Genere
MMORPG
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
31/8/2007

Guild Wars: Eye of the North

Guild Wars: Eye of the North Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
NCsoft
Sviluppatore
ArenaNet
Genere
MMORPG
Distributore Italiano
DDE
Data di uscita
31/8/2007

Hardware

Guild Wars: Eye of the North è in arrivo su PC. Per giocare con questa, che a tutti gli effetti è la prima vera espansione della serie, sarà necessario possedere uno qualsiasi dei capitoli fin qui rilasciati.

Link

Speciale

Diario di sviluppo - I sotterranei

In esclusiva per Nextgame.it, un tuffo nelle lande di Eye of the North!

di Matteo Camisasca, pubblicato il

Dopo mesi di discussioni, pianificazioni, bozze e rapporti, gli Asura si sono via via materializzati nei piccoli birbanti cicciottelli, intelligenti e impertinenti che possiamo ammirare oggi. Alcuni potrebbero sembrare presuntuosi, o persino arrendevoli, ma come razza gli Asura possono essere di sostegno: sono scaltri, pieni di ingegno ed esperti nelle arti magiche. Inoltre rappresentano un componente integrante di Eye of the North.
Gli Asura hanno messo in contatto molte razze e culture, nonostante le distanze, grazie al sistema dei portali Asura i quali, a differenza di quelli normali che collegano due regioni confinanti, vengono usati per percorrere lunghe distanze che altrimenti sarebbe impossibile attraversare con mezzi convenzionali o magie comuni. Quindi, mentre la totalità delle Terre Profonde è suddivisa in settori, un giocatore può spostarsi da territori lontani, quali Cantha ed Elona, ad Ascalon e in punti ancor più remoti, se ovviamente il sistema è attivo e funzionante alla perfezione. Tuttavia, non sempre gli spostamenti sono facili, perché i recenti eventi hanno trasformato i cunicoli un tempo tranquilli in un autentico campo minato letale.
I giocatori scoprono questo sistema di transito terrestre già nelle prime fasi del gioco, solo per scoprire che chi lo ha realizzato se la sta dando a gambe levate in fuga da una schiera di Distruttori pronti a disfarsi di loro. Queste manifestazioni di puro orrore non sentono ragioni: si tratta di incarnazioni disgustose, sgraziate e feroci, resistenti al calore e che non hanno paura di nulla. Il loro fine è singolare: vogliono liberare le Terre Profonde da tutte le creature viventi per fare strada all'arrivo del Gran Distruttore, un terrificante mostro descritto nelle leggende dei Nani. Sotto la superficie si terranno numerose battaglie, alcune condotte personalmente e altre agli ordini di nuovi alleati.

ESPLORANDO I SOTTERRANEI

Dove si sparge sangue, si ruba ricchezza. Le Terre Profonde sono costituite da 18 sotterranei unici su più livelli e ognuno pullula di mostri propri, trappole, pericoli ambientali e bottini sostanziosi. Solo chi ha fegato osa passare al setaccio gli angoli più bui di queste caverne per fare man bassa delle ricchezze presenti. I boss sono più furbi, più rapidi e più forti; dispongono di abilità nuove e uniche, inoltre la loro intelligenza artificiale è stata sviluppata specificamente per questa espansione di gioco. Per esempio, un locale potrebbe essere protetto da un ragno colossale. Prima di attaccarlo, bisogna innanzitutto attirarlo nella propria portata. Una scansione rapida della zona rivela la presenza di diverse uova alle quali dar fuoco usando un lanciafiamme magico ottenuto da un Asura alleato. In preda alla collera, il ragno appollaiato abbandona la sua posizione giurando tremenda vendetta e si lancia all'assalto di tutti i componenti della squadra. Contro questo mostro, gli attacchi convenzionali sono lenti e impacciati. Impiegando un'abilità appresa da un saggio sciamano Norn, è possibile richiamare lo spirito dell'orso, che potenzia sia gli attacchi che le riserve di Salute. Questo è soltanto un esempio teorico di quanto sia possibile in Guild Wars: Eye of the North.
Durante l'esplorazione del sistema dei sotterranei, vi ritroverete in molte situazioni di questo genere. Dal momento che dovrete formare alleanze con diversi gruppi e personaggi, apprenderete una moltitudine di abilità peculiari del PvE che, combinate con le abilità normali, vi offriranno gli strumenti per superare le situazioni nelle quali vi ritroverete. Nonostante non sempre sarà necessario utilizzare queste abilità per sconfiggere un boss particolarmente forte, il fatto di impiegare queste nuove tattiche e la raccolta degli elementi presenti in questo ambiente vi daranno senza dubbio una marcia in più.
Una delle critiche che spesso viene lanciata ai giochi di ruolo online riguarda la mancanza di conseguenze per le azioni intraprese. Quando un alleato esala l'ultimo respiro viene semplicemente riportato in vita nell'area successiva. Non è così nei sotterranei: ogni azione ha una sua conseguenza permanente, per cui se la vostra guida viene stritolata da una trappola di pietra, divorata da un mostro o imbalsamata dalla lava, questo è quanto: rimarrete da soli.
Ciò non significa che se la fate grossa verrete radiati permanentemente dall'albo dei giocatori. Potete sempre uscire dal sotterraneo per ritentare l'impressa, altrimenti avete la possibilità di resuscitare i membri della vostra squadra, una funzione utile per i giocatori meno accaniti che non riescono al primo tentativo. Mentre rimarrete entro i confini di un particolare sotterraneo, la regola delle conseguenze rimane valida. In altre parole, i sotterranei sono istanze collegate a catena. Nonostante le insidie che incontrerete e le sofferenze che patirete, ci saranno altre opportunità di successo. Nei vostri viaggi, potreste incappare in un campo di prigionia segreto. Se sceglierete di liberare i prigionieri, otterrete nuovi alleati che vi aiuteranno a raggiungere il vostro scopo. Il proseguimento sarà sempre possibile, qualunque cosa succeda: dovrete semplicemente scoprire il modo migliore per andare avanti.

APPUNTAMENTO A...

Quanto indicato è soltanto un esempio delle tante fantastiche opzioni incluse in Guild Wars: Eye of the North. Condivideremo con voi altre informazioni sul gioco con l'approssimarsi della data di pubblicazione.