Genere
Rhythm Game
Lingua
Italiano
PEGI
12+
Prezzo
69,99 (gioco) / 109,99 (gioco + chitarra) / 199,99 (band kit)
Data di uscita
28/11/2008

Guitar Hero World Tour

Guitar Hero World Tour Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Activision
Sviluppatore
Neversoft
Genere
Rhythm Game
PEGI
12+
Distributore Italiano
Activision Italia
Data di uscita
28/11/2008
Data di uscita americana
7/11/2008
Lingua
Italiano
Giocatori
8
Prezzo
69,99 (gioco) / 109,99 (gioco + chitarra) / 199,99 (band kit)
Formato Video
HDTV

Hardware

Abbiamo provato Guitar Hero World Tour in versione Xbox 360. Il gioco supporta le canoniche risoluzioni video e l'audio in Dolby Digital 5.1. Per giocare con una band al completo servono l'intera strumentazione ufficiale (microfono, chitarra, batteria) e una seconda chitarra. È comunque possibile utilizzare i controller dei precedenti episodi e di Rock Band, a patto di rinunciare ad alcune funzioni. Supportato infine l'utilizzo dell'headset come microfono.

Multiplayer

Totalmente supportato il gioco in multiplayer online e offline. Sulla stessa console è possibile organizzare sfide all'ultima nota e suonare in compagnia affrontando singole canzoni o la modalità carriera. Anche online è possibile cooperare, ma il massimo del divertimento lo si ottiene nella devastante sfida fra bande di quattro elementi ciascuna.

Link

Recensione

Il chitarrista: un vero eroe del palcoscenico.

È dura essere la stella del gruppo.

di Simone Soletta, pubblicato il

Essere il chitarrista di una band non è un compito facile, è richiesto sempre il massimo, anzi di più. Ma con tanto allenamento e costanza si riesce a salire sempre a un livello superiore e fare cose che prima sembravano impossibili. Con la chitarra di Guitar Hero World Tour a tracolla ci si sente delle vere rockstar e si è spronati a dare sempre di più.

Lo strumento per i nostri assoli

Imbracciare la chitarra di Guitar Hero World Tour è una sensazione nuova, anche per chi ha giocato i capitoli precedenti. È una periferica tutta nuova, cambiata, a cominciare dalle dimensioni, ora, più generose. I materiali impiegati e l'assemblaggio sembrano più curati del solito ed effettivamente restituisce una sensazione di robustezza maggiore. Sulla nostra periferica troviamo i classici cinque tasti colorati, la barra della pennata, la leva per il vibrato, un intero controller per muoversi fra i menù e in più, da questa edizione, una parte touch-pad situata sul manico nella parte più vicina alla barra della pennata denominata "slider" e per finire un tasto "Starpower" situato su di un ipotetico ponte.
Come dicevamo, la chitarra è migliorata rispetto alle precedenti periferiche. La barra della pennata è aumentata in dimensioni e adesso ha una corsa più morbida e precisa, difficilmente capiterà di sbagliare per una questione tecnica. I tasti colorati sono rimasti pressoché invariati, ma svolgono ancora molto bene il loro compito. Un'altra miglioria interessante è la leva del vibrato allungata, così da essere più accessibile e comoda da usare: non ci sarà più bisogno si cercarla alla cieca, sarà sempre lì a portata di mano.
Se inclinare la chitarra per attivare lo Starpower, in alcune situazioni concitate, era un po' scomodo, i ragazzi di Neversoft hanno pensato anche a questo: aggiunto un grosso tasto che si preme facilmente con il palmo della mano e che riduce notevolmente i tempi e gli spostamenti, meno coreografico di certo, ma più efficace.
Veniamo al piatto forte, la barra "slider", ovvero il touch-pad integrato nel manico che permette di sbizzarrirci con gli assoli e che serve appunto alle parti in slide e tapping (rispettivamente, fare scivolare le dita sui tasti e tamburellare con il polpastrello i tasti), innovazione magari divertente ma di non facile approccio, dal momento che necessita di un po' di pratica prima di essere padroneggiata.

Dita infuocate

Tralasciando la voce, la chitarra è lo strumento più diretto dell'esperienza Guitar Hero, complice l'eredità delle passate edizioni e una certa immediatezza nell'apprendimento, risulta molto più semplice della batteria. In fondo, basta premere a tempo tasti e plettro per procedere nella canzone e fin dall'inizio si ottengono buoni risultati con i livelli più facili. Il discorso cambia se ci si vuole applicare a livelli più estremi, dove i problemi di diteggiatura iniziano a farsi sentire e una corretta impostazione della mano e tanta esperienza sono quantomeno necessari; capiterà di dovere provare più volte prima di riuscire a compiere alcuni passaggi e chiudere una canzone con la massima votazione. Quindi esercitarsi è d'obbligo se si vuole avere degli ottimi risulatati ai livelli più alti.
Il gioco rimane pressoché invariato in questa nuova versione, se non fosse per l'introduzione della barra "slider" a sfioramento, che introduce interessanti novità anche a livello di gameplay. Prima di tutto permette di giocare qualsiasi canzone in modalità tapping, praticamente sostituendo la pennata con un tocco sul pad, ma la parte più divertente è sicuramente il "wah" che si può eseguire sulle note particolarmente lunghe, facendo scorrere il dito sul sensore e alterando i suoni a nostro piacimento. In ultimo, può essere sfruttato per lo slide, durante il gioco vi verranno proposte sulla partitura delle note legate fra di loro da una "serpentina" viola che permette di suonare solo sfiorando la nota giusta sul pad al momento giusto, una bella aggiunta per gli assoli.
Da segnalare un leggero calo di sfida: anche i livelli più difficili sono comunque "umani" contrariamente al precedente Guitar Hero III: Legends of Rock, probabilmente per venire incontro a un bacino d'utenza che ogni anno si allarga e non è composto per forza da giocatori scafati.

Montarsi la testa

Fare il chitarrista in Guitar Hero World Tour è appagante. Certo è molto semplice cominciare, grazie ai tanti gradi di sfida, ma domare il gioco alle difficoltà più elevate e sfruttando tutte le possibilità che ci offre è veramente qualcosa di inebriante, anche se bisogna fare molta pratica per arrivare ai vertici, ma una volta raggiunti è veramente dura non lasciarsi andare a pose da rocker! L'esperienza è ancora migliorata rispetto alla scorsa edizione e le novità introdotte sono molteplici, su tutte la barra-slider che, purtroppo, non è sempre precisissima.
Insomma, se avete una spiccata personalità e propensione allo spettacolo... il ruolo di chitarrista è il vostro, la tecnica avete tutto il tempo per apprenderla.


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!