Genere
Azione
Lingua
ND
PEGI
ND
Prezzo
ND
Data di uscita
1/12/2015

Just Cause 3

Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Square Enix
Sviluppatore
Avalanche Software
Genere
Azione
Distributore Italiano
KOCH Media
Data di uscita
1/12/2015

Lati Positivi

  • Gameplay divertente e con tante possibilità
  • Sistema di controllo ottimo
  • Mappa enorme e con tante cose da fare
  • Buona resa grafica generale...

Lati Negativi

  • ...ma con un po’troppo pop-up grafico
  • Scontri a fuoco con armi normali troppo “leggeri”
  • La trama è soltanto un pretesto

Hardware

Just Cause 3 è disponibile su PC, PS4 e Xbox One.

Multiplayer

Just Cause 3 non dispone di modalità multigiocatore, ma è possibile confrontare alcune performance di gioco con i risultati ottenuti da altri utenti.

Modus Operandi

Abbiamo fatto saltare mezza isola in Just Cause 3 grazie ad un codice Steam fornitoci da Kock Media su un Pc equipaggiato con un i7-4770K con 16 GB di RAM e una GeForce GTX780 Ti su Windows 10 Pro.
Recensione

Un gioco esplosivo

Sarà sufficiente un'isola per contenere la potenza distruttiva di Rico Rodriguez?

di Daniele Di Benedetto, pubblicato il

Just Cause 3 potrebbe essere sicuramente il videogioco preferito di Michael Bay. Se vi state chiedendo come mai possiamo rispondervi solo con una parola: esplosioni. Annunciato circa un anno fa è il sequel del secondo titolo della serie Just Cause uscito nel 2010 e sviluppato sempre dai talentuosi ragazzi degli Avalanche Studios. Saranno riusciti questi ultimi a bissare o a eguagliare il riscontro positivo di critica e videogiocatori che accompagnò l’uscita del precedente capitolo? Vediamo insieme.

Seguendo la tradizione dei più rinomati action movie, Just Cause 3 è un titolo in cui non mancano situazioni eccessive, in cui il realismo lascia spazio a un pizzico di sana follia  - Just Cause 3
Seguendo la tradizione dei più rinomati action movie, Just Cause 3 è un titolo in cui non mancano situazioni eccessive, in cui il realismo lascia spazio a un pizzico di sana follia

VIVA LA REVOLUCIÒN

Il gioco è ambientato in una zona del Mar Mediterraneo qualche anno dopo gli eventi di Just Cause 2 e più precisamente nella Repubblica di Medici. Gli abitanti di questo bellissimo angolo di mondo non se la passano poi tanto bene visto che sono posti sotto dittatura da parte del generale Di Ravello, uomo dalle mire senza confini. Pronto a tutto pur di liberare la sua terra natìa dall’oppressione vestiremo i panni dell’oramai conosciuto Rico Rodriguez, che nel frattempo ha lasciato l’Agenzia per cui lavorava come agente operativo. Sì, la trama è un po’ un pretesto per accedere a questo grande parco giochi quindi, nel caso si cercasse un po’ di profondità nella storia, sappiate che questo potrebbe non essere un titolo adatto a voi. Just Cause 3 è azione, dinamicità, esplosioni e divertimento. Ed esplosioni, se non si fosse capito. Anche lo svolgimento della trama è affidato a tanti cliché, dalla rappresentazione del Generale Sebastiano di Ravello ai suoi piani per tenere tutto per sè il Bavarium, un minerale che permetterebbe di avere energia illimitata e, ovviamente, armi a volontà. I comprimari stessi sono intrisi di una certa classicità nei loro punti chiave, ma solo Rico è ben delineato grazie alle sue risposte divertenti. Più di una volta vi strapperà un sorriso per qualche sua battuta sagace mentre ci stiamo paracadutando dentro una base nemica nella quale dovremmo affontare un piccolo esercito.
Ma lì dove non arriva la storia ci arriva il gameplay. Sì, Just Cause 3 sa essere molto divertente ed è uno di quei pochi giochi che lascia spazio alla fantasia di un giocatore permettendogli di sperimentare proprio nel lato ludico del termine. Vi facciamo un esempio. Dopo aver rubato un piccolo aeroplano ci siamo recati nel punto caldo di una missione che richiedeva di liberare un avamposto. Da lì abbiamo abbandonato il nostro velivolo e ci siamo lanciati con la nostra nuova tuta alare (con la quale vi dimenticherete di poter guidare); a una certa altezza abbiamo aperto il paracadute e notato che sotto di noi stava volando un caccia a difesa della base e non appena l’abbiamo agganciato con il nostro rampino ci siamo lanciati su di esso. Finito di cavalcarlo (solo per il gusto di farlo) abbiamo aperto l’abitacolo, tirato fuori il pilota e lasciato l’aereo al suo esplosivo destino. Appena abbandonato il caccia abbiamo spiegato nuovamente il paracadute e lanciato missili a destra e a manca nei punti nevralgici provocando più esplosioni, per poi atterrare tranquillamente in un bellissimo campo di papaveri che si trovava vicino. Vi potremmo anche raccontare di quando abbiamo legato un elicottero ad un serbatoio di carburante, o ad una macchina che passava per caso, insomma la scelta è tanta e i mezzi per sfruttarla ci sono basta solo avere un po’ di inventiva.

In Just Cause 3 il contesto narrativo è un mero espediente per giustificare l'utilizzo di una quantità smisurata di esplosivo... poco profondo, ma dannatamente divertente...  - Just Cause 3
In Just Cause 3 il contesto narrativo è un mero espediente per giustificare l'utilizzo di una quantità smisurata di esplosivo... poco profondo, ma dannatamente divertente...
Altresì l’intelligenza artificiale è buona e abbiamo notato che se c’è da affrontare la liberazione di qualche piccolo paese i nemici si comportano spesso come carne da cannone, ma se proviamo a liberare un avamposto o una struttura le cose cambiano. Innanzitutto abbiamo provato a rifare la stessa missione un paio di volte, in una ci siamo lanciati con il paracadute e abbiamo attaccato scatenando una pioggia di piombo dal cielo, i nemici erano per lo più a piedi o sopra a qualche jeep o mezzo blindato. La seconda volta ci siamo presentati con un carro armato e abbiamo dovuto affrontare, oltre alla solita fanteria, anche degli elicotteri e altri mezzi che potevano contrastare il nostro veicolo rivelando così una sorta di difficoltà modulare. La parte sparatutto con le armi convenzionali (leggasi con proiettili, visto quello che ci si può inventare) ha un feeling delle armi troppo “leggero” che non ci ha appagato completamente. La fluidità di gioco è agevolata dal sistema di controllo, che consente di eseguire in assoluta scioltezza ogni genere di azione; noi abbiamo provato la versione per PC utilizzando principalmente un joypad, ma anche l’accoppiata mouse e tastiera, per quanto sicuramente meno intuitiva, risulta comunque discretamente funzionale una volta superato un periodo di allenamento necessario ad assimilare tutti i comandi disponibili.


Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!