Genere
Sparatutto
Lingua
Italiano
PEGI
16+
Prezzo
€ 39,99
Data di uscita
15/11/2011

Halo: Combat Evolved Anniversary Edition

Halo: Combat Evolved Anniversary Edition Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Microsoft Game Studios
Genere
Sparatutto
PEGI
16+
Distributore Italiano
Microsoft
Data di uscita
15/11/2011
Lingua
Italiano
Prezzo
€ 39,99

Link

Intervista

Dieci anni e non sentirli...

Intervista a Dennis Ries, producer di Halo Anniversary.

di Marco Mottura, pubblicato il

Era l'ormai sempre più lontano 2001, quando Halo: Combat Evolved si presentò sulla scena e in un istante trasformò per sempre l'essenza degli sparatutto in prima persona: da quel momento in poi un genere che imperversava su PC iniziò a guardare in maniera sempre più convinta alle console, gettando le basi per l'autentica invasione di FPS tanto di moda oggi. Bungie riuscì infatti a dimostrare che le dinamiche dei first person shooter potevano integrarsi a meraviglia anche con un sistema di controllo diverso dai canonici mouse & tastiera, sdoganando il divertimento in prima persona a milioni e milioni di appassionati muniti di pad (ok, in realtà ci sarebbero i gloriosi precedenti di Rare col tricorno dell'N64, ma non facciamo i pignoli, dai). Due lustri dopo, Halo è diventato un autentico fenomeno capace di trascendere i confini del videoludico, con quaranta milioni di copie vendute, 3.3 miliardi di ore spese in combattimenti online, romanzi, fumetti, action figure e quant'altro. Per festeggiare il decennale compleanno del titolo da cui è partito tutto, ecco dunque arrivare Halo Anniversary, remake in salsa HD che il prossimo 15 novembre farà rivivere su X360 le emozioni di un tempo.
Dopo una breve anticipazione (ci è stato rapidamente mostrata una porzione della riedizione di Truth and Reconciliation, terzo livello della campagna) e qualche sparatoria in compagnia, abbiamo finalmente incontrato Dennis Ries, game producer di 343 Industries: con lui abbiamo discusso dell'inesorabile incedere del tempo, dell'eredità lasciata da Bungie, di Kinect e di molto altro ancora... Da bravi guerrieri Spartan, mettetevi comodi e continuate a leggere!

2001 vs 2011, Classico vs Rimasterizzato - Halo: Combat Evolved Anniversary Edition
2001 vs 2011, Classico vs Rimasterizzato

Videogame.it: Dieci anni fa, Halo: Combat Evolved ha cambiato per sempre il DNA degli FPS su console: il suo impatto è stato innegabile, e senza dubbio si è trattato di una pietra miliare per il medium videoludico. Perché a tuo avviso quel gioco rimane rilevante, anche a distanza di così tanti anni? Non hai paura che il genere possa essersi evoluto un po', e che magari oggi le persone potrebbero non apprezzare alla stessa maniera quello che tanto hanno amato nel 2001? Sai com'è, spesso è meglio soltanto ricordare certi titoli, perché rigiocandoli si può andare incontro a brutte sorprese...

Dennis Ries: Assolutamente, quello che dici è verissimo. E la cosa divertente è che tanti di noi, all'inizio del progetto, si sono lanciati in discussioni del tipo “Wow, ma ti ricordi quanto era fenomenale Halo all'epoca?! Era una bomba visivamente, mettevi il disco nella console e davvero non potevi credere ai tuoi occhi...”, per poi rimanere non proprio favorevolmente impressionati nel rivederlo oggi, in HD su X360 (ride). Ad ogni modo hai proprio ragione, col passare del tempo le cose evolvono, e i ricordi spesso sono molto meglio della realtà dell'epoca. Quello però è anche un po' il punto di forza della modalità di visione “classica”: vuoi vivere sulla tua pelle il gaming di dieci anni fa? Basta premere il tasto Back e bam! Sei di nuovo nel 2001. Quello che comunque secondo me rimane incrollabile, nonostante lo scorrere del tempo, è il gameplay: il gioco è rimasto ancora oggi davvero divertente, e nelle meccaniche il peso dei dieci anni proprio non si avverte. Ad ogni modo, c'è qualcosa anche per chi volesse qualcosa in più rispetto all'originale: per loro abbiamo inserito i Teschi, e per approfondire ancora meglio la storia ci sono i Terminali. Insomma, alla fine Halo Anniversary è più di un semplice remake: è esattamente quello che avevamo per le mani dieci anni fa, ma volendo anche molto, molto di più.

A sorpresa si inserisce nella conversazione Jonathan Halliwell di Edelman UK, che assiste all'intervista: Scusate, ma mi permetto di aggiungere un aneddoto divertente: qualche giorno fa, in un evento uguale a questo tenutosi a Londra, alcuni ragazzi si sono seduti di fronte al gioco in modalità rimasterizzata e mi hanno detto, entusiasti: “fantastico, è proprio come ce lo ricordavamo!”.

Dennis Ries: Il problema è che quella era la versione 2011, non la modalità di visualizzazione classica! (ridiamo tutti)

Videogame.it: E' un problema reale, in fondo li capisco... il tempo gioca brutti scherzi! Davvero, ogni tanto capita di riprovare alcuni titoli che ti ricordi come strabilianti a distanza di anni, ritrovandoli non esattamente in buone condizioni... e non parlo solo della realizzazione tecnica, anzi!

Dennis Ries: Verissimo! Però in questo caso il gameplay è invecchiato benissimo, basta prendere un pad per rendersene conto: il caro, vecchio Halo è ancora competitivo per il contesto degli shooter di oggi.

Videogame.it: La transizione tra la visualizzazione classica e quella rimasterizzata non è istantanea come mi sarei aspettato, e anzi serve almeno un secondo pieno (o forse pure qualcosa in più) per passare da una modalità all'altra. Come mai questa scelta? Oltretutto lo schermo va a nero, ma il gioco non si interrompe durante il cambio...

Dennis Ries: Il gioco non si ferma mai, già! Ad ogni modo, sarebbe stato bello uno switch del tutto istantaneo, sono d'accordo. Ma per ragioni tecniche non era una soluzione percorribile: in Halo Anniversary due engine girano costantemente uno sull'altro - quello rimasterizzato ovviamente sopra all'originale - e saltando tra i due senza andare a nero si assisteva ad istanti fatti di texture caricate e geometrie aggiornate progressivamente... e credimi, non era un effetto molto piacevole. Abbiamo fatto parecchie prove per gestire la transizione tra i due engine, e alla fine questa è risultata la scelta migliore. Il salto 2001-2011 rimane comunque evidente ed impressionante!

Videogame.it: Come tutti ben sanno, la serie Halo è stata creata da Bungie. Questa è da intendersi come una celebrazione rimasterizzata del primo episodio della saga, come avete fatto ad assicurarvi di rimanere sempre e comunque fedeli allo spirito di qualcosa che non è nato direttamente da voi? Vi siete interfacciati in qualche maniera con Bungie durante lo sviluppo, siete rimasti in contatto con loro?

Dennis Ries: Rispondo separatamente alle due domande. Primo: come siamo rimasti fedeli all'originale? Volevamo a tutti i costi lasciare il gameplay rigorosamente immutato, e sapevamo che nel proporre un remake saremmo andati incontro al concreto rischio di rovinare tutto... e non potevamo proprio permettercelo. Ecco perché abbiamo utilizzato il codice originale, quello di dieci anni fa, senza modificarlo. E tutte le decisioni prese durante lo sviluppo sono state prese tenendo ben a mente quel gioco: ad esempio, abbiamo inserito il supporto al 3D steroscopico, che è una feature di grido oggi, ma se si preme Back e si passa alla modalità classica, il 3D scompare. Questo perché non volevamo intaccare nemmeno marginalmente quello che è stato dieci anni fa. Lo stesso discorso vale per i Teschi e per i Terminali: sono elementi che si trovano solo ed esclusivamente nella modalità di visione rimasterizzata, e non in quella classica.

Videogame.it: Quindi inevitabilmente il gameplay è un pochino diverso a livello di esperienza?

Dennis Ries: Assolutamente sì. Se vedi un Teschio per terra, noterai che è presente solo nella modalità rimasterizzata: premendo Back sparirà nella visualizzazione classica. Rimanere così fedeli all'originale è stato il nostro modo di omaggiare e di rispettare quello che Halo ha rappresentato dieci anni fa. Per quanto riguarda la domanda su Bungie, la cosa curiosa è che i loro uffici sono molto vicini ai nostri. E ancora più incredibile è un'altra coincidenza: Bungie faceva parte di Microsoft, e quando se ne sono andati hanno traslocato e si sono spostati in una città vicina a dove stavamo noi. A quel punto 343 si è trasferita nei loro vecchi locali, quindi di fatto noi lavoriamo nella sede di Bungie.

Passando da una modalità di visualizzazione all'altra, non solo si assiste ad un sensibile miglioramento a livello di texture e complessità poligonale: il mood dell'immagine cambia completamente, e i livelli assumono un sapore nuovo - Halo: Combat Evolved Anniversary Edition
Passando da una modalità di visualizzazione all'altra, non solo si assiste ad un sensibile miglioramento a livello di texture e complessità poligonale: il mood dell'immagine cambia completamente, e i livelli assumono un sapore nuovo

Videogame.it: Insomma il loro spirito aleggia tra quelle mura...

Dennis Ries: Sì, esattamente... lo spirito di Halo risiede in quel luogo! (ride) Al di là delle battute, alcuni membri di Bungie lavorano presso 343 ora, mentre altri di 343 si sono spostati da loro. Insomma, i rapporti tra gli studi sono eccellenti: a livello interpersonale ci rapportiamo praticamente tutti i giorni, e la relazione è davvero ottima.

Videogame.it: Ma cosa è accaduto nello specifico per quanto riguarda Halo Anniversary? Vi siete consultati con loro, anche magari informalmente? Alla fine Bungie è stata coinvolta in una qualche maniera oppure no?

Dennis Ries: Loro stanno lavorando a un nuovo progetto, e l'ultima cosa al mondo che volevamo fare era disturbarli anche soltanto marginalmente. Quindi per rispetto non l'abbiamo assolutamente fatto, anche se loro saranno certamente tra i primi a ricevere una copia del gioco non appena sarà pronto. Però nessun tipo di disturbo durante lo sviluppo.


Commenti

  1. dis-astranagant

     
    #1
    vuoi vivere sulla tua pelle il gaming di dieci anni fa? Basta premere il tasto Back e bam! Sei di nuovo nel 2001




    E per il gameplay neanche devi premere Back :P
  2. utente_deiscritto_19106

     
    #2
    Bella intervista Marco....personalmente gli avrei chiesto se secondo loro anche un Halo 2 avrebbe meritato una "passata di HD"
  3. Mdk7

     
    #3
    dis-astranagantE per il gameplay neanche devi premere Back :P

    :DD


    @ Shark: poteva starci, già... Però meglio guardare avanti -tipo Halo 4- che indietro, dai...
    PS: non sei felice della puntualizzazione iniziale su Rare?
    L'ho scritta pensando esplicitamente a te e alle 180 mila lire spese all'epoca per Goldeneye e Perfect Dark, e chi se le scorda! :'D
  4. dis-astranagant

     
    #4
    SharkFRABella intervista Marco....personalmente gli avrei chiesto se secondo loro anche un Halo 2 avrebbe meritato una "passata di HD"

    Ma quello arriva sicuro fra qualche mese, anche solo in DD.
  5. Stefano Castelli

     
    #5
    Gran bella intervista, in effetti. Su Halo 4... beh, sappiamo che sarà colorato. :D
  6. Stefano Castelli

     
    #6
    dis-astranagantMa quello arriva sicuro fra qualche mese, anche solo in DD.

    Secondo me esce tipo al lancio della nuova Xbox. :)
  7. Mdk7

     
    #7
    Stefano CastelliGran bella intervista, in effetti. Su Halo 4... beh, sappiamo che sarà colorato. :D

    Merci. :nworthy:


    Comunque il tizio era davvero simpatico: fino a quando non ho nominato Halo 4 è stata proprio una chiacchierata molto easy e sorprendentemente informale, vedi soprattutto l'aneddoto del PR di Edelman che ci ha fatti ridere di brutto...
    Per il resto, a me ha fatto specie il fatto che Ries abbia confessato in maniera esplicita che di fatto Kinect non si poteva NON integrare (e again, questo la dice lunghissima su quanto Microsoft abbia a cuore -a torto o a ragione- la periferica ed intenda supportarla...).
    E poi vabbé, un'altra cosa che fa riflettere è il fatto che 343 abbia in mano le chiavi del franchise più importante di MS... a dispetto di un curriculum a dir poco spoglio.
    Davvero, è uno studio che deve ancora dimostrare TUTTO, chiamato immediatamente alla prova del 9... non sarà facile, per loro.
    Vista la solfa però ho evitato di chiedere come si sentissero, tanto la risposta sarebbe stata prevedibile. :D
  8. utente_deiscritto_19106

     
    #8
    Mdk7 :DD


    @ Shark: poteva starci, già... Però meglio guardare avanti -tipo Halo 4- che indietro, dai...
    PS: non sei felice della puntualizzazione iniziale su Rare?
    L'ho scritta pensando esplicitamente a te e alle 180 mila lire spese all'epoca per Goldeneye e Perfect Dark, e chi se le scorda! :'D
    ma è ovvio che sono felice...ma con tutto l'amore morboso, violento, sensuale etc che ho per Rare il genere FPS è veramente cambiato su console grazie ad Halo.
    E mi ricordo anche il memory pack che non mi funziono...e allora dovetti fare carte false per averne un altro.

    Ora ci penso mi vien da piangere...ho perso tutto quando sono venuto in Francia....che minchione che sono.
  9. utente_deiscritto_19106

     
    #9
    Mdk7
    Vista la solfa però ho evitato di chiedere come si sentissero, tanto la risposta sarebbe stata prevedibile. :D
    bastava vedere se in giro c'erano santini sparsi e ceri votivi accesi
  10. eco

     
    #10
    Effettivamente... Se facessero anche un halo 2 HD potrebbero fare una bella collection per poter rivivere tutta d'un fiato la saga
Continua sul forum (37)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!