Genere
Avventura
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
58,90 euro
Data di uscita
24/11/2003

Kya: Dark Lineage

Kya: Dark Lineage Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Atari
Genere
Avventura
Distributore Italiano
ATARI Italia
Data di uscita
24/11/2003
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
58,90 euro

Link

Intervista

Kya: Dark Lineage, Intervista con Stephane Baudet

Il 2003 è un anno ricco di eroine femminili. Oltre al criticato rientro della celebre Lara Croft, PlayStation 2 ha saputo offrirci altri personaggi affascinanti come Jen, Heather, Yuna, Rikku e Pain... e come Kya, la protagonista di Kya: Dark Lineage. Scopriamo qualcosa di più su questo personaggio, parlando direttamente con il suo creatore, Stephane Baudet di Eden Studios!

di Alberto Torgano, pubblicato il

Nextgame.it: Come mai avete scelto il vento come uno degli elementi portanti del gioco?

Stephane Baudet: In origine il soggetto prevedeva che il mondo di gioco fosse composto di isole volanti situate al di sopra della città in cui viveva la protagonista, non c'erano dimensioni parallele; solo in un secondo tempo abbiamo semplificato l'ambientazione, mantenendo però la presenza degli isolotti. A quel punto ci serviva qualcosa per collegarli gli uni agli altri e abbiamo pensato al vento, comunque già presente nel soggetto originale. Una volta inserito questo elemento i designer hanno pensato a vari modi per sfruttare la presenza delle correnti d'aria.

Nextgame.it: Nelle sequenze che abbiamo visionato, lo scopo primario del gioco ci è sembrato la liberazione dei Wolfen. All'interno dei vari livelli ci sono anche altri obiettivi essenziali al proseguimento?

Stephane Baudet: Certamente. Al suo arrivo nel nuovo mondo Kya deve innanzitutto recuperare un piccolo comprimario, Altea. In seguito la creatura viene nuovamente rapita e deve essere salvata, poi Kya deve anche cercare di salvare il fratello e trovare un modo di ritornare sulla Terra, ricostruendo un oggetto tramite la raccolta di rune. L'obiettivo principale rimane comunque quello di sconfiggere Brazul, il creatore dei Wolfen. Ci sono come due quest parallele: sconfiggere Brazul e ritornare a casa.

Nextgame.it: Le varie ambientazioni del gioco possono essere attraversate solo seguendo un percorso o ci sono strade alternative?

Stephane Baudet: In ogni isola c'è un percorso principale e vari percorsi alternativi, allontanarsi dal cammino primario permette di evitare zone particolarmente ostiche, inoltre proseguendo su strade alternative si possono compiere missioni extra o esorcizzare Wolfen altrimenti impossibili da incontrare. Una volta superata un'isola è poi possibile ritornarci per muoversi su percorsi diversi, eliminare nemici rimasti o raccogliere oggetti mancati al primo passaggio.

Nextgame.it: L'arma principale di Kya è un boomerang. Ci sono anche altri oggetti o armi nel gioco?

Stephane Baudet: In Kya: Dark Lineage ci sono tre bommerang differenti, il primo è quello base (tra l'altro una delle prime missioni consiste nel recuperarlo), il secondo permette di effettuare attacchi sniper e il terzo è magico e controllabile dal giocatore. Ci sono poi altri oggetti, come i guanti per arrampicarsi o la tavola per scivolare nei canali.

Nextgame.it: Parlando della tavola. Nel gioco è possibile fare evoluzioni e acrobazie in stile snowboard?

Stephane Baudet: Questa è una delle piccole cose che non siamo riusciti a inserire. Inizialmente era prevista una componente acrobatica, nel gioco sono infatti stati inseriti molti half-pipe; si pensava a piccole combo da effettuare in salto o sui bordi dei pipe, ma poi non se ne è fatto nulla. Sono comunque rimasti ostacoli da saltare o evitare.

Nextgame.it: Oltre alla tavola, c'è anche un mezzo da utilizzare con il vento?

Stephane Baudet: Non ci sono oggetti particolari da utilizzare per muoversi sulle correnti d'aria, basta controllare oculatamente i movimenti di Kya. Anche in questo caso, nelle fasi iniziali d'ideazione avevamo pensato alla possibilità di inserire qualcosa, ma poi abbiamo lasciato stare.

Nextgame.it: Cambiando argomento, c'è un gioco che ha particolarmente amato e avrebbe voluto sviluppare?

Stephane Baudet: Sicuramente Super Mario 64. E' stato un gioco ricchissimo di innovazioni, solo in parte percepite dai titoli che lo hanno seguito. Anche altri giochi, dopo Mario, hanno portato molte novità, tuttavia mai quanto Mario.

Nextgame.it: Quali giochi la hanno maggiormente ispirata nell'ideazione di Kya: Dark Lineage?

Stephane Baudet: Direi che l'idea di Kya è nata da un miscuglio di Metal Gear Solid, Zelda e Mario 64.

Nextgame.it: Da Metal Gear Solid Kya ha senza dubbio preso lo stealth. Questa componente è stata inserita nel gioco come un'extra o come una delle basi del gameplay?

Stephane Baudet: Lo stealth è una delle componenti base di Kya: Dark Lineage: molti elementi tipici dell'azione furtiva sono stati inseriti nel gioco, come lo sniper; inoltre in parecchie situazioni ci sono davvero troppi nemici per poterli affrontare a testa bassa. Si possono sempre provare vari approcci, ma a volte quello diretto è troppo difficile, conviene controllare gli ostacoli e aggirare i nemici.

Nextgame.it: Con questo abbiamo terminato, grazie della disponibilità e in bocca al lupo per il debutto di Kya: Dark Lineage!

Stephane Baudet: Grazie a voi!