Genere
Sparatutto
Lingua
Sottotitoli in italiano
PEGI
18+
Prezzo
€ 64,99
Data di uscita
21/11/2008

Left 4 Dead

Left 4 Dead Vai al forum Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Valve Software
Sviluppatore
Turtle Rock Studios
Genere
Sparatutto
PEGI
18+
Distributore Italiano
Electronic Arts Italia
Data di uscita
21/11/2008
Lingua
Sottotitoli in italiano
Giocatori
8
Prezzo
€ 64,99
Formato Video
HDTV
Formato Audio
Surround 5.1

Hardware

Il gioco supporta i sistemi operativi Windows 2000/XP e Vista e richiede un PC processore Pentium 4 a 3 GHz o Core 2 Duo o Athlon 64 X2, accompagnato da 1 GB di RAM che diventano 2 GB in ambiente Windows Vista, nonché da una scheda grafica con pieno supporto DirectX 9.0, Pixel Shader 2.0 e almeno 256 MB di memoria video dedicata. La configurazione di prova ha visto all'opera una CPU Intel Core 2 Duo E6400 (overclockata a 2,56 GHz), 2 GB di RAM DDR2 PC3200 e una scheda video GeForce 8800 GTS con 640 MB di memoria, oltre a una scheda audio Creative Sound Blaster X-Fi. Le prestazioni sono state molto buone alla risoluzione di 1680x1050, a dettagli massimi, con filtro Anisotropico 16x e AntiAliasing 8x. Pessime, al momento in cui scriviamo, le prestazioni dei server dedicati nelle ore serali, più accettabili nel corso della giornata. La recensione si riferisce alla versione PC, ma il gioco è disponibile anche su console Xbox 360.

Multiplayer

Left 4 Dead offre quattro compagne cooperative per un massimo di quattro giocatori ma è possibile anche giocare completamente da soli e lasciare all'intelligenza artificiale il compito di controllare sia i nemici che i compagni di squadra. È disponibile una modalità Versus in cui giocare alternativamente dalle parte dei sopravvissuti e degli infetti.

Link

Recensione

Non sparate sul regista

Avevo giusto bisogno di un Tank per scaldare l'M16!

di Sebastiano Pupillo, pubblicato il

Qualcuno ha fatto argutamente notare che in Left 4 Dead è possibile incontrare tutti i mostri del gioco già nella prima mappa e che la quantità di armi a disposizione è inferiore alla media dei moderni shooter in prima persona: di fronte a una scelta di questo tipo, compiuta per di più dai veterani e "mitologici" studi Valve Software, l'esperto conoscitore del genere non può non chiedersi dove stia il trucco. In effetti Left 4 Dead non è un gioco facile da valutare secondo i classici parametri del genere, per lo stesso motivo per cui ne fa carta straccia e costringe il giocatore a scriverne di nuovi, valutando a mente fresca e senza pregiudizi quello che è senza dubbio un prodotto innovativo.

sempre in movimento

Il motivo per cui ogni partita a Left 4 Dead è potenzialmente nuova (anche se inizia sempre allo stesso modo) è lo stesso per cui ancora oggi c'è gente che si sfida a Counter-Strike o StarCraft, ovvero ai giochi più longevi nel genere delle discipline cosiddette di "e-sport"; anche la mappa più conosciuta diventa infatti teatro di scelte strategiche sempre nuove, improvvisazioni, colpi di genio e quant'altro. L'idea che ci siamo fatti è che sia stata proprio la scena delle competizioni più spinte ad avere ispirato la "genialata" dello shooter cooperativo con generazione procedurale dei nemici e posizionamento sempre diverso di armi e bonus, ovvero il motore di intelligenza artificiale intorno a cui ruota l'intero progetto Left 4 Dead.
Quando il "regista" vi manda incontro un'orda di zombie dove non l'avevate mai incontrata, quando vi piazza una Witch - il "boss infetto" più pericoloso, che andrebbe sempre evitato - in un punto non aggirabile, quando le molotov non sono più comodamente a portata di mano come nella partita precedente, quando appena morto un Tank arrivano due orde insieme da due lati opposti... insomma, quando siete colti di sorpresa e dovete pensare in fretta a come salvarvi, ecco che la familiarità della mappa diventa un pregio e non un difetto, così come le poche armi tra cui scegliere e le esigue variabili da tenere a mente: orde in avvicinamento, quantità di molotov o pipe bomb rimaste, kit di pronto soccorso, munizioni.

cinema d'altri tempi

Un altro aspetto difficile da apprezzare, nell'immediato delle prime partite, è quello più squisitamente tecnico. Di fronte a quanto fatto vedere da Crysis, giusto per restare in ambito PC, siamo una generazione indietro per tutto ciò che concerne la mole poligonale, per non parlare delle scarse possibilità demolitorie - qualunque muro resterà in piedi anche se bersagliato dai quintali di roccia scagliati dal Tank - e dai soliti fenomeni di compenetrazione poligonale.
È facile, insomma, riconoscere il caro vecchio Source Engine dietro i lustrini delle migliorie apportate da Valve e Turtle Rock, ma non sarebbe onesto bollare il tutto come antiquato se, all'atto pratico, non desse prova di enorme solidità e, soprattutto, grande malleabilità in termini di espressione artistica. Ben consapevoli che "là fuori" c'è di molto meglio in termini tecnologici, il nostro apprezzamento verso la componente estetica di Left 4 Dead è quasi difficile da esprimere a parole, per quanto è alto.
Tra i fattori che aiutano a elevare il risultato ben oltre la somma delle parti annoveriamo il sonoro, puntuale e incisivo sia nelle trame di sottofondo che in tutti gli effetti (grugniti, rumori delle armi, campionamenti vocali), così come alcune delle scelte più azzeccate mai viste in un videogioco in materia di nebbia e posizionamento delle fonti di luce, capaci da sole di ricreare scenari pregni di atmosfera e pulsanti di sensibilità artistica.

Sebastiano Pupillo


Commenti

  1. DevilRyu

     
    #1
    "Vi capiterà di gridare "Boomer!" vedendo un obeso per strada" .. già fatto :(
    ma solo con un amico! :P 
    Comunque, a me non da fastidio, ma magari qualcuno si potrebbe offendere con questa osservazione :E
  2. babalot

     
    #2
    DevilRyu ha scritto:
    "Vi capiterà di gridare "Boomer!" vedendo un obeso per strada" .. già fatto :(
    ma solo con un amico! :P  
    Comunque, a me non da fastidio, ma magari qualcuno si potrebbe offendere con questa osservazione :E
     no, dai, spero di no. io più che altro mi metto nei panni di Gabe Newell... co sto gioco s'è scavato la fossa da solo :D
  3. utente_deiscritto_27962

     
    #3
    Rispondendo al titolo io consiglio a tutti: Prendere.

    Il gioco mi fà morire dal ridere, quando arrivano zombie in quantità sconcertante li vedi saltare come grilli e finire uccisi a mezza altezza con tanto di pose comiche a terra.

    Il gioco è un Delirio... da avere. :DD
  4. Da Hammer

     
    #4
    Sono offeso. Non c'è nemmeno un'immagine con me. :(
  5. babalot

     
    #5
    Hammer ha scritto:
    Sono offeso. Non c'è nemmeno un'immagine con me. :(
    speravo che nella pesca degli screenshot effettuata alle due di notte e con un occhio già chiuso dal sonno ne capitasse casualmente almeno uno :( ci si è messa la sfiga di mezzo.

    beh cmq sappiate che sono la palla al piede ufficiale dei |NERV|, devono ringraziarmi che mo non avrò più il tempo per giocare :D



  6. Meshuggah 81

     
    #6
    anche se è la recensione pc, volevo invitare tutti gli utenti che hanno preso la versione 360 a farsi vivi..perchè di italiani se ne trovano pochissimi..
    il gioco è semplicemente meraviglioso, adrenalinico e fuori di testa.
  7. Da Hammer

     
    #7
    Stanotte ho provato a giocare online con Quedex, ma non c'è stato verso: di hostare non se ne parlava ed era pure impossibile collegarsi ai server dedicati. Alla fine m'è toccato farmi Death Toll da solo (a livello Normal...).
  8. babalot

     
    #8
    Hammer ha scritto:
    Stanotte ho provato a giocare online con Quedex, ma non c'è stato verso: di hostare non se ne parlava ed era pure impossibile collegarsi ai server dedicati. Alla fine m'è toccato farmi Death Toll da solo (a livello Normal...).
    ma siete riusciti a far partire il serverbrowser?
  9. Da Hammer

     
    #9
    babalot ha scritto:
    ma siete riusciti a far partire il serverbrowser?
    Non so come si fa. :*)
  10. babalot

     
    #10
    Hammer ha scritto:
    Non so come si fa. :*)
     nel caso servisse, anche ad altri, scrivo qua:

    andate nelle launch options di steam (tasto destro sul nome del gioco -> properties) e scriveteci

    -console

    lanciate il gioco e vi appare la console all'avvio (forse dovete anche abilitarla nelle opzioni dentro il gioco, cmq lì la trovate facile e basta un clic), nella console scrivete

    openserverbrowser


Continua sul forum (36)►
Commenta

Per scrivere su Videogame.it devi essere registrato!