Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
Sottotitoli in Italiano
PEGI
12+
Prezzo
49.90 Euro
Data di uscita
12/10/2006

Gothic 3

Gothic 3 Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
JoWooD Productions Software
Sviluppatore
Piranha Bytes
Genere
Gioco di Ruolo
PEGI
12+
Distributore Italiano
KOCH Media
Data di uscita
12/10/2006
Lingua
Sottotitoli in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
49.90 Euro

Lati Positivi

  • Myrtana è vastissima
  • Gioco appassionante
  • Combattimenti mai frustranti
  • Grafica notevole (con l’hardware giusto)
  • Longevità ai massimi livelli

Lati Negativi

  • Motore grafico troppo pesante
  • Qualche bug di troppo
  • Poche le differenze con Gothic II

Hardware

Gothic 3 è stato testato con un Pentium 4 3,6 GHz con 1 GB di RAM e una scheda 3D ATi Radeon XT850 PE con 256 MB di RAM alla risoluzione di 1024x768 pixel con i dettagli grafici impostati su livelli medi. Purtroppo anche con questa impostazione si sono manifestati alcuni rallentamenti, anche se con la recente patch di circa 60 MB la fluidità è leggermente migliorata. Gothic 3 disponibile in due versioni: una normale con scatola, manuale e DVD-ROM di gioco venduta al prezzo di 39,99 Euro e una Collector's Edition contenente, oltre al disco di gioco, un CD con la colonna sonora, un DVD con il making-of del gioco (interviste e dietro le quinte per oltre un'ora di filmati), un medaglione, una mappa in stoffa e un libro con varie illustrazioni e concept-art, il tutto al prezzo di 69,99 Euro.

Multiplayer

Non sono presenti modalità di gioco in multiplayer.

Link

Recensione

Terre incantate

Pregi e difetti per un Gioco di Ruolo molto affascinante e longevo.

di Francesco Destri, pubblicato il

Oltre a essere decisamente realistico nelle sue componenti "umane" e interattive, Gothic 3 propone un mondo vastissimo e soprattutto geograficamente vario, ancora di più del già immenso territorio di Cyrodiil visto in The Elder Scrolls IV: Oblivion.
In circa venticinque ore di gioco abbiamo attraversato zone montuose, boschi e foreste, città e pianure, paludi, deserti e cime innevate, all'insegna di un modo praticamente "totale" di concepire il gioco di ruolo, che forse era mancato in parte nel capolavoro di Bethesda Softworks.

IL MOTORE IMPERFETTO

Gothic 3 è inoltre ricchissimo di quest di qualsiasi genere, di materiali e di oggetti da raccogliere, di personaggi con cui interagire e di pozioni da realizzare con erbe e altri intrugli. È insomma il classico GdR che promette decine di ore di gioco (almeno cento secondo gli sviluppatori), anche perché se si decide di sviare dai binari della trama principale ci si accorge di come la vastità di Myrtana abbia davvero pochi rivali al giorno d'oggi.
A tal proposito bisogna rimarcare l'assenza di tempi morti o di frangenti in cui la libertà d'azione si tramuta, come spesso succede in questi casi, in un ostacolo più che in un pregio. Ciò anche per merito di un territorio si vastissimo, ma molto popolato e in cui non viene quasi mai a mancare quel filo logico che lega le singole quest all'intricata situazione che sta vivendo Myrtana.
Un altro pregio non indifferente è da ricercare nel comparto grafico, seppur con una precisazione. Il motore di Gothic 3 non è infatti ottimizzato al meglio e anche con una configurazione come la nostra, che con The Elder Scrolls IV: Oblivion non aveva dato segni di particolare cedimento, i rallentamenti sono molti e si è costretti ad abbassare notevolmente il livello di dettaglio.
Solo con un PC di ultimissima generazione (meglio se equipaggiato con 2 GB di RAM di sistema) si può godere al meglio dello splendore grafico del gioco, da ricercare però non tanto nel character design (mostri e personaggi non fanno gridare al miracolo), quanto più nel design delle location e dei paesaggi, davvero ispirati e ricchissimi di elementi con cui interagire. Non mancano poi i bug (sottotitoli a tratti inesistenti, corpi senza vita che levitano ad alcuni centimetri dal suolo) e quando rimaniamo senza vita bisogna sorbirsi caricamenti decisamente lunghi e fastidiosi.

A UN PASSO DALLA LEGGENDA

Non siamo insomma di fronte a un titolo tecnicamente perfetto e sottoposto a un beta testing impeccabile, anche se la recente patch correttiva ha effettivamente limato alcune asprezze soprattutto a livello di interfaccia, ora leggermente più comoda e funzionale.
L'impatto visivo rimane comunque tra i migliori visti in un gioco di ruolo e, sebbene su questo versante The Elder Scrolls IV: Oblivion rimanga preferibile, il lavoro dei grafici di Piranha Bytes non si può certo dire deludente.
Ciò che impedisce a Gothic 3 di forgiarsi del titolo di capolavoro è semai l'assenza di quel qualcosa in più in grado di fare la differenza.
Ci si diverte, il mondo è vastissimo e le ambientazioni belle da vedere e curiose da scoprire, i combattimenti non diventano quasi mai frustranti e il bestiario a disposizione non delude, eppure più si va avanti nel gioco più si ha la sensazione di giocare a un Gothic II solo graficamente potenziato e con una mappa a disposizione più grande.
È lo scotto che si paga nell'essere venuti dopo il capolavoro di Bethesda Softworks, ma in quanto a solidità e varietà Gothic 3 rimane un gioco di ruolo consigliato a tutti e un titolo da avere assolutamente se si vogliono trascorrere ore e ore in uno splendido mondo virtuale.

Voto None stelle su 5
Voto dei lettori
Gothic 3 è il classico Gioco di Ruolo che ti aspetti. Bello da vedere (a patto di avere l'hardware giusto), estremamente longevo, mai troppo difficile e dotato di tutti i classici meccanismi di un GdR vincente. I ragazzi di Piranha Bytes sono insomma riusciti a espandere gli orizzonti dei primi due capitoli della serie in modo non traumatico eppure significativo, dando vita a un titolo che ha poco da invidiare (se non in rari frangenti) a The Elder Scrolls IV: Oblivion. Manca però quel guizzo in grado di renderlo un vero e proprio classico e la pesantezza, in parte ingiustificata, del motore grafico rimane un ostacolo non indifferente per tutti i possessori di PC di fascia media.