Genere
Strategico
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
57,21 Euro
Data di uscita
9/5/2002

Heroes of Might And Magic IV

Heroes of Might And Magic IV Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
3DO
Genere
Strategico
Distributore Italiano
Leader
Data di uscita
9/5/2002
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
2
Prezzo
57,21 Euro

Hardware

Per giocare a Heroes of Might and Magic IV basterà un computer poco potente: 3DO parla di un Pentium II a 300 MHz o equivalente, 64 MB di RAM e circa 650 MB di spazio disponibile su disco rigido. Scheda video compatibile con le DirectX 8, scheda audio e CD-ROM completano la dotazione richiesta. La configurazione consigliata non si dovrebbe discostare molto da questa, dato che anche su un Pentium II a 366 MHz con 64 MB di RAM, e una semplice scheda AGP il gioco ha girato piuttosto bene.

Multiplayer

La modalità multiplayer permetterà sei giocatori di confrontarsi contemporaneamente via LAN o Internet

Link

Anteprima

Heroes of Might and Magic IV

La saga Heroes of Might and Magic è la variante strategica di uno fra i più antichi RPG presenti su Personal Computer. Quale interpretazione tecnologica e tattica dello strategico a turni è possibile presentare nel 2002? Tra conferme e sorprese, un'imperdibile preview di un titolo che non mancherà di far discutere!

di Gianluca Tabbita, pubblicato il

GRAFICA TRADIZIONALE, MA CHE GRAFICA!

Prima di andare avanti nel descrivere la mappa di gioco e i combattimenti vale la pena descrivere subito il gioco nelle sue specifiche audiovisive. Come accennato all'inizio Heroes of Might and Magic IV utilizza la classica grafica bitmap prerenderizzata, ma dopo aver visto da vicino le creature nella schermata delle statistiche e durante i combattimenti si apprezza l'incredibile dettaglio e la cura riposta nella loro ideazione e animazione.
La qualità del rendering è veramente al top del genere e tutti i personaggi hanno attributi quasi fotorealistici, specie per i crociati, le cui corazze risplendono come argento appena lucidato, oppure i behemoth, grossi bipedi pelosi che sembrano provenire più da un libro di scienze che dalla fantasia di un game designer, tanto sono realistici.
Anche se non è richiesta alcuna scheda 3D gli effetti di luce abbondano e in generale la resa è sempre molto soddisfacente, anche se inevitabilmente questo approccio bidimensionale ha alcune limitazioni, fra cui l'impossibilità di ruotare o riposizionare la visuale sul campo di gioco, anche se la visuale isometrica a tre quarti dall'alto è piuttosto funzionale.
Funzionale è anche la definizione migliore per gli ambienti al di fuori delle città o delle fortezze, dove le esigenze di chiarezza e definizione si traducono in una grafica bitmap di discreta fattura, ma non certo eclatante. Diverso il discorso per le fortezze e le città, che in definitiva sono schermate gestionali che rientrano tutte all'interno di un unico quadro, ma dove i voli di fantasia degli autori si sono concretizzate in scenari fantasiosi e suggestivi. A condimento del tutto vi sono alcuni brevi filmati molto riusciti che intervengono a seconda delle situazioni. La colonna sonora è qualcosa di memorabile: arpe, violini, flauti e trombe concorrono nel creare sonorità che rapiscono il giocatore portandolo nella dimensione di un medioevo fantastico.
Trasognate, a tratti di sorprendente ispirazione, queste melodie sfociano nell'opera grazie all'intervento di tenori e soprano che donano all'insieme una bellezza quasi commovente. E' raro che un videogioco abbia una colonna sonora così bella e originale: di sicuro è l'aspetto di Heroes of Might and Magic IV che colpisce di più ed è un potente catalizzatore per l'atmosfera di gioco.

GAMEPLAY DA EROI

La versione preliminare di Heroes of Might and Magic IV in nostro possesso disponeva solo delle modalità di gioco Scenario e Tutorial, peraltro ancora in via di programmazione e quindi largamente incomplete. La modalità Campagna non era disponibile, ma attraverso il modo Scenario è già possibile iniziare a tratteggiare il genere di giocabilità. Di base, gli elementi che comandiamo sono visibili sulla mappa isometrica nella persona del nostro eroe, guerriero o creatura di spicco del nostro esercito.
Questo vale anche per gli avversari o le bande occasionali di lestofanti e creature maligne. Questo significa che, se vediamo un behemoth (la creatura grossa e pelosa) sul nostro cammino non significa che c'é un unico, enorme bipede che ci attende al varco, ma che il behemoth è la creatura più potente di quel raggruppamento, dopodichè potrebbe essere anche affiancato da cinquanta folletti, o da altri dieci behemoth: questo non si palesa direttamente sullo schermo ed anche il muovere il puntatore del mouse sopra la creatura non ci dà altro che indicazioni sommarie.
I combattimenti, così come ogni azione nel gioco, si svolgono a turni e ogni personaggio o creatura ha delle statistiche che influenzano la velocità e il raggio dello spostamento, il numero di colpi che può infliggere in un turno, le sue capacità di difendersi e rispondere a un attacco, e un piccolo numero sotto di sé, fondamentale perché determina quante di quelle unità sono rappresentate da quel personaggio. Un predone con il numero cinquanta sotto di sé indica un reggimento di cinquanta predoni, percui ogni colpo inflitto da questo gruppo causerà danni molto più grandi di un folletto che rappresenta solo una dozzina di queste creature.
I maghi, ovviamente, possono lanciare degli incantesimi, che si possono scegliere tra quelli disponibili nell'apposito libro e che vengono appresi e resi più potenti nelle varie scuole di magia, o mediante il contatto con statue o templi sacri, o recuperando antichi reperti. Gli eroi, che si reclutano nelle taverne, possono essere equipaggiati con armature, gioielli e armi sempre più potenti, esattamente come avveniva nell'antico Dungeon Master o in Ultima VII. Armi, pozioni, armature e quant'altro si possono acquistare o recuperare nella mappa, semplicemente trovandole o comprandole nelle apposite botteghe. Possiamo controllare un massimo di otto eserciti, che possono essere formati da un massimo di sette generi di unità diverse (ogni eroe, comunque, rappresenta un genere di unità a se). Gli eroi sono personaggi molto singolari e ognuno è diverso dall'altro.
Sono disponibili a dozzine appartenenti a diverse classi, ognuno con una storia alle spalle e un preciso allineamento: apprendendo tecniche e magie potranno evolversi nelle classi più potenti del gioco diventando elementi chiave in battaglia. Nella mappa sono disseminati edifici, oro, miniere e portali che ci teletrasportano in altri luoghi, e anche eserciti nemici e bande di predoni che in alcuni casi è indispensabile affrontare per poter avere libero accesso a determinate zone. Il gioco definitivo incorporerà varie campagne militari, forse anche missioni con una storia e naturalmente potremo sfidarci in multiplayer con altri giocatori, possibilità che appare particolarmente invitante, considerata la grande varietà di creature, personaggi e magie disponibili nel gioco.