Genere
ND
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
12+
Prezzo
ND
Data di uscita
6/3/2009

Tom Clancy's H.A.W.X.

Tom Clancy's H.A.W.X. Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

PEGI
12+
Data di uscita
6/3/2009
Data di uscita americana
3/3/2009
Data di uscita giapponese
23/4/2009
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
8

Hardware

Tom Clancy's Hawx è disponibile su PlayStation 3, Xbox 360 e PC: per la recensione abbiamo testato il gioco sulla console Sony. In tutti i casi per giocare sono richiesti il gioco originale, la piattaforma di appartenenza e un joypad compatibile. Si segnala la possibilità di impartire alcuni comandi vocali: se si vuole sfruttarla si consiglia l'utilizzo di un headset con cuffia e microfono integrati.

Multiplayer

Tom Clancy's Hawx prevede un completo versante di gioco online dove è possibile confrontarsi e cooperare con altri assi dei cieli virtuali nei combattimenti proposti.

Link

Recensione

Tutto sotto controllo

Diversi approcci per il completo sistema di comando di Hawx.

di Matteo Camisasca, pubblicato il

Accattivante, è uno degli aggettivi che abbiamo speso nell'articolo di apertura per definire Tom Clancy's Hawx. Una definizione che il gioco merita - al di là delle consuete, immediate e scontate questioni tecnico/grafiche - soprattutto per il modo in cui si pone nei confronti del giocatore. Andiamo ad analizzare meglio questo aspetto.

Volare e combattere un passo alla volta

Una delle parole chiave che distinguono l'approccio di Hawx è "gradualità". Sono molti i videogame moderni che destinano la missione iniziale a tutorial integrato nel gameplay, prima di catapultare il giocatore nel mezzo della mischia. Bene, Hawx a tutti gli effetti estende ed espande con estrema discrezione (e con giuste motivazioni) questo approccio per almeno un terzo abbondante del gioco e in parte oltre. Sì non si può dire di aver assaggiato ai minimi termini quanto offre Tom Clancy's Hawx se non si è completata almeno la missione nei cieli di Rio de Janeiro; e questa - benché sia stata fra le prime a essere mostrata in fase di preview - non è proprio fra le primissime nella storyline del gioco.
Sono in discreto numero gli aspetti di Tom Clancy's Hawx che bisogna apprendere: in definitiva appaiano coerenti fra loro e non sono soverchianti a livello quantitativo, ma l'approccio graduale che li introduce uno dopo l'altro - missione dopo missione - non solo ha senso, ma funziona. Ci sono anzitutto svariate tipologie di armi da imparare a usare (tra missili e bombe con diversi generi di utilizzo e di controllo) e fidatevi, trascurarne qualcuna potrebbe rivelarsi un vero guaio in certe missioni avanzate, dove la scelta di un missile invece di un altro corrisponde a una missione carica del giusto tasso di sfida, invece di una montagna di difficoltà invalicabile. Ci sono poi nel gioco una cinquantina di velivoli pilotabili, largamente tratti dalla realtà e proprio per questo differenziati e peculiari in quanto a maneggevolezza, velocità, resistenza ai colpi nemici e - ci ritorniamo - dotazione di armi che possono essere alloggiate sotto le ali.

Due modi di intendere il volo

La gradualità di Hawx si esprime però anche e soprattutto nel modo in cui il gioco invita a scoprire che, oltre al consueto e basilare sistema di controllo che ci si aspetta da un "simulatore" di volo per console (qui decisamente permissivo e "assistito" dall'intelligenza artificiale), c'è un altro modo più avanzato e anche dall'approccio visivo differente che consente di mettere in atto le manovre più estreme. Si può passare dall'uno all'altro in ogni momento - con una doppia pressione veloce di L2 o R2 nella versione PS3 da noi provata - e anche questa facoltà, apparentemente banale, è invece un prezioso dono al giocatore, perché lo mette totalmente a suo agio, offrendogli sempre e in ogni situazione non solo di giocare nel modo che più gli aggrada, ma anche di sperimentare "al volo" la stessa situazione con l'uno e l'altro sistema di controllo, a tutto beneficio della capacità di avanzare serenamente nel gioco, missione dopo missione. Il sistema di controllo assistito si basa fondamentalmente sulle due levette direzionali per controllare il movimento dell'aereo e della telecamera, se necessario, e sui grilletti L2 e R2 rispettivamente deputati a dare gas e frenare. Con L1 e R1 si controlla poi l'imbardata (la rotazione sul medesimo piano di volo dell'aereo rispettivamente a sinistra e a destra): anche se non è proprio la stessa cosa, stiamo parlando di un'operazione simile allo "strafe" degli sparatutto, ma misto a una rotazione su se stessi in un senso o nell'altro, e il tutto avviene abbastanza lentamente.
Nel sistema avanzato, invece, anzitutto la telecamera si sposta in terza persona e parecchio distanziata dall'aereo: in questo caso, per chi come noi predilige in generale una visuale dall'interno, c'è da prendere un po' di confidenza, ma se si riesce a immedesimarsi in tale possibilità alternativa si intuiscono subito la potenzialità di questo sistema di gioco. Con esso diventa possibile pennellare le evoluzioni più ardite, le virate più strette e soprattutto si ha una miglior visione spaziale del "campo di battaglia aereo" attorno a noi. Di contro, si paga il giusto dazio della possibilità di mandare in stallo l'aereo, evenienza parecchio frequente che va scongiurata dando gas e riportando al contempo l'aereo in assetto standard, con la "pancia" parallela al suolo. Dobbiamo dire che nella nostra esperienza di gioco, e per il nostro approccio decisamente arcade al gioco stesso, abbiamo prediletto quasi sempre il sistema assistito, a volte anche contro il consiglio del gioco. Ma nelle prime situazioni in cui viene proposto è meglio provarlo e impratichirsi con esso, pena sonore "facciate" contro la difficoltà di superare certe missioni. Va però detto che in certi casi il sistema di controllo avanzato è stato proprio un preziosissimo alleato nel trarci d'impiccio dagli avversari più ostici, sfuggenti e veloci.

ERS, chi è costui?

Ulteriore ausilio (disponibile solo in modalità di controllo base), nonché tratto distintivo che caratterizza in modo unico Tom Clancy's Hawx, è il sistema ERS. Selezionato il nemico prescelto come prossimo obiettivo, basta una pressione del tasto Quadrato per attivare questa sorta di guida olografica, che proietta tridimensionalmente sull'HUD del nostro velivolo una traiettoria d'ingaggio ottimale per l'avversario selezionato: seguire questo tunnel dal contorno azzurrino sembra sempre portarci fuori strada in prima istanza, ma invece è un sistema comodo e perfetto per mettersi in coda anche ai nemici più difficili da domare, il tutto se, ovviamente, si è lesti e abili nel controllare il velivolo pilotato.
L'ERS è poi fondamentale per trovare i giusti angoli di ingaggio di alcuni nemici a terra: l'esempio classico sono i carri armati in città, che fra il fitto reticolo dei grattacieli diventano quasi invulnerabili se approcciati con i consueti angoli di attacco: con l'ERS si riesce invece ad arrivare al punto giusto, in cui il mirino si allinea e diventa rosso con l'inconfondibile suono del bersaglio agganciato, il tutto congiuntamente a una traiettoria ottimale per la "supposta" che stiamo per sganciare.
L'ERS è poi una valida alternativa al sistema di controllo avanzato nello schivare un missile che ci sta puntando: qui non c'è tempo da perdere e ci vuole abilità e velocità ma seguire il suo tracciato (rosso vivo in questo caso, come il pericolo incombente) ci ha più volte salvato le penne.

Il giocatore è servito!

Siamo entrati in questo approfondimento rimarcando l'aggettivo "accattivante" e dopo quanto abbiamo descritto è davvero difficile rimanere indifferenti dinanzi alle multi-sfaccettate possibilità di controllo che offre Tom Clancy's Hawx: è persino sorprendente quanto gli sviluppatori si siano spesi in questo ambito e con un risultato tanto articolato, quanto tutto sommato di facile apprendimento. La gradualità di introduzione al cuore del gioco, poi - lo rimarchiamo - fa senza dubbio la sua parte nel mettere il giocatore veramente a proprio agio.


Commenti

  1. Matteo Camisasca

     
    #1
    la discussione prosegue qui
    http://community.videogame.it/forum/t/326474/
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!