Genere
Sparatutto
Lingua
Italiano
PEGI
18+
Prezzo
ND
Data di uscita
30/10/2008

Legendary

Legendary Aggiungi alla collezione

Datasheet

Produttore
Gamecock
Sviluppatore
Spark Unlimited
Genere
Sparatutto
PEGI
18+
Distributore Italiano
ATARI Italia
Data di uscita
30/10/2008
Lingua
Italiano
Giocatori
8
Formato Video
HDTV

Hardware

Legendary è in sviluppo negli studios di Spark Unlimited primariamente su Xbox 360. Il gioco è comunque atteso in contemporanea su PC, PlayStation 3 e Xbox 360. La versione PC dovrebbe godere di alcune ottimizzazioni grafiche e supportare le specifiche Games For Windows.

Multiplayer

Sul fronte multiplayer sono previste diverse modalità tra cui Team Deathmatch e Safari, per otto giocatori al massimo. È possibile che sia implementato il gioco online "cross platform", ma il dato va ancora confermato.

Link

Hands On

Un uomo contro il caos

Atari e Spark Unlimited aprono il mitologico Vaso di Pandora...

di Matteo Camisasca, pubblicato il

Lupi mannari, Grifoni, Minotauri, Golem sono solo alcuni esempi della dozzina, almeno, di tipologie di "belve" con cui dovremo confrontarci in Legendary. Ciascuna di esse avrà specificità e modi di combattimento propri, basati sul minimo comun denominatore di due diverse tipologie comportamentali e di intelligenza artificiale "animale", basilarmente quelle che definiscono i lupi mannari e i grifoni.
Dopo una full immersion di National Geographic et similia, innestata in un'attenta documentazione mitologica, gli sviluppatori hanno partorito per esempio dei lupi mannari dotati di un'incredibile agilità e ferocia, capaci di interagire con l'ambiente circostante a tutto tondo, muovendosi ovunque, anche sulle pareti, entrando e uscendo dagli ambienti attraverso ogni apertura disponibile. Ma non basta, l'interazione va oltre poiché i lupi mannari distruggono e devastano quanto capita sotto ai loro artigli, e sono in grado di afferrare macerie per scagliarle verso di noi come arma a distanza. Per i grifoni è stato invece sviluppato un modello di volo realistico (per quanto possa esserlo quello di una creatura fantastica) che permette loro di volteggiare in aria come aquile e scendere in picchiata verso i propri obiettivi, per poi afferrarli e strapparli via dal suolo, in alto, verso morte certa. I grifoni possono comunque camminare e al pari dei lupi mannari hanno la pessima abitudine di infilarsi in ogni pertugio sufficientemente grande per venire a darci la caccia anche se ci nascondiamo all'interno di un edificio. Una parte dell'intelligenza artificiale animale che contraddistingue le creature di Legendary, prevede inoltre un forte senso dell'appetito, una fame primordiale che può persino distrarre le creature dal combattimento in atto, se c'è un'occasione per cibarsi di carne fresca: quando parlavamo dei compagni come “carne da macello” non era dunque un modo di dire e anzi le situazioni in cui vedremo sullo schermo degli esseri umani, squartati e divorati, si sprecheranno, tanto che fin d'ora è certo un bollino "Mature" negli Stati Uniti e un bel PEGI 18+ in Europa. Per quanto siano già di per sé degli avversari letali e di generose dimensioni, lupi mannari e grifoni non sono nulla se rapportati ai Minotauri e Golem che abbiamo visto in azione: i primi sono dei veri e propri "carri armati", delle creature da sfondamento, capaci di devastare largamente l'ambiente circostante anche grazie alla mazza a forma di croce celtica che brandiscono. I secondi, derivanti dalla mitologia ebraica, sono materia inanimata che prende vita nella forma di un gigante: nella re-interpretazione di Legendary, il Golem con cui avremo a che fare fin dalle prime fasi di gioco per le strade New York, è un gigante fatto di rottami d'auto e altri detriti, un bestione che abbattere non sarà certamente un affare di poco conto.

PRIME IMPRESSIONI GIOCATE

Alla presentazione è seguita una breve prova "hands on" che ci ha dato modo di vedere alcuni ambienti, dalle strade di una cittadina, a un sotterrano invaso dall'acqua, per giungere infine in una sorta di complesso monastico diroccato dove abbiamo avuto il primo incontro con un Minotauro.