Genere
Sparatutto
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
16+
Prezzo
59.90 Euro
Data di uscita
5/11/2007

Haze

Haze Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Ubisoft Entertainment
Sviluppatore
Free Radical Design
Genere
Sparatutto
PEGI
16+
Distributore Italiano
Ubisoft Italia
Data di uscita
5/11/2007
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
24
Prezzo
59.90 Euro

Hardware

Haze è in arrivo a novembre su PlayStation 3. Nonostante le numerose speculazioni e indiscrezioni susseguitesi in questi mesi, al momento in cui scriviamo è confermata la sua esclusività, quantomeno "a tempo", per questo formato.

Multiplayer

Haze prevede diverse modalità multigiocatore sia competitive, sia una modalità cooperativa a quattro. La partecipazione alle battaglie online dovrebbe sbloccare un livello segreto della storyline principale. Rammentiamo che Free Radical è sempre stata molto abile nel design del versante multigiocatore dei suoi titoli e anche Haze si preannuncuia come un piatto molto ricco in questo ambito.

Link

Hands On

Il "nettare" letale

Free Radical Design, oltre TimeSplitters, nella nuova generazione...

di Matteo Camisasca, pubblicato il

La corsa analogica del grilletto del Sixasis si sposa benissimo con la necessità di somministrare quantità ben dosate di Nectar: l'overdose di questa sostanza, come vedremo più avanti, produce effetti decisamente indesiderati...
C'è stato poi spazio per provare, sempre dal lato dei soldati Mantel, uno dei veicoli da combattimento (corazzato e ben armato) all'interno di una base militare e di un canyon: il mezzo si guida (non troppo agevolmente nella nostra esperienza, ma probabilmente è questione di prenderci la mano) e inoltre può ospitarci come presidio alla torretta dotata di mitragliatrice pesante o come semplici "passeggeri", pronti a far fuoco con l'arma impugnata: i veicoli appaiono dunque come un diversivo particolarmente interessante per la modalità cooperativa.
Infine abbiamo avuto un assaggio del gameplay dalla parte dei ribelli: non avrà certo quell'impatto da delirio di onnipotenza che si ha sul fronte Mantel, ma con le sue astuzie e chicche è forse il lato di Haze che ci ha intrigato maggiormente. In brevi parole, i ribelli sfruttano le debolezze dei soldati Mantel, derivanti dal Nectar e dal proprio eccesso di confidenza in se stessi.
Come abbiamo accennato sopra, un'overdose di Nectar può provocare effetti allucinogeni e dunque cosa c'è di meglio che strappare la capsula somministratrice da uno dei cadaveri Mantel appena abbattuti, ancorarla a una granata e gettarla in pasto alle fila nemiche? L'esplosione della granata genererà una nube di Nectar capace di mandare in tilt le truppe Mantel che ne verranno a contatto, e che di conseguenza, per esempio, cominceranno a spararsi fra di loro.
Un'altra astuzia dei ribelli consiste nel fingere di essere morti: la Mantel Corporation con il Nectar ottenebra le menti dei propri soldati celando loro le efferatezze appena compiute. Un cadavere, agli occhi di un soldato Mantel, oltre a non mostrare segni di ferite o altro, dopo poco scompare: quando dunque siamo sotto attacco, e l'energia sta arrivando ai minimi termini non c'è nulla di meglio che... fingere il decesso! Questo ci consentirà di "sparire" agli occhi dei nemici, che passeranno oltre e dunque potremo per esempio attaccarli nuovamente alle spalle.
Non l'abbiamo provata nel nostro "hands on", ma dalla parte dei ribelli dovrebbe esserci anche la possibilità di strappare di mano un'arma agli avversari: nella loro spavalderia e iper-sicurezza, i soldati Mantel si aspettano tutto tranne che un tale affronto...

SENSAZIONI DAL GIOCO

Com'è dunque Haze? Che prime impressioni ci ha lasciato? Fluido, veloce, con un bel feeling (veicoli a parte, come detto) Haze è uno sparatutto convincente e del resto Free Radical Design non è propriamente l'ultima arrivata in questo settore. Storicamente Free Radical è ricordata per titoli graficamente buoni, mai eccellenti, e anche Haze, per quanto visto finora, rientra in questa categoria: basti vedere la sua foresta - pur bella, risottolineiamo - e poi dare uno sguardo a quella di Crysis ad esempio, per constatare come le vette estetiche siano altrove.
Parimenti Haze è il titolo che farà scalpitare i fanatici dell'AntiAliasing, visto che di scalettature se ne scorgono un po' dappertutto, con particolare evidenza proprio sugli elementi naturali come foglie, steli e fili d'erba. Il nocciolo della questione Haze, però, a nostro avviso non risiede in questi aspetti: a convincere è la miscela, la sua varietà di sapori, di situazioni, e la presenza di idee divertenti e inconsuete. Una bella promessa, dunque, per un mercato come quello PlayStation 3 affamato di titoli esclusivi: cosa che Haze, quantomeno in prima battuta, sarà senza dubbio.
Appuntamento dunque a un prossimo "hands on" auspicabilmente più approfondito e più avanti, verso novembre, con la recensione completa.