Genere
Azione
Lingua
Tutto in italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 41,99
Data di uscita
10/4/2009

Il Padrino II

Il Padrino II Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Electronic Arts
Sviluppatore
EA Redwood Shores
Genere
Azione
PEGI
18+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
10/4/2009
Data di uscita americana
7/4/2009
Lingua
Tutto in italiano
Giocatori
8
Prezzo
€ 41,99

Hardware

Qui recensito in versione PC, Il Padrino II non ha certo bisogno di configurazioni "pompate" per godere di un buon compromesso tra fluidità e qualità visiva; sono infatti consigliati un processore a 3 GHz, 1 GB di RAM e una scheda 3D con almeno 256 MB di RAM, mentre nel sel nostro caso, con un Intel Quad Core 6600, 4 GB di RAM e GeForce 8800 GTX, abbiamo ottenuto una fluidità impeccabile alla risoluzione di 1680x1050 con tutti i dettagli grafici al massimo. Il gioco è disponibile anche per PlayStation 3 e Xbox 360.

Multiplayer

Possiamo affrontare la guerra tra le famiglie mafiose anche online secondo quattro modalità; un classico Deathmatch a squadre e le inedite Assalto, Scassinatore e Incendiario in cui, nei panni di un componente della famiglia specializzato in una di queste tre abilità, dobbiamo completare una serie di missioni prima che ci riescano i nostri avversari. Sono anche presenti delle classifiche online che danno diritto ad alcuni bonus da sfruttare non solo in multiplayer, ma anche nel gioco in singolo.

Link

Recensione

I segreti di un Padrino

Il crimine paga, soprattutto a New York e a Miami!

di Francesco Destri, pubblicato il

Come ogni aspirante boss mafioso che si rispetti anche Dominic deve partire dal basso e farsi strada a forza di intimidazioni, rapine ed estorsioni, che non a caso rappresentano il vero cuore del gioco; lo scopo de Il Padrino II è infatti quello di guadagnare più soldi possibili risolvendo le missioni affidateci dai nostri superiori e conquistando le attività criminali dei rivali.
Sembra un compito arduo e infatti il capitolo precedente ci metteva di fronte a un tasso di sfida con alcuni picchi di difficoltà addirittura esagerati, ma questa volta gli sviluppatori hanno voluto ammorbidire il tutto con un gameplay molto più abbordabile e con scelte strutturali tese a diminuire notevolmente la difficoltà.

DIVENTARE UN BOSS? UN GIOCO DA RAGAZZI

Tanto per cominciare Dominic può assoldare fino a tre aiutanti il cui livello di salute, come nel caso del nostro alter ego, si ricarica automaticamente e, se al nostro party aggiungiamo un medico, morire diventa pressoché impossibile anche perché o si è arrestati o si va all'ospedale con pochissime "penali" da pagare. Ciò anche a causa di un'intelligenza nemica molto approssimativa, del vasto arsenale a nostra disposizione (fucili, mitragliatori, molotov, dinamite, pistole, mazze e sbarre di ferro) e della facilità con cui, anche a mani nude, possiamo uccidere chiunque ci capiti a tiro.
Volendo, quasi tutti gli assalti contro i luoghi in mano alle famiglie rivali si possono compiere tranquillamente da soli (con l'opzione per la copertura il tutto diventa poi ancora più semplice), ma se proprio vogliamo sfruttare l'aiuto dei nostri compagni il gioco riserva in effetti qualche simpatica trovata. Nel caso dovessimo assaltare uno stabile privo di entrate possiamo sfruttare l'abilità di uno scagnozzo esperto in demolizioni ed esplosioni, mentre per svaligiare il caveau di una banca ci serve un aiutante apposito e così via per tutte le azioni possibili (incendiare, sfondare porte, tagliare le comunicazioni).
La scelta dei nostri compagni è quindi importante per riuscire a risolvere alcune situazioni, ma la loro presenza ci semplifica enormemente il lavoro e anche in questo caso l'intelligenza artificiale non è priva di bachi (aiutanti che scompaiono, si bloccano o non salgono con noi in macchina e fissano il vuoto).

PER QUEI DOLLARI IN PIù

Il cuore del gameplay, oltre alle sparatorie e agli spostamenti nelle città, è concentrato sulla conquista delle attività criminali della concorrenza, che non solo ci assicurano entrate sempre maggiori, ma aggiungono particolari bonus nel caso riusciamo a conquistare un intero filone malavitoso (prostituzione, gioco d'azzardo, usura). In pratica si assalta una postazione nemica, si costringe il proprietario a cederci il business dopo una o due scariche di pugni (possibilmente evitando di ucciderlo), si incassa l'introito dell'attività e si paga un certo numero di guardie per difendere il luogo dai tentativi di attacchi rivali per riprendersi al business.
Alla fine Il Padrino II non si discosta poi tanto da questa formula (attaccare-intimidire-difendere) ed è quindi inevitabile che dopo un po' il gameplay tenda a ripetersi e a incappare nel rischio noia; forse consci di questo limite, gli sviluppatori hanno introdotto altri metodi come uccidere su commissione o svaligiare una banca per guadagnare denaro, necessario non solo a difendere i punti strategici della città ma anche a migliorare le caratteristiche nostre e dei nostri alleati.
Possiamo così accrescere l'abilità con certe armi, la resistenza, la capacità intimidatoria e così via, fino a costruire un piccolo esercito di compagni fedeli e sempre più forti. Come detto in precedenza, il basso livello di difficoltà non rende necessario ricorrere a questo tipo di potenziamenti, ma se non altro si è spronati a guadagnare soldi per una ragione e fa comunque piacere vedere il proprio alter ego crescere e migliorare con il passare delle ore.


Commenti

  1. Matteo Camisasca

     
    #1
    la discussione prosegue qui http://community.videogame.it/forum/t/326907/
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!