Genere
Azione
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
€ 39,99
Data di uscita
28/9/2011

Ico and Shadow of the Colossus Classics HD

Ico and Shadow of the Colossus Classics HD Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment
Genere
Azione
Data di uscita
28/9/2011
Prezzo
€ 39,99

Lati Positivi

  • Due classici nel senso più letterale
  • Atmosfera ineguagliata da molte uscite moderne
  • La fluidità è un toccasana per Shadow of the Colossus
  • Colonna sonora ed effetti da primato

Lati Negativi

  • Durata complessiva non eccezionale
  • Qualche imprecisione grafica

Hardware

La raccolta è disponibile solo per PlayStation 3 e unicamente su disco Blu-ray. Entrambi i giochi hanno il supporto ai televisori 3D.

Multiplayer

Non è prevista alcuna funzione di tipo multigiocatore.

Modus Operandi

L'articolo si basa sulla prova del gioco completo fornito da Sony in versione per console debug.
Recensione

Solo contro tutti

I colossi, il frame rate e un altro successo.

di Alessandro Martini, pubblicato il

Più di Ico, il suo seguito spirituale (anche se in realtà è un prequel) ha indicato la strada da seguire a molti action game di stampo fantasy usciti negli ultimi cinque o sei anni. Con la sua inconfondibile impronta estetica e un gameplay modellato completamente attorno ad essa, Shadow of the Colossus ha impressionato pubblico e critica già all'uscita su PlayStation 2, malgrado qualche evidente lacuna di tipo realizzativo e una durata nuovamente non eccezionale.

fuori dall'ombra dei cliché

L'idea di base rimescola le carte del classico binomio cavaliere-principessa: per riportare in vita la sua amata, il protagonista deve eliminare uno dopo l'altro i colossi, enormi creature fatte di pietra che vagano all'interno di grandi terre perlopiù deserte. L'intero processo si basa sulla ricerca del nostro obiettivo e, una volta che l'abbiamo individuato, sulla strategia per eliminarlo colpendone i punti deboli attraverso spada e arco, o ancora sfruttando a nostro favore lo scenario. Per quanto la premessa non sia particolarmente originale, l'esecuzione su schermo ha un fortissimo impatto visivo ancora oggi. La vista del primo colosso, ovviamente enorme, che si trascina scuotendo tutto l'ambiente attorno a noi, è di quelle che lasciano stupefatti e incute vero timore, sopratutto pensando al fatto che dovremo arrampicarci su di esso e colpirlo in testa. Inoltre, se il gioco offre alcune indicazioni di base sulla strada da seguire e sui controlli principali, non viene spiegato nei dettagli come sconfiggere ogni avversario e siamo completamente liberi di sperimentare. In questo caso, rispetto a quanto detto su Ico nella pagina precedente, il frame rate migliorato è un vero toccasana e rende le battaglie con i colossi dei veri e propri eventi. Oltretutto, emerge ancora l'eccezionale design che sta dietro ad ogni creatura, come l'impegno speso per dare ai suoi movimenti un carattere insieme naturale e imponente. Ha ancora ampi margini di miglioramento, invece, la telecamera, che sopratutto nei movimenti a cavallo punta troppo sull'inquadratura ad effetto confondendo l'osservatore. Anche nei combattimenti con i colossi, punto centrale del gioco, non è raro perdere di vista il nostro bersaglio, perfino tenendo premuto l'apposito tasto di "lock on".

Le inquadrature evidenziano i colpi di scena ma risultano scomode nelle fasi più veloci - Ico and Shadow of the Colossus Classics HD
Le inquadrature evidenziano i colpi di scena ma risultano scomode nelle fasi più veloci

un altro affresco fantasy

Per fortuna, allo stesso modo di Ico, i piccoli difetti ereditari non toccano la qualità generale, anche se alcune imprecisioni erano facilmente evitabili, come le icone dei tasti "schiacciate" perché conservate dall'originale o i tempi troppo lunghi per salvare la posizione (hanno emulato la memory card?). Le musiche, più della grafica, emergono su tutto il resto, mentre le architetture oniriche e surreali spingono a esplorare il fondale per semplice curiosità. Osservata nel suo complesso, questa raccolta è sicuramente da non perdere per i tanti "nuovi" giocatori che oggi hanno una PlayStation 3 ma che non avevano mai provato le uscite originali. Se è vero che entrambi i titoli potevano essere migliorati più a fondo nella realizzazione, l'idea che sta alla base di ognuno brilla ancora di luce propria. Un biglietto da visita invidiabile per Fumito Ueda verso la massa di utenti che non ne conosce i lavori ma che, grazie a questa collection, aspetterà The Last Guardian con rinnovata attesa.

Voto 4 stelle su 5
Voto dei lettori
Per una volta la scritta in copertina non mente: chi non ha mai giocato le versioni originali è formalmente obbligato all'acquisto. Un piccolo sforzo in più, e il "perfect score" era assicurato.

Commenti

  1. utente_deiscritto_5167

     
    #1
    Non c'è la medaglia "rapporto qualità prezzo?" Cioè due mostri sacri così, graficamente migliorati a 39 € (in UK molto meno), sono davvero una manna.

    Comunque, gran bel pezzo. Complimenti ad Alessandro.
  2. SixelAlexiS

     
    #2
    non ho capito, tutto l'Hud è schiacciato o solo i tasti?
    :/ :/ :/
  3. SixelAlexiS

     
    #3
    SixelAlexiSnon ho capito, tutto l'Hud è schiacciato o solo i tasti?
    :/ :/ :/
    ho appena controllato... i tasti (in-game) non sono schiacciati, e tutto l'HUD è perfettamente proporzionato mentre appena si va nel menù di pausa le scritte e tasti sono schiacciati... davvero una dimenticanza stupida, perchè come detto in-game è tutto ok.
    Cmq si può vedere tutto qui:
    http://www.gamespot.com/shows/now-playing/?event=now_playing_ico_shadow_collection20110810&tag=videos%3Btitle%3B1

    al minuto 41:50 si vede il menù di pausa ed al minuto 43:55 le fasi in game con HUD fatto bene.
  4. fortieTHief

     
    #4
    beh ma sono dei capolavori senza tempo,ora col plus dei 1080p,60fps,16/9,3D e trofei,da prendere senza pensarci su 2 volte...il fatto che siano rimasti tali e quali graficamente,a parte i plus sopra elencati,non fa altro che piacere IMHO,restano due bellissimi esempi videoludici che ci trasportano in un viaggio onirico di rara bellezza.
  5. SixelAlexiS

     
    #5
    fortieTHiefbeh ma sono dei capolavori senza tempo,ora col plus dei 1080p,60fps,16/9,3D e trofei,da prendere senza pensarci su 2 volte...il fatto che siano rimasti tali e quali graficamente,a parte i plus sopra elencati,non fa altro che piacere IMHO,restano due bellissimi esempi videoludici che ci trasportano in un viaggio onirico di rara bellezza.
    Ma infatti gli appunti sulle animazioni fatti nella rece non hanno senso.
    Il gioco è quello e così deve rimanere, poi se vogliono fare ritocchi grafici va benissimo, ma che i Bluepoint Games si metesssero a modificare i giochi di Team Ico... bah,
  6. Meshuggah 81

     
    #6
    60 fps?
  7. SixelAlexiS

     
    #7
    Meshuggah 8160 fps?
    ancora XD
    30 lockati, scelta di Ueda.
  8. Meshuggah 81

     
    #8
    SixelAlexiSancora XD
    30 lockati, scelta di Ueda.

    Appunto..
    L' utente sopra ha scritto 60 fps...e tu l' hai quotato e gli hai dato ragione...distrattello
  9. Myau

     
    #9
    Ma possibile che tutte le volte che si parla di ICO e SotC si deve dire che hanno venduto poco? Avete mai visto questi giochi in offerta nei cestoni a 9.90? O magari il prezzo si è dimezzato dopo un mese? Trovatemi un po' le copie di ICO e SotC invendute, vediamo se le trovate... Altra perplessità un paio di considerazioni su ICO... Fogging? Che roba è? C'entra Fogman? Stiamo forse parlando del magistralmente pittorico effetto di prospettiva aerea che rende gli ambienti di ICO dei quadri di poligoni, forse? E poi le animazioni. Assolutamente perfette, realistiche e fluide, specie quelle di Yorda.
  10. Benni Lo Sicco

     
    #10
    30fps e mi pare a 720p
Continua sul forum (1276)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!