Genere
Rhythm Game
Lingua
Italiano
PEGI
12+
Prezzo
69,99 (gioco) / 109,99 (gioco + chitarra) / 199,99 (band kit)
Data di uscita
28/11/2008

Guitar Hero World Tour

Guitar Hero World Tour Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Activision
Sviluppatore
Neversoft
Genere
Rhythm Game
PEGI
12+
Distributore Italiano
Activision Italia
Data di uscita
28/11/2008
Data di uscita americana
7/11/2008
Lingua
Italiano
Giocatori
8
Prezzo
69,99 (gioco) / 109,99 (gioco + chitarra) / 199,99 (band kit)
Formato Video
HDTV

Hardware

Abbiamo provato Guitar Hero World Tour in versione Xbox 360. Il gioco supporta le canoniche risoluzioni video e l'audio in Dolby Digital 5.1. Per giocare con una band al completo servono l'intera strumentazione ufficiale (microfono, chitarra, batteria) e una seconda chitarra. È comunque possibile utilizzare i controller dei precedenti episodi e di Rock Band, a patto di rinunciare ad alcune funzioni. Supportato infine l'utilizzo dell'headset come microfono.

Multiplayer

Totalmente supportato il gioco in multiplayer online e offline. Sulla stessa console è possibile organizzare sfide all'ultima nota e suonare in compagnia affrontando singole canzoni o la modalità carriera. Anche online è possibile cooperare, ma il massimo del divertimento lo si ottiene nella devastante sfida fra bande di quattro elementi ciascuna.

Link

Recensione

Bassista e cantante: groove e frontman

Una band ha bisogno anche di un bel canto e un bel riff di basso!

di Simone Soletta, pubblicato il

Per essere una band completa non basta strimpellare qualche accordo, fare un assolo ogni tanto o battere due colpi sui tamburelli... serve anche un frontman carismatico con un'ugola potente e un gran bassista che con il suo giro regga la parte ritmica e crei un groove stratosferico. Non è sempre facile trovarli, e una band non si può dire completa senza questi componenti.

Il quattro-corde

L'esperienza del bassista in Guitar Hero World Tour è molto simile a quella del chitarrista, infatti lo strumento è il medesimo (si usa infatti la stessa chitarra anche per le parti di basso e nessuno vieta di usare le vecchie chitarre data la totale compatibilità). La partitura si presenta quasi allo stesso modo: ovviamente, e come magari i più smaliziati in fatto di musica sapranno già, le linee di un basso sono molto diverse da quelle di una chitarra , non ci sono assoli frenetici (almeno di solito) e sono piuttosto ripetitive, specialmente giocando ai livelli di difficoltà più bassi.
La vera differenza in termini di gameplay, rispetto al giocatore che sceglie la chitarra, è rappresentata dal tasto "nota a vuoto": oltre che i classici cinque tasti colorati, al bassista è chiesto anche di suonare, talvolta, una nota a vuoto. Questa si esegue dando una pennata senza premere alcun tasto e viene rappresentata a schermo con una linea orizzontale viola, identica a quella par il pedale della batteria.

Un microfono e tanta, tanta voce

Ultimo innesto nella line up dei giocatori, il cantante (assieme al batterista) è la vera novità di questo capitolo della saga di Activision. La periferica si presenta come un normalissimo microfono USB, di buona fattura e abbastanza corposo. Acquistando il cosiddetto "super bundle" è compreso nella confezione, altrimenti è possibile averlo anche separatamente. Dato che è sprovvisto di tasti, per spostarsi nei menù di gioco va abbinato a un normalissimo pad.
Una volta collegato lo strumento alla console, quello che il gioco ci chiede di fare è semplicemente cantare, con un sistema molto simile a quello visto già nel Rock Band di casa Harmonix. In una barra scorre il testo e in un'altra scorre la linea vocale che suggerisce con che tono intraprendere la canzone. Il sistema di valutazione della performance è effettivamente un po' approssimativo, sbagliare è difficile ed è sufficiente anche solo mugugnare la canzone, ma nell'insieme di una partita multiplayer fa sicuramente il suo effetto.
Ricordiamo che volendo si può giocare alla parte vocale di Guitar Hero World Tour anche con il microfono dell'headset Xbox Live (nella versione per la console Microsoft)

Una band al completo

Alla luce di questo scenario di gioco,una volta coinvolti tutti gli strumenti, il gioco sa regalare molto divertimento, specialmente se nell'ambito di partite multiplayer.
Certo, la parte vocale, da sola, non regge il confronto con le controparti strumentali, in grado di offrire un tasso di sfida interessante e sempre maggiore: tutte insieme, però, sanno regalare ore e ore di divertimento puro.


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!