Indie Games

Indie Games

Stiamo attraversando il rinascimento dei giochi indipendenti. Spesso sviluppati da poche persone e con mezzi esigui rispetto a una super-produzione, sono riusciti più volte a tenere testa a mega-progetti milionari. Qui parliamo di Braid, Castle Crashers, Fez e di tutti gli altri giochi indipendenti.
Rubrica

Guardando indietro al 2009

Cosa ci siamo dimenticati di portare con noi verso il nuovo anno?

di Stefano Castelli, pubblicato il

Con un anno tanto prolifico e zeppo di belle sorprese come il 2009 è facile lasciare indietro qualche valida uscita nella categoria dei giochi indipendenti. Noi di Nextgame.it, con la solidarietà che da sempre ci contraddistingue, siamo vicini al lettore e vogliamo contribuire agli ultimi salassi del suo portafoglio, consci che qualche terribile dimenticanza avrebbe un effetto negativo sul morale ben peggiore dell'ennesimo ammanco monetario.
Dunque, stavolta vogliamo la nostra attenzione verso le ultime novità dell'anno, ma anche verso quei giochi indipendenti che in precedenza non abbiamo trattato e che invece continuano a crescere o a riproporsi in gustose offerte speciali. Li abbiamo cercati, provati, filtrati e infine selezionati per offrirvi un'ultima lista targata "2009". Buon appetito!

Qualità mensile da Arkedo

I ragazzi di Arkedo hanno una missione ben precisa: pubblicare un gioco al mese su Xbox 360. Fino ad ora tale proposito è stato più o meno rispettato, con la pubblicazione di tre giochi in quattro mesi e un quarto in uscita entro gennaio 2010. Pubblicati sotto l'etichetta "Arkedo Series", i giochi fino ad ora rilasciati (tutti prezzati 240 Microsoft Point) sono il simpatico parente di Pitfall intitolato Arkedo Series 01: Jump! e l'altrettanto valido puzzle game Arkedo Series 02: Swap! (provateli, meritano entrambi). Il terzo gioco pubblicato merita però maggiore attenzione essendosi rivelato un vero gioiellino. Si tratta di Arkedo Series 03: Pixel!, un platform game realizzato interamente con uno stile grafico "da GameBoy": monocromatico e con personaggi realizzati con grossi quadratoni in bella vista. La cura riposta nello stile grafico, vario e ricco di piccole chicche, va di pari passo con un gameplay molto piacevole e preso in prestito da classici platform bidimensionali, a partire dall'immortale Super Mario Bros. Nei panni del gatto Pixel esploreremo una serie di livelli "a tema", saltando in testa a nemici di vario genere, sfruttando elementi del paesaggio (molle, scale e altri classici "gadget") e risolvendo ogni tanto qualche puzzle basato sulla grafica "pixelosa" del gioco (da esplorare tramite l'apposita lente di ingrandimento). Molto divertente, ricco di sorprese e sufficientemente longevo, Arkedo Series 03: Pixel! vale tutti i 240 Microsoft Point che costa.

Il pronipote illecito di Elite

Ci piace inserire Evochron Legends in questo capitolo della nostra rubrica Indie Games per due motivi specifici. Innanzitutto perché è un videogame facente parte di una categoria morente, quella dei simulatori spaziali sullo stile dell'indimenticato Elite. Secondo, perché si tratta di un videogame nato e cresciuto per tutta la durata dell'anno, patch dopo patch, aggiunta dopo aggiunta, giungendo finalmente a noi con l'ultimo fix di dicembre in forma smagliante. Insomma, lasciata ad altri la piacevole ma talvolta dolorosa fase di "testing" ci troviamo finalmente con un videogioco stabile e finemente sviluppato, pronto per venire "recuperato". Evochron Legends - secondo capitolo di una saga - è un gioco di esplorazione, commercio e combattimento ambientato nello spazio e disponibile unicamente in formato PC Windows. Nei panni di un mercenario tuttofare e dotati di una fedele astronave saremo impegnati ad aumentare la nostra fama (e le nostre ricchezze) compiendo missioni di varia natura, improvvisandoci fattorini galattici, guerrieri spaziali o esploratori delle estremità dell'universo conosciuto. Il video promozionale del gioco risulta ben esplicativo dei contenuti e riuscirà probabilmente a "toccare" i ricordi di più di un giocatore di vecchia data. Interamente basato su un gradevole motore tridimensionale proprietario, il gioco include anche modalità multiplayer cooperative che permettono a più giocatori di affrontare assieme le missioni. Insomma, se il mass-market sembra tutto sommato aver dimenticato lo splendore delle esplorazioni spaziali, il canale dei giochi indipendenti ha sfornato nel 2009 quello che sembra il più evoluto esponente della categoria. È possibile scaricare la corposa demo dal sito ufficiale del gioco ed eventualmente acquistare la licenza completa al prezzo di 24,90 Dollari.

Genetos, lo shoot'em up evolutivo

Quanta strada è stata percorsa nell'ambito degli sparatutto spaziali a partire dal classico Space Invaders fino ad arrivare ai concitatissimi bullet-hell giapponesi? Il qui presente Genetos cerca di ripercorrerla tutta, proponendo un gameplay che parte, per l'appunto, dalle tipiche battaglie contro alieni multicolore per giungere a un sofisticato sparatutto zeppo di nemici e armi speciali. In dettaglio, questo shoot'em up del giapponese Tatsuya Koyama si snoda attraverso quattro livelli, ciascuno rappresentante un'era degli sparatutto a scrolling verticale. Si parte dunque dal primo, chiaramente ispirato a Space Invaders e Galaga, passando poi per il secondo "ambientato" nel mondo degli sparatutto anni '80 come Terra Cresta o Truxton. Il terzo livello segna l'entrata nella categoria degli shoot'em up degli anni '90, in linea con Raiden e "colleghi", mentre infine il quarto livello "analizza" i più moderni sparatutto ed è ricco di armi speciali, effetti grafici e soprattutto tanti, tanti proiettili. Da notare, infine, che il sistema di armamento delle nostre astronavi di adatterà, livello dopo livello, al nostro stile di gioco, permettendoci dunque di sperimentare. Tutto questo per la modica cifra di... niente, perché il simpatico Genetos è un videogame freeware scaricabile da questa pagina del sito ufficiale, finalmente nella sua versione completa 1.0 dopo ben tre anni di sviluppo. Unicamente in formato PC Windows.

Tutti game designer con Game Maker 8

Una volta tanto parliamo di realizzare videogame, anziché limitarci a giocarli, e lo facciamo a causa del rilascio di Game Maker 8, versatile tool di sviluppo creato da YoYo Games che consente praticamente a chiunque sia dotato di creatività e un minimo di forza di volontà di trasporre su PC le proprie idee in ambito di game design. Frutto di uno sviluppo ormai decennale - il primo Game Maker fu giustappunto rilasciato nel 1999 - Game Maker 8 risulta un completissimo ambiente di sviluppo che consente di realizzare praticamente ogni tipologia di videogame bidimensionale, con qualche piccola escursione in ambito 3D. Scaricabile gratuitamente dal sito ufficiale di YoYo Games ed eventualmente potenziabile alla versione Pro per la modica cifra di 24,90 dollari, Game Maker 8 si basa su numerose interfacce punta-e-clicca nonché su un versatile linguaggio di sviluppo chiamato GML (Game Maker Language, ovviamente) facilmente approcciabile da chiunque abbia una seppur minima infarinatura di programmazione. Un aspetto fantastico del mondo di Game Maker 8 è la grande quantità di materiale didattico disponibile, tra tutorial, esempi, guide e una viva community con cui interagire. Sul sito del programma sono anche disponibili centinaia di giochi più o meno completi da scaricare, provare e magari analizzare (nei casi in cui il sorgente è disponibile) per scoprirne i segreti di sviluppo. Al momento Game Maker 8 è disponibile unicamente in versione Windows PC, mentre l'edizione per Mac precedentemente annunciata è stata rimandata a data da destinarsi per problemi nello sviluppo.

Il meglio del 2009?

Se andiamo a dare un'occhiata ai siti che trattano di videogame in questo particolare periodo dell'anno possiamo facilmente incappare negli attesissimi articoli del tipo "I migliori giochi dell'anno". Classifiche, premi, categorie e dibattiti che eleggono i migliori esponenti dei vari generi per PC e console varie. Ecco, solitamente i giochi citati in un articolo sono quasi tutti presenti nell'articolo analogo di un sito concorrente, magari in posizioni diverse. In ambito di Indie Games invece le cose sembrano un tantino diverse, dal momento che le classifiche stilate da svariati siti che trattano - appunto - i videogame indipendenti contengono selezioni quasi completamente differenti. Dunque, per chiudere il 2009 vi lasciamo con tre diverse top-ten, stilate da tre siti esteri, che tentano di farsi strada attraverso la giungla degli indie-game eleggendo a destra e a manca i migliori giochi pubblicati nel corso del 2009. In dettaglio, ci riferiamo alle selezioni di BigDownload, Gamasutra e DIY Games. Per ciò che ci riguarda, il nostro "Best of 2009" è insito nelle selezioni fatte per la rubrica nel corso dell'anno, ben consci di aver ignorato numerosissimi altri indie-game validi che si aggirano in questo fantastico sottobosco digitale.
Appuntamento al 2010 per una nuova dose di giochi indipendenti: nel frattempo, porgiamo gli auguri di Buon Anno Nuovo a tutti i lettori!


Commenti

  1. Matteo Camisasca

     
    #1
    Grazie Stef, buon anno anche a te e grazie per il consiglio sull'emulo di Elite: lacrimuccia inside solo a pensarci...
  2. Stefano Castelli

     
    #2
    Matteo Camisasca ha scritto:
    Grazie Stef, buon anno anche a te e grazie per il consiglio sull'emulo di Elite: lacrimuccia inside solo a pensarci...
     Eheh... in effetti non ne escono più, meglio goderselo questo. :D
  3. SixelAlexiS

     
    #3
    Maledetti Arkedo, li ho apprezzati tantissimo su DS ed ora mi hanno "abbandonato"... :(
    Quoto su Machinarium, decisamente l'indie dell'hanno.
    p.s. non cito flower perchè stà lì su, irraggiungibile.
  4. Dark76

     
    #4
    SixelAlexiS ha scritto:
    Maledetti Arkedo, li ho apprezzati tantissimo su DS ed ora mi hanno "abbandonato"... :(
    Quoto su Machinarium, decisamente l'indie dell'hanno.
    p.s. non cito flower perchè stà lì su, irraggiungibile.
      salvata XD
    ho provato giusto ieri pixel in demo su 360
    decisamente carino
  5. SixelAlexiS

     
    #5
    Dark76 ha scritto:
    salvata XD
    ho provato giusto ieri pixel in demo su 360
    decisamente carino
     cascato XD
  6. franz899

     
    #6
    Pixel è una gioia per gli occhi, dei pixel giganti animati cosi bene è raro vederli.

    [Modificato da franz899 il 30/12/2009 11:30]

  7. T-.S.-M

     
    #7
    Machinarium non lo trovo sul marketplace...:(
  8. SixelAlexiS

     
    #8
    T-.S.-M ha scritto:
    Machinarium non lo trovo sul marketplace...:(
     lol, è only PC, se vuoi la versione ita la vendono solo su M.it
  9. T-.S.-M

     
    #9
    SixelAlexiS ha scritto:
    lol, è only PC, se vuoi la versione ita la vendono solo su M.it
        E che c'hai da ridere tu? :cool:
    Ok, ho sempre Braid che va' fischiando in un'orecchio. (quello destro). :D
  10. Stefano Castelli

     
    #10
    T-.S.-M ha scritto:
    Machinarium non lo trovo sul marketplace...:(
     Si parla di una versione per console, ma ancora non se ne sa nulla in effetti.
Continua sul forum (16)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!