Genere
Sparatutto
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 69,99
Data di uscita
23/2/2011

Killzone 3

Killzone 3 Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Sony Computer Entertainment
Sviluppatore
Guerrilla Games
Genere
Sparatutto
PEGI
18+
Distributore Italiano
Sony Computer Entertainment Italia
Data di uscita
23/2/2011
Data di uscita americana
22/2/2011
Data di uscita giapponese
24/2/2011
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
8-24
Prezzo
€ 69,99

Hardware

Killzone 3 è atteso in esclusiva su Playstation 3. Non è stata specificata una data di uscita, ma visto lo stato avanzato della lavorazione, la finestra di lancio più probabile sembra essere quella compresa tra novembre 2010 e febbraio 2011.

Multiplayer

Come accaduto per Killzone 2, il primo evento stampa è stato incentrato esclusivamente sulla Campagna in singolo. La presentazione del multiplayer avrà luogo probabilmente nel corso dell’E3. Voci sulla presenza di una modalità cooperativa non sono state confermate dal team.

Link

Hands On

Ritorno a Helghan

Visari è morto, ma la guerra continua.

di utente_deiscritto_116, pubblicato il

Quando Hermen Hulst, cuore creativo di Guerrilla Games, sale sul podio del centro culturale Melkweg di Amsterdam per presentare il terzo capitolo di Killzone, nessuno dei presenti sa bene cosa aspettarsi. Dal supporto al Move al 3D, dalla modalità cooperativa al multiplayer di massa stile MAG, in sala si mormora tutto e il contrario di tutto, in un’atmosfera quasi fantozziana alimentata da un inconsueto silenzio sul gioco. Niente indiscrezioni, filmati trapelati o beta tester chiacchieroni: una rarità assoluta, soprattutto per Sony. Nel corso della breve introduzione all’evento, le parole del Managing Director dello studio olandese riempiranno questo vuoto di notizie con una certezza: dietro Killzone 3 c’è un cambio di passo, e di quelli netti.
Se il primo capitolo, prima ancora di arrivare su PS2, si era già fatto carico del fin troppo pesante titolo di “Halo killer”, e il secondo aveva imboccato dall’inizio una strada tutta in salita fatta di trailer in computer graphic, Killzone 3 si presenta alla stampa con un inchino ideale ai colleghi-rivali di Naughty Dog e Sony Santa Monica, la concretezza di un lungo livello già completo e giocabile, e tante succulente novità nate dalla capacità di ascoltare le critiche al fine di migliorarsi.
Nonostante le ultime immagini del secondo capitolo lasciassero pochi dubbi riguardo al fatto che la guerra tra le forze d’assalto ISA e le truppe Helghast sarebbe continuata, la direzione che avrebbe preso il conflitto non era affatto chiara. La capitale, Pyrrhus, ridotta a un cratere nucleare, entrambe le fazioni piegate da migliaia di morti, la flotta Helghan spiegata sul fronte, e le forze d’assalto orbitali ISA prossime a essere respinte. Una situazione instabile pronta a degenerare nel caos totale, come profetizzato da Visari nelle sue ultime parole. Killzone 3, rivela Hulst, riprenderà la vicenda a pochi giorni dalla morte del carismatico leader Helghast. Il vuoto di potere venutosi a creare nel suo esercito ha generato una lotta per il potere dalla quale sono emersi due corrotti politicanti, apparentemente più interessati a profitto e potere personale che a guidare le loro genti nella lotta per la libertà. Nonostante ciò, le sorti della guerra sembrano pendere in favore degli “occhi rossi”: con l’assedio orbitale della flotta ISA ormai rotto, le truppe di terra sono rimaste isolate da approvvigionamenti e rinforzi, prive di coordinazione, circondate dal nemico e intrappolate su un pianeta ostile.

Killzone 1 + Killzone 2 = Killzone 3

Questa situazione drammatica non sarà solo il punto di partenza narrativo del gioco, ma avrà un enorme impatto sull’azione vera e propria, dettandone ritmi e scelte creative: “una delle critiche che sono state rivolte più di frequente al gioco” ci ha chiarito Hulst “è la scarsa varietà delle ambientazioni. In Killzone 3, gli scenari che i giocatori si troveranno ad attraversare saranno più numerosi e vari, e includeranno distese innevate, intricati boschi, e anche le stazioni spaziali in orbita attorno al pianeta, ciascuno con un tipo di giocabilità diverso”. Mentre sullo schermo alle spalle di Hulst scorrono concept art che sottolineano la volontà di “dipingere un quadro più preciso di quello che è il pianeta Helghan, e della cultura del suo popolo”, alla mente torna il primo capitolo della serie, le cui ambientazioni effettivamente spaziavano dalle paludi alle zone urbane fino a scenari montani e installazioni orbitanti. Quando in seguito, nel corso di una lunga chiacchierata, gli chiediamo conto di questo apparente ritorno alle radici della serie, Herman drizza le orecchie e il suo sguardo si illumina: “sono lieto che si sia notato. Per molti versi, il primo capitolo è stato una grande fonte di ispirazione per il lavoro svolto finora”. La cosa è resa ancor più evidente, nel corso della presentazione, da uno spettacolare filmato che reintroduce nel sistema di gioco le uccisioni corpo a corpo del primo capitolo, chiamate appropriatamente “Brutal Melee”. Avvicinandosi abbastanza a un nemico, al comparire di una icona il giocatore potrà far scattare una serie di animazioni legate all’arma impugnata e alla posizione rispetto al nemico (il filmato ne mostrerà una mezza dozzina per il solo fucile d’assalto ISA). Pugni, ginocchiate, pestaggi e crani schiacciati a pedate sono all’ordine del giorno, ma non si tratta propriamente di uccisioni garantite: come ci faremo confermare in seguito, il giocatore rimane vulnerabile durante l’esecuzione. In alcuni casi, quindi, meglio ricorrere al fidato coltello.
Parlando del primo capitolo, ci sfiora per un attimo il dubbio che possa tornare anche la possibilità di scegliere il personaggio con cui affrontare un livello. Non fosse altro perché le sezioni stealth con Luger o il sarcasmo di Hahka, il rinnegato Helghast, erano tra le cose migliori del gioco. Niente di fatto, purtroppo: “abbiamo preferito concentrarci su Sev (che, insieme a Rico, sarà ancora una volta il protagonista assoluto del gioco), anche al fine di concentrarci sui personaggi ed esplorarne le motivazioni”. Quello della trama e dei personaggi, in effetti, è un altro dei punti dolenti del secondo capitolo. “Come è possibile” chiediamo a Hulst “che dello splendido lavoro fatto sul background del gioco per rendere interessanti gli Helghast e spiegarne le motivazioni non ci sia alcuna traccia? È rimasto tutto sul sito ufficiale, ma nella storia, nella trama, nei dialoghi non c’è nulla. Solo gente che impreca”. In Killzone 3, ci viene assicurato, questo non accadrà: la storia mostrerà “il lato umano degli Helghast”, i personaggi verranno sviluppati maggiormente, e anche gli scenari stessi racconteranno qualcosa del popolo che lo abita. In effetti, anche se nel secondo capitolo la cosa non viene quasi mai toccata, di fatto nella storia di Killzone gli ISA sono i cattivi, gli invasori, e gli Helghast, per quanto possano ricordare nei modi e nell’aspetto i nazisti, sono un popolo che è stato spogliato di una terra che si era guadagnato con il sudore. “Non ci sono solo il bianco e il nero”, conclude Hulst. “Mostreremo che in guerra brave persone fanno cose cattive e viceversa”.


Commenti

  1. utente_deiscritto_19106

     
    #1
    Interessante, molto interessante...anche se mi sono spoilerato il finale del 2 che ancora devo finire
  2. Solidino

     
    #2
    ora ci serve solo un bel videozzo. :)
  3. Dark76

     
    #3
    bene mi stavo giusto domandando se anche next l'avesse provato..
    confermi le altre anteprime "stra positive" lette altrove ieri...
    hype up

    [Modificato da Dark76 il 25/05/2010 14:37]

  4. utente_deiscritto_19106

     
    #4
    Dark76 ha scritto:
    bene mi stavo giusto domandando se anche next l'avesse provato..
    confermi le altre anteprime "stra positive" lette altrove ieri...
    hype up
     a parte la risoluzione quando lo si gioca in 3D (e li bisogna dar fiducia al fatto che il codice da loro provato era vecchio) diciamo che viene confermato tutto quello che si era letto
  5. Dark76

     
    #5
    SharkFRA ha scritto:
    a parte la risoluzione quando lo si gioca in 3D (e li bisogna dar fiducia al fatto che il codice da loro provato era vecchio) diciamo che viene confermato tutto quello che si era letto
     3d? mai pervenuto per me.... non ho un tv adatto e ne voglio cambiarlo ora...
  6. the TMO

     
    #6
    Dark76 ha scritto:
    3d? mai pervenuto per me.... non ho un tv adatto e ne voglio cambiarlo ora...
     Penso sia disponibile anche via occhialini, sbaglio?
  7. Duffman_

     
    #7
    SharkFRA ha scritto:
    Interessante, molto interessante...anche se mi sono spoilerato il finale del 2 che ancora devo finire
    Beh, è il punto di partenza per una svolta narrativa che non potevo non citare, quindi tanto valeva tirarci fuori un catenaccio forte.
    D'altra parte la press release Sony è persino più spoilerosa, quindi ho la coscienza a posto ^^
  8. richi_one

     
    #8
    the TMO ha scritto:
    Penso sia disponibile anche via occhialini, sbaglio?
     In stile Batman GOTY?
  9. _LordByron_

     
    #9
    Dovrò sforzarmi di finire il 2 allora T_T
  10. BIANCIOZ

     
    #10
    Duffman ha scritto:
    Beh, è il punto di partenza per una svolta narrativa che non potevo non citare, quindi tanto valeva tirarci fuori un catenaccio forte.
    D'altra parte la press release Sony è persino più spoilerosa, quindi ho la coscienza a posto ^^
      Splendida anteprima, ti faccio una domandina, se possibile rispondi sennò amen...
    Ma imprecano ogni 3 x 2 come nel prequel?:D
Continua sul forum (222)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!