Genere
Rhythm Game
Lingua
Italiano
PEGI
12+
Prezzo
69,99 (gioco) / 109,99 (gioco + chitarra) / 199,99 (band kit)
Data di uscita
28/11/2008

Guitar Hero World Tour

Guitar Hero World Tour Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Activision
Sviluppatore
Neversoft
Genere
Rhythm Game
PEGI
12+
Distributore Italiano
Activision Italia
Data di uscita
28/11/2008
Data di uscita americana
7/11/2008
Lingua
Italiano
Giocatori
8
Prezzo
69,99 (gioco) / 109,99 (gioco + chitarra) / 199,99 (band kit)
Formato Video
HDTV

Lati Positivi

  • Nuovi controller spettacolari
  • Editor per la creazione delle proprie tracce musicali
  • Numerosi rocker reali presenti nel gioco

Lati Negativi

  • I soliti difetti di Guitar Hero
  • Tracklist non del tutto convincente
  • L'editor ha qualche limite fastidioso

Hardware

Abbiamo provato Guitar Hero World Tour in versione Xbox 360. Il gioco supporta le canoniche risoluzioni video e l'audio in Dolby Digital 5.1. Per giocare con una band al completo servono l'intera strumentazione ufficiale (microfono, chitarra, batteria) e una seconda chitarra. È comunque possibile utilizzare i controller dei precedenti episodi e di Rock Band, a patto di rinunciare ad alcune funzioni. Supportato infine l'utilizzo dell'headset come microfono.

Multiplayer

Totalmente supportato il gioco in multiplayer online e offline. Sulla stessa console è possibile organizzare sfide all'ultima nota e suonare in compagnia affrontando singole canzoni o la modalità carriera. Anche online è possibile cooperare, ma il massimo del divertimento lo si ottiene nella devastante sfida fra bande di quattro elementi ciascuna.

Link

Recensione

In tour con Xbox 360

Chi vincerà la guerra fra bande?

di Simone Soletta, pubblicato il

Con Guitar Hero World Tour Activision arriva in ritardo, ma tutt'altro che fuori tempo massimo, a proporre una "simulazione" di band. Rock Band di Electronic Arts è arrivato prima - di un anno in America, di qualche mese in Europa - e ha riscosso un successo clamoroso, soprattutto sul fronte dei download tramite il negozio online. Ma la serie Guitar Hero risponde oggi con delle interessanti opzioni inedite e un set di strumenti più ricco e "avanzato", che oltretutto dalle nostre parti non si trova ad affrontare la concorrenza dei nuovi strumenti EA, dato che al momento Rock Band 2 è nei negozi solo sotto forma di gioco.

I NUOVI STRUMENTI

La chitarra ha le caratteristiche di quelle che hanno accompagnato i precedenti Guitar Hero, vale a dire una strum bar (il plettro, diciamo) in grado di restituire sensazioni più convincenti rispetto a quella di Rock Band, ma anche dei tasti molto separati fra di loro che rendono un po' complessa l'esecuzione delle note in slide, aspetto in cui al contrario la Stratocaster di EA eccelle. L'introduzione del touch pad sul manico è una trovata simpatica, che in qualche modo risponde ai "tastini" di Rock Band. Buona poi l'idea di aumentare la varietà nell'utilizzo del basso con le note da suonare senza premere tasti.
La batteria è "teoricamente" la migliore in commercio, perlomeno al momento, sotto tutti gli aspetti: la più versatile e coinvolgente per la presenza dei due piatti, si distingue anche per silenziosità, resistenza del pedale, capacità di rilevare la potenza dei colpi. I famigerati difetti di costruzione non sono emersi nella nostra prova, anche se abbiamo notato una scarsa stabilità delle morse per regolare l'altezza. Ma, vista la pronta risposta del produttore, sembrano effettivamente esserci dei problemi e vanno tenuti in considerazione. Il rischio di acquistare un pezzo d'hardware fallato pare essere concreto.
Nel complesso, comunque, visto soprattutto che al momento non sappiamo quando i nuovi strumenti di Rock Band 2 giungeranno in Europa, World Tour vince lo scettro di gioco dai controller migliori, o quantomeno più versatili.

la vita è fatta a... scalette

Sulla qualità della tracklist è inutile dilungarsi, dato che si scivola veramente tanto nei gusti personali. Di sicuro l'offerta di World Tour è molto varia e offre pezzi per un po' tutti i palati, anche se la mancanza di un vero e proprio filo conduttore rischia, ovviamente, di non far contento nessuno. In termini di gioco "puro", però, non si tratta di una tracklist esageratamente riuscita, soprattutto per gli utenti esperti, che affrontano i livelli di difficoltà più alti. Ci sono picchi molto divertenti, ma nel complesso l'offerta EA rimane superiore. E questo senza prendere in considerazione il fatto che al momento Rock Band 2, grazie alla retrocompatibilità di gioco e negozio, sul piano quantitativo eclissa World Tour.

IL SOLITO GUITAR HERO?

Il gioco è, fondamentalmente, il Guitar Hero che tutti conosciamo, amiamo e odiamo, da due episodi a questa parte - ovvero da Guitar Hero III: Legends of Rock. Quando i ragazzi di Harmonix (sviluppatore di Rock Band e dei primi due capitoli di Guitar Hero) sostengono di essere prima di tutto musicisti, che creano giochi per amanti della musica, risultano sicuramente spocchiosetti e antipatici, ma non vanno molto lontani dalla realtà.
Ancora una volta Guitar Hero sembra seguire il trend delle "note" piazzate in maniera spesso arbitraria, col solo apparente scopo di rendere il gioco più impegnativo. Chiaro che la cosa è fastidiosa fino a un certo punto, dato che in fondo non stiamo parlando di una simulazione rigorosa, ma su certe canzoni si ha davvero l'impressione di stare affannandosi nell'eseguire movimenti che nulla hanno a che vedere con quel che si suona. Allo stesso modo torna la tendenza a un'ampia soglia di tolleranza nell'esecuzione delle note, che vengono accettate anche se non eseguite con un tempismo perfetto. In questo Guitar Hero è sicuramente più "amichevole" di Rock Band.
Scelte d'impostazione a parte, è da apprezzare la voglia di offrire un prodotto libero e aperto a tutti. Non ci riferiamo solo alla presenza di un livello di difficoltà "basic", che permette di premere qualsiasi tasto, a patto di farlo col giusto tempismo, ma anche al fatto che la carriera affrontata in multiplayer non lega in alcun modo allo strumento selezionato in avvio. È insomma possibile cambiare ruolo all'interno del gruppo in qualsiasi momento, senza essere limitati da stupide restrizioni. E allo stesso modo il livello di difficoltà può essere ritoccato anche a canzone in corso, perfino nel bel mezzo di setlist da cinque o sei pezzi consecutivi.

alti e bassi

Oltre a quanto già detto nel precedente paragrafo, è degno di nota il fatto che mentre si affronta la carriera non sia più obbligatorio eseguire per intero tutti i concerti: se le canzoni non ci aggradano, possiamo in genere andare oltre, anche se ci perdiamo le canzoni bonus legate alle varie setlist. Di contro, bisogna dire che la carriera in sé appare abbastanza spenta, priva del gustoso contorno che EA è riuscita a infilare nella modalità World Tour di Rock Band. Se a questo aggiungiamo quanto detto della tracklist, che sulla distanza ci è parsa un po' priva di mordente (soprattutto per chi vuole affrontarla più volte coi vari strumenti), è normale rimanere un po' delusi.
La modalità di gioco in gruppo ha comunque altri limiti, a partire dalle opzioni di personalizzazione degli avatar e della band, un po' limitate e abbastanza confusionarie, per arrivare al farraginoso utilizzo dello Star Power. Per una semplice questione di organizzazione a schermo degli indicatori, non è semplice tenere d'occhio la situazione del gruppo e approfittare di questa comoda opzione per aiutare un compagno in difficoltà, cosa che diventa più grave se pensiamo che, al contrario di quanto avviene in Rock Band, un musicista che incontra il fallimento non può essere "salvato".
Tutte queste critiche potrebbero far pensare a un giudizio negativo, ma in realtà si tratta di semplice, parziale delusione generata da aspettative forse troppo elevate. Guitar Hero World Tour rimane comunque un gioco estremamente divertente, versatile, ricco di opzioni e con una tracklist corposa, dotato oltretutto del miglior set di controller attualmente disponibile sul suolo europeo.

CREATIVITÀ AL POTERE

Una grande novità di World Tour è senza dubbio rappresentata dall'editor di tracce musicali, tramite il quale è possibile dare vita alle proprie composizioni e caricarle nell'apposita community GHTunes. Come sempre accade con questo genere di opzioni, la sola presenza dell'editor e della relativa opzione di upload ha un discreto impatto anche nei confronti di chi non si metterà mai a lavorare più di tanto con questo strumento. GHTunes è infatti già pieno di tracce create dai giocatori, che è possibile ordinare secondo vari criteri (genere musicale, voto dell'utenza...) e scaricare sul proprio hard disk. Questo genera ovviamente una notevole quantità di potenziali pezzi extra da giocare.
L'editor vero e proprio ha pregi e difetti. Permette di registrare direttamente il pezzo con gli strumenti e/o di manipolarlo tramite un'interfaccia che ricorda quella di tool professionali, senza ovviamente garantire pari profondità. Sicuramente versatile e ricco di potenzialità, l'editor paga un'interazione abbastanza scomoda, sia per i limiti ovvi dei controller, sia per l'organizzazione discutibile dei menu. L'utilizzo di campioni dalla qualità francamente mediocre e l'impossibilità di inserire alcun tipo di elemento vocale chiudono il cerchio dei limiti di un editor tutto sommato meno potente di quanto sperassimo. Se preso per quello che è, vale a dire uno strumento interessante tramite cui scatenare la propria creatività, si tratta di un valore aggiunto non da poco.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Guitar Hero World Tour è un buon gioco musicale e viene venduto assieme a quella che, di fatto, al momento è la più completa "strumentazione virtuale" disponibile in Europa. Varrebbe quasi la pena di acquistarlo solo per i controller, pur tenendo in considerazione i dubbi sulla solidità di costruzione della batteria. Il gioco paga pegno su una struttura per certi versi approssimativa e su una dotazione musicale per vari motivi non ampia come quella della concorrenza, ma rimane consigliato, anche perché il secondo limite è destinato a sfumare con l'aumento di contenuti scaricabili.

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!