Genere
Azione
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
18+
Prezzo
39,90 €
Data di uscita
11/11/2010

God of War: Ghost of Sparta

God of War: Ghost of Sparta Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment
Sviluppatore
Ready at Dawn
Genere
Azione
PEGI
18+
Distributore Italiano
Sony Computer Entertainment Italia
Data di uscita
11/11/2010
Data di uscita americana
2/11/2010
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
39,90 €

Hardware

Sviluppato da Ready at Dawn, God of War: Ghost of Sparta è un'esclusiva per Sony PSP ed è atteso entro il 2010.

Multiplayer

Non sono previste modalità multigiocatore per la nuova avventura tascabile di Kratos.

Link

Hands On

Prodigio tascabile

L'orgoglio spartano cerca ancora la propria vendetta.

di Lorenzo Antonelli, pubblicato il

Il primato di prodigio tecnologico fatto segnare nel 2008 da God of War: Chains of Olympus è destinato a crollare per mano del suo stesso team di sviluppo, Ready at Dawn, al quale Sony ha nuovamente affidato la creazione del secondo capitolo tascabile. Durante la manifestazione californiana, infatti, abbiamo messo le mani sull'attesissimo God of War: Ghost of Sparta, e la sensazione trasmessa è stata quella di assoluto stupore, incredula meraviglia e puro appagamento visivo. È chiaro sin da adesso che il team di sviluppo guidato da Andrea Pessino bisserà senza alcun dubbio il successo di pubblico e critica segnato del precedente episodio, confezionando un prodotto che si rivelerà senz'altro summa tecnologica per l'handheld marchiato Sony.

MAGNIFICENZA GRAFICA

Sono bastati solamente pochi minuti alle prese con il muscoloso motore grafico del gioco, insomma, per scoprirsi basiti dinanzi a un prodotto così sofisticato eppure miniaturizzato, che spazza via in un sol colpo ogni traguardo tecnico fatto segnare sino ad ora dal portatile di Sony. Si fatica a credere, in altre parole, che quel che si muove in video è roba progettata per funzionare su PSP, tanta è la mole di poligoni che si destreggia con naturale fluidità. Lo splendore estetico di God of War: Ghost of Sparta, in buona sostanza, ammalia al primo impatto, sfoggiando texture e soluzioni grafiche senza eguali, sino a poco fa impensabili su un dispositivo portatile. Se God of War: Chains of Olympus replicava (in piccolo) l'esperienza ludica già vissuta con PlayStation 2, God of War: Ghost of Sparta riproduce in formato tascabile la maestosità che la saga ha ormai raggiunto su PlayStation 3. Si parla di prestazioni da record, in altri termini, al vertice della categoria. I dettagli della trama non sono stati ancora pienamente svelati, ma quel che è certo è che i fatti di God of War: Ghost of Sparta si posizionano cronologicamente tra il primo ed il secondo capitolo della saga, dalle origini del dio della guerra sino alla caduta di Kratos per mano di Zeus.

La carica di Hiperion

La versione dimostrativa che era in prova nello showfloor di Sony si è rivelata breve, eppure appagante, adrenalinica e del tutto capace di mettere in luce le mirabili possibilità ludiche congegnate per l'occasione da Ready at Dawn. Laddove il sistema di combattimento ricalca a grandi linee quello di God of War: Chains of Olympus, va necessariamente segnalata l'introduzione di efficaci novità belliche in forza allo spartano. Attraverso la cosiddetta "Hiperion Charge", dunque, Kratos può agguantare i nemici, stenderli a terra e, una volta immobilizzati, colpirli senza pietà, attraverso il dorsale destro più il tasto quadrato. Non manca la possibilità di alternare alla spade una letale (ma più lenta) combinazione di lancia e scudo, mentre l'unica magia disponibile nella versione dimostrativa era l'Occhio di Atlantide, ovvero una fortissima scarica elettrica in grado di far fuori i nemici nelle vicinanze.

Kratos Vs. Scylla

Le meccaniche di gioco, invece, non discostano granché dalla tradizione della serie, basati sull'avanzamento nel gioco attraverso soliti enigmi fatti di leve e ingranaggi, per accedere quindi al mirabolante duello contro il boss. E dinanzi a Scylla (una creatura degli abissi molto più grande dello schermo di PSP), infine, lo stupore e l'esaltazione del giocatore sfiorano vette inusitate. Si tratta di un boss "persistente", che si ripresenta lungo tutto il livello di gioco, che sconquassa lo schermo con i suoi tentacoli e le sue gigantesche fauci e conduce Kratos sino al Quick Time Event conclusivo, come da vecchia etichetta "God of War". God of War: Ghost of Sparta è un vero prodigio tascabile, senza mezzi termini, come testimonia il video delle nostre impressioni a caldo. Non resta che attendere l'uscita del gioco, prevista entro il 2010: solo allora la vendetta dello spartano potrà (forse) dirsi conclusa.


Commenti

  1. nonnino

     
    #1
    Il filmato del gameplay su youtube è davvero promettente, sicuramente mio al D1.
  2. Fotone

     
    #2
    Errata video: "Luca" Pessino ovviamente è "Andrea" Pessino.
    Il take con il nome corretto è stato girato subitissimo non appena pronunciato il nome sbagliato, ma il filmaker (Soleee) non se n'è accorto in fase di montaggio. E se l'"energumeno" verrà a picchiarmi, ben mi sta.

    In ogni caso, applausi per Ready at Dawn, per Luca-Andrea Pessino e per l'ennesimo capolavoro.
    Giocone!!!
  3. DarkGod

     
    #3
    Spettacolo!!! Non vedo l'ora! :D
  4. Fotone

     
    #4
    Spettacolo totale, che sembra la versione in piccolo di GoW PS3.
    Chains era la miniaturizzazione dei capitoli PS2.
    E il bello è la PSP, alla fine, è rimasta sempre la stessa, stesso hardware.
    Magia di Ready at Dawn, che sa davvero il fatto suo.
    Vai Luca!
    :D
  5. |Sole|

     
    #5
    Fotone ha scritto:
    Errata video: "Luca" Pessino ovviamente è "Andrea" Pessino.
    Il take con il nome corretto è stato girato subitissimo non appena pronunciato il nome sbagliato, ma il filmaker (Soleee) non se n'è accorto in fase di montaggio. E se l'"energumeno" verrà a picchiarmi, ben mi sta.

    In ogni caso, applausi per Ready at Dawn, per Luca-Andrea Pessino e per l'ennesimo capolavoro.
    Giocone!!!


    Lo chiamo e veniamo a suonarti in stereo.
  6. Fotone

     
    #6
    No, la combo di energumeni NOOOOOOOO!!! :D
  7. DarkGod

     
    #7
    Fotone ha scritto:
    Spettacolo totale, che sembra la versione in piccolo di GoW PS3.
    Chains era la miniaturizzazione dei capitoli PS2.
    E il bello è la PSP, alla fine, è rimasta sempre la stessa, stesso hardware.
    Magia di Ready at Dawn, che sa davvero il fatto suo.
    Vai Luca!
    :D
       Adoro vedere l'hardware sfrutatto cosi :D
    Gia' che c'erano potevano farne anche una versione PS3, magari per PSN, uguale a questa ma in HD, un po' come hanno fatto per i primi 2 episodi. Secondo me non avrebbe sfigurato  ;)
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!