Genere
Avventura
Lingua
Tutto in Italiano
PEGI
ND
Prezzo
58,90 euro
Data di uscita
24/11/2003

Kya: Dark Lineage

Kya: Dark Lineage Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Atari
Genere
Avventura
Distributore Italiano
ATARI Italia
Data di uscita
24/11/2003
Lingua
Tutto in Italiano
Giocatori
1
Prezzo
58,90 euro

Hardware

Kya: Dark Lineage è un'esclusiva PlayStation 2, quindi per giocare al titolo Eden Studios serviranno una console PlayStation 2 europe, un pad compatibile, una Memory Card per i salvataggi e una confezione originale del gioco in versioen europea.

Multiplayer

Al momento non sono previste modalità multiplayer.

Link

Anteprima

Kya: Dark Lineage

Finalmente un po' di luce su un intrigante titolo in arrivo fra un paio di mesi su PlayStation 2! Direttamente da Eden Studios, casa madre di V-Rally, ecco la caparbia Kya! Che il prossimo inverno non saranno quelle di Final Fantasy le sole eroine a imperversare sui televisori italiani? Scopriamo insieme come Kya: Dark Lineage proverà a conquistare il loro feudo.

di Alberto Torgano, pubblicato il

Kya: Dark Lineage si è rivelato una delle sorprese dello scorso E3 2003, nonché uno dei più promettenti titoli in arrivo per PlayStation 2, potenzialmente al livello di giochi come di Ratchet & Clank 2: Locked & Loaded o Jak II: Renegade, con in più il vantaggio di essere un videogioco ancora al primo episodio e quindi meno prevedibile. Parto di alcune delle migliori menti di Eden Studios, prima fra tutte quella di Stephane Baudet, Kya: Dark Lineage si preannuncia come un gioco a "tutto tondo", ricco di elementi e di varianti ben integrati in un coloratissimo mondo da favola.

JAK IN GONNELLA?

E' innegabilmente questo il pensiero che attraversa la mente di chi osserva per la prima volta Kya: Dark Lineage: dagli ambienti sterminati alla caratterizzazione stessa di alcuni personaggi, il gioco ricorda da vicino lo straordinario titolo Naughty Dog. Tuttavia basta approfondire un poco la conoscenza di Kya: Dark Lineage per vedere le similitudini assottigliarsi attorno all'eccellente motore grafico, comunque proprietario di Eden Studios. Nell'esclusiva intervista concessa a Nextgame.it, Baudet ha avuto modo di chiarire come le somiglianze siano, appunto, somiglianze e nulla più. Il progetto Kya risale infatti ad alcuni anni fa e ha vissuto una gestazione piuttosto travagliata, a causa della predilezione "racing" di Eden Studios, nota ai più come software house di V-Rally. Solo la forte volontà di alcuni game designer, Baudet per primo, ha convinto i produttori a scommettere su Kya: Dark Lineage, e per fortuna sembra ne sia valsa la pena.
Come accennato, il titolo Eden Studios colpisce innanzitutto per impatto grafico e in particolare grazie al gran numero di elementi su schermo e all'enorme profondità visiva il giocatore si ritrova catapultato in un mondo immenso e tangibile fin nei più piccoli dettagli. Lo stile grafico scelto ricorda, nella rotondità degli ambienti e nella caratterizzazione "pelosa" di alcuni comprimari, quello di Jak and Daxter: The Precursor Legacy, ma si discosta dal titolo Naughty Dog nella la protagonista, Kya, una normale ragazza umana catapultata in una specie di dimensione parallela, e nel malvagio di turno, Brazul, un tipo decisamente dark. La presenza di una ragazza umana in un contesto fantastico è anche un elemento innovativo, perché potenzialmente permette una sceneggiatura che sembra promettere un po' di più del solito "vai e picchia il cattivo", anche se per conferme di questo tipo è meglio attendere la versione definitiva del gioco.

VENTO, SNOWBOARD E BOOMERANG

L'abbinamento di questi tre elementi, apparentemente slegati, acquista un nuovo significato in Kya: Dark Lineage, gioco camaleontico come pochi altri. Baudet ha cercato di creare un titolo completo, capace di unire vari aspetti in modo armonico, in un mosaico di possibilità, in parte offerte su di un piatto d'argento, in parte lasciate all'inventiva del giocatore, libero di agire come meglio crede all'interno di non troppo restrittive regole di gioco. Naturalmente è presto per dire se ci sia riuscito, ma le basi ci sono, eccome!
Kya: Dark Lineage funziona come un gioco di piattaforme / azione con elementi stealth e molti piccoli divertissement. All'interno di enormi arene visualizzate sempre in tutta la loro profondità, il giocatore deve completare missioni di varia natura. Da una parte ci sono degli obiettivi principali, attraverso i quali si dipana la storia, dall'altra alcune missioni sempre attive (come la liberazione dei Wolfen) e in mezzo miniquest opzionali. I nemici tipici in Kya sono dei lupi antropomorfi, i Wolfen; sono in realtà una degenerazione magica dei pacifici Nativ, operata dal malvagio Brazul. Una delle missioni principali di Kya consiste nell'esorcizzare i Wolfen, riportandoli così al loro stato di Nativ e contemporaneamente aprendo l'accesso a nuove aree del villaggio Nativ (il livello base da cui si può accedere a tutti gli altri). In ogni livello è segnalato il numero dei Wolfen rimasti, spetta al giocatore scovarli tutti esplorando in lungo e in largo.
Un altro originale aspetto del gioco è la massiccia presenza del vento, pensato sia come mezzo di trasporto privilegiato tra isole sospese (ogni livello di gioco è un'isola galleggiante), sia come propulsore per salti altissimi, sia come un handicap. Ogni arena di gioco è ricca di correnti d'aria, visualizzate come enormi colonne di vento: solo il loro oculato utilizzo permette un accesso completo a tutto i livello. Restando in tema di mezzi di trasporto, quello più utilizzato da Kya è una sorta di snowboard magico, da sfruttare su grandi tronchi (come nel film Disney Tarzan) e in lunghe discese, ma non mancano nemmeno cavalcature occasionali. Kya: Dark Lineage sembra integrare al meglio le possibilità offerte dal vento e dalla tavola: giocando può capitare di essere sollevati da correnti d'aria, atterrare su tronchi cavi e scivolare su di essi per poi saltare raggiungendo zone prima inaccessibili.
Ora non resta che parlare del boomerang, l'arma di Kya. Presente nel gioco in tre varianti, il boomerang, oltre a fungere da comodo mezzo per attaccare dalla distanza, è anche una versatile arma sniper, con tanto di mirino e zoom. Oltre a questo strumento, Kya può contare su comandi per calci, pugni, prese e schivate, in pieno stile picchiaduro, con conseguenti combo e mosse speciali. Immancabile poi il minimo di oggettistica e poteri, indispensabile per rendere stimolanti e sensati la crescita di Kya e l'aumento del suo raggio d'azione. Ma per ulteriori approfondimenti in questo senso dobbiamo giocoforza attendere la versione definitiva.

INFILTRAZIONE INTELLIGENTE

Prima di chiudere non ci resta che far luce su un altro paio di aspetti degni di nota: l'elemento stealth e l'intelligenza artificiale. Come in quasi tutti i più recenti titoli ibridi, anche Kya: Dark Lineage ha fatto dell'infiltrazione una delle sue doti, puntando sulla difficoltà dei combattimenti per dargli più significato. Baudet ha inserito l'elemento stealth senza renderne coatto l'utilizzo, bensì aumentando la forza dei nemici, in modo da demotivare il giocatore ad affrontarne troppi insieme. A braccetto con l'infiltrazione va anche l'intelligenza artificiale, apparentemente molto curata. Un esempio su tutti: colpendo un Wolfen dalla distanza, il nemico si guarderà intorno per poi rimettersi in posizione, ma continuando ad attaccarlo, se Kya non è in vista, il Wolfen finirà per prendersela con il compagno più vicino, pensando che sia stato lui a colpirlo! Ci auguriamo che nel gioco finale l'intelligenza artificiale si offra a molte altre trovate di questo genere.

NON SOLO V-RALLY

Se Kya: Dark Lineage manterrà quanto ha promesso, in futuro Eden Studios non verrà più ricordata solo per essere la creatrice della serie V-Rally. La creatura di Sthepane Baudet sembra interessante per la rara capacità di miscelare sapientemente stili di gioco diversi, senza peccare di macchinosità né sembrare un titolo multievento. Senza contare l'eccezionale impianto grafico, notevolissimo su PlayStation 2, una macchina che sta iniziando a sentire il peso dei suoi anni. Le uniche riserve che ci sentiamo di avanzare riguardano il coinvolgimento di gioco e la varietà degli obiettivi, nonché la vera e propria sceneggiatura. Anche contando su di un solido sistema di gioco e su di un impressionate motore grafico, non è così scontato che Kya: Dark Lineage risulti divertente sulle lunghe distanze. Naturalmente per fugare i nostri pochi dubbi bisogna attendere l'uscita del gioco, prevista per la fine di ottobre, anche se, da quando abbiamo visto finora, le premesse per un successo ci sono tutte!