Genere
Azione
Lingua
Sottotitoli in Italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 79,90
Data di uscita
29/4/2008

Grand Theft Auto IV

Grand Theft Auto IV Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Rockstar Games
Sviluppatore
Rockstar North
Genere
Azione
PEGI
18+
Distributore Italiano
Take2
Data di uscita
29/4/2008
Lingua
Sottotitoli in Italiano
Giocatori
16
Prezzo
€ 79,90
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Hardware

Dopo aver mancato il lancio originariamente previsto per il 19 ottobre 2007, Grand Theft Auto IV si prepara a debuttare su Xbox 360 e PlayStation 3 entro il mese di aprile 2008. La versione vista in azione e protagonista di questo articolo è quella per Xbox 360. Ricordiamo che la principale differenza fra l'edizione PS3 e quella per Xbox 360 riguarda l'annunciato arrivo sulla console Microsoft di contenuti scaricabili esclusivi distribuiti dopo il lancio del gioco.

Multiplayer

Grand Theft Auto IV avrà una o più modalità multigiocatore, che secondo Rockstar Games questo versante rappresenterà un elemento importante del gioco. Al momento non vi sono dettagli a riguardo, salvo che certamente non si tratterà di multiplayer online persistente in stile MMORPG.

Link

Eyes On

Quando il tempo porta consiglio...

Nuovo sguardo da vicino alla prossima generazione della serie GTA.

di Matteo Camisasca, pubblicato il

Su questo versante si distingue poi la realizzazione del fumo e del fuoco: quest'ultimo in particolare guizza veloce e realistico come raramente ci era capitato di vedere. Parlando ancora di fisica, la missione col più intenso scontro a fuoco si conclude con Niko che si aggrappa a un camion in fuga: anche qui l'interazione fra i protagonista e il mezzo, sia quando è appeso ai bordi e oscilla come una foglia al vento, sia quando scivola sul tetto dove si è sdraiato prono, è realizzata in modo assolutamente pregevole.

QUEL GRAND'ATTORE DI NIKO BELIC

Un terzo aspetto che non può lasciare indifferenti riguarda gli intermezzi animati realizzati anch'essi in tempo reale con il Rage Engine che muove tutto il gioco: in essi Grand Theft Auto IV si distingue per la mimica, l'espressività, la gestualità, il tono della voce... in una parola, la “recitazione” dei suoi attori virtuali. Posture, espressioni facciali e gesti accompagnano i dialoghi con una dinamicità e una ricchezza di sfumature che rasentano l'eccellenza assoluta: ne deriva un quadro che impressiona per verosimiglianza, pur restando il quadro visivo nei confini di quello stile “disegnato” che caratterizza da sempre le produzioni firmate da Rockstar North. In buona sostanza GTA IV non imita pedissequamente e certosinamente la realtà ma la “disegna” mantenendo un tratto originale e mescolando con maestra in ogni frangente verosimiglianza e finzione, perché il fine che intende ottenere è un gioco che diverta e appaghi e non una simulazione rigorosa di una città e delle dinamiche criminali che avvengono in essa.

I MILLE VOLTI DI GTA IV

Tornando per un attimo alla missione di Rivas accennata all'inizio, in essa abbiamo riscontrato un'altra interessante novità: il computer della polizia. Questo strumento, cui possiamo accedere per esempio rubando un'auto delle forze dell'ordine (e se non ne incontriamo nessuna nei paraggi cosa c'è di meglio che chiamare il 911 - l'equivalente americano del nostro 113 - con il cellulare, per farne arrivare una in zona?) ci permette di accedere a un prezioso database: nello specifico, inserendo il nome di Rivas e rifacendoci ad altre informazioni date da Brucie, abbiamo individuato senza ombra di dubbio il suo indirizzo dove ci siano recati con l'auto rubata.
GTA IV promette di essere pieno di chicche come questa e moltissime non saranno svelate fino all'uscita del gioco, come era avvenuto del resto ai tempi di San Andreas, per preservare intatte numerose sorprese per i giocatori.
In un gioco con un titolo del genere sono ovviamente in primo piano i veicoli e in quanto a tipologie abbiamo visto in azione semplici automobili, SUV, camion e poi motociclette, nonché il gommone a motore citato a inizio articolo e altri tipi di barche: tutti sono ovviamente guidabili e ciascuno si comporta in modo sufficientemente diverso dagli altri, nella medesima categoria di appartenenza, il tutto sempre nell'ottica di una verosimiglianza alla realtà sostanziale, ma non eccessiva. In questo ambito si inseriscono anche le collisioni e i danni alle carrozzerie (che si ammaccano, si rompono e si staccano a pezzi) elementi che visivamente abbiamo apprezzato, nel caso delle auto, per un effetto di riflessione dell'ambiente circostante non troppo accentuato, come invece troppo spesso avviene in molti altri videogiochi.
Centrale è ovviamente, secondo tradizione, anche il ruolo della musica, che si avvantaggia della novità di poter essere suonata a piacimento non solo dalle autoradio, ma anche attraverso il cellulare di Niko; la colonna sonora ascoltata durante questa demo era già di livello, ma non è detto che quanto le nostre orecchie hanno gustato sia presente nel gioco finito. A tal proposito ci aspettiamo come sempre, prossimamente, un corposo comunicato stampa che ufficializzi la “tracklist” del gioco.
Ci fermiamo qui per il momento. Appuntamento, si spera, il mese prossimo con un nuovo aggiornamento su GTA IV. Per ora possiamo dire che la fibrillante attesa per questo videogioco è salita alle stelle: se il primo impatto era stato già emozionante, questo secondo, con tutte le novità e i miglioramenti apportati, ci lascia semplicemente elettrizzati!