Genere
Azione
Lingua
Inglese con sottotitoli in italiano
PEGI
12+
Prezzo
ND
Data di uscita
23/3/2012

Kid Icarus: Uprising

Kid Icarus: Uprising Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Nintendo
Sviluppatore
Nintendo
Genere
Azione
PEGI
12+
Distributore Italiano
Nintendo Italia
Data di uscita
23/3/2012
Lingua
Inglese con sottotitoli in italiano
Giocatori
1-6

Hardware

L'uscita di Kid Icarus Uprising è fissata per il prossimo inverno, in esclusiva per Nintendo 3DS.

Multiplayer

Il gioco prevede un supporto multiplayer (online e locale) fino a sei giocatori, con scontri a squadre 3 contro 3 e duelli "free for all".

Modus Operandi

Abbiamo avuto modo di provare il gioco - in single player, multiplayer e con una dimostrazione delle battaglie con le carte AR - presso lo stand E3 di Nintendo.
Hands On

Non solo Sin & Punishment

Una svolazzata trionfante o una planata fiacca?

di Marco Mottura, pubblicato il

Completati i passaggi in volo, l'azione si sposterà a terra: lì vi aspetteranno fasi con venature al limite del picchiaduro, contraddistinte da movimenti liberi, un pizzico di esplorazione e un'evidente enfasi sui combattimenti a distanza ravvicinata. Seppur senza dubbio intriganti (principalmente a causa della quantità di nemici da affrontare simultaneamente e del ritmo di gioco piacevolmente sostenuto ma al tempo stesso differente rispetto ai momenti su binari), le sezioni al suolo non ci hanno convinto del tutto: proprio in quei passaggi sembrano emergere in effetti tutti i compromessi di un sistema di controllo poco intuitivo, interamente concepito attorno al tentativo - non esattamente riuscito - di ovviare alla colpevole mancanza di un secondo stick analogico.
Un handicap hardware purtroppo assai complicato da ignorare: con analogico e stilo deputati rispettivamente al movimento di Pit e alla mira, rimangono infatti poche soluzioni per la gestione manuale della telecamera, senza contare la discutibilissima ergonomia di un'impostazione dei controlli che ricorda quella, perlomeno discutibile, di Metroid Prime Hunters. Intendiamoci: non vi è nulla di irreparabile o fastidioso al punto da compromettere l'intera esperienza ludica (anzi con tutta probabilità sarà sufficiente un po' di buona volontà per abituarsi ai controlli), eppure non possiamo non esplicitare alcune perplessità dopo la nostra prova diretta, specie pensando a sessioni di gioco prolungate e magari in condizioni non del tutto “composte”.

LE LEGGENDE NON MUOIONO MAI

L'impressione trasmessa da Kid Icarus Uprising resta ad ogni modo quella di un progetto incredibilmente solido: Nintendo sembra fermamente intenzionata a rilanciare la serie in grande stile, presentando il ritorno di Pit come nuovo pilastro da aggiungere al trittico d'eccellenza assoluta costituito da Zelda, Super Mario Bros e Metroid. Per prima cosa è innegabile l'attenzione riservata alla realizzazione tecnica: pur senza muovere un numero impressionante di poligoni, Uprising risulta una vera e propria gioia da guardare, tra panorami estesi a perdita d'occhio, colori sgargianti, effetti pregevolissimi e la strampalata direzione artistica che da sempre contraddistingue il reame di Angel Land. Importante inoltre evidenziare in questo senso la cura dedicata al comparto audio: oltre alle musiche squisitamente evocative bisogna infatti sottolineare l'insolita enfasi riservata ai dialoghi (fatto in assoluta controtendenza con gli standard Nintendo!), con Pit che spesso e volentieri interviene nel bel mezzo dell'azione, commentando a voce alta quanto accade a schermo.
La dimostrazione di quanto la grande N punti su una nuova era all'insegna della luce di Palutena si avverte anche considerando l'aggiunta - per nulla scontata - del supporto alle battaglie tramite apposite carte di realtà aumentata e del multyplayer online. Extra dalla consistenza tutt'altro che accessoria, che testimoniano la volontà di conferire ulteriore spessore a un piatto di per sé già sostanzioso ed invitante.

DUELLI ALL'ULTIMA FRECCIA

La presentazione dei combattimenti AR è apparsa come una sorta di anticipazione generale di quello che ci dovremo aspettare in futuro, più che un'effettiva anticipazione di una caratteristica che sicuramente farà la felicità di milioni di ragazzini sparsi per il globo. Allo stato attuale delle cose, la tecnologia appare infatti consolidata e pronta per l'uso (anche in virtù dell'esperienza accumulata grazie alle carte AR incluse con la console, modello a cui questi duelli si ispirano chiaramente), ma rimane ancora da strutturare tutto l'impianto ludico che governerà gli scontri.
Nintendo prevede ad ogni modo di lanciare circa una trentina di card - ancora non è chiaro se allegate al gioco o più verosimilmente da collezionare in altre maniere - in modo da alimentare ulteriormente la Kid Icarus mania con contenuti che possano andare al di là del gioco stesso. Diversa invece la situazione del multiplayer, già perfettamente strutturato e disponibile in forma pressoché definitiva in quel di Los Angeles: abbiamo avuto modo di dedicarci a qualche rapido match 3 contro 3, riuscendo a intravedere tutto il potenziale di una modalità fondata su dinamiche cooperative e su scontri tanto frenetici quanto godibilmente confusionari.

Le esclusive card AR distribuite all'E3!  - Electronic Entertainment Expo 2011
Le esclusive card AR distribuite all'E3!

IN CONCLUSIONE

Niente da dire: Kid Icarus Uprising era uno dei titoli più attesi dello show e il contatto con la nuova creatura di Masahiro Sakurai si è rivelato assolutamente all'altezza delle nostre esose aspettative. Nintendo sembra avere tra le mani una vera e propria bomba, pronta a esplodere sui nostri (doppi) schermi durante la prossima stagione natalizia. Per la gioia di fan vecchi e nuovi, sarà insomma un glorioso ritorno accompagnato da rose e fiori. Certo, la presenza di un ulteriore levetta analogica non avrebbe fatto poi tanto male al caro, vecchio Pit...


Commenti

  1. lucacat

     
    #1
    Sono l'unico che questa mattina ha letto l'articolo?
    Comunque, sono curioso di provare il sistema di controllo. Anche per Luigi's Mansion 2 spero non ci siano grossi problemi...effettivamente l'assenza del secondo analogico pone sempre qualche pensiero.
  2. Crownless King

     
    #2
    Forse non ho ben compreso il sistema di controllo,ma non capisco in che modo un secondo analogico avrebbe potuto giovare ad un titolo come questo(comodità a parte,che è un aspetto soggettivo).
    Se ipoteticamente ci si sposta con l'analogico sinistro e si usa il destro per mirare e sparare in qualsiasi parte dello schermo con quale levetta dovremmo spostare la telecamera?
    Una configurazione di questo tipo sottointenderebbe una "modalità mira" che permetterebbe di utilizzare il secondo analogico alternativamente come mirino e per spostare la telecamera.Ma sarebbe una soluzione che va contro il concetto stesso di titoli come questi.
    Non a caso Treasure per Sin and Punishment 2, non ha voluto abbandonare la struttura su binari,perché una soluzione come quella che ho citato semplicemente avrebbe mortificato un gioco che ti impone di tenere sotto controllo tutto lo schermo e non una porzione di esso.
    Insomma, lamentele sui controlli a parte, secondo me è proprio il concetto che risulta non immediatissimo da implementare ed è il motivo per cui nutro molti dubbi su questo titolo.
  3. Mdk7

     
    #3
    Me lo stavo chiedendo anche io! XD
    E dire che l'ho scritto con tanto ammore...

    Ad ogni modo, il sistema di controllo -anche di Luigi's Mansion 2 e di Super Mario Bros 3D- è effettivamente un piccolo grande problema.
    Alla fine la mancanza di un analogico in più si sente: viene quasi naturale cercarlo, e si avverte proprio l'esigenza ogni tot di sistemare la telecamera, di gestire elementi che purtroppo vengono giocoforza delegati alla CPU.
  4. Andrea_23

     
    #4
    Ammè impugnare un handheld con una sola mano e, contemporaneamente, pestonare col pennino sul touch non dà un gran senso di stabilità : S. Sarebbe già meglio se si potesse utilizzare il pollice (e dunque impugnare la console anche con la mano destra), avendo però in dotazione il resistivo 'un gliela si fa.

    Per fortuna, per fortuna, per fortuna che su Wii U hanno abbozzato. Non mando giù l'incompatibilità della tavoletta col motion control (a meno di chiamarsi Dr. Octopus, la vedo dura pure in questo caso), ma meglio di un calcio nelle zone basse.
  5. Andrea_23

     
    #5
    Mdk7Me lo stavo chiedendo anche io! XD

    M & T!


    :toghy:
  6. Tristan

     
    #6
    Bene dai fa piacere leggere queste impressioni :)
    Un po' dubbioso perchè sakurai aveva pure dichiarato la maggior parte del gioco NON sarà in volo (io l'avrei fatto solo in volo, proprio alla S&P) però dai... fiducia nonostante legga da più parti che le fasi appiedate abbiano qualche problemino, è il titolo che più aspetto in assoluto, voglio essere ottimista.

    E poi son curioso per le carte :3
  7. Mdk7

     
    #7
    Azz, ma sul serio Sakurai ha detto quella cosa?
    Masahiro, che cazzo mi combini? XD
  8. Tristan

     
    #8
    http://nintendo3dsblog.com/kid-icarus-uprising-will-have-more-time-on-the-ground-than-in-the-air-says-sakurai

    u.u Spero non faccia la fine di starfox assault (che non ho giocato ma se non ricordo male era stato rovinato proprio dalle fasi appiedate)
  9. Crownless King

     
    #9
    Ringrazio il forum per avermi segato il messaggio,mi ero lanciato in un discorso generico sul controllo a due analogici,ora mi è passata la voglia. -.-
  10. Gea-r

     
    #10
    u.u Spero non faccia la fine di starfox assault (che non ho giocato ma se non ricordo male era stato rovinato proprio dalle fasi appiedate)
    Rovinato?

    Diciamo che non era quello che la gente si aspettava...era un clone di Zelda con una fase di volo ogni morte di papa e dalla durata di mezzo minuto, questo si, ma era strabello.
Continua sul forum (13)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!