Genere
Azione
Lingua
Sottotitoli in Italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 49,99
Data di uscita
25/3/2010

Just Cause 2

Just Cause 2 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Square Enix
Sviluppatore
Avalanche Studios
Genere
Azione
PEGI
18+
Distributore Italiano
Bandai Namco Games
Data di uscita
25/3/2010
Data di uscita americana
23/3/2010
Lingua
Sottotitoli in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
€ 49,99

Link

Notizia

Avalanche va controcorrente

I creatori di Just Cause a ruota libera sulla questione pirateria.

di Sebastiano Pupillo, pubblicato il

Gabe Newell di Valve probabilmente "ci metterebbe la firma" a un discorso come quello fatto da Christofer Sundberg di Avalanche sulle pagine di CVG.

Le affermazioni del capo degli studi creatori di Just Cause vanno controcorrente in molti punti, a partire da quello in cui dice che è inutile cercare di far arrestare gli hacker (come sta facendo Sony), meglio assumerli; sembra infatti che una buona metà di tutto il team Avalanche sia formato da ex-hacker.

E poi, ancora, ne ha per i publisher che inseriscono "stupidi DRM" nei giochi per PC, penalizzando unicamente chi i giochi li compra, e per la stessa prassi di realizzare giochi per PC che non sono altro che porting frettolosi di giochi per console. Tanto che a un certo punto esprime un concetto - appunto - molto caro a Newell: "La pirateria non sarebbe un problema se i giochi per PC fossero migliori".




Commenti

  1. strider77

     
    #1
    Certo. Assumono ogni piratucolo sulla faccia del globo terracqueo. Del resto, perchè Sony, Microsoft e compagnia cantante dovrebbero cercare di tutelarsi da chi compie veri e propri furti? Dovrebbero ricompensarli. Assumendoli,magari. Geniale. Perchè tutti gli sviluppatori, pure quelli non trascendentali come Avalanche, devono trasformarsi in guru che-sanno-tutto-ma-proprio-tutto-basta-chiedere-a-noi? Non bastava Molineux?
  2. [Menegus]

     
    #2
    Perchè probabilmente ne guadagnerebbero di più assumendo qualcuno come Geohot piuttosto che sbattendolo in prigione. Per altro non sarebbe nemmeno il primo caso, molti hacker del passato che hanno bucato sistemi governativi sono poi entrati a lavorare per diverse agenzie del governo (americano) o aziende come consulenti alla sicurezza o robe simili.
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!