Genere
Sparatutto
Lingua
Sottotitoli in italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 44,99
Data di uscita
21/11/2008

Left 4 Dead

Left 4 Dead Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Valve Software
Sviluppatore
Turtle Rock Studios
Genere
Sparatutto
PEGI
18+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
21/11/2008
Lingua
Sottotitoli in italiano
Giocatori
8
Prezzo
€ 44,99

Link

Soluzione

di Giuliana Trozzo, pubblicato il

Quattro sopravvissuti contro centinaia di zombie infetti: i numeri non sono certo incoraggianti,ma, come si suol dire, finché c'è vita c'è speranza!

1 • COMPAGNI DI VIAGGIO

KIT DI SOPRAVVIVENZA:

- Kit di Pronto Soccorso
- Antidolorifici
- Bomba Molotov
- Bomba-Tubo
- Bombole di Gas, Taniche di Benzina

ARMI:

- Pistola
- Doppie Pistole
- Uzi
- Fucile a Pompa
- Fucile d’Assalto
- Fucile a Pompa Automatico
- Fucile da Caccia

Left 4 Dead è l’ultima meraviglia partorita da quei genialoidi di Valve. È un gioco totalmente votato al multiplayer (anche se puoi giocarci da solo insieme agli ottimi bot) che, nella modalità cooperativa, ti mette nei panni di uno dei quattro sopravvissuti che devono raggiungere il luogo dove li aspetta un mezzo di trasporto che li porterà in salvo.
Facile, no? Peccato che tra loro e l’obiettivo ci sia un’orda di zombie inferociti che non aspettano altro che banchettare con le loro carni. L4D è frenesia e adrenalina digitale. Prima si spara e poi, se è il caso, si fanno le domande, ma raramente ne avrai il tempo.
Il gioco inoltre è totalmente imprevedibile causa della presenza di un vero e proprio Regista virtuale, che lavora dietro le quinte per sorprendere e sopraffare i giocatori: la posizione di nemici e oggetti cambia a ogni partita, ed è diversa persino quando si ricomincia da un checkpoint dopo essere morti, quindi non saprai mai cosa si cela dietro l’angolo e dovrai sempre improvvisare. Possiamo però dire che aspettarsi il peggio è decisamente l’approccio migliore!
Coerentemente con la struttura appena descritta, Valve ha deciso di non includere una classica modalità Storia, dividendo il gioco in quattro campagne indipendenti, presentate come dei film horror con tanto di locandine e titoli di coda, affrontabili in qualsiasi ordine e disponibili fin da subito.
I quattro Survivor sono Francis, un motociclista tutto muscoli e tatuaggi, Bill, un attempato reduce della guerra del Vietnam, Louis, un impiegato dallo stile impeccabile, e Zoey, una teenager di buona famiglia. Le caratteristiche dei personaggi, come per esempio velocità di movimento o precisione con le armi da fuoco, sono identiche, quindi la scelta dipende più che altro da eventuali preferenze estetiche. Oltre a sparare con l’arma impugnata, puoi utilizzare un attacco fisico con il calcio dell’arma, tirare una BOMBA MOLOTOV o una BOMBA-TUBO e curarti con i KIT DI PRONTO SOCCORSO e gli ANTIDOLORIFICI.
Inoltre puoi aiutare i tuoi compagni a rialzarsi quando sono messi fuori combattimento dai nemici e tirarli su nel caso perdano l’equilibrio e rimangano a penzoloni nel vuoto. Il KIT DI PRONTO SOCCORSO e gli ANTIDOLORIFICI sono l’unico equipaggiamento di cui i Survivor possono disporre a parte le armi. Il primo viene utilizzato su se stessi premendo il tasto sinistro del mouse, mentre con il destro lo si usa sul compagno “preso di mira” . Entrambe le azioni non sono immediate, ma attivano un’animazione di circa cinque secondi in cui il personaggio si fascia e medica. Questa caratteristica richiede un’attenta pianificazione di quando curarsi. Per le situazioni di emergenza è meglio usare gli ANTIDOLORIFICI, che donano istantaneamente un bonus temporaneo di 30 punti di energia vitale, che diminuisce gradualmente fino a tornare al livello pre-cura. Anche in questo caso, le pillole si ingoiano premendo il TASTO SINISTRO DEL MOUSE, mentre con quello destro si danno a un compagno di squadra che potrà utilizzarle quando riterrà più opportuno. È importante essere sempre in buona salute perché un personaggio con un livello di energia giallo fa fatica a camminare, mentre zoppica vistosamente se la sua energia è rossa.
Un personaggio a terra ha 300 punti vita che calano lentamente (o molto in fretta nel caso in cui sia sotto attacco) e morirà se non sarà aiutato a rialzarsi prima che la sua energia arrivi a zero. Fortunatamente potrà tornare sul campo dopo un po’, ma dovrà aspettare che i suoi compagni lo facciano uscire da uno degli stanzini sparsi per la mappa di gioco. Questa situazione presenta un importante dilemma tattico: è meglio aspettare che il “morto” rinasca o è preferibile proseguire e ritrovare il compagno più avanti? Purtroppo non esiste una risposta “esatta” al quesito, dato che il Regista cercherà sempre e comunque di approfittare della situazione. Quindi anche in questo caso, bisogna affidarsi al proprio istinto e alla propria capacità di adattamento per improvvisare.

Gameassistance

Commenti

Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!