Genere
Azione
Lingua
ND
PEGI
12+
Prezzo
ND
Data di uscita
21/3/2014

inFAMOUS: Second Son

inFAMOUS: Second Son Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment
Sviluppatore
Sucker Punch
Genere
Azione
PEGI
12+
Distributore Italiano
Sony Computer Entertainment Italia
Data di uscita
21/3/2014

Hardware

inFamous: Second Son è atteso domani 21 marzo in Europa ed è un'esclusiva PlayStation 4. Sono richiesti circa 20 GB di spazio su disco per l'installazione, più una patch day-one di 300 MB, scaricabile da PSN.

Multiplayer

L'avventura di Sucker Punch è pensata esclusivamente per un giocatore.

Modus Operandi

Abbiamo completato la storia di inFamous: Second Son come il nuovo supereroe di Seattle, con un karma totalmente positivo, in circa 15 ore al livello di difficoltà più alto, svolgendo numerose missioni secondarie e ottenendo circa il 70% di completamento di gioco. Il promo ci è stato fornito gentilmente da Sony Italia.
Recensione

Un nuovo eroe, un nuovo infame

La storia di Delsin Rowe nel terzo capitolo del brand Sucker Punch in esclusiva PS4.

di Giovanni Marrelli, pubblicato il

Pur non essendo fra i brand più rilevanti e amati della storia PlayStation, la saga inFamous è riuscita a ritagliarsi il suo posticino fra le esclusive dell'era PS3 grazie a una formula capace di conquistare ogni amante di fumetti e supereroi. I primi due capitoli creati dal team Sucker Punch non hanno riscontrato però il successo universale che con tutta probabilità avrebbero meritato, e sembra quasi un paradosso che la situazione stagnante di PlayStation 4 a livello di giochi first-party in uscita debba passare proprio da un titolo come inFamous: Second Son.

Il terzo capitolo della saga rappresenta infatti una delle esclusive più importanti del catalogo PS4 nel 2014, ma sopratutto il primo titolo davvero next-gen fra quelli visti sin dal lancio della piattaforma Sony, capace di sfruttarne le potenzialità tecniche in modi ancora inesplorati. Riuscirà il nuovo Second Son a far breccia nel cuore di tutti gli utenti PS4? Scopriamolo insieme nella nostra recensione.

NELLE PUNTATE PRECEDENTI...

inFamous: Second Son è ambientato circa sette anni dopo il finale eroico di inFamous 2. La condizione dei conduit (cioè gli individui dotati di poteri speciali) è persino peggiorata rispetto alle vicende di Empire City e New Marais: questi vengono accusati di bioterrorismo, perseguitati e confinati dalle milizie del DUP (cioè il Dipartimento di Protezione Unificata) in strutture di detenzione che gravano su una Seattle irriconoscibile, oppressa dal controllo del governo totalitario e della polizia.

Delsin Rowe è un artista di ventiquattro anni che passa le sue giornate a creare graffiti e cacciarsi nei guai, vivendo all'ombra del fratello maggiore Reggie, un agente di polizia. In occasione dell'evasione di un gruppo di conduit, Delsin entrerà inavvertitamente in contatto con uno di essi risvegliando il suo gene dormiente, il quale gli dona abilità sovrumane ma allo stesso tempo lo rende un obiettivo primario del DUP, che comincia immediatamente a perseguitarlo e dargli la caccia. La vita di Delsin è destinata a cambiare drasticamente, e la sua capacità di assorbire i poteri di altri conduit come fosse una spugna lo spingerà a cercare tante altre persone speciali per accrescere il suo potere e sconfiggere le forze del DUP.

Il rapporto fra Delsin Rowe e suo fratello Reggie è il cardine dell'intera esperienza, considerando anche il carattere completamente opposto dei due. - inFAMOUS: Second Son
Il rapporto fra Delsin Rowe e suo fratello Reggie è il cardine dell'intera esperienza, considerando anche il carattere completamente opposto dei due.

UN NUOVO EROE

In fuga per preservare la sua libertà, Delsin dovrà affrontare un'avventura costellata come da tradizione da numerose scelte morali che andranno a cambiare l'evoluzione stessa della trama portante. Preferiamo non dilungarci troppo sulla storia per evitare di incappare in potenziali spoiler, è sufficiente sapere che il viaggio di Delsin si affronta davvero con estremo piacere grazie a una narrazione efficace che si evolve, rispetto al passato, affiancando alle classiche cut-scene in stile graphic novel (marchio di fabbrica della serie) anche delle scene filmate - rigorosamente girate in motion-capture sfruttando l'eccezionale motore di gioco - dallo stampo cinematografico che ricordano molti film e serie TV dedicate ai supereroi.

Quella che ne consegue è un'esperienza decisamente più coinvolgente dei capitoli precedenti, grazie a una maggiore maturità da parte di Sucker Punch in ambito di sceneggiatura: un buon ritmo, qualche momento particolarmente azzeccato e un paio di scene emozionanti non fanno che confermare l'ottimo lavoro nella caratterizzazione dei personaggi comprimari e di Delsin Rowe, che supera l'esame più difficile rivelandosi un protagonista in cui è piuttosto facile immedesimarsi. Ribelle, sfacciato, sarcastico, ma anche sensibile e determinato, la nuova star non fa rimpiangere l'assenza di Cole MacGrath e, semmai, risulta più "umano" e reale di quanto lo stesso Cole non fosse mai riuscito ad apparire nelle avventure affrontate a Empire City e New Marais.

Delsin potrà usare acquisire diversi poteri dagli altri conduit che incontrerà nell'avventura, e usarli a suo gusto assorbendone l'elemento dalle varie fonti che sono sparse per la città. - inFAMOUS: Second Son
Delsin potrà usare acquisire diversi poteri dagli altri conduit che incontrerà nell'avventura, e usarli a suo gusto assorbendone l'elemento dalle varie fonti che sono sparse per la città.

A SPASSO PER SEATTLE

Segue invece la stessa e identica formula dei precedenti episodi il gameplay, che si basa sull'esplorazione a base di parkour di una Seattle open-world, realizzata con la proverbiale cura certosina nei dettagli. Una città ovviamente ricca di attività e missioni secondarie che, oltre ad aumentare la longevità del gioco dopo la storia principale, sono utili all'evoluzione delle abilità di Delsin e perciò stimolanti ai fini della progressione del proprio personaggio, sebbene un po' ripetitive. La Seattle realizzata da Sucker Punch è divisa in ben 15 zone controllate dal DUP, il che imporrà al giocatore la necessità di disfarsi delle forze nemiche per poterla esplorare liberamente nella sua interezza oppure accedere a missioni specifiche.

Che si tratti di distruggere il comando mobile del DUP o gli scanner per identificare i conduit, disattivare le telecamere di sorveglianza che monitorano la situazione o dei jammer che disturbano il segnale, mandare al tappeto i droni traccianti oppure individuare gli agenti segreti DUP sparsi per la città, di certo non manca la roba da fare nella riproduzione virtuale di Seattle, che include anche alcune attività viste in precedenza nei capitoli di inFamous come l'individuazione di messaggi audio, dei musicisti ribelli e dei cortei anti-conduit fino ad attività nuove di zecca come l'eliminazione di telecamere nascoste e la realizzazione di graffiti sui muri della città.

Nel corso della storia, sarà possibile influenzare il corso degli eventi scegliendo di compiere azioni da eroe o da infame. Il Karma è ancora uno degli aspetti fondamentali dell'intero gameplay. - inFAMOUS: Second Son
Nel corso della storia, sarà possibile influenzare il corso degli eventi scegliendo di compiere azioni da eroe o da infame. Il Karma è ancora uno degli aspetti fondamentali dell'intero gameplay.

Il tutto porterà alla continua diminuzione della percentuale di controllo DUP in ogni quartiere di Seattle, fino ad abilitare la cosiddetta "Resa dei conti del quartiere": questa porterà a un conflitto finale fra Delsin e tutte le milizie DUP fino alla completa liberazione del quartiere, abilitando lo spostamento rapido fra le zone libere della città attraverso dei particolari pannelli pubblicitari. Le attività principali verranno indicate nella mappa (e relativa mini-mappa nell'HUD) in modo chiaro ogni qualvolta si eliminerà il comando mobile del DUP in un determinato quartiere, ma non mancheranno missioni segrete possibili solo esplorando la città, così come Trofei specifici legati ad attività particolari, che stimoleranno l'utente a vagare per Seattle alla scoperta di ogni suo piccolo mistero.

E fra missioni principali e secondarie, gang di spacciatori sottomesse e gruppi di criminali placati, la nostra avventura al livello di difficoltà più alto si è conclusa dopo 15 ore di gioco con una percentuale del 70% di completamento e molte attività ancora da svolgere. Non male, sebbene la durata sia decisamente lontana dallo standard dei più quotati giochi free-roaming come GTA, Assassin's Creed e similari.


Commenti

  1. Castu1983

     
    #1
    Boooooooooooooooooom XD
  2. eziokratos

     
    #2
    Domani dovrei prenderlo
  3. Gatsu_Ecatombe

     
    #3
    Bella recensione e gioco senza dubbio spettacolare!
  4. Il Grezzo 1

    #4
    Il classico specchio per le allodole per i bimbiminchia, una grafica sbalorditiva con un gameplay monotono e poco coinvolgente. Il trend che va per la maggiore per i titoli next-gen sopratutto su playstation 4, xbox one tra Titanfall e Ryse diciamo che si discosta leggermente da questo assunto, non tanto per la seconda esclusiva , quanto per la prima. Ma a chi volete prendere per fesso scusate?
  5. ilgrezzo

     
    #5
    Il classico specchio per le allodole per i bimbiminchia, una grafica sbalorditiva con un gameplay monotono e poco coinvolgente. Il trend che va per la maggiore per i titoli next-gen sopratutto su playstation 4, xbox one tra Titanfall e Ryse diciamo che si discosta leggermente da questo assunto, non tanto per la seconda esclusiva , quanto per la prima. Ma a chi volete prendere per fesso scusate?
  6. Castu1983

     
    #6
    cioè se parli di gameplay monotono e poi mi citi ryse possiamo anche chiudere qua il discorso. Cioè infamous ha un gameplay tra i migliori in circolazione, forse l' unica cosa che fa storcere il naso è la ripetitività delle missioni secondarie.
    Titanfall è un altro discorso perchè è un multiplayer quindi non sono paragonabili. Che poi mi sembra molto piu bimbominchioso titanfall con pistole che fanno headshot e nemici gestiti dall IA per dire: guarda quante kill ho fatto !!!11!1!! sono un vero pro XD
  7. Il Grezzo 1

    #7
    E infatti ho specificato che da un gameplay monotono si discosta più il primo del confronto che ho fatto (cioè Titanfall) che non il secondo(Ryse) sono consapevole della maggiore e atavica ripetitività di quest'ultimo don't worry, però ti ripeto, Infamous sarà un limite mio ma mi sembra a dir poco ripetitivo a livello di gameplay e di coinvolgimento del giocatore. Titanfall non è un capolavoro ma non è così bimbominchioso così come dici. Poi de gustibus eh :)
  8. utente_deiscritto_116

     
    #8
    Castu1983cioè se parli di gameplay monotono e poi mi citi ryse possiamo anche chiudere qua il discorso. Cioè infamous ha un gameplay tra i migliori in circolazione, forse l' unica cosa che fa storcere il naso è la ripetitività delle missioni secondarie.
    Titanfall è un altro discorso perchè è un multiplayer quindi non sono paragonabili. Che poi mi sembra molto piu bimbominchioso titanfall con pistole che fanno headshot e nemici gestiti dall IA per dire: guarda quante kill ho fatto !!!11!1!! sono un vero pro XD
    Che, ribadisco, è un problema del 99% delle avventure open world, ma la gente tende ad accorgersene a intermittenza. inFamous onestamente penso sia una delle serie che ha più sofferto l'incapacità di marketing di Sony. Fa piacere vedere che finalmente ha l'attenzione che merita, anche se, a parer mio, il fatto che Second Son rischi di avere successo facendo LE STESSE CACCHIO DI COSE è più una cosa che depone male sui giocatori e sul mercato che qualcosa che depone bene sul gioco in sé. Ma onestamente sono questioni accademiche. E' buono SS, erano buoni i precedenti, mi fa piacere se va bene questo come mi avrebbe fatto piacere che avessero venduto bene i precedenti.

    Non ho capito cosa ci sarebbe di strano sulle pistole che fanno headshot, ma magari è un problema mio.

    Confermo che a oggi, di "specchietti per le allodole" (leggi: tech demo vestite a festa) nel lancio delle due console l'unico che mi viene in mente è Ryse. Che non è un male, se uno lo prende per quello che è, intendiamoci.
  9. Castu1983

     
    #9
    DuffmanChe, ribadisco, è un problema del 99% delle avventure open world, ma la gente tende ad accorgersene a intermittenza. inFamous onestamente penso sia una delle serie che ha più sofferto l'incapacità di marketing di Sony. Fa piacere vedere che finalmente ha l'attenzione che merita, anche se, a parer mio, il fatto che Second Son rischi di avere successo facendo LE STESSE CACCHIO DI COSE è più una cosa che depone male sui giocatori e sul mercato che qualcosa che depone bene sul gioco in sé. Ma onestamente sono questioni accademiche. E' buono SS, erano buoni i precedenti, mi fa piacere se va bene questo come mi avrebbe fatto piacere che avessero venduto bene i precedenti.

    Non ho capito cosa ci sarebbe di strano sulle pistole che fanno headshot, ma magari è un problema mio.

    Confermo che a oggi, di "specchietti per le allodole" (leggi: tech demo vestite a festa) nel lancio delle due console l'unico che mi viene in mente è Ryse. Che non è un male, se uno lo prende per quello che è, intendiamoci.
    OT su titanfall


    mi sono espresso male sulle pistole che fanno headshot nel senso che lo fanno automaticamente, cioè inquadri il nemico in un quadrato piu grosso del mirino e il mirino diventa rosso, sparando il colpo va dritto in testa al nemico, anche se questo evita il colpo scansandoli




    ritornando su infamous, io il primo l ho scoperto per caso(ero un periodo che non seguivo riviste e siti) e mi ha meravigliato, il secondo anche se era molto simile ha evoluto il comparto tecnico. A me sono piaciuti tantissimo.Questo ancora lo devo giocare ma se è come gli altri mi piacerà sicuro
  10. Il Grezzo 1

    #10
    Si ma come tutti noi videogiocatori sappiamo, in Ryse, essendo un gioco molto gore, ed essendo la componente sanguinolenta per noi gamers un piatto molto appetitoso, ci si diverte molto di più rispetto ad uno sminchietto post-grunge con i poteri di un ipotetica evil magica emy secondo me. Scusate in merito sempre a Ryse, God Of War, sopratutto il penultimo perchè Ascension mi ha lasciato negativamente basito, non era ad occhio e croce la stessa cosa? dovevi schiacciare gli stessi pulsanti per tutto il gioco ne più ne meno. E vi sta parlando un utente sony di vecchia data. Il problema della grande S è che nella produzione dei titoli per la ps4 mancano idee di gioco che non siano sempre quelle trite e ritrite di questi ultimi anni, e si punta tutto sempre e solo sulla dannata grafica perchè il trend bimbominchia vuole questo. La killer application del momento Titanfall che non è un capolavoro ok ma almeno è un qualcosa di" apparantemente" nuovo (solo apparentemente perchè non è altro che una commistione tra Brink ed il multiplayer di Call Of Duty) ha uno svolgersi del gioco così frenetico ed a tratti psicheledico che almeno si discosta ripeto anche se solo apparentemente, dalle solite meccaniche a binario da fps post-COD. Altro esempio, Killzone Shadow Fall è un clone di crysis col drone, Infamous, ripeto, può avere tutta sta grafica della madonna ma mi fa un effetto activia abbastanza immediato. Alla Microsoft almeno ci stanno provando a fare qualcosa di leggermente diverso. Vabbè che è ancora prematuro visto che le console sono uscite poco tempo fa, però per Ps4 ci sono giochi che se uno ha un minimo di spirito critico e di esperienza videoludica, non può far altro che ritenerli davvero penosi.
Continua sul forum (18)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!