Genere
Gioco di Ruolo
Lingua
Sottotitoli in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
65,00 Euro
Data di uscita
27/10/2003

Star Wars: Knights of the Old Republic

Star Wars: Knights of the Old Republic Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
LucasArts
Sviluppatore
BioWare
Genere
Gioco di Ruolo
Distributore Italiano
Halifax
Data di uscita
27/10/2003
Lingua
Sottotitoli in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
65,00 Euro

Lati Positivi

  • Grande fedeltà al mondo di Guerre Stellari
  • Gioco vasto e longevo
  • Buona realizzazione tecnica
  • Rigiocabilità

Lati Negativi

  • Un po' dispersivo
  • Qualche rallentamento e imprecisione grafica

Hardware

Per giocare avrete bisogno di una confezione originale di Star Wars: Knights Of The Old Republic e di una console Xbox PAL. Sono supportati unicamente i salvataggi su hard disk. Gli utenti abbonati ai servizi di Xbox Live potranno scaricare contenuti extra del gioco. Infine, il sonoro del gioco è codificato in Dolby Digital ed è presente la modalità video PAL60, attivabile su televisori che la supportano.

Multiplayer

Nessuna modalità multi-giocatore è inclusa nel gioco.

Link

Recensione

Star Wars: Knights Of The Old Republic

Quattromila anni prima dei duelli fra Luke Skywalker e Darth Vader, in una galassia lontana lontana c'erano già i cavalieri Jedi in lotta contro il popolo dei Sith ed il malvagio Darth Malak. BioWare narra queste vicende inedite nel suo nuovo gioco di ruolo per Xbox: un'avventura tra mondi alieni, spade laser e creature incredibili, sotto l'influenza dell'onnipresente Forza.

di Stefano Castelli, pubblicato il

Oltre tre anni di sviluppo hanno certamente tenuto i fan di Guerre Stellari (nonché gli amanti dei Giochi di Ruolo) col fiato sospeso. Ora finalmente l'ultima opera del team BioWare, padre dell'acclamata saga di Baldur's Gate, è finalmente tra noi, portando con se l'arduo compito di sdoganare l'universo di Star Wars dal ruolo di "ispiratore di action-game", per osare un approccio videoludico più profondo e mai tentato prima d'ora. Infatti, negli ultimi tempi la quantità di videogame basati sull'universo di Guerre Stellari è notevolmente aumentata, offrendo però esperienze che non si discostano troppo dai cliché dagli sparatutto (come avviene per Star Wars: Bounty Hunter, Star Wars Jedi Knight II: Jedi Outcast o Star Wars Rogue Squadron II: Rogue Leader, solo per citarne alcuni) e soprattutto mostrando una qualità non sempre elevata. Vediamo insieme se la "scommessa" fatta da LucasArts puntando su BioWare è risultata vincente oppure no.

TANTO TEMPO FA...

... in una galassia lontana lontana, la Repubblica si trova a combattere contro una grave minaccia che porta il nome di Darth Malak, ultimo seguace sopravvisuto del Signore Oscuro Reavan. Costui è riuscito a creare (non è chiaro come) una gigantesca flotta da guerra e sta scatenando il popolo dei Sith contro i pianeti della Repubblica, che si trovano incapaci di reagire. Per fronteggiarlo viene schierato l'ordine degli Jedi, antichi cavalieri del bene che seguono i dettami della Forza. Ed è proprio una giovane Jedi di nome Bastila a rappresentare una grande minaccia per Malak e i suoi Sith grazie ai propri poteri: è la stessa Bastila il motivo dell'attacco alla nave spaziale su cui viaggia il protagonista del gioco, come viene narrato nella sezione introduttiva di Star Wars: Knights Of The Old Republic. Il cargo spaziale viene assalito da forze armate Sith e Bastila è costretta a un atterraggio di emergenza sul vicino pianeta Taris, tenuto sotto una stretta quarantena dagli stessi Sith. Avendo giurato di proteggere la giovane Jedi, il protagonista si unisce a un soldato sopravvissuto di nome Carth e parte per una disperata missione di salvataggio in terra nemica.
L'ambientazione di Star Wars: Knights Of The Old Republic è inquadrata circa quattromila anni prima degli eventi narrati in Guerre Stellari e nei due relativi sequel che formano la trilogia fantascientifica più famosa del mondo: Luke Skywalker e l'Impero sono ancora di là da venire e gli equilibri nell'universo sono molto differenti: ciononostante tutti gli elementi che hanno reso grande la saga fantascientifica di Guerre Stellari (almeno per ciò che concerne la prima trilogia diretta da George Lucas) sono presenti nel gioco: cavalieri Jedi e i loro nemici, battaglie spaziali, intrighi politici e commerciali e soprattutto tante razze differenti che convivono in una galassia decisamente movimentata.
L'azione di gioco è mostrata in terza persona, alle spalle del personaggio attualmente selezionato. Il giocatore può spostarsi liberamente per le ambientazioni, analizzando varie parti dello scenario (individuabili tramite un pratico sistema di identificazione) e dialogando con chiunque capiti a tiro. I dialoghi sono gestiti tramite una serie di scelte multiple e appaiono molto spesso elaborati e aperti alle interpretazioni del giocatore: persino il semplice incontro con un mendicante può dunque essere approcciato in svariati modi, mostrando compassione, generosità, repulsione o addirittura violenza.
Non manca ovviamente il "party", ovvero il gruppo di personaggi che affianca il protagonista nelle sue avventure. In Star Wars: Knights Of The Old Republic potremo avere come alleati sino a nove differenti personaggi, tutti di classi o razze differenti (tra cui persino un peloso Wookie ed un droide), che si uniranno (o abbandoneranno) il nostro eroe a seconda dei risvolti della trama o di altri parametri che analizzeremo in seguito.
A prescindere dal numero di personaggi presenti nel team sarà possibile portarne con sé nelle esplorazioni solamente due, formando così un gruppo di tre personaggi "attivi": una scelta di stampo strategico, che obbliga il giocatore a comporre accuratamente il gruppo a seconda delle fasi di gioco, ma allo stesso tempo una limitazione che in alcune sezioni del gioco (dove serve una maggiore potenza in combattimento) appare penalizzante.
I membri che non accompagnano il protagonista rimangono in attesa presso una base o, più avanti nel gioco, all'interno della sua astronave: infatti Taris non sarà il solo pianeta visitabile in Star Wars: Knights Of The Old Republic, bensì solamente uno dei sette mondi su cui si svolgerà la vicenda. Inutile dire che la varietà di popolazioni e ambientazioni è elevatissima, con conseguente molteplicità di differenti situazioni.

E TU CHI SEI?

Prima di affrontare gli eventi di Star Wars: Knights Of The Old Republic è necessario creare un proprio eroe tramite l'apposito editor. Le scelte appaiono inizialmente limitate in quanto è possibile unicamente selezionare il sesso del personaggio e decidere quale sarà la sua "professione" tra le tre disponibili.
I Soldati sono i personaggi più portati al combattimento, abili con ogni tipo di arma e fisicamente più resistenti. I Fuorilegge, invece, fanno della discrezione e della destrezza i propri assi nella manica, essendo maestri nell'arte del furto, dell'infiltrazione e dello spionaggio. Infine gli esploratori rappresentano una interessante via di mezzo tra un combattente e uno scienziato, portati sia alla lotta che all'analisi di tutto ciò che li circonda e molto abili nell'utilizzo delle tecnologie. I giocatori assidui di RPG da tavolo non faranno fatica a riconoscere la scheda delle caratteristiche che definisce ciascun personaggio nel gioco, essendo quella classica di Dungeons & Dragons: tutto il gioco si basa infatti sullo stesso set di regole, che a suo tempo fu adattato all'universo di Guerre Stellari per la creazione di un omonimo gioco da tavolo. Dunque, ogni personaggio del gioco possiede i propri punteggi in sei differenti caratteristiche, tre fisiche (Forza, Costituzione e Destrezza) e tre mentali (Intelligenza, Saggezza e Carisma). Queste definiscono un profilo generale del personaggio, che viene ulteriormente elaborato tramite punteggi secondari e ulteriori scelte. In particolare, ai punteggi classici si affianca tutta una lista di abilità, molto diversificate tra loro: Uso Del Computer, Demolizione, Furtività e via dicendo. State pur certi che, quale che siano le vostre scelte per la configurazione del vostro personaggio, avrete modo di mettere più volte in pratica le sue conoscenze specifiche nel corso dell'avventura.

Voto 5 stelle su 5
Voto dei lettori
Vasto, curato, stupendo. Il connubio tra Guerre Stellari e BioWare si risolve in un videogioco di elevatissima qualità, capace di rendere omaggio al mondo ideato da George Lucas nel migliore dei modi possibili. Anche tenendo in debita considerazione difetti come una fluidità incostante o qualche vicolo cieco nella trama, i pregi di Star Wars: Knights Of The Old Republic si ergono al di sopra delle critiche e fanno di questo gioco un'esperienza unica nel suo genere. Di certo uno dei migliori titoli pubblicati nel 2003 su ogni piattaforma, un titolo che va ad affiancare Halo sul trono dei migliori giochi disponibili per Xbox e contemporaneamente un appuntamento imperdibile per tutti gli amanti di Guerre Stellari e/o dei Giochi di Ruolo elettronici.