Genere
Azione
Lingua
Sottotitoli in Italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 79,90
Data di uscita
29/4/2008

Grand Theft Auto IV

Grand Theft Auto IV Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Rockstar Games
Sviluppatore
Rockstar North
Genere
Azione
PEGI
18+
Distributore Italiano
Take2
Data di uscita
29/4/2008
Lingua
Sottotitoli in Italiano
Giocatori
16
Prezzo
€ 79,90
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Hardware

Grand Theft Auto IV è in arrivo il 19 ottobre 2007 su Xbox 360 e PlayStation 3. Il gioco offrirà contenuti scaricabili esclusivi per la versione Xbox 360.

Multiplayer

Grand Theft Auto IV avrà una o più modalità multigiocatore, che secondo Rockstar Games questo versante rappresenterà un elemento importante del gioco. Al momento non vi sono dettagli a riguardo, salvo che certamente non si tratterà di multiplayer online persistente in stile MMORPG.

Link

Eyes On

Grand Theft Auto IV svelato ai nostri occhi

Liberty City nella nuova era dell'alta definizione...

di Matteo Camisasca, pubblicato il

Indiscutibile. Innegabile. È l'emozione che si prova vedendo per la prima volta Grand Theft Auto IV dal vivo, in azione e giocato. Nonostante la meraviglia suscitata del trailer diffuso lo scorso 30 marzo avesse già preannunciato la portata del passaggio generazionale dal terzo (e successivi sequel) al quarto capitolo della serie, il primo impatto dal vivo con Grand Theft Auto IV è devastante.
L'impressione è ancor più forte se si rammenta il rapporto in termini tecnologici fra i precedenti GTA e i giochi della medesima generazione: mai la serie è stata vicina ai parametri di riferimento in termini tecnici e di espressione estetica in particolare, anche se va ricordato che infilare un intero stato liberamente esplorabile in una PS2 (come è avvenuto con San Andreas), oppure una città viva e animata in una PSP (come è avvenuto con Liberty City Stories o Vice City Stories), è certamente un'impresa tecnologica non da poco. In GTA IV, però, c'è molto di più e sotto il profilo tecnico si prefigura la realizzazione di uno dei sogni da sempre espressi dagli ammiratori e fan della serie: godere della libertà e del divertimento che hanno fatto di Grand Theft Auto quel "mostro sacro" che oggi è, ma in un contesto che sia anche bellissimo a vedersi e pienamente appagante per gli occhi, senza compromessi.
Dopo una demo durata meno di mezz'ora e focalizzatasi proprio sulla presentazione degli aspetti realizzativi che contraddistingueranno Grand Theft Auto IV, non è possibile dire se l'obiettivo sarà centrato così come l'abbiamo espresso nelle righe sovrastanti ("senza compromessi"), però fin d'ora lo spettacolo si annuncia notevole, notevolissimo, per certi versi al di sopra di ogni più rosea aspettativa. E d'altro canto ci carica di nuovi interrogativi.
Abbiamo indugiato anche troppo: seguiteci nel racconto di quanto abbiamo visto di Grand Theft Auto IV, giocato dal vivo, in tempo reale, davanti ai nostri occhi!

NIKO E I SUOI NUOVI CONCITTADINI

La nostra visita dell'8 maggio scorso agli uffici londinesi di Rockstar Games comincia con una premessa da parte dei nostri ospiti: Grand Theft Auto IV non è un sequel di GTA: San Andreas e non è un semplice "more of the same" di quasiasi GTA dotato di bella grafica e supporto per l'alta definizione. Il passaggio alla nuova generazione della serie è più profondo, strutturale e incide sull'essenza stessa del gioco: è qualcosa che dopo una presentazione dedicata quasi esclusivamente agli aspetti tecnologici possiamo ovviamente solo intuire da alcuni segnali, da alcuni particolari, ma la sensazione - calcando di nuovo le strade di Liberty City - è che effettivamente stia bollendo in pentola molto di più del semplice (per quanto spettacolare) remake estetico.
Un'emozione in tal senso l'abbiamo quando viene detto che non ci saranno tempi d'attesa o schermate di caricamento, neppure nella transizione fra esterni e interni e così avviene dinanzi ai nostri occhi quando Niko Belic - il nuovo protagonista giunto dall'Est Europa a Liberty City sull'onda del più classico "sogno americano" - apre la porta di ingresso di una casa e i due mondi 3D, l'esterno e l'interno, sono li a toccarsi, a congiungersi e a darci strada senza stacchi, senza alcuna soluzione di continuità.