo di casi piuttosto rari), il dettaglio dei personaggi, il realismo degli ambienti ma sopratutto la grande pulizia dell'immagine sorprendono anche un occhio allenato a "mostri" come Killzone 2 o Uncharted 2. Da questo punto di vista, gli studi Sony di Santa Monica hanno svolto un lavoro davvero eccezionale, anche considerata la concorrenza di medio/alto livello dei giochi d'azione e le aspettative enormi dei mesi scorsi. Come da tradizione per l'intera saga, il design dei livelli è un altro aspetto che emerge nell'intera realizzazione, per il modo in cui ogni sezione dello scenario è collegata a formare grandi ambienti che sembrano appartenere ad un unico "mondo". La quasi completa assenza di caricamenti (e installazioni...) rafforza questa sensazione perché non ci sono vere attese tra una scena filmata e l'azione in presa diretta nei panni di Kratos. Come dicevamo qualche paragrafo più sopra, l'audio è inferiore alla grafica nei dialoghi ma si risolleva grazie alle musiche, con una colonna sonora a tema sinfonico azzeccata per l'ambientazione e arricchita da effetti particolarmente fragorosi. C'è anche da dire che la difficoltà media si assesta su buoni livelli già a livello "Dio" (che è quello normale, non il più alto) e gli oggetti segreti da raccogliere sono ben distribuiti nello scenario. Sommando tali aspetti a una durata di almeno dieci ore, non possiamo che valutare il debutto di Kratos su PlayStation 3 come la piena riconferma che tutti si aspettavano.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
La concorrenza si fa sotto e ben presto God of War non potrà più dormire sugli allori riproponendo la stessa formula ad ogni uscita, ma attualmente non c'è ancora nulla che possa scalzarlo dal suo trono. La sola realizzazione tecnica è infatti un ottimo motivo per acquistare God of War III e farlo vedere agli amici nei mesi che verranno, magari giocando "in loop" l'eccezionale fase introduttiva. Anche il gameplay, con le sue meccaniche collaudate e una struttura di gioco che non passa mai di moda, resta interessante e coinvolgente sulla distanza, per merito di una difficoltà medio/alta che comunque non scade mai nella frustrazione. Come dicevamo in apertura, Kratos è ancora il migliore in quello che fa, aspettando qualcuno che riesca finalmente a scalare l'Olimpo...

Commenti

  1. Insert Coin

     
    #1
    Complimenti per l' articolo ;)
  2. Bigboss87

     
    #2
    SPETTACOLARE come previsto... scimmia ai massimi livelli!
  3. utente_deiscritto_27962

     
    #3
    Lo sapevo, lo sapevo... E' IL DIO DELLA GUERRA! :sbav:

    Quando la mascella vi cadrà sul pavimento, venitemi a dire che il comparto tecnico nei giochi non conta... :->

    [Modificato da killer7 il 08/03/2010 18:09]

  4. Bogdan

     
    #4
    Insert Coin ha scritto:
    Complimenti per l' articolo ;)
    Quindi il solito vecchio Gow, graficamente a livello di uncharted 2...
    Bè direi.. :sbav:
    Peccato per le voci, si possono settare in inglese?
  5. link74

     
    #5
    Prendere prendere!!!!!!
  6. Dna

     
    #6
    ottimo: non vedo l'ora di metterci le mani sopra! tra l'altro è da un bel po' che l'ho prenotatoooo...anche perchè poi non ci sarà nulla ( per me) da giocare fino a red dead redemptiooonnnn ( se esce a maggio...)
  7. utente_deiscritto_19700

     
    #7
    come previsto kratos prende a pedate streghe,cavalieri e crociati che,pur in una confezione ottima,non hanno niente a che spartire con questo capolavoro.
  8. auron2002

     
    #8
    Che gravità hanno i rallentamenti?
    Per dire, Byonetta mi piace molto, ma quelli che ho incontrati, di cali di frame, mi hanno non poco infastidito.
  9. auron2002

     
    #9
    alexspooky ha scritto:
    come previsto kratos prende a pedate streghe,cavalieri e crociati che,pur in una confezione ottima,non hanno niente a che spartire con questo capolavoro.


    Be', mi pare di capire che, lato tecnico a parte, sia lo stesso da 7 o 8 anni :DD
    Non mi pare questo Dio :DD
  10. utente_deiscritto_8705

     
    #10
    Complimenti, ottuma rece Alez
Continua sul forum (2471)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!