Indie Games

Indie Games

Stiamo attraversando il rinascimento dei giochi indipendenti. Spesso sviluppati da poche persone e con mezzi esigui rispetto a una super-produzione, sono riusciti più volte a tenere testa a mega-progetti milionari. Qui parliamo di Braid, Castle Crashers, Fez e di tutti gli altri giochi indipendenti.
Rubrica

Che combina l'autore di Braid?

Jonathan Blow ci aggiorna sul suo The Witness.

di Stefano Castelli, pubblicato il

Come forse noterete guardando a sinistra, Braid è stato scelto come simbolo di questa rubrica, principalmente per la "scossa" che un gioco tanto particolare ha dato al mondo dei videogame indipendenti, ormai quattro anni fa. Di conseguenza, il successivo lavoro dell'autore Jonathan Blow ci sta particolarmente a cuore ed è dunque venuto il momento di andare a verificare cosa bolle in pentola per il bizzarro videogioco che porta il nome di The Witness.

TUTTI GLI enigmi di Blow

Considerabile molto genericamente come un'interpretazione tridimensionale dei concetti alla base di Braid - e, allo stesso tempo, come un'occidentalizzazione delle meccaniche di base dei titoli di Professor Layton - The Witness è il secondo gioco di Jonathan Blow che vedrà la luce presumibilmente entro fine anno. Lo scopo principale di Blow è riuscire a inserire nell'area di gioco da lui creata - un'ampia isola - oltre trecento differenti enigmi che mettano a dura prova le meningi di chi si avventurerà nel gioco. A tal proposito, il buon designer tiene costantemente aggiornato il sito del gioco, condividendo idee, risultati e aggiornamenti sullo stato dei lavori. Il gioco è stato ufficialmente battezzato come un "exploration puzzle game" ambientato su un'isola disabitata e a quanto pare la principale attività del giocatore sarà quella di esplorare questo misterioso atollo in cerca di tutti gli enigmi che vi sono contenuti.

L'ultima versione dell'isola: a vederla così sembra piccola, in realtà esplorarla tutta richiederà ore e ore. Senza contare gli oltre trecento enigmi sparsi un po' ovunque... - The Witness
L'ultima versione dell'isola: a vederla così sembra piccola, in realtà esplorarla tutta richiederà ore e ore. Senza contare gli oltre trecento enigmi sparsi un po' ovunque...

Al momento della stesura di questo articolo Blow ha appena rilasciato quattro nuove immagini - che alleghiamo - e ha annunciato di essere a quota 368 differenti enigmi, alcuni strutturati come eventi a sé stanti, altri concatenati tra loro in modi che al momento non conosciamo. Sfogliando il corposo blog dello sviluppo del gioco possiamo poi scoprire altri elementi importanti come il ruolo che la fisica ricoprirà nella risoluzione di molti enigmi, l'importanza dell'esplorazione stessa (e del relativo senso si alienazione che l'autore vuole trasmettere) e la grande cura riposta nelle scelte cromatiche di ogni elemento dell'isola, ritenuta fondamentale per trasmettere esattamente il messaggio contenuto nella testa di Jonathan Blow. Quello che manca, purtroppo, è una data di uscita precisa per questo videogame che al momento è previsto unicamente su Xbox 360.


Commenti

  1. babaz

     
    #1
    LOL al puzzle quest con la dama... che mi pare offra valori di produzione strepitosi per 80 miseri punticini
  2. Stefano Castelli

     
    #2
    babazLOL al puzzle quest con la dama... che mi pare offra valori di produzione strepitosi per 80 miseri punticini

    Ma assolutamente!

    Da non sottovalutare anche Tic, un vero gioiellino.
  3. babaz

     
    #3
    Stefano CastelliMa assolutamente!

    Da non sottovalutare anche Tic, un vero gioiellino.

    TIC l'ho provato ma non sono convinto che il gameplay sia all'altezza della bellissima grafica eh...
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!