Genere
Sparatutto
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
12+
Prezzo
€ 69.90
Data di uscita
25/9/2009

Heroes over Europe

Heroes over Europe Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Ubisoft Entertainment
Sviluppatore
Transmission Games
Genere
Sparatutto
PEGI
12+
Distributore Italiano
Ubisoft Italia
Data di uscita
25/9/2009
Data di uscita americana
1/9/2009
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
16
Prezzo
€ 69.90

Hardware

Heroes over Europe è in arrivo nel 2009 ed è attualmente in fase di sviluppo su PlayStation 3, Xbox 360 e PC. La versione cui fa specificamente riferimento la nostra anteprima è quella per la console Microsoft.

Multiplayer

Fino a sedici giocatori potranno darsi battaglia nelle quattro diverse modalità multigiocatore online previste da Heroes over Europe.

Link

Eyes On

Tra cielo e terra

La Seconda Guerra Mondiale rimette le ali.

di Matteo Camisasca, pubblicato il

Fra i molti videogiochi in arrivo nel 2009, c'è un titolo focalizzato sulla Seconda Guerra Mondiale - vista per una volta dall'alto dei cieli - che merita sicuramente attenzione, alla luce di quanto abbiamo potuto vedere in anterpima assistendo in presa diretta a un'ampia demo giocata. Sviluppato da Transmission Games (team già noto con il nome di IRGurus) e pubblicato dal tandem Atari / Red Mile Entertainment, Heroes over Europe è attualmente in fase di sviluppo per PlayStation 3, PC e Xbox 360, configurandosi a tutti gli effetti come un seguito diretto - e ad alta definizione - di Heroes of the Pacific. Si torna dunque a volare nei cieli della Seconda Guerra Mondiale, con una giocabilità immediata e accattivante, ben lontana dalle pretese di una vera simulazione di volo, attenta invece a ricreare il fatto bellico con un focus particolare sui duelli aerei, ma senza trascurare - a beneficio della varietà - un ampio spettro di missioni (bombardamenti a terra, scorta a convogli aerei e altre ancora) che esulano da questo concept di riferimento.

Sorvolando l'Europa

Come il titolo del gioco indica chiaramente, il teatro bellico per Heroes over Europe è totalmente europeo, spaziando dai cieli di Londra a quelli di Berlino, dalle bianche scogliere di Dover alle più alte vette alpine nel cuore del Vecchio Continente e oltre. Se questo è il contesto "in lungo e in largo" di Heroes over Europe, va però subito evidenziata una caratteristica fondamentale del gioco, ovvero il suo sviluppo "verticale" a tutto tondo: per precisa scelta di design, i combattimenti aerei non saranno questione che si svolge solo a qualche migliaio di metri dal livello del mare, ma spazieranno invece a ogni quota, con particolare attenzione per i contesti estremi, ovvero gli scontri a pochi metri dal suolo e quelli invece persi nel cielo azzurro a oltre dodicimila metri d'altezza.
Per quanto concerne il primo caso, va detto anzitutto che in Heroes over Europe avremo un approccio molto più attento a una dettagliata riproduzione del terreno, con qualche concessione alla più stretta verosimiglianza. La città di Londra che ci è stata mostrata è un ottimo esempio delle intenzioni di Transmission Games: non una ricostruzione perfetta in senso storico/architettonico, ma attorno agli edifici e ai punti chiave maggiormente riconoscibili e perfettamente riprodotti, si sviluppa una città dettagliata, completamente tridimensionale e "reale" all'interno del contesto di gioco, tanto che può anche essere attaccata (gli edifici sono distruttibili) e interagita a fondo, per esempio portando i nostri "dogfight" quasi rasoterra, sfrecciando a pochi metri dalla dal Big Ben o in modo temerario fin sotto le arcate dei molti ponti che attraversano il Tamigi. Benché sia totalmente aereo, il livello di dettaglio della riproduzione del terreno invita a vivere profondamente la dimensione "terrestre" di questo videogioco, che dunque si riserva un approccio ben distante da quello dei tradizionali "simulatori di volo", dove il terreno è magari dettagliatissimo e spettacolare, ma solo finché lo si vede da lontano.

Nell'alto dei cieli

All'opposto grande attenzione è stata profusa anche al teatro bellico più lontano dal suolo: per rendere più interessante i combattimenti a oltre diecimila metri d'altezza, i programmatori hanno cercato di creare un contesto "fisico" anche in questo oceano di aria tersa, mettendo in campo una spettacolare riproduzione volumetrica delle nuvole: da mero ingrediente scenografico nella gran parte dei giochi aerei del passato, le nuvole diventano qui un altro elemento reale, per quanto etereo, utilizzabile sia da noi sia dai nemici anche con finalità tattiche. Dietro a una grossa nuvola è possibile nascondersi per cogliere di sorpresa i velivoli nemici (ai tempi i radar non esistevano...), oppure è possibile tuffarsi nel suo morbido e vaporoso abbraccio per sfuggire a un avversario troppo tenace nell'attaccarci. A impreziosire la costruzione dell'ambiente di gioco, sia esso vicino o lontano dal suolo, abbiamo poi alcuni effetti speciali come le riflessioni e rifrazioni che rendono particolarmente piacevoli gli specchi d'acqua o ancora gli effetti atmosferici che possono trasformare tutto l'ambiente di gioco da un ameno scorcio soleggiato alla più uggiosa e grigia giornata di pioggia battente.
In generale il quadro visivo è riuscito, non di riferimento come dettaglio a livello assoluto (del resto, come abbiamo visto, molto sarà speso per la riproduzione realistica del terreno), ma sempre piacevole, con dei picchi di gradimento a nostro avviso nelle ambientazioni maggiormente immerse nella natura (bellissima la vallata montana con le cime avvolte dalle nuvole, dove abbiamo assistito a una missione di bombardamento) anche se le città sprogionano senza dubbio una buona dose di fascino.

L'uovo di Colombo

Una delle caratteristiche più interessanti di Heroes over Europe è insita nel gameplay stesso e va ad aggredire - apparentemente con successo - uno degli storici problemi di tutti i giochi di combattimento aereo, particolarmente avvertibile quando si parla di titoli come questo, in cui combattere significa fare fuoco contro il nemico da una distanza tutto sommato ravvicinata, privi del moderno e (troppo) comodo supporto di missili che possano intercettare il nostro avversario di turno a decine di chilometri di distanza, quando è ancora un puntolino appena visibile. Combattendo da vicino, il rischio più frequente e frustrante è infatti quello che il nemico entri ed esca repentinamente dal nostro campo visivo sfuggendo ancora, ancora e ancora alla nostra percezione, per quanto sia sempre indicato - come da tradizione del genere - da una freccia che ci dice la direzione ottimale di spostamento per andare a "riagguantarlo".
Sfruttando in modo geniale le peculiarità della visuale in terza persona prevista dal gioco, il team di Transmission Games ha inserito nel set di comandi un tasto che permette di fissare la telecamera (altrimenti del tutto libera) dritta sul nemico di turno. In tal modo si semplifica la necessità di correggere in modo veloce e continuo sia lo spostamento del velivolo sia quello del punto di vista, regalando al giocatore la possibilità - dal sapore assolutamente "arcade", e dunque perfettamente in linea col gioco - di concentrarsi esclusivamente sullo scontro aereo in termini di avvicinamento e attacco vero e proprio. Un altro elemento "arcade" della giocabilità di Heroes over Europe consiste poi nell'introduzione di una sorta di "modalità cecchino", che consente previo caricamento di un'apposita barra, di far fuoco sui nemici con singoli colpi immediatamente letali.

Fino a sedici giocatori online

Avviandoci alla conclusione dell'articolo, segnaliamo in ordine sparso alcune delle restanti caratteristiche di Heroes over Europe, a cominciare la presenza in gioco di oltre quaranta aerei storici, realmente esistiti, del periodo della Seconda Guerra Mondiale. A livello di modalità di gioco, va poi ricordato che alla campagna principale si affincherà un versante multigiocatore online composto da quattro modalità, giocabili al massimo da sedici partecipanti in contemporanea nella medesima partita. Sempre sul fronte online, va menzionato il supporto agli Achivement su Xbox 360 e dei gemelli Trofei su PlayStation 3, inoltre su entrambe le console sono previsti contenuti scaricabili addizionali, che verranno rilasciati dopo l'uscita del gioco.


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!